Fed, alza i tassi e promette altre due strette nel 2017

Ora il costo del denaro è nell'intervallo tra lo 0,75 e l'1%. Janet Yellen fa intuire l'inizio di una nuova fase, dopo la totale ripresa dell'economia. E avverte: nessun contrasto tra le politiche della Fed e quelle dell'amministrazione Trump

La Federal Reserve ha mandato un duplice messaggio per rassicurare i mercati, promettendo altri due rialzi oltre al quello di oggi, e la politica, sottolineando come l'azione della banca centrale non è assolutamente in contrasto con quella di Donald Trump. Oggi infatti il Federal Open Market Committee, il braccio di politica monetaria della banca centrale americana, ha deciso di fare la prima stretta monetaria dell'anno (un quarto di punto percentuale), sottolineando come le condizioni economiche americane e globali dovrebbero far sì che la Fed porti a termine altre due strette entro la fine del 2017. Un messaggio chiaro per Wall Street, che si attendeva questo passo.

In realtà la banca centrale ha segnalato come si stia spostando in una nuova fase di normalizzazione delle politiche monetarie, un voto di fiducia nell'economia Usa ormai vicina alla piena occupazione e con una inflazione in ripresa.

La decisione della Federal Reserve "riflette i progressi dell'economia" americana, che si espande in modo moderato ed è più vicina agli obiettivi fissati dalla Banca centrale americana, ha detto il presidente della Federal Reserve Janet Yellen nel corso della conferenza stampa che ha seguito la riunione. Rispetto a dicembre, ha detto Yellen, "le previsioni sono state cambiate molto poco". Il numero uno della Fed, ha spiegato che "l'attuale traiettoria della politica monetaria è appropriata" e la scelta di alzare i tassi "non rappresenta un cambiamento dell'outlook", che "non è stato rivisto".

Parlando poi di Donald Trump, Yellen ha detto di aver "incontrato un paio di volte" il nuovo segretario al Tesoro Steven Mnuchin, con il quale prevede di avere "un solido rapporto", incontrandolo in modo regolare per discutere di questioni legate all'economia. Il numero uno della Fed ha anche detto di essere stata presentata al presidente Donald Trump, con il quale ha "avuto un breve incontro".

Guardando le tabelle pubblicate dalla Fed, la banca centrale prevede che i tassi si attesteranno a un valore mediano dell'1,4% a fine del 2017 (invariato rispetto a dicembre), per poi salire al 2,1% alla fine del 2018 (anche in questo caso invariato rispetto alla stima precedente) e al 3% a fine 2019 (contro il precedente 2,9%). Questo implica tre rialzi di un quarto di punto percentuale nel 2018. Nel 2016 la Fed ha alzato i tassi di interesse una sola volta, mentre a dicembre 2015, quando li aveva aumentati per la prima volta dal giugno 2006, aveva anticipato quattro giri di vite l'anno scorso, salvo poi ridurre progressivamente le aspettative.

Per quanto riguarda l'inflazione, i prezzi al consumo negli Stati Uniti continuano a restare al di sotto di una crescita annuale del 2%, fissata come target di lungo termine dalla Federal Reserve. E ancora "i rischi di breve termine alle prospettive economiche [Usa] sembrano sostanzialmente equilibrati", si legge nel comunicato. Per Yellen il messaggio finale della decisione di oggi è che l'economia americana "sta andando bene", ci sono motivi per essere fiduciosi, anche alla luce dell'andamento del mercato del mercato del lavoro. Il mercato del lavoro "sta certamente migliorando", ha aggiunto, sottolinenando come gli americani "possono avere fiducia nell'outlook economico" e anche la Fed "ha fiducia nel fatto che la congiuntura è robusta e resistente agli shock".

Il costo del denaro in questo momento si trova nell'intervallo 0,75-1%: non si trovava a questo livello negli Stati Uniti dall'ottobre 2008. Due mesi dopo fu portato ai minimi storici (0-0,25%), dopo la crisi finanziaria globale, la peggiore dalla Grande Depressione degli anni '30 del secolo scorso. Quella annunciata oggi dal Federal Open Market Committee, il braccio di politica monetaria della banca centrale americana, è la prima stretta monetaria dell'anno in corso. Quella precedente fu nel dicembre 2016 e quella ancora prima nel dicembre del 2015. Prima di allora, l'ultima volta che la Fed alzò i tassi fu nel giugno 2006.

Altri Servizi

Fca: caso emissioni, non siamo come Volkswagen

I legali del gruppo in un tribunale di San Francisco per contenziosi con privati riguardanti gli stessi veicoli presi di mira dal dipartimento di Giustizia. C'è soluzione rapida per risolvere la disputa. Ok a modifiche forse tra qualche settimana
Fca

Fiat Chrysler Automobiles non deve essere confrontata con Volkswagen perché i casi sulle emissioni diesel riguardanti i due gruppi sono decisamente diverso. E' questo il messaggio che i legali del gruppo guidato da Sergio Marchionne hanno lanciato da una stanza di un tribunale di San Francisco, dove si sono presentati nell'ambito di dispute iniziate da consumatori alla luce del presunto uso illecito di software nei motori diesel a tre litri di circa 104.000 vetture tra Jeep Grand Cherokee e Ram 1500.

Un tribunale d'Appello dà l'ok al blocco del 'muslim ban' di Trump

Il caso potrebbe finire davanti alla Corte suprema

Trump duro con gli alleati Nato: mettete i soldi per la difesa

Il presidente Usa ha ripetuto che 23 membri dell'Alleanza non rispettano gli impegni: "È ingiusto nei confronti dei contribuenti statunitensi". Nessun riferimento all'Articolo 5 sulla "difesa collettiva"

Candidato repubblicano alla Camera incriminato per aver aggredito un reporter

Greg Gianforte, favorito per il seggio lasciato libero dal segretario degli Interni, Ryan Zinke, non ha gradito l'insistenza di un giornalista del Guardian nel chiedere un commento sulla riforma sanitaria del Gop

Prosegue l'ottimismo a Wall Street

Ieri, chiusura record per lo S&P. Oggi giornata di trimestrali
AP

La Nato si unirà alla coalizione anti-Isis, la lotta al terrorismo al centro del summit

L'Alleanza avrà una nuova cellula di condivisione delle attività d'intelligence e nominerà un coordinatore delle attività antiterrorismo. L'altro grande tema a Bruxelles sarà l'aumento dei contributi finanziari dei singoli Stati
Ap

L'ira di Londra: dagli Usa fuga di notizie su attacco a Manchester

Frustrazione da parte dell'intelligence britannica, che condivide informazioni top secret con i colleghi americani. Come ha fatto il NY Times ha ottenere certe foto del luogo della tragedia?
AP

Obama cerca di offuscare il viaggio di Trump in Europa

Oggi l'ex presidente sarà in Germania invitato da Angela Merkel. E Trump non regge il confronto con i sorrisi e l'accoglienza dei leader. Papa Francesco in prima fila
AP

Una traversata dell'Atlantico in sedia a rotelle per spiegare che la disabilità è relativa

Andrea Stella alla guida di un catamarano accessibile a persone disabili. Da New York a Roma, per portare al Papa la convenzione Onu per i Diritti delle Persone con Disabilità

La Fed segnala un rialzo dei tassi "presto"

Una stretta a giugno è possibile. Entro fine anno inizierà la riduzione del suo bilancio gonfiato durante gli anni della crisi dall'acquisto di Treasury e bond ipotecari
AP