Fca gioca d'anticipo su Trump: investirà 1 miliardo di dollari in Usa

Si punta alla riconversione e all'ammodernamento di due impianti in Michigan e in Ohio che garantiranno 2.000 posti di lavoro

Alla vigilia dell'apertura del Salone dell'auto di Detroit, Fiat Chrysler Automobiles ha giocato d'anticipo sul presidente eletto Donald Trump annunciando un investimento da 1 miliardo di dollari e la creazione di 2.000 posti di lavoro in Usa. Continuano così gli sforzi del gruppo per aumentare la capacità produttiva in Usa di truck e Suv con lo scopo di stare al passo con la domanda e per rafforzare la base manifatturiera in Usa: dal 2009 gli investimenti dell'azienda hanno superato i 9,6 miliardi di dollari con la creazione di 25mila posti di lavoro. A luglio Fca aveva comunicato un investimento da quasi 1,5 miliardi  nell'impianto di assemblaggio a Sterling Heights (Michigan, dedicato alla prossima generazione del Ram) e di oltre un miliardo per i suoi impianti di assemblaggio a Belvidere (Illinois) e a Toledo (Ohio) centrati sul Suv a marchio Jeep. L'ultimo investimento permetterà la riconversione e l'ammodernamento di due impianti, uno a Warren (Michigan) e uno a Toledo (Ohio).

Nel comunicato stampa rilasciato da Fca è stato specificato che i lavori previsti in uno dei due impianti, quello di Warren, consentiranno all’azienda di produrre il pesante pick-up Ram che attualmente viene prodotto nell'impianto di Saltillo, in Messico (dove comunque la produzione non verrà interrotta), ma anche nuove versioni di Jeep Wagoneer e di Grand Wagoneer (in vendita l'ultima volta nel 1991; gli analisti si aspettano un prezzo di 100mila dollari, cosa che lo renderebbe un rivale di Ranger Rover e altri Suv di lusso). Nell'impianto sud di Toledo nascerà un nuovo pickup track a marchio Jeep: da tempo oggetto di rumor, conferma l'intenzione di Fca di volere sfruttare la popolarità crescente del marchio per accaparrarsi una fetta maggiore di una delle categorie di prodotto più redditizie.

Si tratta di un annuncio importante che arriva a distanza di pochi giorni dal botta e risposta che ha interessato tre grandi produttori (Gm, Ford e Toyota) e Donald Trump. Motivo delle controversie sono state le minacce del presidente eletto di imporre dazi doganali alti a coloro che produrranno in Messico auto destinate al mercato americano. Gm e Toyota hanno risposto che non cambieranno i propri piani mentre Ford ha fatto marcia indietro bloccando un investimento da 1,6 miliardi per la creazione di un nuovo impianto oltre confine.

La mossa "è una continuazione degli sforzi già in atto per aumentare la capacità produttiva negli Usa così da soddisfare la domanda di Suv e fuoristrada", ha detto il Ceo Sergio Marchionne nel comunicato aggiungendo che sarebbe utile consolidare negli Stati Uniti "un centro di produzione globale" per i suoi marchi di punta. La società non ha comunque specificato con che percentuale investirà i soldi nei due impianti né tanto meno quanti dei duemila nuovi posti di lavoro sono destinati ad uno o all'altro.

Altri Servizi

Afghanistan, la 'superbomba' ha ucciso 36 miliziani dell'Isis. Il generale Nicholson: "Scelta puramente tattica"

La GBU-43 è stata usata per la prima volta sul campo di battaglia. Soddisfatto il presidente Trump: "Un'altra missione di successo"

Il comandante delle forze statunitensi in Afghanistan ha detto che la decisione di usare in Afghanistan la 'superbomba' GBU-43, conosciuta con l'acronimo MOAB, è stata "puramente tattica". "Era la giusta arma per l'obiettivo giusto" ha commentato il generale John Nicholson, parlando durante una conferenza stampa a Kabul.

Tribunale federale ferma esecuzione sei sentenze capitali in Arkansas

Sarebbero le prime dal 2005. Erano previste nell'arco di dieci giorni. Disappunto della procura generale dello Stato: tentativi di ostacolare la giustizia.

Lo Stato dell'Arkansas non potrà portare avanti le sei esecuzioni capitali in dieci giorni, previste a partire dal 17 aprile. Un giudice federale ha infatti imposto la sospensione di quello che sarebbe stato un numero senza precedenti per un arco di tempo così breve nella storia moderna degli Stati Uniti.

Il produttore dei cracker Ritz alla ricerca di un nuovo Ceo

Pressing su Mondelez da parte degli investitori attivisti, che vogliono un rilancio di vendite, margini e valore del titolo in Borsa. Indiscrezione del Wsj

All'interno di Mondelez International è partita la ricerca di un nuovo amministratore delegato; è il segno della pressione esercitata sul produttore di biscotti Oreo e cracker Ritz da parte di investitori attivisti che chiedono un cambio di rotta per risollevare le vendite, i margini e anche il valore del titolo in borsa.

Trascinato di peso fuori da un volo in overbooking. Polemiche su United

E' la stessa compagnia aerea che aveva impedito a due ragazze di fare boarding perché indossavano leggings. Mea culpa del Ceo
United

Negli Stati Uniti è esplosa un'altra polemica contro United Continental. A quella del 26 marzo, innescata per avere impedito a due ragazze che indossavano leggings di salire a bordo di un suo aereo, si è aggiunta quella alimentata da un video che non lascia dubbi: un passeggero seduto al suo posto sull'aereo è stato prelevato di peso e trascinato con la forza lungo il corridoio e riportato al terminal dell'aeroporto internazionale di Chicago. Il motivo? Il volo era in overbooking.

Afghanistan, Usa hanno lanciato la più grande bomba non nucleare. Trump: un'altra missione di successo

La MOAB è stata usata per la prima volta sul campo di battaglia. Usata contro tunnel dello Stato islamico

Le forze statunitensi hanno lanciato in Afghanistan la più grande bomba non nucleare. Dopo che fonti militari avevano rivelato la notizia a Cnn, la conferma è poi arrivata dalla Casa Bianca: per il presidente Donald Trump si tratta di "un'altra missione di successo". Una GBU-43 Massive Ordnance Air Blast Bomb (MOAB), definita informalmente la "madre di tutte le bombe" (Mother Of All Bombs) è stata sganciata oggi intorno alle 19:30, ora locale. Per la prima volta una MOAB è stata usata sul campo di battaglia. Si tratta di un ordigno sviluppato durante la guerra in Iraq, dal peso di 21.600 libre e dalla lunghezza di 30 piedi guidato con sistema satellitare.

Apple lancia la sfida sulle vetture autonome, ottiene via libera ai test in California

Entra nella lista di società che hanno ricevuto le autorizzazioni dal California Department of Motor Vehicles, che già aveva dato il via libera a colossi come Tesla, Uber, Nvidia e Alphabet

Apple entra ufficialmente nella competizione per lo sviluppo di vetture senza conducente. Il colosso di Cupertino ha ricevuto dallo stato della California i permessi necessari per cominciare i test sui veicoli autonomi.

Il professore "veggente" che aveva previsto la vittoria di Trump ora ne anticipa l'impeachment

In un libro in uscita nei prossimi giorni, Allan Lichtman, studioso dell'American University, pronostica l'impeachment del magnate repubblicano e il passaggio di consegne al vicepresidente Mike Pence
AP

Wells Fargo verso il faccia a faccia con gli azionisti: traballa poltrona vari membri Cda

Gli investitori alla società un deciso cambio di rotta dopo lo scandalo dei 2,1 milioni di conti fantasma creati ad arte per centrare gli obiettivi sulle vendite e costato una multa da 185 milioni di dollari.
Wells Fargo

Tensione Usa-Corea del Nord alle stelle. Pyongyang pronta a rispondere a guerra totale

Ma dopo l'intensa attività diplomatica delle ultime ore il test nucleare nordcoreano ipotizzato per oggi, proprio in occasione dell'anniversario della nascita di Kim il-Sung, non c'è stato.

Fusione tra Abbott Laboratories e Alere si farà, ma con un prezzo più basso

Abbott pagherà 51 dollari per azione, meno dei 56 dollari inizialmente ipotizzati, ovvero un totale di 4,44 miliardi di dollari, meno dei quasi 5 miliardi originali.