Fbi 'assolve' Clinton a due giorni dalle elezioni. Trump: è colpevole

Per la candidata democratica nessuna incriminazione per le email recentemente trovate in una inchiesta diversa dall'emailgate. Per la polizia federale valgono le conclusioni di luglio. I mercati festeggiano

La posizione dell'Fbi su Hillary Clinton non cambia: la candidata democratica non rischia un'incriminazione per la gestione di informazioni top secret  quando, nelle vesti di segretario di Stato, aveva usato un indirizzo di posta elettronica e server privati. Come a luglio, l'Fbi non ha trovato gli estremi per incriminare Clinton dopo il ritrovamento - annunciato il 28 ottobre scorso - di email che avrebbero potuto essere rilevanti nell'ambito dell'indagine chiusa d'estate senza alcuna incriminazione e relativa all'uso di un account email privato durante gli anni di Clinton a capo della diplomazia Usa.

Ad annunciarlo al Congresso, rimuovendo un elemento di incertezza nella corsa dell'ex first lady verso la conquista della Casa Bianca, è stato il direttore della polizia federale James Comey, lo stesso che a 11 giorni dalle elezioni presidenziali aveva annunciato il ritrovamento di email che potenzialmente potevano mettere nei guai Clinton e che aveva certamente innervosito i mercati finanziari. Nella settimana successiva all'annuncio di quel ritrovamento, l'S&P 500 ha perso l'1,9%, il Dow Jones ha ceduto l'1,5% e il Nasdaq ha lasciato sul terreno il 2,8%. Per l''indice benchmark, il venerdì precedente le elezioni ha rappresentato la nona seduta di fila in calo ossia la serie temporale negativa più lunga dal dicembre 1980. Nella notte della domenica successiva, i future dell'S&P 500 hanno iniziato a correre non appena è arrivata la notizia dell' "assoluzione" di Clinton. Così hanno fatto il dollaro e il peso messicano, il barometro di queste elezioni.

In una lettera scritta domenica 6 novembre ai legislatori americani, Comey ha spiegato che "in base alla nostra analisi, non abbiamo cambiato la nostra conclusione raggiunta a luglio in merito al segretario Clinton".

La polizia federale ha passato al vaglio le comunicazioni spedite a e ricevute da Clinton, quelle trovate nell'ambito di una inchiesta separata (l'invio di sms a sfondo sessuale a una 15enne da parte di Anthont Weiner, l'ex marito di Huma Abedin che altro non è che la più stretta confidente di Clinton).

Immediata è stata la risposta della campagna di Clinton. A due giorni dall'Election Day, il portavoce Brian Fallon ha scritto su Twitter che "siamo sempre stati fiduciosi che nulla avrebbe potuto cambiare la decisione di luglio. Ora Comey lo ha confermato".

Non si è fatta attendere nemmeno la reazione di Kellyanne Conway, manager della campagna di Donald Trump, il candidato repubblicano alle elezioni presidenziali che nella settimana precedente all'Election Day aveva accorciato le distanze su Clinton proprio grazie all'effetto Fbi: "L'indagine è stata mal gestita sin dall'inizio. Lei [Clinton] è stata incauta, priva di attenzione ed egoista".

Lo stesso Trump è poi intervenuto direttamente mentre faceva campagna in Michigan, lo Stato dove il giorno dopo, alla vigilia dell'Election Day, Clinton avrebbe tenuto un comizio insieme al marito Bill e al presidente Barack Obama e alla moglie Michelle: "Non si possono analizzare 650.000 email in otto giorni", ha tuonato il candidato repubblicano che aveva accolto con gioia il coraggio dimostrato da Comey nell'annunciare il ritrovamento di quelle email perché forse "giustizia sarà fatta". E invece, per Trump il sistema resta "corrotto" e Clinton "resta colpevole. Lei lo sa, l'Fbi lo sa, la gente lo sa e ora sta al popolo americano fare giustizia alle urne".

Paul Ryan, lo speaker alla Camera, ha detto che "a prescindere da questa decisione, la scoperta indiscutibile dell'indagine dell'Fbi è che il segretario Hillary Clinton ha messo a rischio i segreti della nostra nazione e così facendo ha compromesso la nostra sicurezza nazionale. Lei crede di essere al di sopra della legge e agisce sempre in base alle sue leggi".

Newt Gingrich, ex speaker repubblicano alla Camera e un alleato di Trump, è convinto che Comey "sia finito sotto una pressione politica enorme per annunciare qualcosa che non può sapere". Secondo lui, "è doloroso vedere la distruzione di James Comey provocata dalle pressione politica".

A prescindere dalle reazioni e dall'effetto che l'ultimo sviluppo potrebbe avere sulle elezioni, una cosa è certa: le polemiche sull'Fbi, sul suo capo e sulla gestione di quest'ultimo caso continueranno.

Altri Servizi

Gli Usa chiedono all'Fmi di fare di più, il mondo teme guerre commerciali

Gli Spring Meetings dell'istituto di Washington terminano come erano iniziati. La linea americana non cambia. Mnuchin: il Fondo alzi la voce per ridurre gli squilibri. Lagarde: avanti con il dialogo "pacifico"
World Bank

Washington - Il Fondo monetario internazionale voleva usare i suoi lavori primaverili per "unire le nazioni" e allentare le tensioni commerciali riaccese dal braccio di ferro tra Usa e Cina. I cosiddetti Spring Meetings dell'istituto guidato da Christine Lagarde sono invece finiti come erano iniziati. Il mondo continua a temere una guerra commerciale dalla quale - è la tesi - non emergerebbe nessun vincitore mentre gli Stati Uniti continuano a volere perseguire un commercio "libero, equo e reciproco". Dunque, non resta che trattare.

Usa: monta la preoccupazione per la Belt and Road Initiative cinese

Washington chiede maggiore trasparenza sull'eccesso di debito concesso a nazioni a basso reddito. Sotto sotto teme la crescente influenza di Pechino in Africa ed Eurasia
Xi Jinping AP

Gli Stati Uniti di Donald Trump hanno preso di mira la Cina, non solo sul fronte commerciale. Washington guarda con apparente preoccupazione alla "Belt and Road Initiative", l'iniziativa per lo sviluppo e le infrastrutture lanciata cinque anni fa, rivolta a una settantina di nazioni e pensata per fornire centinaia di miliardi di dollari di prestiti. La prima economia al mondo teme che la nazione asiatica e il suo presidente Xi Jinping vogliano ampliare la loro influenza nel mondo, specialmente in Africa e nell'Eurasia.

Padoan al prossimo governo: la strada delle riforme è quella giusta

Lagarde (Fmi): sfruttare la finestra ancora aperta, nuvole all'orizzone. Conteno (Eurogruppo): ottomista sull'Eurozona. Scholtz (finanze tedesche): contro gli euroscettici, avanti con riforme
AP

Da Washington, Pier Carlo Padoan ha rivendicato il lavoro fatto al ministero delle Finanze dal febbraio 2014 a oggi. E preparandosi a dire addio al suo incarico, ha lanciato un messaggio al prossimo governo (che fatica a prendere forma): "Non ci sono scorciatoie, la strada intrapresa [delle riforme] è quella giusta". Su questo è d'accordo il Fondo monetario internazionale, che ci chiede un piano "credibile e ambizioso" per portare avanti un consolidamento fiscale. Perché è vero che l'istituto guidato da Christine Lagarde ha rivisto leggermente al rialzo le stime di crescita dell'Italia. Ed è vero che il debito sta migliorando, ma resta alto mettendo l'Italia tra i Paesi che - come ha avvertito il d.g. del Fondo Christine Lagarde - "potrebbero essere colpiti di più se le condizioni di mercato", ora favoravoli, "cambiano".

Visco: avanti con la crescita, ma senza dimenticare i vincoli

Il governatore di Banca d'Italia "fiducioso" nel senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni. Spagnoli più ricchi degli italiani? Padoan usa una metafora calcistica: le rimonte sono possibili.

Washington - E' essenziale che la crescita in Italia non subisca una battuta d'arresto. E che non si dimentichino i vincoli "formali e sostanziali" che vanno rispettati in termini di conti pubblici. E' questo il messaggio lanciato dal governatore di Banca d'Italia al futuro governo del nostro Paese, che non potrà non tenere conto del debito pubblico. Da Washington, dove si sono conclusi i lavori primaverili del Fondo monetario internazionale, Ignazio Visco si è detto "fiducioso" che nella futura classe dirigente italiana "ci sarà un grande senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni". La speranza è che chiunque sarà al governo prenda atto dei vincoli che "non si possono dimenticare" e di un debito che resta alto, anche se il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan si aspetta che scenda maggiormente tra il 2018 e il 2020 passando al 123,9% dal 131,8% del 2017.

L'alt nucleare della Nordcorea

Kim vuole lanciare la versione nordcoreana della glasnost sovietica di Mikhail Gorbachev?

E' certamente un "notevole progresso", come ha detto Donald Trump. Ma per esserlo, l'annuncio arrivato ieri dalla Corea del Nord di un alt ai suoi test missilistici e nucleari deve essere genuino. Per scoprirle se lo sia, serve tempo e dunque un cauto ottimismo - quello consigliato dagli osservatori - sembra necessario.

Usa, 20enne sopravvive a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni

Dylan McWilliams è stato morso da uno squalo, da un orso e da un serpente

"Sono molto fortunato o molto sfortunato, dipende dai punti di vista". È questo il commento di Dylan McWilliams, 20enne originario di Grand Junction in Colorado, sopravvissuto a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni. Se non si tratta di un record poco ci manca, ciò che è certo è che la storia di Dylan sembra la sceneggiatura di un film.

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

Usa, 20enne sopravvive a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni

Dylan McWilliams è stato morso da uno squalo, da un orso e da un serpente

"Sono molto fortunato o molto sfortunato, dipende dai punti di vista". È questo il commento di Dylan McWilliams, 20enne originario di Grand Junction in Colorado, sopravvissuto a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni. Se non si tratta di un record poco ci manca, ciò che è certo è che la storia di Dylan sembra la sceneggiatura di un film.

I democratici fanno causa a Russia, Trump e WikiLeaks

Il Comitato nazionale democratico li accusa di aver cospirato contro Clinton alle elezioni presidenziali dello scorso anno
Hillary Clinton

Il partito democratico statunitense ha deciso di fare causa alla Russia, allo staff elettorale di Donald Trump e a WikiLeaks, che avrebbero cospirato contro Hillary Clinton alle elezioni presidenziali statunitensi del 2016.

La conferma di Pompeo a segretario di Stato Usa a rischio in Senato

Al direttore della Cia servirà il voto di almeno un democratico. La sua visita in Corea del Nord un ulteriore ostacolo verso il voto
Ap

La conferma del direttore della Cia, Mike Pompeo, come nuovo segretario di Stato non è scontata, al Senato statunitense. Nessun democratico ha finora dichiarato di sostenerlo e, con il repubblicano Rand Paul contrario e il collega John McCain tornato in Arizona per portare avanti la sua difficile battaglia contro il cancro, al Grand Old Party servirebbe il voto di un democratico, nel caso gli altri 49 repubblicani in Senato si schierassero con l'uomo scelto dal presidente Donald Trump per prendere il posto di Rex Tillerson.