Fca punta a soluzione "giusta" del caso emissioni in Usa

Secondo Bloomberg, la Giustizia americana potrebbe fare causa al gruppo questa settimana se i negoziati non portassero a una soluzione. L'azienda: "Sarebbe controproducente". Un'analista: sarebbe uno sviluppo inatteso

Una causa legale ancora non è stata depositata dal governo Usa e, salvo sorprese, non ci sono indicazioni che lo sarà a breve nei confronti di Fiat Chrysler Automobiles. C'è chi interpreta così, ridimensionandole, le indiscrezioni di Bloomberg che ieri hanno provocato un calo del 3,7% del titolo Fca nel dopo mercato a Wall Street, ampliando la flessione registrata nel corso della seduta (-3,11% a 10,59 dollari) in una giornata per altro in cui la Commissione europea aveva annunciato l'apertura di una procedura di infrazione contro l'Italia per il mancato adempimento degli obblighi derivanti dalla normativa Ue in materia di omologazione dei veicoli. Secondo Bloomberg, il dipartimento di Giustizia Usa già questa settimana potrebbe fare causa al gruppo guidato da Sergio Marchionne se - e solo se - dovessero fallire i negoziati da tempo in corso sulla violazione presunta delle leggi americane sulle emissioni. Fca punta a una soluzione "giusta" del caso.

Una causa Usa? Per ora solo un'ipotesi
Il fatto che una causa possa essere lanciata da parte del governo Usa non è una novità; era uno scenario che già si profilava il 12 gennaio scorso quando l'Agenzia per la protezione ambientale (Epa) statunitense accusò Fca di avere violato la legge con circa 104.000 veicoli installando, "senza comunicarlo, un software di gestione delle emissioni nei modelli Jeep Grand Cherokee e Ram 1500 prodotti nel 2014, 2015 e 2016 con motori diesel a tre litri venduti in Usa". L'unico elemento nuovo fornito dall'agenzia stampa americana è la tempistica di una causa che per ora è, appunto, soltanto una ipotesi. "Se si verificasse, sarebbe uno sviluppo un po' inatteso", ha commento un analista che non ha voluto essere identificato perché ancora non c'è certezza sulle mosse della Giustizia americana e delle misure che potrebbe prendere.

Fca: una causa sarebbe controproducente, il gruppo si difenderebbe
Fca Us - la divisione americana del gruppo - ha spiegato via email che sta avendo "discussioni attive" con la divisione Risorse ambientali e naturali del dipartimento di Giustizia. "In caso di una qualsiasi causa, Fca Us si difenderà con decisione, specialmente contro ogni accusa secondo cui l'azienda ha volutamente installato 'defeat device' per barare ai test sulle emissioni". L'azienda "crede che una qualsiasi causa sarebbe controproducente nell'ambito delle discussioni in corso con l'Agenzia per la protezione ambientale e con il California Air Resources Board", autorità californiana preposta a garantire 'aria pulita' che a sua volta aveva inviato una notifica al gruppo.

Quando il caso esplose a inizio anno, Marchionne rispedì al mittente le accuse e rifiutò categoricamente ogni paragone tra il suo gruppo e Volkswagen: chi lo fa "ha fumato qualcosa di illegale", disse, perché secondo lui nessun "defeat device" - quello con cui il gruppo tedesco ha barato su 11 milioni di vetture facendo esplodere uno scandalo su scala mondiale - è stato usato da Fca. "Le auto di Volkswagen si comportavano in modo diverso a seconda che fossero in laboratorio o su strada", aveva precisato il manager italo-canadese in una call con la stampa. "Le nostre si comportano allo stesso modo" nelle due condizioni di guida motivo per cui non si può parlare di defeat device.

Attesa per via libera ad aggiornamento software
Il dialogo tra l'azienda da un lato, e l'Epa e il Carb dall'altro continuano "in modo cooperativo da mesi", ha precisato Fca dicendosi "impegnata a risolvere le preoccupazioni delle agenzie velocemente e in modo amichevole". L'azienda ha proposto una soluzione software: si trova nelle "fasi finali" per ottenere un via libera regolatorio all'aggiornamento del software stesso per i modelli 2017 di Jeep Grand Cherokee e Ram 1500 con motori diesel che poi Fca userebbe anche sulle vetture citate dall'Epa. Un via libera permetterebbe di chiudere un caso che nel peggiore degli scenari potrebbe costare al gruppo una multa fino a 4,63 miliardi di dollari. Uno scenario, quello peggiore, che secondo l'analista sopra citato metterebbe ancora di più sotto pressione il target di riduzione del debito considerato "ambizioso". L'esperto ha tuttavia voluto precisare che "la performance finanziaria di Fca nel primo trimestre è stata solida".

Fca semina Ford e Gm in borsa
Insomma, il gruppo è convinto di avere agito in buona fede, che errori possono anche essere stati commessi ma che nessuno dentro Fca ha mai provato a violare le regole del gioco. Fino ad ora il mercato ha creduto in Fca, forte anche di un contesto regolatorio meno stringente che gli analisti si aspettano durante l'amministrazione Trump: da inizio anno il titolo al Nyse ha guadagnato il 16% e negli ultimi 12 mesi ha aggiunto il 51%. Per un confronto, le azioni Ford hanno perso l'11% da gennaio e il 18% nell'ultimo anno. Il titolo General Motors ha ceduto il 7% da inizio anno ma è salito del 6% in 12 mesi.

Fca Us
Fca
AP
Chrysler Group
Chrysler Group
Altri Servizi

Esplosione a NY, l'attentatore voleva vendicare attacchi contro l'Isis

Negli Stati Uniti da sette anni, il 27enne Akayed Ullah si è ispirato agli atti di terrorismo contro i mercati di Natale in Europa
AP

Irritabile. Arrabiato. Scontento. Viene descritto così il 27enne originario del Bangladesh che voleva farsi saltare in aria vicino a uno degli hub di trasporto più trafficati di New York City

Ok dei repubblicani al testo unificato della riforma fiscale. Il plauso di Trump: rispettiamo promesse

L'approvazione finale potrebbe arrivare già mercoledì. L'aliquota per le imprese dal 35 al 21%
AP

I repubblicani della Camera e del Senato hanno raggiunto un accordo su un testo congiunto per la controversa riforma fiscale voluta dal presidente americano Donald Trump, che, tra le altre cose, riduce l'aliquota per le imprese dal 35 al 21%. A rendere possibile l'accordo, un testo da 500 pagine e 1.500 miliardi di dollari, è stato il via libera di due senatori che finora avevano espresso riserve, Marco Rubio e Bob Corker. Il testo prevede anche l'abolizione del cosiddetto "individual mandate", ovvero l'obbligo di assicurazione sanitaria per tutti previsto dall'Obamacare.

Diplomatica Usa contro Tillerson: "Mi dimetto e le suggerisco di fare lo stesso"

Elizabeth Shackelford: "Il nostro lavoro sminuito, lei non è un leader". Trump preferisce i militari ai diplomatici: al Pentagono la guida dei rapporti esteri, Tillerson criticato e messo ai margini
AP

Ha rassegnato le dimissioni e ha suggerito il segretario di Stato, Rex Tillerson, a seguire il suo esempio: Elizabeth Shackelford, apprezzata diplomatica e "astro nascente del dipartimento di Stato" (secondo la Cnn) ha inviato una lettera molto critica al suo capo, in cui ha scritto che, sotto la sua guida, l'influenza del dipartimento è notevolmente diminuita e il morale dello staff è crollato, anche per "la dolorosa mancanza di rispetto" mostrata dall'amministrazione Trump.

Lo chef Mario Batali accusato di molestie sessuali

Si prende una pausa dai suoi ristoranti e da Eataly USA. Abc gli toglie la conduzione di "The Chew". Food Network ha sospeso il rilancio della trasmissione "Molto Mario"
America24

Dopo Hollywood, la Silicon Valley e Capitol Hill anche il mondo della ristorazione è stato colpito dallo scandalo di molestie sessuali. Quattro donne hanno accusato Mario Batali, uno degli chef più celebri di New York; famoso per i suoi capelli rossi e le Crocs arancioni ai piedi, è il cuoco che ha cucinato l'ultima cena di stato alla Casa Bianca dell'era Obama, quella che aveva come ospite d'onore l'ex presidente del consiglio Matteo Renzi. Ed è uno dei soci di minoranza di Eataly USA, la mecca americana del cibo Made in Italy. Al di fuori degli Stati Uniti, il nome del 51enne Batali non è associato a quello della controllante Eataly, gruppo italiano fondato da Oscar Farinetti (che ne è l'azionista di maggioranza). Il cuoco non ha mai ricoperto alcun ruolo operativo nella galassia Eataly.

Riforma fiscale: democratici chiedono al Gop posticipo del voto finale

Vogliono che si aspetti l'arrivo al Senato di Doug Jones, che ha vinto alle elezione speciali in Alabama

Forti di una inattesa vittoria alle elezioni speciali di ieri in Alabama, una duplice sconfitta per Donald Trump, i democratici premono affinché il voto finale sulla riforma fiscale messa a punto dai repubblicani che controllano il Congresso sia posticipato. La minoranza a Capitol Hill vuole che si aspetti l'insediamento di Doug Jones, il candidato democratico che ha sconfitto Roy Moore nel cosiddetto Yellowhammer State aggiudicandosi il seggio al Senato Usa lasciato libero da Jeff Sessions, diventato segretario alla Giustizia.

Apple compra Shazam, la app per riconoscere le canzoni

Il valore della transazione non è stato svelato

Dopo le indiscrezioni, sono arrivate le conferme: Apple acquista Shazam, la app per riconoscere le canzoni.

Trump toglie il cambiamento climatico dalla strategia per la sicurezza nazionale

Il presidente svelerà il suo piano alle 14 (le 20 in Italia)
ap

Il cambiamento climatico non sarà più considerato un problema di sicurezza nazionale per gli Stati Uniti. Questa una delle novità della nuova strategia per la sicurezza nazionale (Nss), che oggi sarà presentata dal presidente Donald Trump, alle 14 (le 20 in Italia); era stato il presidente Barack Obama a inserire il cambiamento climatico tra le minacce alla sicurezza nazionale.

Elezioni in Alabama: vince il candidato democratico, sconfitta per Trump

Doug Jones ha avuto la meglio su Roy Moore, che aveva il sostegno del presidente Usa nonostante sia stato accusato di molestie sessuali. Al Senato la maggioranza del Gop si assottiglia
AP

In uno Stato fortemente repubblicano, l'Alabama, un candidato democratico ha vinto le elezioni speciali pensate per eleggere il senatore che andrà a sostituire al Congresso Usa il posto lasciato vuoto da Jeff Sessions, diventato segretario alla Giustizia. E' la prima volta dal 1992 che un democratico è stato eletto al Senato dallo Stato del Sud.

Usa Today attacca Trump: "Inadatto a pulire i bagni" di Obama

Ma anche a lucidare le scarpe di George W Bush. Per il quotidiano, il presidente ha un carattere "straordinariamente terribile" che ha fatto insinuazioni sessiste fuori luogo

Donald Trump si è sentito più volte dire che era inadatto alla presidenza degli Stati Uniti. Durante la campagna elettorale dello scorso anno, sia il presidente americano Barack Obama sia la candidata democratica alle elezioni Hillary Clinton lo avevano ripetuto in tutte le salse. Oltre un anno dopo la vittoria shock del miliardario di New York, è un quotidiano ampiamente diffuso in Usa a rispolverare quel concetto ma in termini decisamente pesanti.