Fbi 'assolve' Clinton a due giorni dalle elezioni. Trump: è colpevole

Per la candidata democratica nessuna incriminazione per le email recentemente trovate in una inchiesta diversa dall'emailgate. Per la polizia federale valgono le conclusioni di luglio. I mercati festeggiano

La posizione dell'Fbi su Hillary Clinton non cambia: la candidata democratica non rischia un'incriminazione per la gestione di informazioni top secret  quando, nelle vesti di segretario di Stato, aveva usato un indirizzo di posta elettronica e server privati. Come a luglio, l'Fbi non ha trovato gli estremi per incriminare Clinton dopo il ritrovamento - annunciato il 28 ottobre scorso - di email che avrebbero potuto essere rilevanti nell'ambito dell'indagine chiusa d'estate senza alcuna incriminazione e relativa all'uso di un account email privato durante gli anni di Clinton a capo della diplomazia Usa.

Ad annunciarlo al Congresso, rimuovendo un elemento di incertezza nella corsa dell'ex first lady verso la conquista della Casa Bianca, è stato il direttore della polizia federale James Comey, lo stesso che a 11 giorni dalle elezioni presidenziali aveva annunciato il ritrovamento di email che potenzialmente potevano mettere nei guai Clinton e che aveva certamente innervosito i mercati finanziari. Nella settimana successiva all'annuncio di quel ritrovamento, l'S&P 500 ha perso l'1,9%, il Dow Jones ha ceduto l'1,5% e il Nasdaq ha lasciato sul terreno il 2,8%. Per l''indice benchmark, il venerdì precedente le elezioni ha rappresentato la nona seduta di fila in calo ossia la serie temporale negativa più lunga dal dicembre 1980. Nella notte della domenica successiva, i future dell'S&P 500 hanno iniziato a correre non appena è arrivata la notizia dell' "assoluzione" di Clinton. Così hanno fatto il dollaro e il peso messicano, il barometro di queste elezioni.

In una lettera scritta domenica 6 novembre ai legislatori americani, Comey ha spiegato che "in base alla nostra analisi, non abbiamo cambiato la nostra conclusione raggiunta a luglio in merito al segretario Clinton".

La polizia federale ha passato al vaglio le comunicazioni spedite a e ricevute da Clinton, quelle trovate nell'ambito di una inchiesta separata (l'invio di sms a sfondo sessuale a una 15enne da parte di Anthont Weiner, l'ex marito di Huma Abedin che altro non è che la più stretta confidente di Clinton).

Immediata è stata la risposta della campagna di Clinton. A due giorni dall'Election Day, il portavoce Brian Fallon ha scritto su Twitter che "siamo sempre stati fiduciosi che nulla avrebbe potuto cambiare la decisione di luglio. Ora Comey lo ha confermato".

Non si è fatta attendere nemmeno la reazione di Kellyanne Conway, manager della campagna di Donald Trump, il candidato repubblicano alle elezioni presidenziali che nella settimana precedente all'Election Day aveva accorciato le distanze su Clinton proprio grazie all'effetto Fbi: "L'indagine è stata mal gestita sin dall'inizio. Lei [Clinton] è stata incauta, priva di attenzione ed egoista".

Lo stesso Trump è poi intervenuto direttamente mentre faceva campagna in Michigan, lo Stato dove il giorno dopo, alla vigilia dell'Election Day, Clinton avrebbe tenuto un comizio insieme al marito Bill e al presidente Barack Obama e alla moglie Michelle: "Non si possono analizzare 650.000 email in otto giorni", ha tuonato il candidato repubblicano che aveva accolto con gioia il coraggio dimostrato da Comey nell'annunciare il ritrovamento di quelle email perché forse "giustizia sarà fatta". E invece, per Trump il sistema resta "corrotto" e Clinton "resta colpevole. Lei lo sa, l'Fbi lo sa, la gente lo sa e ora sta al popolo americano fare giustizia alle urne".

Paul Ryan, lo speaker alla Camera, ha detto che "a prescindere da questa decisione, la scoperta indiscutibile dell'indagine dell'Fbi è che il segretario Hillary Clinton ha messo a rischio i segreti della nostra nazione e così facendo ha compromesso la nostra sicurezza nazionale. Lei crede di essere al di sopra della legge e agisce sempre in base alle sue leggi".

Newt Gingrich, ex speaker repubblicano alla Camera e un alleato di Trump, è convinto che Comey "sia finito sotto una pressione politica enorme per annunciare qualcosa che non può sapere". Secondo lui, "è doloroso vedere la distruzione di James Comey provocata dalle pressione politica".

A prescindere dalle reazioni e dall'effetto che l'ultimo sviluppo potrebbe avere sulle elezioni, una cosa è certa: le polemiche sull'Fbi, sul suo capo e sulla gestione di quest'ultimo caso continueranno.

Altri Servizi

Senato Usa conferma nomina Powell, sarà il nuovo governatore Fed

Prenderà il posto di Janet Yellen dal 3 febbraio
AP

E' ufficiale: Jerome Powell sarà il 16esimo governatore della Federal Reserve. Il già membro del board della banca centrale Usa dal 2012 prenderà il posto di Janet Yellen dal 3 febbraio, quando il mandato triennale di lei scadrà.

Patron

La tequila Patron finisce sotto lo stesso tetto della vodka Grey Goose e dello scotch Dewar in un'operazione da 5,1 miliardi di dollari. Lo ha annunciato Bacardi, che prenderà il controllo del 100% di Patron Spirits International e del suo marchio PATRÓN, considerato tra i più venduti per la tequila di alta gamma.

News Corp: Murdoch a Facebook e Google, pagate gli editori per garantire qualità

Secondo il proprietario del Wall Street Journal, le soluzioni proposte dai due gruppi sono inadeguate dal punto di vista commerciale, sociale e giornalistico
AP

Cresce la frustrazione tra il mondo dell'editoria e quello dei social media. Mentre Facebook e Google hanno rivisto le loro strategie per rispondere alle critiche di chi li ha accusati di avere contribuito alla circolazione delle fake news, il magnate dei media Rupert Murdoch ha mandato loro un messaggio chiaro: paghino per i contenuti che i loro utenti pubblicano e condividono online.

Netanyahu, May e aziende europee: l'agenda di Trump a Davos

Il presidente americano mercoledì parte per il World Economic Forum. Sarà il primo presidente Usa da Bill Clinton a fare visita al forum. Parlerà di America First ma anche di investimenti negli Stati Uniti con alcune aziende europee
AP

Oggi Donald Trump partirà per Davos, in Svizzera, dove parteciperà al World Economic Forum. Sarà il primo presidente americano a visitare il forum dal 2000 quando ci fu l'intervento di Bill Clinton. La sua agenda è molto fitta e inizierà gioved": incontrerà il premier britannico Theresa May con la quale discuterà di lotta all'Isis, denuclearizzazione della Corea del Nord e dell'accordo sul nucleare con l'Iran. Lo stesso giorno Trump incontrerà il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, per discutere di sicurezza in Medio Oriente e di lotta all'espansione dell'Iran.

Fmi a San Marino: il settore bancario deve essere rafforzato

La Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino va ristrutturata, deve cambiare modello di business e ridurre costi operativi

Ristabilire la tenuta del settore bancario e mantenere la stabilità finanziaria restano le principali priorità per San Marino. Lo sostiene il Fondo monetario internazionale, il cui staff ha concluso la sua missione nel Paese. Facendo notare che la rotta del debito pubblico dipenderà dal costo fiscale finale della riparazione del sistema bancario, l'istituto di Washington consiglia riforme strutturali, inclusa la riduzione della burocrazia, per aiutare una riorganizzazione dell'economia. Anche perché, sostiene l'Fmi, "l'agenda delle riforme è faticosa e richiede un forte impegno da parte di tutti".

Facebook rafforza i team dedicati a intelligenza artificiale e realtà virtuale

Ha reclutato uno degli scienziati dietro al lancio di Watson (Ibm) e uno dei pionieri della VR
Facebook

Facebook continua a scommettere sull'intelligenza artificiale (AI) e sulla realtà virtuale (VR). Il social network ha infatti reclutato uno degli scienziati dietro al lancio di Watson (Ibm) e uno dei pionieri della realtà virtuale.

Tesla: compensi del Ceo Musk legati a target ambiziosi

Il gruppo punta a una capitalizzazione di 650 miliardi di dollari
AP

Tesla ha rivisto il modo in cui calcola i compensi complessivi da elargire al suo amministratore delegato; essi saranno legati a target aziendali particolamente ambiziosi, come il raggiungimento di una capitalizzazione da 650 miliardi di dollari (un miraggio visto che attualmente il valore di mercato del produttore di auto elettriche è di 59,3 miliardi di dollari).

Amazon apre il negozio senza casse

Da domani a Seattle apre Amazon Go, permette di entrare nel negozio, prendere ciò che vogliamo e uscire senza pagare. Lo fanno in automatico una app del colosso e centinaia di telecamere

Con un anno di ritardo lunedì a Seattle apre Amazon Go, il primo negozio in cui è possibile entrare, prendere i prodotti che vogliamo e uscire senza dover passare da una cassa o dover passare sotto uno scanner il codice a barre del nostro articolo.

Donald Trump continua la sua battaglia commerciale contro la Cina. Questa volta l'amministrazione del presidente Usa ha posto nuovi dazi per proteggere la produzione americana di pannelli solari e di lavatrici: inizia così un 2018 di azioni dure, soprattutto contro la Cina e contro il suo potere di penetrazione nei mercati internazionali.