Fca punta a soluzione "giusta" del caso emissioni in Usa

Secondo Bloomberg, la Giustizia americana potrebbe fare causa al gruppo questa settimana se i negoziati non portassero a una soluzione. L'azienda: "Sarebbe controproducente". Un'analista: sarebbe uno sviluppo inatteso

Una causa legale ancora non è stata depositata dal governo Usa e, salvo sorprese, non ci sono indicazioni che lo sarà a breve nei confronti di Fiat Chrysler Automobiles. C'è chi interpreta così, ridimensionandole, le indiscrezioni di Bloomberg che ieri hanno provocato un calo del 3,7% del titolo Fca nel dopo mercato a Wall Street, ampliando la flessione registrata nel corso della seduta (-3,11% a 10,59 dollari) in una giornata per altro in cui la Commissione europea aveva annunciato l'apertura di una procedura di infrazione contro l'Italia per il mancato adempimento degli obblighi derivanti dalla normativa Ue in materia di omologazione dei veicoli. Secondo Bloomberg, il dipartimento di Giustizia Usa già questa settimana potrebbe fare causa al gruppo guidato da Sergio Marchionne se - e solo se - dovessero fallire i negoziati da tempo in corso sulla violazione presunta delle leggi americane sulle emissioni. Fca punta a una soluzione "giusta" del caso.

Una causa Usa? Per ora solo un'ipotesi
Il fatto che una causa possa essere lanciata da parte del governo Usa non è una novità; era uno scenario che già si profilava il 12 gennaio scorso quando l'Agenzia per la protezione ambientale (Epa) statunitense accusò Fca di avere violato la legge con circa 104.000 veicoli installando, "senza comunicarlo, un software di gestione delle emissioni nei modelli Jeep Grand Cherokee e Ram 1500 prodotti nel 2014, 2015 e 2016 con motori diesel a tre litri venduti in Usa". L'unico elemento nuovo fornito dall'agenzia stampa americana è la tempistica di una causa che per ora è, appunto, soltanto una ipotesi. "Se si verificasse, sarebbe uno sviluppo un po' inatteso", ha commento un analista che non ha voluto essere identificato perché ancora non c'è certezza sulle mosse della Giustizia americana e delle misure che potrebbe prendere.

Fca: una causa sarebbe controproducente, il gruppo si difenderebbe
Fca Us - la divisione americana del gruppo - ha spiegato via email che sta avendo "discussioni attive" con la divisione Risorse ambientali e naturali del dipartimento di Giustizia. "In caso di una qualsiasi causa, Fca Us si difenderà con decisione, specialmente contro ogni accusa secondo cui l'azienda ha volutamente installato 'defeat device' per barare ai test sulle emissioni". L'azienda "crede che una qualsiasi causa sarebbe controproducente nell'ambito delle discussioni in corso con l'Agenzia per la protezione ambientale e con il California Air Resources Board", autorità californiana preposta a garantire 'aria pulita' che a sua volta aveva inviato una notifica al gruppo.

Quando il caso esplose a inizio anno, Marchionne rispedì al mittente le accuse e rifiutò categoricamente ogni paragone tra il suo gruppo e Volkswagen: chi lo fa "ha fumato qualcosa di illegale", disse, perché secondo lui nessun "defeat device" - quello con cui il gruppo tedesco ha barato su 11 milioni di vetture facendo esplodere uno scandalo su scala mondiale - è stato usato da Fca. "Le auto di Volkswagen si comportavano in modo diverso a seconda che fossero in laboratorio o su strada", aveva precisato il manager italo-canadese in una call con la stampa. "Le nostre si comportano allo stesso modo" nelle due condizioni di guida motivo per cui non si può parlare di defeat device.

Attesa per via libera ad aggiornamento software
Il dialogo tra l'azienda da un lato, e l'Epa e il Carb dall'altro continuano "in modo cooperativo da mesi", ha precisato Fca dicendosi "impegnata a risolvere le preoccupazioni delle agenzie velocemente e in modo amichevole". L'azienda ha proposto una soluzione software: si trova nelle "fasi finali" per ottenere un via libera regolatorio all'aggiornamento del software stesso per i modelli 2017 di Jeep Grand Cherokee e Ram 1500 con motori diesel che poi Fca userebbe anche sulle vetture citate dall'Epa. Un via libera permetterebbe di chiudere un caso che nel peggiore degli scenari potrebbe costare al gruppo una multa fino a 4,63 miliardi di dollari. Uno scenario, quello peggiore, che secondo l'analista sopra citato metterebbe ancora di più sotto pressione il target di riduzione del debito considerato "ambizioso". L'esperto ha tuttavia voluto precisare che "la performance finanziaria di Fca nel primo trimestre è stata solida".

Fca semina Ford e Gm in borsa
Insomma, il gruppo è convinto di avere agito in buona fede, che errori possono anche essere stati commessi ma che nessuno dentro Fca ha mai provato a violare le regole del gioco. Fino ad ora il mercato ha creduto in Fca, forte anche di un contesto regolatorio meno stringente che gli analisti si aspettano durante l'amministrazione Trump: da inizio anno il titolo al Nyse ha guadagnato il 16% e negli ultimi 12 mesi ha aggiunto il 51%. Per un confronto, le azioni Ford hanno perso l'11% da gennaio e il 18% nell'ultimo anno. Il titolo General Motors ha ceduto il 7% da inizio anno ma è salito del 6% in 12 mesi.

Fca Us
Fca
AP
Chrysler Group
Chrysler Group
Altri Servizi

Usa sanzionano 11 soggetti: aiutano programma missilistico iraniano

Sono accusati anche di aiutare Teheran a condurre cyberattacchi contro il sistema finanziario americano e di sostenere il terrorismo. Trump rispetta (per ora) lo storico accordo sul nucleare

L'amministrazione Trump ha imposto nuove sanzioni contro 11 tra aziende e persone accusate di contribuire al programma missilistico balistico dell'Iran, di aiutare Teheran a condurre cyberattacchi contro il sistema finanziario americano e di sostenere il terrorismo. La mossa del Tesoro Usa è arrivata mentre il presidente americano si preparava ad estendere l'esenzione delle sanzioni contro l'Iran che gli Usa si erano impegnati a fare venire meno dell'ambito dello storico accordo sul nucleare siglato tra Teheran e cinque principali potenze mondiali tra cui Washington. Quell'accordo fu sottoscritto nell'estate 2015 (quando alla Casa Bianca c'era Barack Obama) ed entrò in vigore nel gennaio successivo.

Trump: nessun accordo sui Dreamers, il muro "verrà dopo"

Il presidente statunitense lavora a un'intesa con i democratici per proteggere i quasi 800.000 giovani immigrati arrivati illegalmente da bambini
iStock

"Il muro verrà dopo". Con questa frase, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ammesso che l'accordo su cui sta lavorando con i democratici per trovare una soluzione per i Dreamers non prevede la costruzione del muro con il Messico. Parlando pochi istanti prima della partenza per la Florida, dove visiterà i luoghi colpiti dal passaggio dell'uragano Irma, Trump ha detto che "il muro sarà costruito, ma sarà finanziato un pochino più avanti".

I redditi delle famiglie Usa a livelli record nel 2016

Superato il massimo del 1999. Tasso di povertà sceso sui livelli del 2007, l'anno precedente all'ultima recessione

I redditi delle famiglie americane hanno superato nel 2016 il record messo a segno nel 1999. Stando all'ufficio del censimento Usa, il Census Bureau, lo scorso anno le famiglie Usa hanno registrato redditi per 59.039 dollari contro i 57.230 dollari del 2015; si tratta di un rialzo del 3,2%, tenuto conto della variazione dell'inflazione. L'incremento c'è stato per il secondo anno di fila.

Wall Street, timori per il nuovo missile nordcoreano

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

Il gran finale di Cassini, dopo 13 anni si schianta su Saturno

Lanciato nel 1997, il progetto della Nasa in collaborazione con l'Esa e l'Italia ci ha fatto capire come funziona il sistema di Saturno e studiare la luna Encelado su cui ci potrebbero essere le condizioni per la vita
AP

Sono passati tredici anni da quando la sonda Cassini ha iniziato a orbitare attorno a Saturno, permettendoci di vedere da vicino il pianeta e scoprendo nuove caratteristiche di alcune sue lune, sconosciute fino a quel momento, e molto interessanti per comprendere l'evoluzione della vita nel nostro sistema solare. La Nasa ha deciso di farla schiantare su Saturno, in una uscita di scena spettacolare che è iniziata alle 14, ora italiana, ed è rurata pochi minuti: il velivolo è infatti entrato nell'atmosfera di Saturno, prendendo fuoco e trasformandosi in un meteorite, prima di schiantarsi.

Harvard ritira la fellowship a Manning dopo le critiche della Cia

L'università si è scusata per non aver capito le implicazioni della sua decisione
Vogue

Dopo le critiche ricevute, Harvard ha deciso di revocare la 'fellowship' assegnata a Chelsea Manning, l'ex analista militare che trasmise a Wikileaks una serie di documenti riservati statunitensi.

Equifax: oltre la metà degli americani colpita dal mega attacco hacker

Sono 143 milioni. Lo Stato di New York avvia un'inchiesta sull'intrusione dei pirati informatici nell'agenzia di controllo dei crediti. Verso audizione in commissione parlamentare. Titolo soffre seduta peggiore da 18 anni
Shutterstock

Un mega attacco hacker ha colpito Equifax, una delle più grandi agenzie di controllo dei crediti. I dati di 143 milioni di clienti Usa potrebbero essere stati compromessi. Il 55% degli americani dai 18 anni in poi rischia di avere subito danni alle informazioni di tipo finanziario che lo riguarda.

Oracle: conti sopra le stime grazie al cloud ma l'outlook delude

Il Ceo Mark Hurd: cresciamo più rapidamente di Salesforce. Prima un record poi -4,5% nel dopo-mercato
AP

Il titolo Oracle ha raggiunto ieri nuovi record nel dopo mercato a Wall Street sulla scia di conti superiori alle stime. Ma poi ha perso quota a causa di guidance deludenti fornite durante una call.

Trump: "Nessun accordo sul Daca", che protegge i giovani immigrati. Smentiti i leader democratici

Schumer e Pelosi avevano dichiarato di aver raggiunto un'intesa con il presidente per proteggere gli illegali arrivati da bambini
iStock

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha scritto su Twitter che "nessun accordo è stato trovato la scorsa notte sul Daca", il programma voluto da Barack Obama per consentire ai giovani immigrati, arrivati illegalmente da bambini, di restare con un permesso biennale e rinnovabile per studiare e lavorare, che sarà cancellato tra meno di sei mesi. "