Facebook si dà alla musica per sfidare Spotify e YouTube

Il social network sta reclutando persone esperte nel settore per trattare con etichette musicali e mettere a punto le migliori licenze

Facebook sta sempre più puntando sulla musica per sfidare Spotify e YouTube. Il più grande social network al mondo è alla ricerca di tre top executive esperti del settore musicale per lavorare al suo quartier generale americano.

Come si vede dal suo sito, il gruppo con sede a Menlo Park (California) sta cercando un "Label Music Business Development Lead", un "International Music Publishing Business Development Lead" e un "North America Music Publishing Business Development Lead". La prima figura professionale si occuperà della "strategia e dei negoziati con le etichette musicali" al fine di mettere a punto la migliore "struttura di licenze". La seconda farà la stessa cosa ma con editori musicali a livello internazionale e la terza con focus in Nord America. I candidati devono avere un'esperienza di almeno otto anni nel comparto.

Se tutto ciò si aggiunge la ricerca, terminata a metà mese, di un esperto legale delle licenze musicali, diventa chiaro come il gruppo guidato da Mark Zuckerberg abbia grandi aspirazioni musicali. D'altra parte lo scorso anno ha strappato a YouTube (controllata di Google, a sua volta parte della capogruppo Alphabet) Tamara Hrivnak, a capo dello sviluppo del business e delle partnership musicali. All'epoca la manager aveva commentato la sua assunzione dicendo che "Facebook non è altro che [uno strumento per] rendere il mondo più aperto e connesso; la musica piò giocare un ruolo importante e sono entusiasta di unirmi a questo sforzo".

Nel novembre 2016 Zuckerberg aveva iniziato la conference call a commento dei conti del terzo trimestre fiscale spiegando il lavoro in corso in Facebook per "mettere i video al primo posto" perché entro cinque anni secondo lui i video avranno la meglio su immagini e testo nelle condivisioni sui social.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

Gli Usa ammorbidiscono i toni su Rusal, tonfo dell'alluminio

Slitta di quasi 5 mesi la scadenza entro cui le aziende, anche europee, devono tagliare i ponti con il colosso russo sanzionato. Nel frattempo Washington studia se rimuovere le sanzioni, ma Deripaska deve cederne il controllo

Gli Stati Uniti hanno parzialmente accontentato gli alleati europei facendo slittare di quasi cinque mesi al prossimo 23 ottobre la scadenza entro la quale gli investitori devono tagliare i ponti con il russo United Company RUSAL, il secondo produttore al mondo di alluminio.

Furgone sulla folla a Toronto, 10 morti. Per ora nessun legame con il terrorismo

Lo ha confermato la polizia. Arrestato il sospetto: un 25enne senza precedenti. Sembra abbia agito "intenzionalmente"
AP

Con ogni probabilità si è trattato di un atto volontario in cui sono state uccise 10 persone e ne sono rimaste ferite 15. Un uomo alla guida di un furgone bianco preso a noleggio ha investito diverse persone, entrando in due aree pedonali di Toronto in Canada. I testimoni oculari sostengono che l'uomo abbia cercato di colpire i pedoni uno a uno, mentre secondo le prime ricostruzioni l'autore viaggiava a 50 chilometri orari ed ha percorso quasi due chilometri.

Trump minaccia l'Iran, Macron cerca un compromesso sull'accordo nucleare

Il presidente Usa: nessuna concessione alla Corea del Nord. Il leader francese "fiducioso" sui dazi. Il ministro iraniano degli Esteri Zarif: "C'è un deficit di dialogo"
AP

Il rendimento del T-Bond a 10 anni tocca il 3%

E' la prima volta dal gennaio 2014. Azionario nervoso. Focus su vertice Trump-Macron
iStock

Alphabet: cambiamenti contabili spingono gli utili, salgono le spese

Google spende di più per attrarre traffico sui suoi siti. Data center, cavi sottomarini e l'acquisizione del Chelsea market a NYC costano. Rassicurazioni in vista di nuove regole Ue più stringenti

Sì di Manchin, Pompeo verso la conferma a segretario di Stato

Per ora, l'attuale capo della Cia ha il voto di due democratici in Senato: probabilmente è sufficiente per ottenere l'incarico
Ap

Usa "impazienti" di lavorare con il nuovo governo italiano

Il nostro è un Paese "libero" e capace di scegliere autonomamente la sua strada futura