Fed, alza i tassi e promette altre due strette nel 2017

Ora il costo del denaro è nell'intervallo tra lo 0,75 e l'1%. Janet Yellen fa intuire l'inizio di una nuova fase, dopo la totale ripresa dell'economia. E avverte: nessun contrasto tra le politiche della Fed e quelle dell'amministrazione Trump

La Federal Reserve ha mandato un duplice messaggio per rassicurare i mercati, promettendo altri due rialzi oltre al quello di oggi, e la politica, sottolineando come l'azione della banca centrale non è assolutamente in contrasto con quella di Donald Trump. Oggi infatti il Federal Open Market Committee, il braccio di politica monetaria della banca centrale americana, ha deciso di fare la prima stretta monetaria dell'anno (un quarto di punto percentuale), sottolineando come le condizioni economiche americane e globali dovrebbero far sì che la Fed porti a termine altre due strette entro la fine del 2017. Un messaggio chiaro per Wall Street, che si attendeva questo passo.

In realtà la banca centrale ha segnalato come si stia spostando in una nuova fase di normalizzazione delle politiche monetarie, un voto di fiducia nell'economia Usa ormai vicina alla piena occupazione e con una inflazione in ripresa.

La decisione della Federal Reserve "riflette i progressi dell'economia" americana, che si espande in modo moderato ed è più vicina agli obiettivi fissati dalla Banca centrale americana, ha detto il presidente della Federal Reserve Janet Yellen nel corso della conferenza stampa che ha seguito la riunione. Rispetto a dicembre, ha detto Yellen, "le previsioni sono state cambiate molto poco". Il numero uno della Fed, ha spiegato che "l'attuale traiettoria della politica monetaria è appropriata" e la scelta di alzare i tassi "non rappresenta un cambiamento dell'outlook", che "non è stato rivisto".

Parlando poi di Donald Trump, Yellen ha detto di aver "incontrato un paio di volte" il nuovo segretario al Tesoro Steven Mnuchin, con il quale prevede di avere "un solido rapporto", incontrandolo in modo regolare per discutere di questioni legate all'economia. Il numero uno della Fed ha anche detto di essere stata presentata al presidente Donald Trump, con il quale ha "avuto un breve incontro".

Guardando le tabelle pubblicate dalla Fed, la banca centrale prevede che i tassi si attesteranno a un valore mediano dell'1,4% a fine del 2017 (invariato rispetto a dicembre), per poi salire al 2,1% alla fine del 2018 (anche in questo caso invariato rispetto alla stima precedente) e al 3% a fine 2019 (contro il precedente 2,9%). Questo implica tre rialzi di un quarto di punto percentuale nel 2018. Nel 2016 la Fed ha alzato i tassi di interesse una sola volta, mentre a dicembre 2015, quando li aveva aumentati per la prima volta dal giugno 2006, aveva anticipato quattro giri di vite l'anno scorso, salvo poi ridurre progressivamente le aspettative.

Per quanto riguarda l'inflazione, i prezzi al consumo negli Stati Uniti continuano a restare al di sotto di una crescita annuale del 2%, fissata come target di lungo termine dalla Federal Reserve. E ancora "i rischi di breve termine alle prospettive economiche [Usa] sembrano sostanzialmente equilibrati", si legge nel comunicato. Per Yellen il messaggio finale della decisione di oggi è che l'economia americana "sta andando bene", ci sono motivi per essere fiduciosi, anche alla luce dell'andamento del mercato del mercato del lavoro. Il mercato del lavoro "sta certamente migliorando", ha aggiunto, sottolinenando come gli americani "possono avere fiducia nell'outlook economico" e anche la Fed "ha fiducia nel fatto che la congiuntura è robusta e resistente agli shock".

Il costo del denaro in questo momento si trova nell'intervallo 0,75-1%: non si trovava a questo livello negli Stati Uniti dall'ottobre 2008. Due mesi dopo fu portato ai minimi storici (0-0,25%), dopo la crisi finanziaria globale, la peggiore dalla Grande Depressione degli anni '30 del secolo scorso. Quella annunciata oggi dal Federal Open Market Committee, il braccio di politica monetaria della banca centrale americana, è la prima stretta monetaria dell'anno in corso. Quella precedente fu nel dicembre 2016 e quella ancora prima nel dicembre del 2015. Prima di allora, l'ultima volta che la Fed alzò i tassi fu nel giugno 2006.

Altri Servizi

Wall Street, giornata dedicata alle trimestrali

Oggi i dati di PepsiCo, Nasdaq, Procter & Gamble, Twitter, Boeing, Fca e PayPal
AP

Wall Street, investitori cauti sulla riforma fiscale di Trump

Oggi, giornata scandita da un nutrito numero di trimestrali
AP

La ricetta di McDonald's per il rilancio funziona, lo dimostra la trimestrale

Le vendite nei ristoranti aperti da almeno un anno sono cresciute a livello globale e in Usa, il mercato di riferimento
iStock

Un'offerta più ampia di hamburger di varie dimensioni, bibite in vendita per un solo dollaro e caffè a due dollari hanno permesso a McDonald's di chiudere un trimestre con conti superiori alle stime del mercato. E negli Stati Uniti è in atto la tanto attesa ripresa.

I primi cento giorni di Donald Trump

Ecco perché il presidente americano non dovrebbe attaccare i suoi predecessori. I numeri (e le sconfitte) dicono che il suo inizio alla Casa Bianca è tutt'altro che entusiasmante

Sabato 29 aprile Donald Trump passerà il traguardo dei primi cento giorni alla Casa Bianca. Ma, scrivono i media americani, il presidente americano ha veramente poco da festeggiare, soprattutto perché in più di tre mesi non è riuscito a portare a termine nessuna delle promesse fatte ai suoi elettori: il divieto di ingresso ai cittadini di alcuni Paesi a maggioranza musulmana (il muslim ban) è stato bloccato due volte da due diversi tribunali. La riforma sanitaria che avrebbe dovuto sostituire il "disastroso" Obamacare è stata bocciata dalla Camera. Il muro con il Messico potrebbe non avere il via libera dal Congresso al suo primo finanziamento, 1,4 miliardi di dollari per iniziare i primi chilometri, in un atto più simbolico che di sostanza.

O'Sullivan a Trump: senza Europa, niente America Great Again

L'ambasciatore Ue negli Stati Uniti, da New York, critica il focus dell'amministrazione Usa sugli accordi bilaterali e sui deficit commerciali. Il presidente americano non è cheerleader dell'integrazione Ue ma ha bisogno di Vecchio Continente prospero

In un'Europa in cui c'è una "rinnovata attività economica", c'è anche una diffusa convinzione che "il libero commercio e gli accordi commerciali messi a punto bene diano benefici". E pur non sottovalutando gli effetti collaterali della globalizzazione e i problemi che ancora ci sono nell'Unione europea come la disoccupazione giovanile alta, le prospettive sono finalmente "incoraggianti". Ne è convinto David O'Sullivan, l'ambasciatore Ue negli Stati Uniti che ha presentato la Ue come "il blocco commerciale più aperto e libero al mondo" e che scherzosamente ha aperto una ristretta colazione di lavoro a New York dicendo che "il mondo non è finito con l'elezione di Donald Trump" alla presidenza americana.

Governo Usa: "L'arresto di Assange è una priorità"

Lo ha detto il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions. Trump, mesi fa: "Amo WikiLeaks", nel 2010: "Pena di morte"
Ap

L'arresto del fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, è una "priorità" per gli Stati Uniti. Lo ha detto ieri il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, durante una conferenza stampa a El Paso, in Texas. "Aumenteremo ancora i nostri sforzi, e li stiamo già aumentando, contro tutte le fughe di notizie [...] S", è una priorità [arrestare Assange]. Cercheremo di mettere un po' di persone in carcere".

Riforma sanitaria Usa, dai conservatori un 'sì' a Trump

I membri del Freedom Caucus approvano le modifiche, dopo il 'no' che aveva costretto i repubblicani a ritirare la proposta di legge lo scorso 24 marzo, in assenza del sostegno necessario
AP

Il Freedom Caucus, il gruppo di deputati conservatori responsabile, insieme ad alcuni moderati, della bocciatura alla Camera della riforma sanitaria dell'amministrazione Trump per sostituire l'Obamacare, ha approvato le modifiche alla proposta di legge. Lo speaker della Camera, Paul Ryan, ha dichiarato che gli emendamenti "ci aiutano a ottenere consensi", ma non ha detto quanto i repubblicani siano vicini al numero di voti necessario per far approvare la riforma alla Camera.

L'ammiraglio Harris (Uspacom): "La Corea del Nord è una minaccia per le Hawaii"

Harris ha suggerito la possibilità di "installare una difesa missilistica alle Hawaii". "Non condivido la vostra sicurezza" sul fatto che Pyongyang "non cercherà di attaccare gli Stati Uniti, una volta capace di farlo"

"La Corea del Nord è la più grande minaccia" per gli Stati Uniti e "Kim Jong-Un è chiaramente nella posizione di minacciare le Hawaii, oggi". Lo ha detto l'ammiraglio Harry Harris, a capo dello U.S. Pacific Command (Uspacom), il comando unificato delle Forze armate degli Stati Uniti responsabile per l'area dell'oceano Pacifico e gran parte dell'oceano Indiano, parlando davanti alla commissione delle Forze armate della Camera.

Primo trimestre positivo per Twitter: calano perdite, cresce numero utenti

Quarto aumento trimestrale consecutivo del numero di utenti mensili attivi: +14% nel primo trimestre a 328 milioni su base annuale e +6% dai tre mesi precedenti, meglio dei 321 milioni attesi dagli analisti).

Nel primo trimestre Twitter ha riportato conti al di sopra delle aspettative, grazie al quarto aumento trimestrale consecutivo del numero di utenti mensili attivi (+14% nel primo trimestre a 328 milioni su base annuale e +6% dai tre mesi precedenti, meglio dei 321 milioni attesi dagli analisti).