Fca punta sugli Usa. Marchionne chiede chiarezza a Trump

"Un atto dovuto" l'investimento da 1 miliardo di dollari, dice il Ceo del gruppo commentanto il ringraziamento del presidente eletto. Possibile la chiusura delle fabbriche del gruppo in Messico se verranno imposti dazi doganali alti

Detroit - Sergio Marchionne non si è sbilanciato su Donald Trump. "Aspettiamo il suo insediamento" alla Casa Bianca per capire cosa intende veramente fare da presidente degli Stati Uniti. E' questa la linea di Fiat Chrysler Automobiles che "come tutti, ha bisogno di chiarezza" perché fino ad ora quello che circola sono "solo speculazioni". L'amministratore delegato di Fca, dal salone dell'auto di Detroit, ha detto di non avere avuto contatti con il presidente eletto né con i suoi consulenti. E lì per lì ha tentennato a commentare il tweet con cui il successore di Barack Obama ha ringraziato Fca per avere annunciato il giorno precedente un miliardo di dollari di investimenti in Usa, cosa che comporterà la creazione di 2.000 posti di lavoro. "E' il presidente eletto, non è il fornaio", come a dire che nei suoi confronti si deve dimostrare il massimo rispetto. Poi però Marchionne ha ringraziato per il ringraziamento ricevuto precisando che la decisione di puntare ulteriormente in Usa era "un atto dovuto per il Paese" che nel 2008-2009 è stato messo in ginocchio dalla peggiore crisi finanziaria dalla Grande Depressione degli anni '30 del secolo scorso e che ha visto l'ex Chrysler finire in bancarotta e Gm ricevere aiuti dal governo Usa.

Un Marchionne particolarmente disposto a parlare a braccio di tutto - e che ha confermato tutti i target al 2018, incluso l'azzeramento del debito - ha però voluto precisare che l'annuncio dell'8 gennaio "è stato una coincidenza" con la marea di tweet con cui Trump ha criticato gruppi come Gm e Toyota, colpevoli di produrre in Messico e di importare a costo zero vetture in Usa. La tempistica della decisione non è stata pensata per anticipare 'cinguettii' minacciosi. Certo è che l'uso di Twitter da parte di una figura come quella del Commander in chief, "è un territorio nuovo per tutti noi. Nessuno ha mai avuto un presidente che twitta, E' un nuovo modo di comunicare e dovremo imparare a rispondere", ha detto il Ceo ammettendo di essere "al buio come tutti. Insomma, bisogna capire quali mosse farà Trump una volta che metterà piede alla Casa Bianca.

C'è comunque il rischio che Fca chiuda le sue fabbriche in Messico se Trump imporrà dazi doganali penalizzanti sui veicoli importanti in Usa. "E' possibile che se tariffe economiche sono imposte e sono sufficientemente grandi, [quelle tariffe] renderebbero antieconomica qualsiasi produzione in Messico e dovremmo ritirarci" da quel Paese. Si tratta di uno scenario "possibile". Per la nazione dell'America centrale sarebbe un duro colpo: il settore delle quattro ruote in loco è fiorito grazie all'accordo di libero scambio tra Usa, Messico e Canada, il North American Free Trade Agreement che il presidente eletto vuole rinegoziare. "L'accordo Nafta comprende sia Canada sia Messico, le implicazioni sono larghe...sono cose da studiare", ha detto Marchionne.

La variabile forse più importante è data dal fatto che il successore di Barack Obama inoltre ha parlato di dazi al 35% sulle auto importante dal Messico. "Il settore auto del Messico è stato attrezzato per provare e gestire il mercato Usa", ha continuato Marchionne aggiungendo: "Se il mercato Usa non fosse più lì, allora la ragione della sua esistenza non ci sarebbe". Secondo lui sarebbe troppo costoso riadattare l'infrastruttura di Fca in Messico per esportare in tutto il mondo. "La transizione sarebbe costosa e sarebbe molto molto incerta; non c'è una transizione facile; quegli impianti sono stati progettati e pensati quando Nafta era viva e stava bene".

Altri Servizi

Wall Street preoccupata dallo stallo in Germania

I tedeschi potrebbero dover tornare al voto, vista l'impossibilità di formare un governo
AP

Hillary Clinton: "Trump è ossessionato da me"

L’ex candidata democratica ha parlato da Little Rock, in Arkansas, dove ha festeggiato il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito Bill
Ap

A poco più di un anno dalle elezioni americane che hanno segnato il trionfo di Donald Trump, lo scontro tra lui e Hillary Clinton sembra non essersi ancora placato. L’ultima frecciata arriva dall’ex candidata democratica secondo cui il presidente americano è ossessionato da lei. L’ex segretario di Stato ha parlato durante un forum a Little Rock, in Arkansas, dove è andata a celebrare il 25esimo anniversario della vittoria presidenziale del marito e i 13 anni di vita del centro a lui intitolato.

Il Mondiale delle escluse, l'idea che arriva dagli Usa

Molte nazionali di rilievo non andranno in Russia. Perché, allora, non organizzare un torneo tra loro, sull'esempio del basket universitario statunitense?
Ap

L'idea nasce negli Stati Uniti, dove il precedente - nel basket - esiste già: perché non organizzare un Mondiale di calcio con le nazionali escluse? A proporlo è il giornalista statunitense Andrew Joseph su Usa Today, ma l'idea era già da ore in circolo sui social network. Italia, Stati Uniti, Paesi Bassi e Cile sono solo alcune delle grandi escluse dal Mondiale del prossimo anno in Russia, che hanno fatto sprofondare nella tristezza i fan e provocato danni enormi anche a chi aveva investito sulla loro qualificazione, come le televisioni. Perché, allora, non organizzare un Mondiale a inviti, come succede per il basket universitario negli Stati Uniti con il Nit? Nit sta per National Invitational Tournament, sarcasticamente ribattezzato 'Not in Tournament', corrispondente peraltro alla verità: nata prima del campionato Ncaa, è poi diventata la competizione di consolazione per le squadre escluse dal grande torneo.

L'era Yellen nella Fed finirà con l'arrivo del suo successore

Oltre a cedere il testimone di governatore, l'economista sceglie di non continuare a fare parte del board della banca centrale Usa (un mandato che sarebbe scaduto nel 2024). Loda un sistema finanziario "molto più forte"
AP

Janet Yellen ha messo fine all'ultimo interrogativo rimasto riguardante il suo futuro nel sistema della Federal Reserve. La prima donna ad essere arrivata alla guida della banca centrale Usa ha dato le dimissioni da membro del board della Fed, effettive quando il suo successore giurerà. E questo darà a Donald Trump ancora più spazio di manovra per cambiare l'istituzione. Il presidente Usa ha scelto Jerome Powell, l'uomo già parte del board della Fed, per prendere il posto di governatore affidato a Yellen da Barack Obama nel 2014 per quattro anni. Quel mandato scadrà nel febbraio 2018 mentre quello di membro del board della Fed sarebbe scaduto nel gennaio 2024. Yellen segue dunque la tradizione di chi, prima di lei, ha lasciato il board della banca centrale una volta che il suo mandato da governatore era finito. E' successo il contrario in una sola occasione, quando Marriner Eccles rimase nel board per tre anni dopo che il suo incarico di governatore finì nel 1948.

Trump vuole nuove misure per difendere Usa da Nordcorea

Il presidente americano ha suggerito al Congresso di approvare lo stanziamento di 4 miliardi di dollari: serviranno per costruire sistemi informatici in grado di fermare le testate di Pyongyang prima che escano dai confini dello Stato.
AP

Nonostante gli Stati Uniti abbiano un sistema di difesa sicuro e costato più di 100 miliardi di dollari, l'amministrazione Trump si prepara ad aumentare le precauzioni per difendersi dagli attacchi missilistici della Corea del Nord.

L'amministrazione Trump conferma: riforma fiscale entro Natale

Resta da vedere se la promessa del presidente Usa verrà mantenuta. La Camera ha approvato la bozza ma l'iter al Senato sembra più complicato. Mnuchin: siamo fiduciosi

L'amministrazione Trump continua a essere convinta che una riforma fiscale verrà sottoscritta dal presidente in carica entro Natale. Per Donald Trump sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca il 20 gennaio 2016. A confermare la tempistica promessa dal governo è il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin.

Steven Mnuchin: "Non pensavo che quelle foto diventassero virali"

Il segretario al Tesoro americano ha commentato gli scatti che lo ritraggono con la moglie mentre tiene in mano le nuove banconote da un dollaro
Ap

Il segretario al Tesoro Steven Mnuchin ha affermato di non aver realizzato che la foto di lui e sua moglie, l’attrice Louise Linton, con in mano un foglio di banconote da un dollaro appena stampato sarebbe diventata pubblica, né tanto meno virale. Ad immortalare la coppia è stata la fotografa di Ap, Jacquelyn Martin, che ha scattato la foto nel Bureau of Engraving and Printing, l’agenzia governativa incaricata di stampare ed emettere le banconote sul mercato.

Charles Manson è morto. Che ne è stato della sua Family?

Atkins è deceduta in carcere; sempre detenuti Krenwinkel, Van Houten e Watson. Kasabian, come supertestimone, ottenne l'immunità

Nel corso di due notti dell'agosto 1969, i seguaci di Charles Manson, morto il 19 novembre a 83 anni, uccisero con feroce violenza sette persone. La loro vittima più famosa fu l'attrice Sharon Tate, moglie del regista Roman Polanski, uccisa in casa insieme a quattro ospiti; la notte seguente, la gang uccise un ricco imprenditore, Leno LaBianca, e sua moglie Rosemary.

L'ex segretario al Tesoro Jacob Lew torna alla finanza

Lavorò nell'amministrazione Obama. Diventa partner della società di private equity Lindsay Goldberg. Avrà un ruolo attivo. Mossa simile a quella del suo precessore Timothy Geithner
United States Government Work

Jack Lew è diventato l'ultimo esempio di chi ha ricoperto incarichi di alto livello dentro il governo Usa e che ha poi deciso di darsi al settore privato. L'ex segretario al Tesoro durante il secondo mandato del presidente americano Barack Obama ha deciso di unirsi alla squadra della società di private equity Lindsay Goldberg nei panni di partner. Lo ha annunciato il gruppo con sede a New York con circa 130 dipendenti e che vanta capitali per 15 miliardi di dollari.

Trump e Putin cercano intesa sulla Siria, ma le difficoltà sono molte

L'intesa, ancora alle fasi iniziali, traballa già dopo uno scontro alle Nazioni Unite. Questo getta acqua sul fuoco dell'ottimismo e solleva dubbi in vista delle riunioni internazionali sulla spinosa questione.
AP

Il presidente americano Donald Trump e il suo omologo russo Vladimir Putin sono al lavoro su un accordo sulla Siria, ma la strada appare in salita. L'intesa, ancora alle fasi iniziali, traballa già dopo uno scontro alle Nazioni Unite. Come spiega l'Afp in un'analisi, questo getta acqua sul fuoco dell'ottimismo e solleva dubbi in vista delle riunioni internazionali sulla spinosa questione.