Facebook verso servizio di notizie a pagamento?

Potrebbe arrivare entro la fine dell'anno e prevedere un paywall che blocca Instant article dopo certo numero di articoli letti. I ricavi potrebbero andare tutti ai produttori di contenuti

Facebook potrebbe a breve lanciare un servizio di notizie a pagamento per i suoi utenti. Si tratterebbe di un importante cambiamento all'interno delle politiche del colosso della Silicon Valley, che finora ha fornito agli iscritti milioni di informazioni, spesso di ottima qualità, in altri casi aiutando la diffusione di fake news.

Lo scrive il Wall Street Journal che cita fonti vicine all'azienda californiana. Facebook infatti starebbe creando una funzione che permette agli utenti di abbonarsi a quotidiani e magazine direttamente dall'app del gruppo. Questa possibilità - a lungo chiesta dai media - dovrebbe arrivare entro la fine del 2017.

Tuttavia ci sono ancora diversi dettagli poco chiari, anche se pare che questa funzione sarà disponibile solo per storie pubblicate direttamente su Facebook attraverso Instant Articles.

Allo stesso tempo Facebook sta discutendo con gli editori in che modo gestire la nuova funzione: con molta probabilità gli utenti avranno un numero gratuito di articoli superato il quale sarà necessario fare un abbonamento.

Un altro aspetto che le due parti stanno discutendo in che modo dividere i ricavi: secondo alcune fonti del Wall Street Journal, Facebook potrebbe dare ai quotidiani tutte le entrate e tenere per sé solo le informazioni sui pagamenti.

La nuova funzione sarebbe una buona notizia per i gruppi media, che cos" tornerebbero a avere introiti dal social network.

Questo in un momento di crisi dell'editoria, causato anche dal fatto che Facebook e gli altri colossi della Silicon Valley (Google in prima fila) si siano mangiati quasi tutti gli ingressi pubblicitari dei giornali. Secondo eMarketer, solo Google e Facebook intercetteranno il 60% dei ricavi pubblicitari nel 2017.

Per questo motivo i quotidiani non fanno più grande affidamento sulla pubblicità, ma puntano soprattutto agli abbonamenti. Ma il cambiamento non sarà solo positivo per colossi come il New York Times e il Wall Street Journal, ma anche per i quotidiani locali, che potrebbero vedere arrivare nuove forme di pagamento.

C'è da dire che già nel 2015, quando venne lanciato Instant Articles, molti dei quotidiani americani chiesero al gruppo di introdurre anche un sistema di abbonamenti. L'idea venne bocciata perché Facebook non voleva introdurre barriere tra i suoi utenti e i contenuti.

Facebook
Altri Servizi

Wall Street ignora le tensioni Usa-Nord Corea

L'indice dei prezzi al consumo ha deluso. Scetticismo sulla volontà della Fed di alzare i tassi
AP

Minniti a Politico: la "visione" d'Italia sulla Libia ha funzionato. Bruxelles paghi

Il ministro italiano dell'Interno avanza tre richieste alla Ue. Perché ora la guardia costiera libica salva più vite dell'intero apparato internazionale
Ministero dell'Interno

La "visione" dell'Italia, secondo cui bisognava investire sulla Libia per fermare il flusso di migranti disposti ad attraversare il Mediterraneo, ha dimostrato di funzionare. Ne è convinto Marco Minniti, ministro degli Interni forte di dati secondo cui nei primi 10 giorni di agosto il numero di migranti che ha attraversato il mare per raggiungere le coste italiane (in larga maggioranza dalla Libia) è sceso del 76% rispetto allo stesso periodo del 2016; ciò si traduce in 1.572 persone sbarcate contro le 6.554 dell'anno scorso.

Chelsea Manning su Vogue in costume da bagno

L'ex analista diventata talpa fotografata da Annie Leibovitz nella leggendaria September Issue della rivista di moda
Vogue

Chelsea Manning, l'ex analista dell'esercito americano diventato talpa, sarà nel numero più prestigioso di Vogue America: la leggendaria "September Issue", l'edizione più attesa della rivista (tanto che il documentario su Anna Wintour, la sua celeberrima direttrice - a cui è ispirato il personaggio di Meryl Streep ne "Il Diavolo veste Prada" - si intitola proprio così: "The September Issue").

Trump alla Corea del Nord: le "soluzioni militari" sono pronte

Continuano le minacce del presidente Usa. La Cina intanto mette in guardia Pyongyang: se agisce contro gli Usa, si ritroverà da sola. Anche Washington avvertita: no a cambio di regime. Avanti con esercitazione Usa-Seul

Donald Trump non abbassa il tiro contro la Corea del Nord e, anzi, rinnova la determinazione degli Stati Uniti ad agire se Kim Jong Un si comporterà in modo sconsiderato. "Le soluzioni militari sono ora pienamente allestite, caricate e pronte a colpire, nel caso in cui la Corea del Nord dovesse agire in modo dissennato. Speriamo che Kim Jong Un troverà un'altra strada".

Harvard: ingegneria genetica fa un passo verso i trapianti maiale-uomo

Un gruppo di ricerca dell'università americana riesce in un'impresa che veniva tentata dal 1990

Harvard ha compiuto un'impresa che potrebbe aprire la strada dei trapianti tra animali ed esseri umani. Grazie alla tecnologia Crispr, il sistema di ingegneria genetica che consente di modificare il genoma di un qualsiasi essere vivente, i ricercatori della prestigiosa università americana hanno creato dei maialini (clonati) privi di quei virus porcini che potrebbero infettare gli umani.

I cinque monumenti nazionali che Trump potrebbe cancellare

Il 24 agosto dovrebbe arrivare la decisione del segretario dell'Interno. Poi il presidente potrebbe decidere di eliminarli in parte o completamente. Sarebbe una vittoria per l'industria del petrolio e del carbone

Come Trump, il Pentagono minaccia la Corea del Nord. Tillerson tranquillizza

Il generale Mattis promette la fine del regime se agirà. Il segretario americano di Stato esclude una "minaccia imminente" per l'isola di Guam, un territorio Usa nel Pacifico, e un'opzione militare. Conta su "influenza" Russia e Cina.
Jim Mattis, capo del Pentagono U.S. Department of Defense /Amber I. Smith

Mentre il presidente Donald Trump si vanta di un arsenale nucleare "mai così potente" e il segretario di Stato Rex Tillerson tranquillizza dicendo di "dormire tranquilli", nel duello verbale sull'asse Usa-Corea del Nord si è inserito anche il segretario alla Difesa. Con la Cina che ha chiesto uno stop alle provocazioni.

Wall Street archivia la peggiore seduta da maggio

Pesano le tensioni tra Usa e Corea del Nord con Trump che torna a usare parole dure contro Kim
Shutterstock

La Compilation: il biglietto da visita per l'azienda che investe in Usa

E' fondamentale per presentarsi agli interlocutori (istituzionali e non) che compongono lo scenario del mercato americano
AP

Come abbiamo visto nei precedenti articoli, è consigliabile che un’impresa straniera interessata a investire negli Usa abbia non solo un quadro generale del mercato americano ma anche un’adeguata conoscenza di quei criteri operativi che, in inglese, vengono denominati best practices.

Trump: nostro arsenale nucleare mia così potente, speriamo di non doverlo usare

Il presidente Usa risponde all'ultima minaccia giunta dalla Corea del Nord. Tillerson difende linguaggio del leader Usa: Kim non comprende quello diplomatico. Guam pronta a difendersi: un attacco contro di noi è un'attacco all'America
Ap

Donald Trump continua ad alimentare la tensione con il regime norcoreano di Kim Jong-un. Con le parole. In un tweet, il presidente Usa ha scritto: "Il mio primo ordine da presidente è stato rinnovare e modernizzare il nostro arsenale nucleare. Ora è più forte e più potente come non mai". Trump ha poi aggiunto: "Speriamo di non doverlo mai utilizzare ma non ci sarà mai un momento in cui noi non saremo la nazione più potente al mondo!".