Fca: altro investimento da oltre 1 miliardo di dollari in Usa, bonus da 2.000 ai dipendenti americani

E' l'effetto "in parte" della riforma fiscale approvata da Trump prima di Natale. Il Ceo Marchionne trasferisce in Michigan dal Messico la produzione del Ram; gioca d'anticipo per evitare rischi legati a un cambiamento di Nafta

Esattamente come nel 2017, anche quest'anno Fiat Chrysler Automobiles ha fatto un annuncio a pochi giorni dall'apertura del salone dell'auto di Detroit. L'annuncio, questa volta doppio, compiacerà un Donald Trump reduce della sua prima vittoria legislativa in quasi un anno di presidente americana. E ciò potrebbe venire comodo, visto che il governo americano deve decidere non solo il destino di Nafta ma anche (entro aprile) se ridurre regole stringenti volute da Barack Obama sulle emissioni e sui consumi delle quattro ruote.

Investimento e bonus
Grazie "in parte" alla riforma fiscale approvata negli Stati Uniti prima di Natale e che prevede un taglio permanente dell'aliquota aziendale al 21% dal 35%, il gruppo guidato da Sergio Marchionne ha detto che investirà oltre un miliardo aggiuntivo di dollari in una fabbrica a Warren, in Michigan, creando 2.500 posti di lavoro nuovi. Inoltre, nel secondo trimestre del 2018 pagherà un bonus speciale da 2.000 dollari a circa 60.000 dipendenti americani (leadership senior esclusa). Il bonus - che va ad aggiungersi a qualsiaso altro premio legato alla performance - è più generoso da quello da mille dollari promesso, sempre per effetto della riforma fiscale, da aziende come AT&T, Fifth Third Bancorp, Wal-Mart e Comcast.

Il commento di Marchionne
L'amministratore delegato Sergio Marchionne ha dichiarato in un comunicato che "questi annunci riflettono il nostro impegno nei confronti della nostra presenza manifatturiera in Usa e dei dipendenti dedicati che hanno contribuito al successo di Fca". Il top manager italo-canadese ha continuato: "E' semplicemente giusto che i nostri dipendenti godano dei risparmi generati dalla riforma fiscale" ed è altrettanto giusto "riconoscere apertamente il miglioramento delle condizioni americane di business investendo di conseguenza".

Il Ceo gioca d'anticipo riducendo rischi legati al Nafta
L'investimento da un miliardo comunicato nel gennaio 2017 - e associato ad altri 2.000 nuovi posti - arrivava dopo un botta e risposta tra tre grandi produttori di auto (Gm, Ford e Toyota) e Trump (che minacciò dazi doganali poi mai imposti sulle auto prodotte in Messico e destinate al mercato Usa).

Quello reso noto ieri quando Wall Street aveva ormai chiuso, gioca ancora una volta d'anticipo sul leader Usa. Questa volta l'obiettivo è abbassare i rischi legati a cambiamenti potenziali al North American Free Trade Agreement. Mentre Usa, Canada e Messico si preparano a un nuovo round di trattative sull'accordo di libero scambio siglato 24 anni fa e mentre Trump minaccia di ritirarsi se l'intesa non verrà "migliorata" come vuole lui, Fca si prepara a spostare dal Messico agli Usa la produzione di uno dei suoi veicoli più redditizi, il Ram Heavy Duty. Una volta completato il trasferimento nella fabbrica di Warren, stimato nel 2020,  per la località messicana di Saltillo il focus di Fca sarà su veicoli commerciali destinati a essere distribuiti in tutto il mondo.

Il tema Nafta è particolarmente delicato per il settore americano delle quattro ruote. Due giorni fa sono bastate voci in arrivo da Ottawa secondo cui Washington finirà per abbandonare Nafta per mandare in tilt non solo il peso messicano e il dollaro canadese ma anche le azioni quotate a Wall Street di produttori di auto come General Motors e Fiat Chrysler Automobiles. I gruppi guidati da Mary Barra e Marchionne importano dal Messico pickup trucks (la tipologia di veicoli ad alti margini che invece Ford realizza esclusivamente in Usa). Il comparto delle quattro ruote è favorevole a un aggiornamento del Nafta ma sta facendo pressioni affinché non sia intaccato.

Aspettando le novità del salone dell'auto a Detroit
Dal suo ingresso nel 2009 nella ex Chrysler - che in quell'anno finì in bancarotta e di cui l'ex Fiat prese poi il controllo totale nel gennaio 2014 portando alla nascita di Fca - l'azienda ha detto di avere investito 10 miliardi di dollari nelle attività manifatturiere su suolo americano. Ora i fari si spostano su Detroit, dove il gruppo lunedì svelerà un nuovo pickup truck a marchio Ram e martedì un nuovo Cherokee (Suv di Jeep) . Dalla capitale americana dell'industria automobilistica, Marchionne verrà tartassato di domande dalla stampa italiana e non. Riuscirà ad azzerare il debito centrando l'obiettivo del piano industriale? Realizzerà una tanto desiderata fusione o una partnership prima di andarsene? Effettuerà scorpori? Come procede il piano di successione? Come giustifica il rally poderoso del titolo Fca?

Il rally record del titolo Fca
La seduta dell'11 gennaio a Wall Street è finita per quello che è il settimo gruppo auto al mondo a nuovi livelli record pari a 23,42 dollari, grazie a un rialzo del 7,19%. Da inizio 2018 il titolo ha guadagnato oltre il 31% e negli ultimi 12 mesi più del 111%, una performance così brillante da lasciare i rivali di Detroit nella polvere. Il titolo GM è salito di quasi l'8% da inizio mese e del 16,44% nell'ultimo anno. Quello di Ford ha aggiunto il 5% fino da inizio anno e solo il 4% negli ultimi 12 mesi.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

Alcoa si aspetta un deficit nel 2018 di alluminio, su cui l'amministrazione Trump ha imposto dazi. Il gruppo ieri ha fornito una indicazione della conseguente domanda attesa in aumento con la pubblicazione della sua trimestrale.

Amazon: oltre 100 milioni di persone pagano per Prime, oltre le stime

Lo ha svelato il Ceo Bezos nella lettera ai soci. 2017 anno record in termini di vendite di hardware del gruppo come le casse Echo e i tablet Kindle
Amazon

Per la prima volta, il Ceo di Amazon ha fornito un'indicazione numerica del numero di persone che pagano per godere del servizio Prime, che negli Stati Uniti costa 99 dollari l'anno e prevede consegne gratuite illimitate entro due giorni da un ordine oltre a - tra le altre cose - accesso a musica e video.

Dopo avere archiviato l'ultimo trimestre del 2017 in perdita, il primo in rosso in un quarto di secolo, America Express è tornata a generare utili.

La conferma di Pompeo a segretario di Stato Usa a rischio in Senato

Al direttore della Cia servirà il voto di almeno un democratico. La sua visita in Corea del Nord un ulteriore ostacolo verso il voto
Ap

La conferma del direttore della Cia, Mike Pompeo, come nuovo segretario di Stato non è scontata, al Senato statunitense. Nessun democratico ha finora dichiarato di sostenerlo e, con il repubblicano Rand Paul contrario e il collega John McCain tornato in Arizona per portare avanti la sua difficile battaglia contro il cancro, al Grand Old Party servirebbe il voto di un democratico, nel caso gli altri 49 repubblicani in Senato si schierassero con l'uomo scelto dal presidente Donald Trump per prendere il posto di Rex Tillerson.

Trump e Abe uniti sulla Corea del Nord ma non sul commercio

Il presidente americano lascia i dazi su acciaio e alluminio giapponesi e resta contrario alla Tpp, a meno che non gli sia proposto un accordo "che non posso rifiutare". Lui preferisce intese bilaterali
AP

Uniti in favore della denuclearizzazione della Corea del Nord. Divisi, ma in modo apparentemente amichevole, sul commercio. E' terminato così il summit in Florida tra il presidente americano Donald Trump e il premier giapponese Shinzo Abe.

Fmi: Gaspar, ecco come l'Italia deve gestire entrate e spesa pubblica

Ridurre cuneo fiscale e sgravi, alzare l'Iva, riformare il catasto, contenere la spesa pensionistica e migliorare l'efficienza di quella sanitaria

Mentre l'Italia è alle prese con la formazione del prossimo governo, da Washington arrivano suggerimenti su come gestire al meglio i conti pubblici e fare imboccare al debito una strada esclusivamente in discesa. E' il Fondo monetario internazionale a fornire quella che negli Stati Uniti chiamano 'to-do list', la lista delle cose da fare. Ad averla descritta è Vitor Gaspar, direttore del dipartimento degli Affari fiscali dell'istituto guidato da Christine Lagarde.

Le aziende Usa alle Fed: i dazi di Trump preoccupano

Balzo notevole dei prezzi dell'acciaio. Per alcuni le tariffe "stanno uccidendo" aziende e posti di lavoro

Saranno anche "in generale ottimiste" sull'outlook americano, ma le aziende americane sembrano temere l'effetto negativo dato dai dazi che l'amministrazione Trump ha introdotto (su pannelli solari, lavatrici, acciaio e alluminio) o che si prepara a fare scattare su una vasta gamma di prodotti Made in China. E' quanto emerge dal Beige Book della Federal Reserve, in base al quale l'economia statunitense ha continuato a espandersi a un passo tra il "modesto" e il "moderato" tra marzo e l'inizio di aprile.

Trump non ha una strategia in Siria. E il Congresso è diviso su come agire

Lascia aperta la possibilità di un nuovo attacco, ma in realtà i generali sono molto preoccupati per l'assenza di un disegno nella regione
AP

Il presidente americano Donald Trump ha commentato i bombardamenti contro il regime di Bashar al Assad come una "missione compiuta". Nonostante questo ha lasciato aperta la possibilità di nuovi attacchi nelle prossime settimane, se Damasco dovesse continuare a usare armi chimiche.

Fmi lancia allarme: debito globale oltre il record del 2009, Cina fa da capofila

Nelle economie avanzate è ai massimi dalla Seconda guerra mondiale. In quelle emergenti è al top degli anni '80