Fca accusato in Usa di avere barato sulle emissioni, rischia multa di 4,63 miliardi di dollari

Il gruppo guidato da Sergio Marchionne si dice "deluso" e difende il proprio operato. "Nulla in comune con VW". Nel mirino delle autorità, circa 104.000 veicoli. Le indagini continuano

L'Agenzia per la protezione ambientale americana (Epa) ha notificato a Fiat Chrysler Automobile e alla controllata statunitense Fca Us di avere violato il Clean Air Act, la legge sugli standard sulle emissioni. Per questo rischia una potenziale multa di 4,63 miliardi di dollari. Il gruppo guidato da Sergio Marchionne si è detto "deluso" e pronto a incontrare le autorità competenti per dimostrare di non avere commesso alcuna violazione. Il Ceo ha definito le accuse "ingiuste", ha chiarito che non c'è nulla in comune con VW, che chi fa un simile confronto "ha fumato qualcosa si illegale" e che Fca "sopravviverà" una eventuale pena pecuniaria. 

La tesi dell'Epa
Stando alle autorità Usa, il gruppo guidato da Sergio Marchionne ha installato senza dirlo un cosiddetto "engine management software" (Ems) nei modelli Jeep Grand Cherokees e Dodge Ram 1500 prodotti nel 2014, 2015 e 2016 con motori diesel a tre litri venduti in Usa. Il totale dei veicoli coinvolti è intorno alle 104.000 unità.

"Chiediamo a Fca di dimostrare perché Ems non sono defeat device" ossia il software incriminato che nel settembre 2015 incastrò Volkswagen, ha spiegato un rappresentante dell'Epa in una call con i media definendo "chiara e seria" la violazione delle leggi sulle emissioni. "Continueremo le indagini e le discussioni con Fca", ha aggiunto.

L'Epa ha spiegato di avere scoperto la presunta violazione da parte di Fca nelle indagini aggiuntive avviate dall'agenzia dopo il settembre 2015, quando è esploso il caso dieselgate di Volkswagen. "Abbiamo avuto un'interazione lunga con l'azienda e test approfonditi prima di decidere di annunciare la cosa", ha aggiunto Cynthia Giles, dell'Epa, che continua a coordinarsi con il California Air Resources Board, autorità californiana che a sua volta ha inviato una notifica a Fca.

L'Epa sostiene che Fca potrebbe subire pene di stampo civile e ricevere una ingiunzione per le presunte violazioni. Epa dice di avere scoperto "almeno otto pezzi di software" non comunicati dall'azienda e che possono alterare come i veicoli emettono emissioni. L'agenzia per la protezione ambientale vuole capire se gli "engine management software" non sono altro che "defeat devices", che sono illegali; si tratta, per intenderci, di quelli installati da Volkswagen su 11 milioni di veicoli nel mondo.

"La multa potrebbe essere pari fino a 44.539 dollari per veicolo", ha spiegato la rappresentate dell'Epa rispondendo a una domanda di Consumer Report. Moltiplicando la multa per vettura con i circa 104.000 veicoli che avrebbero violato il Clean Air Act, si ottiene un risultato totale intorno ai 4,63 miliardi di dollari. Si tratta di una cifra euqivalente agli utili messi insieme del 2013, 2014, 2015 e dei primi nove mesi del 2016. Alla fine di settembre Fca aveva un debito netto industriale di 6,5 miliardi di dollari; Marchionne ha promesso di cancellare il debito e di avere cash alla fine del 2018 per 4-5 miliardi di euro.

Marchionne: accuse "ingiuste", nulla in comune con VW
Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles, considera "ingiuste" le accuse di violazione delle leggi sulle emissioni notificate dall'Agenzia per la protezione ambientale americana. In una call, il top manager ha detto che il suo gruppo "non ha fatto nulla di illegale" e ha tenuto a precisare che "questo è un tipo di analisi diverso da quello di Volkswagen". Parlando della notifica ricevuta dall'Epa, Marchionne ha detto che "chiunque fa un parallelo tra noi e VW ha fumato qualcosa di illegale". Marchionne ha fatto notare la strana tempistica dell'annuncio dell'Epa, "arrivato inaspettatamente". Le accuse sono state lanciate una settimana prima dell'arrivo alla Casa Bianca della nuova amministrazione, quella di Donald Trump. Fca, ha aggiunto il Ceo, continua a vendere i veicoli presi di mira dall'Agenzia per la protezione ambientale ma ha fermato la produzione di alcuni di essi.

Altri Servizi

Processo a Manafort, senza verdetto la prima giornata in camera di consiglio della giuria

Il destino dell'ex direttore della campagna elettorale di Trump è nelle mani di sei uomini e sei donne. Accusato di evasione fiscale e frodi bancarie legate al suo lavoro di consulenza in Ucraina
AP

E' affidato a sei uomini e sei donne il destino di Paul Manafort, colui che dal marzo all'agosto 2016 fu presidente della campagna dell'allora candidato repubblicano alle elezioni presidenziali americane. Dopo due settimane di processo, dodici giurati hanno infatti iniziato a deliberare per decidere se l'uomo vicino a Donald Trump, il 45esimo presidente Usa, abbia davvero compiuto frodi bancarie e fiscali per il lavoro di consulenza svolto tra il 2005 e il 2014 per politici ucraini pro-russi. Il rischio è che sia condannato a trascorrere decenni dietro le sbarre. La prima giornata in camera di consiglio è finita senza verdetto. I giurati hanno chiesto chiarimenti al giudice, anche sulla definizione di "colpevolezza oltre ogni ragionevole dubbio".

Trump attacca i giornali uniti per difendere la libertà di stampa: "colludono"

Quasi in 350 hanno pubblicato editoriali per dire che non sono nemici della gente, come sostenuto dal presidente Usa. Telefonata minacciosa al Boston Globe, che ha lanciato l'iniziativa

Donald Trump è tornato ad attaccare i media che hanno aderito a un'iniziativa lanciata dal Boston Globe e pensata per promuovere la libertà di stampa e per dimostrare che i giornali "non sono nemici della gente" come invece sostenuto dal presidente americano.

iStock

Walmart è protagonista di un rally grazie a una trimestrale che ha stracciato le stime degli analisti e a un miglioramento delle guidance per l'intero esercizio. A rincuorare è l'accelerazione della divisione online ma soprattutto il passo, il più veloce da 10 anni, con cui sono cresciute le vendite negli Stati Uniti.

Quale era l'intento reale di Elon Musk quando, il 7 agosto scorso, ha scritto una serie di tweet annunciando la sua intenzione di delistare la sua Tesla con una maxi operazione di buyout per la quale a sua detta i fondi erano "garantiti"? E' questa la domanda a cui la Securities and Exchange Commission sta cercando di rispondere.

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

Bannon punta su Wall Street in vista delle elezioni Usa di novembre

Lancia il gruppo "Citizens of the American Republic". Il 9 settembre a New York la premiere di "Trump @ War", film scritto e diretto da lui per promuovere l'agenda del presidente che lo ha silurato
AP

Wall Street spera nei negoziati commerciali tra Usa e Cina

A fine mese una delegazione cinese sarà a Washington
AP

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Coca-Cola sfida PepsiCo investendo in start-up appoggiata da Kobe Bryant

Si chiama BodyArmor e produce bevande sportive che sfidano Gatorade e Powerade