Fca: Marchionne conferma i target al 2018, non sono fantasmagorici

Il Ceo promette un'azienda senza debiti e con una redditività migliore. Scorporo Alfa e Maserati non nei piani. Magneti Marelli "non essenziale" per il gruppo. Avanti a lavorare con Google sui veicoli autonomi. Il piano di successione procede

Detroit - Sergio Marchionne è stato categorico: la cosa più importante è raggiungere gli obiettivi del piano industriale al 2018, che è "sacro". E' questo quello su cui l'amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles intende concentrarsi per liberare l'azienda dal debito e migliorarne la redditività.

Merger? Non inseguiamo nessuno
E nessuno lo può distrarre, tanto meno le ipotesi di una fusione perché lui "non sta inseguendo nessuno, sono stato respinto [da General Motors] e ora non stiamo guardando a nulla". L'idea di un consolidamento per lui necessario - così come descritto nell'aprile 2015 nelle sue 'Confessions of a capital junkie', confessioni di un drogato di capitale - "era valida nel 2015, lo era nel 2016 e lo è ancora ma nessuno ha voluto danzare e la musica si è fermata". Eppure il manager italo-americano ha precisato: "Per quel poco che capisco" un matrimonio tra il suo gruppo e quello guidato da Mary Barra "potrebbe piacere" a Donald Trump (oltre che a lui stesso visto che nel gruppo numero uno in Usa vedeva un partner ideale).

Scorporo Alfa e Maserati non è nei piani. Magneti Marelli non essenziale per Fca
Quanto alle discussioni con partner potenziali per la produzione di berline, "restano aperte ma non abbiamo trovato una proposta interessante sia dal punto di vista dell'architettura sia dei costi". Quello delle berline è un segmento poco promettende che ha portato a dicembre allo stop alla produzione della Chrysler 200 e del Dodge Dart, auto che a sua detta sono state "le meno gratificanti finanziariamente parlando degli ultimi otto anni". E uno spin off di Alfa Romeo e Maserati da Fca non è nei piani. Quando alla cessione di Magneti Marelli, Marchionne ha spiegato che "la domanda è se è essenziale per Fca. La risposta è no".

Si continua a lavorare con Google. No alla Silicon Valley in Michigan
Mentre certe discussioni sono tramontate, altre invece continuano. E' il caso di quelle con Google e altri fornitori di tecnologia per veicoli autonomi. Comunque sia, Marchionne "non intende ricreare la Silicon Valley in Michigan, prima di tutto perché fa troppo freddo e soprattutto ci sono cose che succedono nella Silicon Valley che non posso ricreare in Michigan".

A chi gli ha fatto notare che Gm e Ford stanno investendo nell'auto autonoma mentre Fca ha scelto di unirsi in partnership a Waymo (il progetto della self driving car scorporata da Google dalla controllante Alphabet), Marchionne ha detto: "Non facciamo tanto rumore ma stiamo investendo, il nostro staff cresce, stiamo reclutando ingegneri". Il Ceo ha precisato che per Fca "è stato cruciale" imparare il modo in cui i sistemi usati da Waymo sono stati integrati su una vettura per renderla autonoma, ossia il minivan ibrido Pacifica di cui Fca ha fornito 100 esemplari e di cui intende consegnarne molti altri. Marchionne ha poi avvertito: "Dobbiamo stare attenti a fare cose in casa se non le sappiamo fare". 

Cedola in arrivo forse prima del 2018, piano di successione procede
Marchionne ha mostrato una fiducia totale nella capacità dell'azienda di centrare gli obiettivi finanziari che "non sono così fantasmagorici come il mercato pensava". Confermando tutti i target al 2018, il Ceo ha detto che "forse un po' prima" di quell'anno Fca potrebbe distribuire una cedola. Restano tre i numeri chiave che il manager italo-canadese intende raggiungere: "9 miliardi [di euro] di utili operativi, cinque miliardi di cassa e 5 miliardi di utili netti" adjusted. Annunciando di avere condotto degli stress test per il post 2018 e presupponendo il raggiungimento di quei numeri, Marchionne ha garantito: "La solidità finanziaria non cambierà" anche in caso di un peggioramento dell'andamento del settore auto. Insomma, l'eredità che Marchionne vuole lasciare è un'azienda redditizia (non a caso punta su Suv e pickup) e senza debiti. Poi potrà firmare quello che lui spera sia il suo ultimo bilancio, quello del 2018 appunto. "Sono rimasti otto trimestri, io preferisco contarli in trimestri...non sono molti", ha continuato spiegando che il piano di successione "procede bene" ed è una successione "tutta interna". Un annuncio di chi prenderà le redini dell'azienda al suo posto "dipenderà dal consiglio" di amministrazione dell'azienda. Ma per quello c'è tempo: l'obiettivo di Marchionne "è completare il piano al 2018".

Altri Servizi

Netflix continua la caccia ai talenti, reclutato produttore di "Glee"

Siglato accordo "quinquennale" con il vincitore di Emmy e Golden Globe per produrre nuove serie e film a cominciare dal prossimo primo luglio.

Netflix continua a reclutare talenti per rafforzarsi nella sfida sempre più competitiva sui video. Dopo avere portato sotto il suo tetto Shonda Rhimes (creatrice di "Grey's Anatomy" e "Scandal"), Jenji Kohan (sceneggiatrice di "Orange is the New Black") e Shawn Levy (produttore di "Stranger Things"), questa volta il colpo grosso riguarda Ryan Murphy. E' il produttore di varie serie di successo come "Glee" e "American Horror Story". Il sito di video in streaming ha detto di avere siglato con il vincitore di Emmy e Golden Globe "un accordo quinquennale" per produrre nuove serie e film per Netflix a cominciare dal prossimo primo luglio. Il gruppo non ha comunicato i termini finanziari dell'intesa ma secondo la stampa il conto è pari a 300 milioni di dollari. Murphy - il cui contratto con Fox è in scadenza - sta già lavorando per Netflix su due serie originali "Ratched" e "The Politician". Stando a quanto spiegato dall'azienda, Murphy sta supervisionando la produzione delle serie "American Crime Story", "American Horror Story", "Feud", "9-1-1" e "Pose".

Trump appoggia Romney, candidato al Senato

Vecchie ruggini tra loro, ma il voto di Mitt sarebbe fondamentale in Aula. L'ex governatore ha ringraziato il presidente

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha manifestato su Twitter il proprio appoggio a Mitt Romney, candidato a prendere il seggio in Senato che sarà lasciato da Orrin Hatch, che rappresenta lo Utah in Aula dal 1977. Secondo il presidente, che aveva cercato di convincere Hatch, suo grande sostenitore, a ricandidarsi, Romney "sarà un grande senatore e un degno successore di Hatch. Ha il mio pieno sostegno e appoggio!".

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Mentre in Senato stanno fallendo tutti i tentativi di arrivare a un accordo che tuteli i Dreamers, gli immigrati senza documenti arrivati da bambini e protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Donald Trump, i federali portano avanti le loro operazioni contro l'immigrazione irregolare in California, dove è ormai evidente lo scontro tra Washington e le autorità locali.

Amazon punta sui prestiti, sigla alleanza con Bank of America

Secondo fonti di Cnbc, il colosso americano del commercio elettronico avrebbe stretto una partnership con Bank of America Merrill Lynch per ampliare il suo programma.

Dopo i supermercati, le farmacie e gli ospedali, Amazon punta anche sulla concessione di prestiti. Secondo fonti della Cnbc, il colosso americano del commercio elettronico avrebbe stretto una partnership con Bank of America Merrill Lynch per ampliare il suo programma di prestiti.

Strage in Florida, Trump attacca l'Fbi su Twitter

Il presidente americano accusa il Bureau investigativo: "Troppo tempo perso a dimostrare la collusione russa con la campagna Trump". Poi risponde anche al generale McMaster

Il presidente americano Donald Trump ha attaccato l’Fbi definendo "molto triste" il fatto che abbia ignorato gli avvertimenti che avrebbero poi portato alla strage di studenti nel liceo della Florida, dove hanno perso la vita 17 persone. Il tycoon ha usato, come è ormai prassi, il suo account Twitter per scagliarsi contro il bureau investigativo: "Sta trascorrendo troppo tempo nel tentativo di dimostrare la collusione russa con la campagna di Trump. Non c'è nessuna collusione. Ricominci daccapo e ci renda tutti orgogliosi".

La Silicon Valley sfida Feinstein, senatrice da record

Molti big dell'industria tech sostengono il suo sfidante, Kevin de Leòn

Lei è la senatrice più votata nella storia degli Stati Uniti, loro sono tra i leader più importanti della Silicon Valley, il motore tech della California. Alle prossime primarie democratiche in vista delle elezioni di metà mandato, si troveranno l'una contro gli altri.

SpaceX rimanda il lancio di Falcon9

Partirà mercoledì dalla base di Vanderberg e darà il via all'esperimento con cui Musk spera di portare la connessione a banda larga in tutto il mondo
AP

SpaceX ha deciso di rimandare il lancio del suo prossimo razzo Falcon 9, inizialmente previsto per oggi, a mercoledì 21 febbraio così da consentire un ultimo controllo del nuovo cono del muso del razzo.

Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

La costruzione di nuove case negli Stati Uniti procede a spron battuto, ma in questa crescita - secondo alcuni esperti del settore immobiliare sentiti da Cnbc - ci sono criticità che prima o poi porteranno a una "profonda crisi". Il problema principale è che si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili, tendenzialmente i più richiesti.

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Uber fa promesse al fine di riottenere la licenza per operare a Londra, il suo più grande mercato europeo.

Google: il browser Chrome blocca le pubblicità "intrusive"

L'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - è rendere la navigazione in rete più semplice. Ma i critici insorgono: selezione arbitraria dei contenuti, l'azienda vuole fare solo i suoi interessi

A partire dal 15 febbraio, il browser Chrome di Google - usato da oltre il 59% degli internauti - bloccherà automaticamente alcuni tipi di pubblicità online con l'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - di rendere la navigazione in rete più semplice. Google ha descritto il cambiamento come uno sforzo collettivo del settore per liberare internet da spam e pop-up rendendo invece altre tipologie di pubblicità più attraenti per gli utenti.