Fca: altro investimento da oltre 1 miliardo di dollari in Usa, bonus da 2.000 ai dipendenti americani

E' l'effetto "in parte" della riforma fiscale approvata da Trump prima di Natale. Il Ceo Marchionne trasferisce in Michigan dal Messico la produzione del Ram; gioca d'anticipo per evitare rischi legati a un cambiamento di Nafta

Esattamente come nel 2017, anche quest'anno Fiat Chrysler Automobiles ha fatto un annuncio a pochi giorni dall'apertura del salone dell'auto di Detroit. L'annuncio, questa volta doppio, compiacerà un Donald Trump reduce della sua prima vittoria legislativa in quasi un anno di presidente americana. E ciò potrebbe venire comodo, visto che il governo americano deve decidere non solo il destino di Nafta ma anche (entro aprile) se ridurre regole stringenti volute da Barack Obama sulle emissioni e sui consumi delle quattro ruote.

Investimento e bonus
Grazie "in parte" alla riforma fiscale approvata negli Stati Uniti prima di Natale e che prevede un taglio permanente dell'aliquota aziendale al 21% dal 35%, il gruppo guidato da Sergio Marchionne ha detto che investirà oltre un miliardo aggiuntivo di dollari in una fabbrica a Warren, in Michigan, creando 2.500 posti di lavoro nuovi. Inoltre, nel secondo trimestre del 2018 pagherà un bonus speciale da 2.000 dollari a circa 60.000 dipendenti americani (leadership senior esclusa). Il bonus - che va ad aggiungersi a qualsiaso altro premio legato alla performance - è più generoso da quello da mille dollari promesso, sempre per effetto della riforma fiscale, da aziende come AT&T, Fifth Third Bancorp, Wal-Mart e Comcast.

Il commento di Marchionne
L'amministratore delegato Sergio Marchionne ha dichiarato in un comunicato che "questi annunci riflettono il nostro impegno nei confronti della nostra presenza manifatturiera in Usa e dei dipendenti dedicati che hanno contribuito al successo di Fca". Il top manager italo-canadese ha continuato: "E' semplicemente giusto che i nostri dipendenti godano dei risparmi generati dalla riforma fiscale" ed è altrettanto giusto "riconoscere apertamente il miglioramento delle condizioni americane di business investendo di conseguenza".

Il Ceo gioca d'anticipo riducendo rischi legati al Nafta
L'investimento da un miliardo comunicato nel gennaio 2017 - e associato ad altri 2.000 nuovi posti - arrivava dopo un botta e risposta tra tre grandi produttori di auto (Gm, Ford e Toyota) e Trump (che minacciò dazi doganali poi mai imposti sulle auto prodotte in Messico e destinate al mercato Usa).

Quello reso noto ieri quando Wall Street aveva ormai chiuso, gioca ancora una volta d'anticipo sul leader Usa. Questa volta l'obiettivo è abbassare i rischi legati a cambiamenti potenziali al North American Free Trade Agreement. Mentre Usa, Canada e Messico si preparano a un nuovo round di trattative sull'accordo di libero scambio siglato 24 anni fa e mentre Trump minaccia di ritirarsi se l'intesa non verrà "migliorata" come vuole lui, Fca si prepara a spostare dal Messico agli Usa la produzione di uno dei suoi veicoli più redditizi, il Ram Heavy Duty. Una volta completato il trasferimento nella fabbrica di Warren, stimato nel 2020,  per la località messicana di Saltillo il focus di Fca sarà su veicoli commerciali destinati a essere distribuiti in tutto il mondo.

Il tema Nafta è particolarmente delicato per il settore americano delle quattro ruote. Due giorni fa sono bastate voci in arrivo da Ottawa secondo cui Washington finirà per abbandonare Nafta per mandare in tilt non solo il peso messicano e il dollaro canadese ma anche le azioni quotate a Wall Street di produttori di auto come General Motors e Fiat Chrysler Automobiles. I gruppi guidati da Mary Barra e Marchionne importano dal Messico pickup trucks (la tipologia di veicoli ad alti margini che invece Ford realizza esclusivamente in Usa). Il comparto delle quattro ruote è favorevole a un aggiornamento del Nafta ma sta facendo pressioni affinché non sia intaccato.

Aspettando le novità del salone dell'auto a Detroit
Dal suo ingresso nel 2009 nella ex Chrysler - che in quell'anno finì in bancarotta e di cui l'ex Fiat prese poi il controllo totale nel gennaio 2014 portando alla nascita di Fca - l'azienda ha detto di avere investito 10 miliardi di dollari nelle attività manifatturiere su suolo americano. Ora i fari si spostano su Detroit, dove il gruppo lunedì svelerà un nuovo pickup truck a marchio Ram e martedì un nuovo Cherokee (Suv di Jeep) . Dalla capitale americana dell'industria automobilistica, Marchionne verrà tartassato di domande dalla stampa italiana e non. Riuscirà ad azzerare il debito centrando l'obiettivo del piano industriale? Realizzerà una tanto desiderata fusione o una partnership prima di andarsene? Effettuerà scorpori? Come procede il piano di successione? Come giustifica il rally poderoso del titolo Fca?

Il rally record del titolo Fca
La seduta dell'11 gennaio a Wall Street è finita per quello che è il settimo gruppo auto al mondo a nuovi livelli record pari a 23,42 dollari, grazie a un rialzo del 7,19%. Da inizio 2018 il titolo ha guadagnato oltre il 31% e negli ultimi 12 mesi più del 111%, una performance così brillante da lasciare i rivali di Detroit nella polvere. Il titolo GM è salito di quasi l'8% da inizio mese e del 16,44% nell'ultimo anno. Quello di Ford ha aggiunto il 5% fino da inizio anno e solo il 4% negli ultimi 12 mesi.

Altri Servizi

Nia Franklin, prima Miss America senza sfilata in bikini

Afroamericana, 24 anni, cantante d'opera. La rivoluzione al concorso decisa dopo uno scandalo interno e la nascita del movimento #MeToo contro le violenze sulle donne
Ap

Nia Imani Franklin è la prima Miss America a essere stata incoronata senza aver dovuto indossare un costume da bagno. La ragazza afroamericana, 24 anni, che ha partecipato alla competizione ad Atlantic City come Miss New York, ha detto in conferenza stampa di essere contenta di non aver dovuto indossare un costume da bagno e di apprezzare il cambiamento deciso per il concorso, nato 97 anni fa.

Popolazione Usa nata all'estero a livelli record dal 1910

Primato in termini percentuali: ora è il 13,7%; negli ultimi anni, in forte aumento l'arrivo di asiatici, dopo decenni di grandi flussi migratori dall'America Latina; cento anni fa, invece, arrivavano soprattutto europei (tanti italiani)
AP

La popolazione statunitense nata all'estero ha raggiunto il suo massimo livello percentuale dal 1910, secondo i dati governativi resi pubblici oggi. Rispetto al recente passato, le persone vengono di più dall'Asia e hanno una laurea. La popolazione nata all'estero, nel 2017, era il 13,7%, ovvero 44,5 milioni di persone, contro il 13,5% del 2016.

Bannon difende Salvini e Orbán: si stanno riprendendo la sovranità dei loro Paesi

L'ex stratega di ultra destra di Donald Trump: cercano di rendere migliori le loro nazioni

Stanno cercando di "riprendersi la sovranità dei loro Paesi". Per questo vanno lodati. Steve Bannon, l'ex stratega di ultra destra del presidente americano, Donald Trump, difende Matteo Salvini e Viktor Orbán, due uomini accumunati da una politica durissima in tema di migrazione. 

Trump "probabilmente" annucia domani dazi per 200 miliardi di dollari contro la Cina

Sarebbero del 10% anziché del 25% ma potrebbero aumentare a seconda di come andranno le trattative con Pechino. Il vicepremier cinese a Washington il 27 e 28 settembre
Ap

Già lunedì il presidente americano, Donald Trump, dovrebbe annunciare nuovi dazi contro importazioni cinesi aventi un valore annuo di 200 miliardi di dollari. Anche il Wall Street Journal e poi Reuters confermano dunque le indiscrezioni di Bloomberg che venerdì 14 settembre avevano fatto invertire rotta agli indici americani.

Florence: almeno 11 morti e un milione di persone senza elettricità

Trump firma dichiarazione di disastro in North Carolina; visiterà le zone colpite la settimana prossima. Atteso fino a un metro di precipitazioni
ap

Aveva toccato terra alle 7:15 (ora locale, le 13:15 in Italia) di venerdì vicino a Wrightsville Beach, in North Carolina, negli Stati Uniti, colpendo lo Stato con piogge e venti forti. Dopo una decina di ore, l'uragano Florence era diventato una tempesta tropicale ancora devastante che di sabato mattina si è mossa "lentamente" nella parte orientale del South Carolina provocando "allagamenti catastrofici" in tutti e due gli Stati con piogge fino a un metro.

Le piogge torrenziali di Florence inondano le Caroline

L'uragano si è indebolito a depressione tropicale ma le precipitazioni non si fermano. Raggiunti fino a 80 cm di pioggia. Strade impraticabili. Rischio frane. Almeno 13 morti
AP

Prima uragano. Poi tempesta tropicale. Ora depressione tropicale. Florence, che ha toccato terra venerdì scorso in North Carolina, ha cambiato status ma non per questa è meno devastante. Almeno 13 sono le morti associate a questo disastro naturale che sta versando piogge senza precedenti, spingendo i livelli dei fiumi a nuovi massimi e che, arrivato ieri in South Carolina, si spinge ora verso la parte sudoccidentale della Virginia. Agli allagamenti si teme il rischio di frane mortali. Come se non bastasse in North e South Carolina potrebbero arrivare questa notte dei tornado.

Trump invierà un sms a tutti i cellulari d'America, test per una "allerta presidenziale"

Il 20 settembre alle 20.18 italiane tutti i cellulari statunitensi riceveranno un messaggio. L'intento: testare un sistema da usare in caso di emergenze nazionali

Giovedì 20 settembre l'amministrazione americana invierà un sms a tutti i cellulari degli Stati Uniti. L'obiettivo: testare un sistema di allerta mai usato e pensato per mettere in guardia la popolazione in merito a emergenze nazionali.

Russiagate: cosa Mueller vuole capire con l'aiuto di Manafort

L'ex direttore della campagna Trump pronto a collaborare con il procuratore speciale

Non è chiaro se Paul Manafort sia in possesso di informazioni potenzialmente dannose per Donald Trump, ma il suo mea culpa e l'impegno a collaborare "pienamente" con gli inquirenti danno al procuratore speciale Robert Mueller un'ottima occasione per fargli domande chiave nell'ambito del Russiagate, l'inchiesta sulla presunta interferenza di Mosca nelle elezioni del 2016 e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e il Cremlino.

L'uragano Florence sarà "devastante". Trump a chi si trova nelle Caroline, "andatevene"

I governatori chiedono alla popolazione di fuggire, ma non tutti lo faranno. La tempesta arriverà sulla costa giovedì notte
Ap

Il presidente americano, Donald Trump, e il leader della protezione civile americana hanno lanciato dalla Casa Bianca un messaggio alle persone, oltre un milione, a cui è stato ordinato di lasciare il North e il South Carolina in vista dell'arrivo dell'uragano Florence, atteso giovedì notte: "Andatevene, se ve lo hanno chiesto" perché sarà un evento "devastante". Molti, però, sceglieranno di restare, scrive Usa Today, che ricorda che solo tre Stati, ovvero California, New York e North Carolina, hanno delle leggi sull'evacuazione obbligatoria, con multe fino a mille dollari e una pena carceraria fino a 6 mesi.

Snapchat dice addio a un altro top manager, nuovi minimi storici per il titolo

Imran Khan, da quasi 4 anni direttore strategia del gruppo, dovrebbe lanciare un'azienda propria

Snapchat dice addio a un altro dei manager più vicini al Ceo Evan Spiegel in una fase in cui il titolo della controllante della app viaggia su minimi storici.