Fca gioca d'anticipo su Trump: investirà 1 miliardo di dollari in Usa

Si punta alla riconversione e all'ammodernamento di due impianti in Michigan e in Ohio che garantiranno 2.000 posti di lavoro

Alla vigilia dell'apertura del Salone dell'auto di Detroit, Fiat Chrysler Automobiles ha giocato d'anticipo sul presidente eletto Donald Trump annunciando un investimento da 1 miliardo di dollari e la creazione di 2.000 posti di lavoro in Usa. Continuano così gli sforzi del gruppo per aumentare la capacità produttiva in Usa di truck e Suv con lo scopo di stare al passo con la domanda e per rafforzare la base manifatturiera in Usa: dal 2009 gli investimenti dell'azienda hanno superato i 9,6 miliardi di dollari con la creazione di 25mila posti di lavoro. A luglio Fca aveva comunicato un investimento da quasi 1,5 miliardi  nell'impianto di assemblaggio a Sterling Heights (Michigan, dedicato alla prossima generazione del Ram) e di oltre un miliardo per i suoi impianti di assemblaggio a Belvidere (Illinois) e a Toledo (Ohio) centrati sul Suv a marchio Jeep. L'ultimo investimento permetterà la riconversione e l'ammodernamento di due impianti, uno a Warren (Michigan) e uno a Toledo (Ohio).

Nel comunicato stampa rilasciato da Fca è stato specificato che i lavori previsti in uno dei due impianti, quello di Warren, consentiranno all’azienda di produrre il pesante pick-up Ram che attualmente viene prodotto nell'impianto di Saltillo, in Messico (dove comunque la produzione non verrà interrotta), ma anche nuove versioni di Jeep Wagoneer e di Grand Wagoneer (in vendita l'ultima volta nel 1991; gli analisti si aspettano un prezzo di 100mila dollari, cosa che lo renderebbe un rivale di Ranger Rover e altri Suv di lusso). Nell'impianto sud di Toledo nascerà un nuovo pickup track a marchio Jeep: da tempo oggetto di rumor, conferma l'intenzione di Fca di volere sfruttare la popolarità crescente del marchio per accaparrarsi una fetta maggiore di una delle categorie di prodotto più redditizie.

Si tratta di un annuncio importante che arriva a distanza di pochi giorni dal botta e risposta che ha interessato tre grandi produttori (Gm, Ford e Toyota) e Donald Trump. Motivo delle controversie sono state le minacce del presidente eletto di imporre dazi doganali alti a coloro che produrranno in Messico auto destinate al mercato americano. Gm e Toyota hanno risposto che non cambieranno i propri piani mentre Ford ha fatto marcia indietro bloccando un investimento da 1,6 miliardi per la creazione di un nuovo impianto oltre confine.

La mossa "è una continuazione degli sforzi già in atto per aumentare la capacità produttiva negli Usa così da soddisfare la domanda di Suv e fuoristrada", ha detto il Ceo Sergio Marchionne nel comunicato aggiungendo che sarebbe utile consolidare negli Stati Uniti "un centro di produzione globale" per i suoi marchi di punta. La società non ha comunque specificato con che percentuale investirà i soldi nei due impianti né tanto meno quanti dei duemila nuovi posti di lavoro sono destinati ad uno o all'altro.

Altri Servizi

Le pmi toscane fanno sistema nel Consorzio Vasari per conquistare gli Usa

Una strategia a lungo termine che ha debuttato con la fiera Florence in New York

Far conoscere le piccole e medie aziende della Toscana sul mercato statunitense, dove da sole potrebbero non avere i mezzi per farsi strada. E' questo l'obiettivo di Consorzio Vasari, nato proprio per sostenere l'internazionalizzazione delle pmi locali che dalla loro hanno la sapienza e l'esperienza nella creazione di prodotti di qualità che vogliono portare Oltreoceano. Sostenuto dal bando "Porfesr 2014-2020" della Regione, il consorzio ha fatto il suo debutto con Florence in New York, una fiera di tre giorni che si è conclusa a Manhattan e che di questo viaggio rappresenta soltanto l'inizio.

Il prossimo movimento populista? Per Bank of America può essere “Occupy Silicon Valley”

La banca traccia un parallelo con il movimento che nel 2011 voleva ‘occupare’ Wall Street: cresce il divario tra gli americani che si sentono economicamente indietro e la corsa dei giganti tech
iStock

Il viaggio di Trump in Israele: pace in Medio Oriente e lotta all'Iran

Continua la prima trasferta del presidente americano, che domani vedrà il presidente della Palestina, Mahmoud Abbas. Più volte attacca Teheran, che definisce una minaccia alla stabilità della regione
AP

Trump: "La pace in Medio Oriente è tra gli accordi più duri, ma sento che ci arriveremo"

Il presidente Usa in Israele, seconda tappa del suo primo tour all'estero. Prosegue il suo sforzo per isolare l'Iran

La guida di Ford passa a Jim Hackett, un esperto di turnaround

Prende il posto di Mark Fields, che esce dal gruppo dopo 28 anni. Dal marzo 2016 si occupava della divisione centrata sulla guida autonoma. Ha rilanciato il produttore di mobili per uffici Steelcase e un team universitario di football
Jim Hackett Ford Motor

Trump al Muro del Pianto, il presidente Usa cerca l'unità tra le religioni

È la prima visita di un presidente Usa in carica. Una visita privata, senza il premier Netanyahu, per evitare polemiche e non complicare la strada verso un nuovo negoziato di pace
AP

Trump a Gerusalemme. Il presidente Usa vuole risolvere il conflitto tra israeliani e palestinesi e accusa l'Iran

Lasciata l'Arabia Saudita, il capo di Stato prosegue il suo tour tra Medio Oriente ed Europa. "Legame con Israele indistruttibile. Abbiamo l'opportunità di portare stabilità, sicurezza e pace in questa regione e di sconfiggere il terrorismo"

Ford cambia Ceo: fuori Fields, promosso Hackett

Gruppo messo sotto pressione dagli investitori
Ford Motor

Wall Street, attenzione rivolta al primo viaggio all'estero di Trump

Il presidente degli Stati Uniti è arrivato in Israele, dopo la tappa in Arabia Saudita
AP

Russiagate: i repubblicani si allontanano da Trump

Nonostante non lo facciano ancora in modo esplicito si vedono i primi segnali di tensione. Al centro del malessere il tentativo del presidente di influenzare l'inchiesta sulla Russia