Facebook vive la seduta peggiore di sempre a Wall Street, dubbi su crescita

Crollo del 20% all'indomani di conti deludenti. Le guidance preoccupano. Pioggia di bocciature degli analisti ma non manca chi è contrarian

Quella odierna è stata una seduta da dimenticare per Facebook, che solo ieri aveva archiviato una giornata record a Wall Street. Oggi la seduta è stata la peggiore di sempre. Mai, da quando il gruppo si è quotato il 18 maggio del 2012, il suo titolo ha subito un calo del 19%. Dopo meno di un'ora di contrattazioni, il social network aveva già mandato in fumo oltre 100 miliardi di dollari di capitalizzazione, scesa a fine giornata a 510,2 miliardi. Anche in questo caso, mai era successa una cosa simile in un solo giorno in tutta la storia dell'azionario Usa.

A provocare il sell-off è stato un mix di fattori che ha spinto molti analisti a bocciare il titolo del gruppo di Menlo Park (California): ricavi trimestrali in rialzo annuo del 42% ma sotto le stime (era dalprimo trimestre del 2015 che sul fronte del fatturato l'azienda non deludeva); utenti attivi quotidianamente cresciuti su base trimestrale al passo più lento di sempre; previsioni per una decelerazione dell'aumento dei ricavi per il resto dell'esercizio, colpa anche degli ingenti investimenti in sicurezza (resi urgenti dallo scandalo Cambridge Analytica e dalle nuove norme Ue volte a tutelare la privacy).

A contribuire alla debacle borsistica di Facebook sono, oltre ai conti, una serie di bocciature. Credit Suisse ha tagliato a 225 da 265 dollari il suo obiettivo di prezzo, lasciando però a "outperform" la raccomandazione. Gli esperti di Nomura hanno portato a 183 da 228 dollari il target price con rating "neutrale". Anche Ubs ha ridotto il livello a cui si aspetta che il titolo arrivi, a 180 da 212 dollari, con rating tagliato a "neutrale". Morgan Stanley prevede che Facebook valga 185 dollari, non più 215, ma resta convinto che il titolo vada sovrappesato in portafoglio. Gli analisti di Raymond James ha tagliato a "outperform" da "comprare con convizione" la loro raccomandazione citando le stime sui margini di profitto viste dall'azienda intorno al 30% contro il 45% atteso dall'analista nel 2018. Ad essere contrarian è Wedbush, secondo cui il sell-off è "eccessivo e ingiustificato". E' vero che le guidance del 2018 fornite dal gruppo sono inaspettatamente pessimiste, ha spiegato, ma Facebook si rimetterà sulla giusta carreggiata entro la fine del 2019 tanto che gli utili e ricavi sono visti crescere per molti anni.

Resta da vedere se nel frattempo non emergeranno nuovi scandali e polemiche che spingeranno il Ceo e fondatore Mark Zuckerberg a fare un ennesimo mea culpa. La credibilità del gruppo è in gioco.

Altri Servizi

Fca: richiama in Usa quasi 900mila vetture, non rispettano standard su emissioni

Epa soddisfatta dell'azione volontaria del gruppo. La mossa segue test condotti dall'azienda e dall'Agenzia per la protezione ambientale. Fca: veicoli sicuri, nessuna multa
FCA

Fiat Chrysler Automobiles ha deciso di richiamare quasi 900mila vetture negli Stati Uniti, per l'esattezza 862.520. La mossa segue test sulle emissioni condotti dall'Agenzia per la protezione ambientale americana (l'Epa) e dall'azienda stessa come richiesto dalla legge. A dare l'annuncio è stata l'Epa, che "dà il benvenuto all'azione di Fiat Chrysler di richiamare volontariemente i suoi veicoli che non rispettano gli standard sulle emissioni Usa".

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

La senatrice Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la propria candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi del prossimo anno, con un video intitolato "Il coraggioso vince", che parte da un verso dell'inno nazionale (Di' dunque, sventola ancora la nostra bandiera adorna di stelle sulla terra dei liberi e la patria dei coraggiosi?) per affermare che il coraggio degli americani può aiutare il Paese a raggiungere risultati come il sistema sanitario universale, il congedo parentale per tutti e una nuova riforma per l'ambiente. "Abbiamo bisogno di un leader che faccia delle scelte notevoli e coraggiose. Qualcuno che non sia spaventato dal progresso. Ecco perché mi candido alla presidenza".

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street, speranze su accordo Usa-Cina

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori di marzo
AP

Trump propone budget da 4.700 mld di dollari, Congresso pronto a bocciarlo

Chiede 8,6 miliardi aggiuntivi per il muro. A ottobre rischio shutdown

Il presidente americano, Donald Trump, ha presentato una proposta di budget per l'anno fiscale 2020 che vale 4.700 miliardi di dollari ma che rischia già in partenza di creare tensioni al Congresso, che deve approvare la manovra (la prima, firmata Trump, con una Camera controllata dall'opposizione democratica).

Boeing: "piena fiducia" nel 737 Max ma vari Paesi ne impediscono l'uso

Regno Unito, Francia e Germania tra le nazioni che puntano su sicurezza. Romney primo senatore Gop a chiedere lo stop all'uso del jet. L'aviazione civile Usa dalla parte del gruppo. Passeggeri preoccupati. Trump: aerei troppo complessi.

Messo sotto pressione dalle autorità dell'aviazione civile nel mondo, Boeing ha diffuso un comunicato difendendo la sicurezza dei suoi jet 737 Max, nei quali ha "piena fiducia".

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap

Il presidente della Federcalcio statunitense, Carlos Cordeiro, ha manifestato la propria sorpresa, e quella dell'organizzazione che presiede, nel prendere atto della causa intentata dalle calciatrici della nazionale per discriminazione di genere. Cordeiro ha detto che non aveva mai sentito lamentele sull'accordo collettivo contrattato e firmato tra le due parti due anni fa.

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Parte lunedì il road show di Lyft per la sua Ipo, durante la quale cercherà di raccogliere fino a due miliardi di dollari, per arrivare a una valutazione di oltre 20 miliardi di dollari. Lyft dovrà cercare di convincere gli investitori a preferire la sua Ipo a quella di Uber, che dovrebbe lanciarla il prossimo mese.