Facebook vuole circondare l'Africa con un cavo sottomarino

Wsj: il progetto si chiama Simba e aiuterebbe il gruppo a rafforzarsi nel mercato crescente del continente
Facebook

Facebook vuole circondare l'Africa. Con un cavo sottomarino. Per abbassare i costi legati alla banda, ossia alla quantità di dati che viene trasferita attraverso una connessione in un determinato periodo. E per migliorare le condizioni di una sua espansione nel mercato africano. E' il Wall Street Journal a scriverlo, secondo cui il progetto in tre fasi si chiama Simba, il nome del protagonista del cartone "Il re leone".

Un portavoce di Facebook, Travis Reeed, si è limitato a dire al quotidiano che l'azienda "guarda a tutto il mondo quando si tratta di valutare la rotta di cavi sottomarini". Come spiegato dal Wsj, non è la prima volta che con Simba, Facebook si dà a questo tipo di impresa. Il gruppo californiano ha già realizzato progetti simili collegando mercati in Europa, Nord America e Asia dell'Est, in genere condividendo i costi con aziende tradizionali di telecomunicazione, che diversamente da Facebook non hanno la liquidità a disposizione per posare i cavi sottomarini.

Stando al Wsj, la rotta di Simba e i 'porti' a cui si attaccherà non sono ancora stati decisi. Le trattative, riferiscono le fonti del giornale, continuano e potrebbero anche fallire. Il progretto di Facebook viene portato avanti mentre - scrive il Wsj - Google tratta per costruire  un sistema di cavi chiamato Esquiano lungo la costa occidentale dell'Africa. E la cinese Huawei sta a sua volta posando un cavo sottomarino che collegherebbe Europa, Asia e Africa dopo avere completato il collegamento tra Brasile e Cameroon.

Con Simba, Facebook potrebbe contare su connessioni sicure tra i suoi data center in Europa e Asia e i mercati africani in rapida espansione. Il progretto, continua il Wsj, potrebbe aiutare anche aziende tlc come  Vodafone, che potrebbero contribuire ai costi del progetto in cambio dell'accesso alla fibra ottica.


Altri Servizi

Un accordo ‘sostanziale’, ma che in realtà e’ soltanto parziale. E’ quanto annunciato dal presidente Donald Trump al termine di due giorni di negoziati con la delegazione cinese capeggiata dal vicepremier Liu He. L’intesa e’ stata comunque ben accolta dai mercati in quanto e’ riuscita ad evitare lo scattare di un incremento dei dazi in programma in prossimo 15 ottobre. Ma e’ lontana dal poter essere considerata una soluzione permanente alla guerra commerciale in corso da oltre 15 mesi tra le due economie piu’ importanti del mondo.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino apre a "un accordo parziale", secondo Bloomberg e Ft
AP

Warren: "Basta premiare i donatori con incarichi diplomatici"

La senatrice, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali, lancia una nuova battaglia contro l'influenza dei soldi nella politica statunitense
AP

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi, i conti di Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Wells Fargo
AP

Quarto dibattito Dem: insidie per Biden, Warren da favorita

Primo confronto dal lancio delle indagini per l'impeachment di Trump e dal malore di Sanders

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Hunter Biden lascerà il board di un fondo di investimento cinese

Il figlio del candidato democratico si dimetterà da BHR e non lavorerà per nessuna società straniera in caso di elezione del padre alla Casa Bianca
Ap

Ucrainagate, l’ambasciatore americano nell'Ue parlerà al Congresso: "Ho avuto rassicurazioni da Trump"

Secondo il Washington Post Gordon Sondland dichiarerà che il Tycoon lo rassicurò sul fatto che non c’erano legami tra gli aiuti a Kiev e la richiesta di indagare Biden
AP

C'è anche Bill Gates tra gli amici di Jeffrey Epstein

Il miliardario fondatore di Microsoft ha sempre minimizzato il rapporto, il New York Times svela delle mail che rivelano un’amicizia non così superficiale

Pentagono invia 3.000 truppe in Arabia Saudita

Nonostante proclami per minore coinvolgimento militare nella zona
AP