Facebook verso servizio di notizie a pagamento?

Potrebbe arrivare entro la fine dell'anno e prevedere un paywall che blocca Instant article dopo certo numero di articoli letti. I ricavi potrebbero andare tutti ai produttori di contenuti

Facebook potrebbe a breve lanciare un servizio di notizie a pagamento per i suoi utenti. Si tratterebbe di un importante cambiamento all'interno delle politiche del colosso della Silicon Valley, che finora ha fornito agli iscritti milioni di informazioni, spesso di ottima qualità, in altri casi aiutando la diffusione di fake news.

Lo scrive il Wall Street Journal che cita fonti vicine all'azienda californiana. Facebook infatti starebbe creando una funzione che permette agli utenti di abbonarsi a quotidiani e magazine direttamente dall'app del gruppo. Questa possibilità - a lungo chiesta dai media - dovrebbe arrivare entro la fine del 2017.

Tuttavia ci sono ancora diversi dettagli poco chiari, anche se pare che questa funzione sarà disponibile solo per storie pubblicate direttamente su Facebook attraverso Instant Articles.

Allo stesso tempo Facebook sta discutendo con gli editori in che modo gestire la nuova funzione: con molta probabilità gli utenti avranno un numero gratuito di articoli superato il quale sarà necessario fare un abbonamento.

Un altro aspetto che le due parti stanno discutendo in che modo dividere i ricavi: secondo alcune fonti del Wall Street Journal, Facebook potrebbe dare ai quotidiani tutte le entrate e tenere per sé solo le informazioni sui pagamenti.

La nuova funzione sarebbe una buona notizia per i gruppi media, che cos" tornerebbero a avere introiti dal social network.

Questo in un momento di crisi dell'editoria, causato anche dal fatto che Facebook e gli altri colossi della Silicon Valley (Google in prima fila) si siano mangiati quasi tutti gli ingressi pubblicitari dei giornali. Secondo eMarketer, solo Google e Facebook intercetteranno il 60% dei ricavi pubblicitari nel 2017.

Per questo motivo i quotidiani non fanno più grande affidamento sulla pubblicità, ma puntano soprattutto agli abbonamenti. Ma il cambiamento non sarà solo positivo per colossi come il New York Times e il Wall Street Journal, ma anche per i quotidiani locali, che potrebbero vedere arrivare nuove forme di pagamento.

C'è da dire che già nel 2015, quando venne lanciato Instant Articles, molti dei quotidiani americani chiesero al gruppo di introdurre anche un sistema di abbonamenti. L'idea venne bocciata perché Facebook non voleva introdurre barriere tra i suoi utenti e i contenuti.

Facebook
Altri Servizi

Wall Street cerca la via dei rialzi in avvio di settimana

Riflettori puntati su alcuni dati macro e notizie aziendali.
AP

La Corte suprema aiuta Trump: parte del muslim ban torna in vigore

I cittadini dei 6 stati presi di mira dal presidente potranno entrare in Usa solo se hanno familiari o un lavoro. Per tutti gli altri stop ai visti per 90 giorni. Il programma dei rifugiati, invece, resta sospeso per 120 giorni. La decisione in autunno
AP

La Corte suprema ha ripristinato una parte dell'ordine esecutivo di Donald Trump che era stato fermato da due diversi tribunali d'Appello. I cittadini dei sei stati indicati nel 'muslim ban' voluto dal presidente Usa (Iran, Somalia, Sudan, Yemen, Siria e Libia) potranno entrare in Usa solo se hanno collegamenti o relazioni negli Stati Uniti (parenti, lavoro). In tutti gli altri casi, coloro che fanno richiesta per un visto e non hanno un familiare o un'impresa in Usa potrebbero vedersi negare la richiesta stessa. Questo fino al prossimo autunno, quando i nove giudici del massimo organo giudiziario americano valuteranno se l'ordine esecutivo datato sei marzo 2017 è incostituzionale.

Stephen Colbert annuncia dalla Russia: "Mi candido per Usa 2020"

Ospite di Evening Urgant, un late show russo, il presentatore e comico americano ha colto tutti di sorpresa con l’inaspettata dichiarazione

Sono passati poco più di sette mesi dalle elezioni che hanno consegnato a Donald Trump la presidenza degli Stati Uniti e c’è già chi sta pensando alla corsa alla Casa Bianca del 2020. Non stiamo parlando di Hillary Clinton o di qualche noto politico americano bensì di Stephen Colbert, comico e presentatore del Late Show, il famoso programma in onda in seconda serata su Cbs.

Pressing su Trump perché cambi politica sull'Iran

Alcuni funzionari dell’amministrazione americana si sono detti pronti a rovesciare il regime di Teheran e spingono sul presidente affinché cambi policy

La Casa Bianca sta lavorando alla consueta revisione delle sue policy, soprattutto rispetto alla politica estera. Si tratta di un momento di confronto all'interno dell'amministrazione Trump dove c'è chi spinge per dei forti cambiamenti. Stando a quanto riporta Politico, che cita fonti vicini alla vicenda, alcuni funzionari del governo nonché alcuni tra i più stretti consiglieri e alleati di Donald Trump stanno facendo pressioni sul presidente affinché Washington compia passi concreti per rovesciare il regime di Teheran.

Trump accusa Obama: "Sapeva della Russia e non ha fatto nulla"

Il presidente americano risponde all’articolo del Washington Post. Nel frattempo un ex ufficiale dell’amministrazione Obama paragona il Russiagate al 9/11
AP

"Ho appena sentito per la prima volta che Obama sapeva della Russia molto prima delle elezioni e non ha fatto nulla". Ha risposto così il presidente americano Donald Trump alle recenti rivelazioni del Washington Post, secondo cui la Cia già ad agosto aveva informazioni dirette su come Vladimir Putin avesse dato l'ordine agli hacker di danneggiare Hillary Clinton e quindi favorire Trump.

New York si tinge di rosé, grazie ai vini della Puglia

Road show Usa dell'Associazione Puglia in Rosé, per promuovere la Regione e il Made in Italy

I vini rosati della Puglia si fanno conoscere a New York grazie agli sforzi dell'Associazione Puglia in Rosé, realtà dedicata a questa tipologia di vini.

Trump contro Mueller e Comey: la loro amicizia "irritante". Sull'indagine: "Tutto ridicolo"

Il presidente ipotizza che Mueller debba lasciare le indagini. Poi è ironico su Pelosi: "Spero resti, vinciamo sempre contro di lei"
AP

L'amicizia tra l'ex direttore dell'Fbi, James Comey, e il procuratore speciale Robert Mueller, che sta indagando sul cosiddetto Russiagate, "è irritante". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, intervistato da "Fox and Friends". Mueller, a sua volta ex direttore dell'Fbi, è stato nominato per indagare sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sui presunti legami tra lo staff di Trump e il Cremlino, su cui stava indagando Comey, licenziato da Trump. Alla domanda se Mueller debba lasciare l'incarico per la sua amicizia con Comey, che ha accusato il presidente di aver diffamato lui e l'Fbi, Trump ha risposto: "Dovremo vedere" se sia il caso.

Google verso maxi multa da un miliardo di euro da Commissione Ue

Per possibili violazioni sulle pratiche commerciali. La sanzione potrebbe essere annunciata a breve, forse già il 28 giugno

Maxi multa in vista per Google per possibili violazioni sulle pratiche commerciali. Secondo indiscrezioni riportate dal Wall Street Journal e dal Financial Times, la Commissione europea potrebbe infliggere al colosso di Mountain View una multa per circa un miliardo di euro.

Amministrazione Trump, si è sposato il segretario del tesoro Steven Mnuchin

La cerimonia è stata officiata dal vice presidente degli Stati Uniti, Mike Pence

Il segretario del tesoro americano, il 54enne Steven Mnuchin, e la 36enne attrice scozzese, Louise Linton, si sono sposati sabato sera a Washington, all’Andrew W. Mellon Auditorium, davanti a 300 ospiti tra cui il presidente americano Donald Trump accompagnato da sua moglie Melania. Ad officiare la cerimonia è stato il vice presidente Mike Pence.

John "Sonny" Franzese, il boss italoamericano esce di prigione a 100 anni

È stato rilasciato venerdì dal Federal Medical Center del Massachusetts

John Sonny Franzese, sicario della famiglia Colombo nonché uno dei più feroci boss mafiosi della storia americana, è stato rilasciato venerd" sera dal Federal Medical Center del Massachusetts all’età di 100 anni. Un record negli Stati Uniti che rendono la storia di Sonny Franzese ancor più unica di quanto già fosse.