Facebook vieta l'uso dei dati degli utenti per la sorveglianza

Il social network vuole contrastare le società terze che vendono i dati, usati anche dalla polizia per seguire gli spostamenti di manifestanti e attivisti. Facebook non ha però definito i confini della sorveglianza

Facebook decide di contrastare l'utilizzo dei dati dei suoi utenti da parte della polizia. Il social network ha approvato un aggiornamento alla sua politica sui dati in cui vieta esplicitamente che le informazioni pubblicate dagli utenti d'ora in poi possano servire "per lo sviluppo di strumenti di sorveglianza". Il riferimento è ai servizi offerti da società terze che sfruttano sistemi per il monitoraggio di trend ed eventi di massa grazie all'analisi delle attività sui social netowork. Simili strumenti, secondo quanto denunciato ad ottobre dall'American Civil Liberties Union (Aclu), sono stati utilizzati più volte dalle autorità per il controllo di movimenti di protesta e attivisti politici. In particolare, secondo l'organizzazione non governativa che si batte per la difesa dei diritti civili negli Stati Uniti, la startup Geofeedia avrebbe preso traccia delle attività su Facebook, Instagram e Twitter dei manifestanti che hanno preso parte ad almeno due proteste sorte dopo casi di violenza della polizia americana contro uomini di colore: a Baltimora nel 2015, dopo la morte di Freddie Gray, e a Ferguson (Missouri) nel 2014, dopo l'uccisione a colpi di pistola del diciottenne di Michael Brown da parte di un agente.

Le analisi dei dati pubblicati dagli utenti dei social network sono utilizzate ad esempio anche nel campo del marketing, per monitorare le discussioni su determinati prodotti, o in casi di eventi disastrosi e calamità naturali, per avere un quadro più chiaro degli eventi in tempo reale. Dopo le polemiche seguite alle denunce di Aclu, Facebook ha annunciato il 13 marzo di aver estromesso Geofeedia dall'accesso ai dati contenuti nella sua piattaforma, assieme ad altre società che offrono servizi simili alle forze dell'ordine. Al momento però non è chiaro chi può invece continuare a utilizzare le informazioni che gli utenti decidono di rendere pubbliche sui loro account (amicizie, posizione geografica, data di nascita, fotografie, tendenze politiche e religiose, likes, ecc.).

Secondo il Brennan Center for Justice, negli ultimi anni le forze di polizia negli Stati Uniti hanno destinato circa 5 milioni di dollari al monitoraggio dei social network. Un dato che mostra quanto sia relativamente economico utilizzare simili tecniche per controllare le attività di un gran numero di persone. In passato Facebook è stato oggetto di numerose polemiche per il potere che il social network può ottenere dalla detenzione di una quantità straordinaria di informazioni sensibili, e per le relative politiche sulla privacy, non sempre considerate soddisfacenti. La decisione presa da Facebook contro l'utilizzo dei suoi dati da parte delle società di analisi terze non può impedire alle autorità di accedere alla sua piattaforma. Il monitoraggio, è stato specificato, verrà comunque garantito in caso di disastri ed emeregenze nazionali. Anche se al momento non è chiaro secondo quali criteri potrà essere ammesso e in quali casi invece verrà considerato come "sorveglianza" di tipo politico. Il social network di Mark Zuckerberg garantisce che coopererà caso per caso con le autorità impegnate in indagini criminali. E si è impegnato a sottoporre a controllo eventuali violazioni della nuova politica da parte degli sviluppatori, che dovranno dichiarare il tipo di utilizzo che intendono fare dei dati a cui chiedono di accedere.

Aclu e altre due organizzazioni come Color of Change e Center for Media Justice hanno definito in una nota la decisione presa dal social network come "un primo passo". "Ora ci aspettiamo che le società impegnate in questo tipo di servizi interrompano ogni tipo di sorveglianza e che si assicurino che nessuno utilizzi i dati condivisi sui social network per prendere di mira le persone di colore e gli attivisti", ha dichiarato Nicole Ozer della Aclu California. L'annuncio della nuova politica sui dati rappresenta una prova di forza da parte di Facebook nei confronti delle autorità e arriva in un momento in cui si rincorrono le voci sulle intenzioni di Zuckerberg di dedicarsi più approfonditamente ad attività di natura politica. E' stato lo stesso fondatore di Facebook ad affermare recentemente che per il suo social network è arrivato il momento di passare dall'obiettivo di "connettere il mondo" a quello di creare una nuova "infrastruttura sociale".

Altri Servizi

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Mentre in Senato stanno fallendo tutti i tentativi di arrivare a un accordo che tuteli i Dreamers, gli immigrati senza documenti arrivati da bambini e protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Donald Trump, i federali portano avanti le loro operazioni contro l'immigrazione irregolare in California, dove è ormai evidente lo scontro tra Washington e le autorità locali.

Strage in Florida, Trump attacca l'Fbi su Twitter

Il presidente americano accusa il Bureau investigativo: "Troppo tempo perso a dimostrare la collusione russa con la campagna Trump". Poi risponde anche al generale McMaster

Il presidente americano Donald Trump ha attaccato l’Fbi definendo "molto triste" il fatto che abbia ignorato gli avvertimenti che avrebbero poi portato alla strage di studenti nel liceo della Florida, dove hanno perso la vita 17 persone. Il tycoon ha usato, come è ormai prassi, il suo account Twitter per scagliarsi contro il bureau investigativo: "Sta trascorrendo troppo tempo nel tentativo di dimostrare la collusione russa con la campagna di Trump. Non c'è nessuna collusione. Ricominci daccapo e ci renda tutti orgogliosi".

Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

La costruzione di nuove case negli Stati Uniti procede a spron battuto, ma in questa crescita - secondo alcuni esperti del settore immobiliare sentiti da Cnbc - ci sono criticità che prima o poi porteranno a una "profonda crisi". Il problema principale è che si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili, tendenzialmente i più richiesti.

Immigrati, Trump minaccia il veto su un eventuale accordo in Congresso

Lo riporta Axios; il difficile dibattito aperto in Senato. Il presidente non indietreggia dal suo piano con quattro 'pilastri'

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, "metterà il veto su qualsiasi proposta di legge che non presenti le sue sensate riforme sull'immigrazione". Lo ha reso noto un funzionario dell'amministrazione statunitense, parlando con il sito Axios.

SpaceX rimanda il lancio di Falcon9

Partirà mercoledì dalla base di Vanderberg e darà il via all'esperimento con cui Musk spera di portare la connessione a banda larga in tutto il mondo
AP

SpaceX ha deciso di rimandare il lancio del suo prossimo razzo Falcon 9, inizialmente previsto per oggi, a mercoledì 21 febbraio così da consentire un ultimo controllo del nuovo cono del muso del razzo.

Gli studenti americani scendono in piazza contro le armi

La strage nel liceo di Parkland in Florida ha rimesso al centro del dibattito la legge sulle armi

Gli studenti americani stanno pianificando nuovi scioperi e nuove proteste all’indomani della strage alla Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland, in Florida, in cui hanno perso la vita 17 persone. A riportarlo sono diversi media americani che sottolineano come l’eccidio compiuto da Nikolas Cruz ha portato nuovamente al centro del dibattito la legge sul controllo delle armi.

Accordo nucleare con l'Iran, Trump di nuovo contro Obama

Il presidente americano accusa ancora il suo predecessore via Twitter e ritorna a parlare del Russiagate
AP

Nuovo weekend di cinguettii al vetriolo da parte del presidente americano Donald Trump. Dopo aver attaccato l’Fbi per la strage in Florida e aver corretto il generale McMaster, reo di non essersi espresso bene sul Russiagate il sabato sera, il tycoon ha deciso di tornare a puntare il dito contro l’accordo sul nucleare iraniano firmato da Barack Obama prima e di parlare ancora dell[interferenza russa nelle elezioni americane poi.

La Cina minaccia ritorsioni se gli Usa imporranno dazi sui metalli

Pechino dichiara che proteggerà i propri interessi se l’amministrazione Trump metterà sanzioni commerciali

McMaster contro Iran, Siria e Russia alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco

Il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense chiede di "agire contro Teheran". Assad "usa ancora armi chimiche" contro la popolazione, mentre le prove sulle interferenze di Mosca nelle elezioni presidenziali sono "incontrovertibili"
Ap

Google non ha violato le leggi sul lavoro licenziando l'ingegnere sessista

Il National Labor Relations Board ha dato torto a James Damore, che ora punta tutto su una class action contro il colosso tech: "Discrimina gli uomini bianchi e conservatori come me"
iStock