Fca: Marchionne conferma i target al 2018, non sono fantasmagorici

Il Ceo promette un'azienda senza debiti e con una redditività migliore. Scorporo Alfa e Maserati non nei piani. Magneti Marelli "non essenziale" per il gruppo. Avanti a lavorare con Google sui veicoli autonomi. Il piano di successione procede

Detroit - Sergio Marchionne è stato categorico: la cosa più importante è raggiungere gli obiettivi del piano industriale al 2018, che è "sacro". E' questo quello su cui l'amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles intende concentrarsi per liberare l'azienda dal debito e migliorarne la redditività.

Merger? Non inseguiamo nessuno
E nessuno lo può distrarre, tanto meno le ipotesi di una fusione perché lui "non sta inseguendo nessuno, sono stato respinto [da General Motors] e ora non stiamo guardando a nulla". L'idea di un consolidamento per lui necessario - così come descritto nell'aprile 2015 nelle sue 'Confessions of a capital junkie', confessioni di un drogato di capitale - "era valida nel 2015, lo era nel 2016 e lo è ancora ma nessuno ha voluto danzare e la musica si è fermata". Eppure il manager italo-americano ha precisato: "Per quel poco che capisco" un matrimonio tra il suo gruppo e quello guidato da Mary Barra "potrebbe piacere" a Donald Trump (oltre che a lui stesso visto che nel gruppo numero uno in Usa vedeva un partner ideale).

Scorporo Alfa e Maserati non è nei piani. Magneti Marelli non essenziale per Fca
Quanto alle discussioni con partner potenziali per la produzione di berline, "restano aperte ma non abbiamo trovato una proposta interessante sia dal punto di vista dell'architettura sia dei costi". Quello delle berline è un segmento poco promettende che ha portato a dicembre allo stop alla produzione della Chrysler 200 e del Dodge Dart, auto che a sua detta sono state "le meno gratificanti finanziariamente parlando degli ultimi otto anni". E uno spin off di Alfa Romeo e Maserati da Fca non è nei piani. Quando alla cessione di Magneti Marelli, Marchionne ha spiegato che "la domanda è se è essenziale per Fca. La risposta è no".

Si continua a lavorare con Google. No alla Silicon Valley in Michigan
Mentre certe discussioni sono tramontate, altre invece continuano. E' il caso di quelle con Google e altri fornitori di tecnologia per veicoli autonomi. Comunque sia, Marchionne "non intende ricreare la Silicon Valley in Michigan, prima di tutto perché fa troppo freddo e soprattutto ci sono cose che succedono nella Silicon Valley che non posso ricreare in Michigan".

A chi gli ha fatto notare che Gm e Ford stanno investendo nell'auto autonoma mentre Fca ha scelto di unirsi in partnership a Waymo (il progetto della self driving car scorporata da Google dalla controllante Alphabet), Marchionne ha detto: "Non facciamo tanto rumore ma stiamo investendo, il nostro staff cresce, stiamo reclutando ingegneri". Il Ceo ha precisato che per Fca "è stato cruciale" imparare il modo in cui i sistemi usati da Waymo sono stati integrati su una vettura per renderla autonoma, ossia il minivan ibrido Pacifica di cui Fca ha fornito 100 esemplari e di cui intende consegnarne molti altri. Marchionne ha poi avvertito: "Dobbiamo stare attenti a fare cose in casa se non le sappiamo fare". 

Cedola in arrivo forse prima del 2018, piano di successione procede
Marchionne ha mostrato una fiducia totale nella capacità dell'azienda di centrare gli obiettivi finanziari che "non sono così fantasmagorici come il mercato pensava". Confermando tutti i target al 2018, il Ceo ha detto che "forse un po' prima" di quell'anno Fca potrebbe distribuire una cedola. Restano tre i numeri chiave che il manager italo-canadese intende raggiungere: "9 miliardi [di euro] di utili operativi, cinque miliardi di cassa e 5 miliardi di utili netti" adjusted. Annunciando di avere condotto degli stress test per il post 2018 e presupponendo il raggiungimento di quei numeri, Marchionne ha garantito: "La solidità finanziaria non cambierà" anche in caso di un peggioramento dell'andamento del settore auto. Insomma, l'eredità che Marchionne vuole lasciare è un'azienda redditizia (non a caso punta su Suv e pickup) e senza debiti. Poi potrà firmare quello che lui spera sia il suo ultimo bilancio, quello del 2018 appunto. "Sono rimasti otto trimestri, io preferisco contarli in trimestri...non sono molti", ha continuato spiegando che il piano di successione "procede bene" ed è una successione "tutta interna". Un annuncio di chi prenderà le redini dell'azienda al suo posto "dipenderà dal consiglio" di amministrazione dell'azienda. Ma per quello c'è tempo: l'obiettivo di Marchionne "è completare il piano al 2018".

Altri Servizi

La Corte Suprema sta con Trump, stop (per ora) a ingresso di rifugiati

Terzo intervento ad interim del massimo organo giudiziario americano in vista di una decisone sulla costituzionalità del travel ban. Intanto pressing della Casa Bianca per ridurre sotto 50mila il numero di rifugiati da ammettere nei prossimi 12 mesi
AP

Il massimo organo giudiziario americano si è schierato a favore di Donald Trump, impedendo a molti rifugiati di mettere piede negli Stati Uniti. Il tutto mentre la Casa Bianca, ha rivelato il New York Times, spinge per abbbassare al di sotto di 50mila il numero di rifugiati da accogliere nel corso del prossimo anno fiscale, il minimo da almeno 1980.

Usa avvertono la Cina: banche prese di mira se non punisce la Corea del Nord

Due funzionari del Tesoro americano lanciano il monito a Pechino all'indomani di un nuovo round di sanzioni Onu
AP

L'amministrazione Trump ha messo in guardia la Cina, l'unico vero partner commerciale della Corea del Nord: gli Usa prenderanno di mira, come già fatto, le banche cinesi a meno che Pechino opti per misure più dure volte a mettere economicamente in difficoltà Pyongyang. Come? Riducendo le transazioni commerciali e finanziarie con il regime di Kim Jong Un.

Apple, in arrivo i nuovi iPhone. Cosa aspettarsi

Dal nuovo design allo scanner facciale, passando per la ricarica wireless e la preoccupante notizia di un prezzo sui mille dollari, come potrebbe essere il nuovo smartphone di Cupertino

Ci siamo quasi. Il nuovo iPhone sta per essere svelato al mondo dopo un’attesa che negli ultimi mesi si è fatta frenetica anche e soprattutto per via delle voci che si sono rincorse su quali saranno le caratteristiche del nuovo smartphone. Non si sa quale sarà il nome, se sarà iPhone8, iPhone 7s o iPhoneX come alcuni insider sostengono Oltreoceano. Ciò che appare scontato è che si tratterà di un modello (o di più modelli) con il maggior numero di miglioramenti mai apportati da Apple al suo "melafonino".

Apple testa la fedeltà dei consumatori con un iPhone da mille dollari

E' il costo stimato per il dispostivo con cui il gruppo dovrebbe celebrare il decimo anniversario del lancio dello smartphone. La realtà aumentata verso una svolta

La fedeltà degli appassionati di prodotti Apple sta per essere testata. Martedì 12 settembre infatti il colosso tecnologico dovrebbe presentare il suo primo iPhone con un costo di almeno mille dollari o magari anche di più per i modelli con una memoria maggiore; è quello con cui il gruppo intende celebrare il decimo anniversario del lancio dello smartphone. Si tratta di una versione di alta gamma che - stando a fughe di notizie - dovrebbe chiamarsi iPhone X; va ad aggiungersi agli aggiornamenti dei modelli iPhone 7 e iPhone 7 Plus ossia l'iPhone 8 e 8Plus.

Disney: anche film Star Wars e Marvel nel nuovo servizio streaming

Non li concederà più in licenza a Netflix. Il titolo del gruppo guidato da Bob Iger soffre la seduta peggiore dal gennaio 2016: ha anticipato utili 2017 inferiori alle stime degli analisti

Nel nuovo servizio di video in streaming che lancerà nel 2019, Walt Disney renderà disponibili anche i film della saga "Guerre Stellari" e quelli che vedono protagonisti i personaggi della Marvel come Spider Man e X Men. Lo ha annunciato il Ceo Bob Iger, che però ha deluso gli analisti anticipando che il colosso dell'intrattenimento a settembre chiuderà l'anno fiscale 2017 con utili "in linea" ai 5,72 dollari per azione del 2016, meno delle stime degli analisti per 5,89 dollari per titolo. Per questo il titolo al Nyse cede il 4,7% a 96,70 dollari. Si tratta della flessione maggiore dal gennaio 2016. Da inizio anno ha perso il 7% e negli ultimi 12 mesi è salito solo del 3,4%.

Gli Houston Rockets venduti per la cifra record di 2,2 miliardi di dollari

La franchigia texana, che ha vinto due titoli negli anni '90, è stata acquistata dal magnate Fertitta
Ap

Il magnate dei casinò e della ristorazione Tillman Fertitta ha comprato gli Houston Rockets, squadra di Nba, il campionato professionistico di basket in Nordamerica, per la cifra record di 2,2 miliardi di dollari. A riportare i termini dell'intesa è Fox Business, che cita diverse fonti.

Apple presenta iPhone X, ma non convince del tutto il mercato

Nel decennale del suo telefonino celebra Steve Jobs e prova a guardare avanti: elimina il tasto home e apre alla carica wireless e al riconoscimento facciale. Ma i ritardi nelle consegne mettono alla prova Apple e la fiducia dei suoi consumatori
AP

Non ci sono state sorprese e neppure l'appello al "one more thing", che ripeteva sempre Steve Jobs, ha aiutato Apple a stupire. Nel decimo anniversario di iPhone il gruppo ha presentato come atteso da giorni due nuovi modelli: iPhone 8 e iPhone 8 Plus, che sono un aggiornamento di iPhone 7, e - per il decennale - iPhone X, definito dall'amministratore delegato, Tim Cook, "il futuro degli smartphone". Anche le caratteristiche (riconoscimento facciale, carica wireless, assenza del tasto home) erano state anticipate nelle scorse settimane. Insieme ai nuovi iPhone, Apple ha presentato il nuovo Apple Watch, Series 3 che permette anche la connessione alla rete cellulare.

Mondiali in Russia, possibile Siria-Usa nello spareggio qualificazione

Necessario, per gli asiatici, battere prima l'Australia in un doppio confronto, mentre i nordamericani dovrebbero concludere al quarto posto il girone della Concacaf
Ap

È un'ipotesi che continua a farsi spazio, turno dopo turno, ed è la più suggestiva che si possa immaginare per una partita di calcio: Stati Uniti e Siria potrebbero contendersi la qualificazione ai prossimi Mondiali. E se a questo si aggiunge che la Coppa del Mondo si terrà in Russia, il quadro politico-calcistico è davvero completo. Il potenziale narrativo sarebbe senza precedenti, alla luce di una guerra civile che dura da oltre sei anni e che ha coinvolto anche Washington e Mosca, divise sui crimini, e sulla sorte, del presidente Bashar al-Assad, ma faticosamente unite nella lotta contro l'Isis. Come unita, ora, appare la nazionale siriana: alcuni giocatori vi avevano rinunciato in opposizione al presidente, ma sono poi tornati per "dare gioia alla nostra gente", come ha spiegato l'attaccante Omar Al Soma, che ha realizzato l'ultimo gol, quello per il decisivo pareggio contro l'Iran (altro incrocio significativo per il conflitto siriano).

I redditi delle famiglie Usa a livelli record nel 2016

Superato il massimo del 1999. Tasso di povertà sceso sui livelli del 2007, l'anno precedente all'ultima recessione

Clinton: nessun dubbio sui legami Trump-Putin per farmi perdere

L'ex candidata democratica intervistata da Usa Today, in occasione dell'uscita del suo libro 'What Happened'