Fca: con Portal dà un assaggio di una futura auto autonoma

Presentato al Ces di Las Vegas un concetto di auto elettrica pensato per i millennials: rappresenta la "quinta generazione" del trasporto per la famiglia

Un anno dopo il lancio della Chrysler Pacifica - definita "il nuovo benchmark dei minivan", un segmento inventato 30 anni fa dalla ex Chrysler - Fiat Chrysler Automobiles intende nuovamente ridefinire il trasporto per una famiglia. Lo fa puntando sulla "interpretazione della prossima generazione di veicoli" - quelli pensati per i Millennials ossia i nati tra il 1982 e il 2001 - e dando un assaggio di quella che potrebbe essere la futura auto autonoma.

Il gruppo guidato da Sergio Marchionne ieri ha presentato per la prima volta una vettura al Consumer Electronics Show a Las Vegas (Nevada): si chiama Chrysler Portal, è elettrica e semi autonoma ma per il momento è un concetto che comunque aiuta a intuire la traiettoria che Fca intende imboccare.

Presentazione alla Apple
In una presentazione di quasi mezz'ora in stile Apple, i volti più giovani del gruppo sono saliti sul palco per descrivere le caratteristiche della "quinta generazione" del trasporto per la famiglia dopo quelle date da minivan, Suv, crossover e station wagon.

Come spiegato da Ashley Edgar, ingegnere del concetto Portal, "nei prossimi 10 anni i millennials rappresenteranno un terzo della popolazione che guida" e siccome avranno figli avranno bisogno di un veicolo "per la famiglia".

Cindy Juette, interior design di Fca, ha parlato di un "terzo spazio" offerto da Portal, quello in cui si vive trasferendosi dalla casa all'ufficio: "Invece di pensare all'interno di un veicolo ci siamo concentrati su un moderno spazio architettonico, una galleria immersa nella luce naturale, aperta, spaziosa. Semplicemente un bel posto dove essere" e che offre flessibilità a seconda delle esigenze.

Emilio Feliciano, user experience per il concetto Portal, ha spiegato che in un mondo pieno di tecnologia, "il trucco sta nel trovare modi per usare la tecnologia per rendere la vita migliore dentro e fuori un'auto". Per lui, Portal è un "veicolo che funziona come un hub perché tutti cercano di arrivare da qualche parte fisicamente o socialmente".

Matt Dunford, exterior designer di Fca, ha detto di essersi ispirato all'architettura delle case e in particolare agli ingressi "principalmente perché l'esperienza di design inizia quando si attraversa una porta". E la portiera di Portal è scorrevole e posta al centro del lato della vettura "invitando naturalmente a entrarvi". E' inoltre dotata sui bordi di luci colorate che possono essere utili per comunicare: "Immaginiamo che un vostro amico vi sta aspettando in un parcheggio pieno; con un semplice messaggio potete dirgli di cercare una portiera verde".

Il commento degli esperti
"Portal è la prima indicazione dell'approccio potenziale di Fca verso quello che sarà lo spazio interno di un veicolo autonomo", ha detto a Wired Stephanie Brinley, analista per Ihs. Secondo l'esperta, "c'è un uso intelligente della tecnologia per creare uno spazio che contribuisce a condividere e allo stesso tempo a consumare individualmente contenuti". Per Brinley l'interior design di Portal "offre soluzioni ben pensate per integrare in modo significativo l'Internet delle cose nei veicoli".

Stando ad altri osservatori, Portal permette all'azienda di entrare nel dibattito sulle tecnologie per l'efficienza energetica, un campo in cui era giudicata come la meno preparata per fare i conti con le regolamentazioni volute dal presidente americano uscente Barack Obama. Forse non a caso il titolo Fca ha guadagnato il 29% dalla vittoria alle elezioni di Donald Trump archiviando il 2016 a 9,12 dollari, massimi di fine 2015: il 45esimo presidente Usa potrebbe smantellare parte di quei provvedimenti. Nello stesso arco temporale Ford è salito del 5,7% e Gm di circa il 10%. Nella seduta di ieri Fca ha aggiunto il 4,71% a 9,55 dollari e nel dopo mercato il titolo ha aggiunto quasi l'1%.

Altri Servizi

Alphabet: i conti tengono nonostante la fuga degli inserzionisti da YouTube

Utili in rialzo del 29% nel primo trimestre e ricavi in aumento del 22%. Il cost-per-clickè sceso del 21% sui siti Google
Shutterstock

Alphabet ha chiuso il suo primo trimestre fiscale con utili per 5,43 miliardi, in rialzo dai 4,2 miliardi dello stesso periodo del 2016 (+29%). Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono passati a 7,73 dollari da 6,02 dollari ma gli analisti si aspettavano quota 7,39 dollari. I ricavi sono aumentati del 22% a 24,75 miliardi, oltre le attese per 24,22 miliardi.

Amazon: nel primo trimestre, utili e ricavi cresciuti più delle stime

La divisione di cloud computing continua a premiare. Svelate per la prima volta le vendite associate alla logistica. Nuovo record per il titolo del gruppo
AP

Amazon ha chiuso il primo trimestre del 2017 con utili saliti annualmente del 41% e ricavi in aumento del 23% superando le stime degli analisti.

Il legname canadese nel mirino di Trump, gli Usa vogliono dazi al 20%

Dopo le proteste dei produttori di latte Usa per la politica dei prezzi di Ottawa, Washington apre un nuovo fronte nella guerra contro i prodotti provenienti dall'estero. Il governo canadese: "Decisione iniqua e punitiva"

Donald Trump apre un nuovo fronte nella guerra commerciale contro i prodotti provenienti dall'estero venduti negli Stati Uniti. Il bersaglio questa volta è il legname canadese, per il quale la Casa Bianca è pronta a introdurre un dazio punitivo del 20 per cento sulle importazioni (la media di un intervallo che va dal 3% al 24%). La decisione è preliminare: ne ha parlato lo stesso presidente americano ieri durante un incontro con i giornalisti delle testate d'ispirazione conservatrice; la notizia è stata confermata in una intervista al Wall Street Journal dal segretario al Commercio Wilbur Ross.

Riforma sanitaria Usa, dai conservatori un 'sì' a Trump

I membri del Freedom Caucus approvano le modifiche, dopo il 'no' che aveva costretto i repubblicani a ritirare la proposta di legge lo scorso 24 marzo, in assenza del sostegno necessario
AP

Il Freedom Caucus, il gruppo di deputati conservatori responsabile, insieme ad alcuni moderati, della bocciatura alla Camera della riforma sanitaria dell'amministrazione Trump per sostituire l'Obamacare, ha approvato le modifiche alla proposta di legge. Lo speaker della Camera, Paul Ryan, ha dichiarato che gli emendamenti "ci aiutano a ottenere consensi", ma non ha detto quanto i repubblicani siano vicini al numero di voti necessario per far approvare la riforma alla Camera.

O'Sullivan a Trump: senza Europa, niente America Great Again

L'ambasciatore Ue negli Stati Uniti, da New York, critica il focus dell'amministrazione Usa sugli accordi bilaterali e sui deficit commerciali. Il presidente americano non è cheerleader dell'integrazione Ue ma ha bisogno di Vecchio Continente prospero

In un'Europa in cui c'è una "rinnovata attività economica", c'è anche una diffusa convinzione che "il libero commercio e gli accordi commerciali messi a punto bene diano benefici". E pur non sottovalutando gli effetti collaterali della globalizzazione e i problemi che ancora ci sono nell'Unione europea come la disoccupazione giovanile alta, le prospettive sono finalmente "incoraggianti". Ne è convinto David O'Sullivan, l'ambasciatore Ue negli Stati Uniti che ha presentato la Ue come "il blocco commerciale più aperto e libero al mondo" e che scherzosamente ha aperto una ristretta colazione di lavoro a New York dicendo che "il mondo non è finito con l'elezione di Donald Trump" alla presidenza americana.

Dal muro con il Messico alla riforma fiscale: i primi 100 giorni di Trump

Un periodo trascorso tra promesse, polemiche, contraddizioni e contrapposizioni. Tra i momenti più importanti, il record del Dow Jones, la bocciatura della riforma sanitaria alla Camera, gli screzi con gli alleati della Nato, i missili lanciati in Siria

Sabato 29 aprile, sarà il centesimo giorno di Donald Trump alla Casa Bianca. Un periodo che, di solito, permette di dare un primo giudizio sul lavoro, in questo caso, del 45esimo presidente degli Stati Uniti. Un periodo ricco di eventi, notizie, polemiche, contraddizioni e contrapposizioni, a Washington e nel resto del Paese.

Trump promette taglio tasse corporate al 15%, resta nodo coperture. Mnuchin: riforma storica

Si rispolvera la teoria che l'economista Arthur Laffer aveva delineato nel 1974: i tagli delle tasse si "pagheranno" da soli con la crescita economica innescata dalla riduzione fiscale.

La tanto attesa proposta di Donald Trump sulla riforma fiscale americana sarà presentata oggi, attorno alle 19.30 italiane. Qualche dettaglio, confermato per altro dal segretario al Tesoro Steven Mnuchin durante un evento a Washington, si sa già: il presidente proporrà un alleggerimento della tassazione dei profitti generati all'estero e una riduzione dell'aliquota corporate dal 35 al 15%, un taglio maggiore di quello al 28% ipotizzato, senza successo, da Barack Obama e di quello al 25% suggerito dai repubblicani nel 2014.

Pagato dalla Russia, il Pentagono apre un'indagine su Flynn

Ha ricevuto denaro senza autorizzazione dell'esercito come generale in pensione. Si intensificano le polemiche sull'ex consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente Trump, dimessosi dopo meno di un mese dal suo giuramento

Il Pentagono Usa ha aperto un'indagine interna volta a verificare possibili violazioni della legge da parte di Michael Flynn, l'ex consigliere per la Sicurezza nazionale di Donald Trump. Nel mirino ci sono pagamenti ricevuti per le sue attività di consulenza e lobbying in Russia e in Turchia svolte dopo aver lasciato l'esercito. Lo si apprende da documenti resi pubblici da membri democratici del Congresso.