Fca punta sugli Usa. Marchionne chiede chiarezza a Trump

"Un atto dovuto" l'investimento da 1 miliardo di dollari, dice il Ceo del gruppo commentanto il ringraziamento del presidente eletto. Possibile la chiusura delle fabbriche del gruppo in Messico se verranno imposti dazi doganali alti

Detroit - Sergio Marchionne non si è sbilanciato su Donald Trump. "Aspettiamo il suo insediamento" alla Casa Bianca per capire cosa intende veramente fare da presidente degli Stati Uniti. E' questa la linea di Fiat Chrysler Automobiles che "come tutti, ha bisogno di chiarezza" perché fino ad ora quello che circola sono "solo speculazioni". L'amministratore delegato di Fca, dal salone dell'auto di Detroit, ha detto di non avere avuto contatti con il presidente eletto né con i suoi consulenti. E lì per lì ha tentennato a commentare il tweet con cui il successore di Barack Obama ha ringraziato Fca per avere annunciato il giorno precedente un miliardo di dollari di investimenti in Usa, cosa che comporterà la creazione di 2.000 posti di lavoro. "E' il presidente eletto, non è il fornaio", come a dire che nei suoi confronti si deve dimostrare il massimo rispetto. Poi però Marchionne ha ringraziato per il ringraziamento ricevuto precisando che la decisione di puntare ulteriormente in Usa era "un atto dovuto per il Paese" che nel 2008-2009 è stato messo in ginocchio dalla peggiore crisi finanziaria dalla Grande Depressione degli anni '30 del secolo scorso e che ha visto l'ex Chrysler finire in bancarotta e Gm ricevere aiuti dal governo Usa.

Un Marchionne particolarmente disposto a parlare a braccio di tutto - e che ha confermato tutti i target al 2018, incluso l'azzeramento del debito - ha però voluto precisare che l'annuncio dell'8 gennaio "è stato una coincidenza" con la marea di tweet con cui Trump ha criticato gruppi come Gm e Toyota, colpevoli di produrre in Messico e di importare a costo zero vetture in Usa. La tempistica della decisione non è stata pensata per anticipare 'cinguettii' minacciosi. Certo è che l'uso di Twitter da parte di una figura come quella del Commander in chief, "è un territorio nuovo per tutti noi. Nessuno ha mai avuto un presidente che twitta, E' un nuovo modo di comunicare e dovremo imparare a rispondere", ha detto il Ceo ammettendo di essere "al buio come tutti. Insomma, bisogna capire quali mosse farà Trump una volta che metterà piede alla Casa Bianca.

C'è comunque il rischio che Fca chiuda le sue fabbriche in Messico se Trump imporrà dazi doganali penalizzanti sui veicoli importanti in Usa. "E' possibile che se tariffe economiche sono imposte e sono sufficientemente grandi, [quelle tariffe] renderebbero antieconomica qualsiasi produzione in Messico e dovremmo ritirarci" da quel Paese. Si tratta di uno scenario "possibile". Per la nazione dell'America centrale sarebbe un duro colpo: il settore delle quattro ruote in loco è fiorito grazie all'accordo di libero scambio tra Usa, Messico e Canada, il North American Free Trade Agreement che il presidente eletto vuole rinegoziare. "L'accordo Nafta comprende sia Canada sia Messico, le implicazioni sono larghe...sono cose da studiare", ha detto Marchionne.

La variabile forse più importante è data dal fatto che il successore di Barack Obama inoltre ha parlato di dazi al 35% sulle auto importante dal Messico. "Il settore auto del Messico è stato attrezzato per provare e gestire il mercato Usa", ha continuato Marchionne aggiungendo: "Se il mercato Usa non fosse più lì, allora la ragione della sua esistenza non ci sarebbe". Secondo lui sarebbe troppo costoso riadattare l'infrastruttura di Fca in Messico per esportare in tutto il mondo. "La transizione sarebbe costosa e sarebbe molto molto incerta; non c'è una transizione facile; quegli impianti sono stati progettati e pensati quando Nafta era viva e stava bene".

Altri Servizi

Wall Street, attesa per le minute della Fed

La pubblicazione è prevista, come sempre, alle 14 (le 20 in Italia)
iStock

Accesso a informazioni top secret, scontro tra Kelly e Kushner

Il nuovo provvedimento del capo di gabinetto, voluto dopo il caso Porter, esclude il genero di Trump

Il capo di gabinetto della Casa Bianca, John Kelly, non sembra godere più della totale fiducia e considerazione di Donald Trump e la situazione sembra destinata solo a peggiorare, visto che ora il generale in pensione si sta scontrando con il genero del presidente statunitense, Jared Kushner, su chi possa accedere alle informazioni top secret.

Armi, Trump si schiera contro i bump stock e pensa ad alzare l'età minima per acquistare fucili

Il dispositivo che trasforma armi semiautomatiche in automatiche è da tempo al centro del dibattito ed è stato usato per la strage di Las Vegas. L'arma usata da Cruz, 19 anni, in Florida potrebbe essere vietata agli under 21

Dopo l'ultima strage in Florida, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha detto ai suoi consiglieri di non credere che un ragazzo che va a scuola debba poter acquistare armi e sarebbe pronto a considerare l'idea di imporre un'età minima di 21 anni per acquistare un fucile come quello usato in una high school di Parkland, dove sono morte 17 persone.

Trump appoggia Romney, candidato al Senato

Vecchie ruggini tra loro, ma il voto di Mitt sarebbe fondamentale in Aula. L'ex governatore ha ringraziato il presidente

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha manifestato su Twitter il proprio appoggio a Mitt Romney, candidato a prendere il seggio in Senato che sarà lasciato da Orrin Hatch, che rappresenta lo Utah in Aula dal 1977. Secondo il presidente, che aveva cercato di convincere Hatch, suo grande sostenitore, a ricandidarsi, Romney "sarà un grande senatore e un degno successore di Hatch. Ha il mio pieno sostegno e appoggio!".

La Silicon Valley sfida Feinstein, senatrice da record

Molti big dell'industria tech sostengono il suo sfidante, Kevin de Leòn

Lei è la senatrice più votata nella storia degli Stati Uniti, loro sono tra i leader più importanti della Silicon Valley, il motore tech della California. Alle prossime primarie democratiche in vista delle elezioni di metà mandato, si troveranno l'una contro gli altri.

Strage in Florida, Trump attacca l'Fbi su Twitter

Il presidente americano accusa il Bureau investigativo: "Troppo tempo perso a dimostrare la collusione russa con la campagna Trump". Poi risponde anche al generale McMaster

Il presidente americano Donald Trump ha attaccato l’Fbi definendo "molto triste" il fatto che abbia ignorato gli avvertimenti che avrebbero poi portato alla strage di studenti nel liceo della Florida, dove hanno perso la vita 17 persone. Il tycoon ha usato, come è ormai prassi, il suo account Twitter per scagliarsi contro il bureau investigativo: "Sta trascorrendo troppo tempo nel tentativo di dimostrare la collusione russa con la campagna di Trump. Non c'è nessuna collusione. Ricominci daccapo e ci renda tutti orgogliosi".

SpaceX rimanda il lancio di Falcon9

Partirà mercoledì dalla base di Vanderberg e darà il via all'esperimento con cui Musk spera di portare la connessione a banda larga in tutto il mondo
AP

SpaceX ha deciso di rimandare il lancio del suo prossimo razzo Falcon 9, inizialmente previsto per oggi, a mercoledì 21 febbraio così da consentire un ultimo controllo del nuovo cono del muso del razzo.

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Uber fa promesse al fine di riottenere la licenza per operare a Londra, il suo più grande mercato europeo.

Amazon punta sui prestiti, sigla alleanza con Bank of America

Secondo fonti di Cnbc, il colosso americano del commercio elettronico avrebbe stretto una partnership con Bank of America Merrill Lynch per ampliare il suo programma.

Dopo i supermercati, le farmacie e gli ospedali, Amazon punta anche sulla concessione di prestiti. Secondo fonti della Cnbc, il colosso americano del commercio elettronico avrebbe stretto una partnership con Bank of America Merrill Lynch per ampliare il suo programma di prestiti.

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Mentre in Senato stanno fallendo tutti i tentativi di arrivare a un accordo che tuteli i Dreamers, gli immigrati senza documenti arrivati da bambini e protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Donald Trump, i federali portano avanti le loro operazioni contro l'immigrazione irregolare in California, dove è ormai evidente lo scontro tra Washington e le autorità locali.