Fca gioca d'anticipo su Trump: investirà 1 miliardo di dollari in Usa

Si punta alla riconversione e all'ammodernamento di due impianti in Michigan e in Ohio che garantiranno 2.000 posti di lavoro

Alla vigilia dell'apertura del Salone dell'auto di Detroit, Fiat Chrysler Automobiles ha giocato d'anticipo sul presidente eletto Donald Trump annunciando un investimento da 1 miliardo di dollari e la creazione di 2.000 posti di lavoro in Usa. Continuano così gli sforzi del gruppo per aumentare la capacità produttiva in Usa di truck e Suv con lo scopo di stare al passo con la domanda e per rafforzare la base manifatturiera in Usa: dal 2009 gli investimenti dell'azienda hanno superato i 9,6 miliardi di dollari con la creazione di 25mila posti di lavoro. A luglio Fca aveva comunicato un investimento da quasi 1,5 miliardi  nell'impianto di assemblaggio a Sterling Heights (Michigan, dedicato alla prossima generazione del Ram) e di oltre un miliardo per i suoi impianti di assemblaggio a Belvidere (Illinois) e a Toledo (Ohio) centrati sul Suv a marchio Jeep. L'ultimo investimento permetterà la riconversione e l'ammodernamento di due impianti, uno a Warren (Michigan) e uno a Toledo (Ohio).

Nel comunicato stampa rilasciato da Fca è stato specificato che i lavori previsti in uno dei due impianti, quello di Warren, consentiranno all’azienda di produrre il pesante pick-up Ram che attualmente viene prodotto nell'impianto di Saltillo, in Messico (dove comunque la produzione non verrà interrotta), ma anche nuove versioni di Jeep Wagoneer e di Grand Wagoneer (in vendita l'ultima volta nel 1991; gli analisti si aspettano un prezzo di 100mila dollari, cosa che lo renderebbe un rivale di Ranger Rover e altri Suv di lusso). Nell'impianto sud di Toledo nascerà un nuovo pickup track a marchio Jeep: da tempo oggetto di rumor, conferma l'intenzione di Fca di volere sfruttare la popolarità crescente del marchio per accaparrarsi una fetta maggiore di una delle categorie di prodotto più redditizie.

Si tratta di un annuncio importante che arriva a distanza di pochi giorni dal botta e risposta che ha interessato tre grandi produttori (Gm, Ford e Toyota) e Donald Trump. Motivo delle controversie sono state le minacce del presidente eletto di imporre dazi doganali alti a coloro che produrranno in Messico auto destinate al mercato americano. Gm e Toyota hanno risposto che non cambieranno i propri piani mentre Ford ha fatto marcia indietro bloccando un investimento da 1,6 miliardi per la creazione di un nuovo impianto oltre confine.

La mossa "è una continuazione degli sforzi già in atto per aumentare la capacità produttiva negli Usa così da soddisfare la domanda di Suv e fuoristrada", ha detto il Ceo Sergio Marchionne nel comunicato aggiungendo che sarebbe utile consolidare negli Stati Uniti "un centro di produzione globale" per i suoi marchi di punta. La società non ha comunque specificato con che percentuale investirà i soldi nei due impianti né tanto meno quanti dei duemila nuovi posti di lavoro sono destinati ad uno o all'altro.

Altri Servizi

Jackie Evancho: "Trump, ascolta mia sorella transgender"

La cantante, che si è esibita alla cerimonia d'inaugurazione del presidente, contro l'abolizione delle linee guida voluta da Obama per permettere agli studenti di usare i bagni secondo l'identità di genere

Jackie Evancho, che ha cantato l'inno nazionale statunitense all'inaugurazione del presidente, lo scorso 20 gennaio, ha chiesto a Donald Trump di sedersi a un tavolo con lei e la sorella transgender per parlare dei problemi degli studenti che lottano per il riconoscimento dell'identità di genere.

Rapporti Messico-Usa: Trump smentisce la sua amministrazione

Mentre il segretario di Stato e il segretario alla sicurezza nazionale sono in viaggio nel paese per ricucire le distanze, il presidente Usa va avanti con la sua retorica: "Useremo l'esercito per fermare l'immigrazione illegale"

Sembra che tra Donald Trump e due membri fondamentali della sua amministrazione non ci sia qualcosa che non funziona. Oggi infatti, il segretario di Stato, Rex Tillerson, e il segretario per la sicurezza interna, John Kelly, hanno tenuto una conferenza stampa in Messico, dopo l'incontro con le loro controparti nel Paese. Kelly ha sottolineato che le questioni legate all'immigrazione non saranno risolte con l'uso dell'esercito" e allo stesso tempo che non ci sarà "alcuna deportazione di massa".

Mnuchin: riforma fiscale entro agosto, crescita a +3% nel breve termine

Il nuovo segretario al Tesoro ha parlato al Wall Street Journal e a Cnbc, le prime interviste da quando la nomina voluta dal presidente Donald Trump è stata confermata dal Senato
Wikimedia Commons

Riforma fiscale entro agosto e un'accelerata della crescita economica a livelli che non si vedono da oltre dieci anni. Sono questi gli obiettivi ambiziosi fissati dal nuovo segretario al Tesoro Steven Mnuchin, che ha parlato al Wall Street Journal e a Cnbc, le prime interviste da quando la nomina voluta dal presidente Donald Trump è stata confermata dal Senato la settimana scorsa. "La riforma è la priorità numero uno" e "ci impegnamo a metterla a punto e a completarla entro agosto", ha detto, sottolineando che la crescita lenta è un'anomalia ed è soprattutto il risultato delle politiche dell'amministrazione Obama, che possono essere modificate e abrogate.

La Fed segnala un rialzo dei tassi "relativamente presto"

Una stretta a marzo resta possibile. Incertezza legata ai cambiamenti della politica fiscale di Trump. Lanciato un avvertimento: gli stimoli e i tagli alle tasse promessi "potrebbero non materializzarsi"

Forse un rialzo dei tassi nella riunione di marzo non ci sarà ma di sicuro verrà preso in considerazione. E' questo il messaggio che emerge dai verbali pubblicati oggi dalla Federal Reserve e relativi al meeting del 31 gennaio e primo febbraio scorsi. Allora molti membri del braccio di politica monetaria dell'istituto centrale americano dissero che potrebbe essere "appropriato" aumentare di nuovo il costo del denaro "relativamente presto". Cosa ciò significhi non è dato sapere ma chiaramente la Fed vuole preparare il mercato una possibile stretta futura.

P&G: tagliatevi la barba, noi tagliamo i prezzi

Il colosso dei beni al consumo spinge in Usa sul marchio di lamette Gillette. Sconti fino al 20% per riconquistare i consumatori

Nella guerra delle lamette in corso in Usa, Procter & Gamble affila le armi. Il colosso dei beni al consumo punta a recuperare quota di mercato attraverso una drastica riduzione dei prezzi del marchio Gillette. A partire da aprile, il taglio arriverà fino al 20% a seconda delle qualità e della confezione del prodotto. In media la riduzione del prezzo sarà a "doppia cifra", ha dichiarato Jon Moeller, direttore finanziario di P&G, durante l'annuale Consumer Analysts Group di New York.

Scoperti sette pianeti simili alla Terra

Ruotano introno alla stella TRAPPIST-1 e sono abbastanza vicini al nostro sistema solare. Potrebbero ospitare acqua allo stato liquido e forse anche la vita

La scoperta di oggi della NASA non solo ci dà la possibilità di sognare, ma potrebbe essere l'inizio di uno studio per capire se esiste la vita all'esterno della Terra. L'agenzia spaziale americana ha annunciato che un team internazionale di scienziati ha scoperto un sistema di sette pianeti rocciosi, di dimensioni simili alla Terra che ruotano attorno a una stella nana, TRAPPIST-1.

Tiffany: l'italiano Trapani entra nel cda

L'ex Ceo di Bulgari aiuterà nella ricerca del nuovo amministratore delegato della catena americana di gioiellerie

La catena di gioiellerie Tiffany ha siglato un accordo con l'investitore attivista Jana Partners in base al quale aggiungerà tre direttori indipendenti nel suo consiglio di amministrazione, che sarà composto da 13 persone e non più 10. Tra di loro, non più tardi dei sei marzo prossimo ci sarà anche l'italiano Francesco Trapani, ex Ceo di Bulgari.

ll tasso di approvazione per Trump è crollato al 38%

Sondaggio della Quinnipiac University mette in risalto una sonora bocciatura per il nuovo presidente. Le rilevazioni dei vari istituti mostrano differenze notevoli: per Rasmussen è al 51%

Il tasso di approvazione per il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, continua a scendere, secondo i sondaggi della Quinnipiac University. Dall'ultima rilevazione emerge che solo il 38% degli americani approva l'operato del nuovo presidente, mentre il 55% lo boccia. La differenza di 17 punti è la peggiore registrata dal suo ingresso alla Casa Bianca, il 20 gennaio.

Usa: il segretario al Tesoro brinda al dollaro forte

Per Mnuchin, intervistato dal Wall Street Journal, è il segno della fiducia nell'economia americana. Il presidente Trump aveva detto che il biglietto verde è "troppo forte"
Wikimedia Commons

Nella sua prima intervista da quando è diventato segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin ha detto che un dollaro forte è il segno della fiducia nell'economia Usa. Le sue parole contrastano con quelle del presidente Donald Trump, che aveva detto che la divisa Usa è "troppo forte".

Amministrazione Trump "molto delusa" per l'estradizione di de Sousa

L'ex agente della Cia condannata per il rapimento di Abu Omar sarà consegnata dal Portogallo all'Italia, dove deve scontare una pena di 4 anni. Sarebbe la prima a 'pagare' per il programma delle 'extraordinary renditions' degli Stati Uniti

L'amministrazione Trump è "profondamente delusa" per l'imminente estradizione di Sabrina de Sousa, l'ex agente della Cia condannata dal Tribunale di Milano per il rapimento di Abu Omar, che sarà consegnata dal Portogallo alle autorità italiane nei prossimi giorni.