Fed: il vicepresidente Fischer dà le dimissioni. E avverte Trump

Ha scritto al presidente comunicando la sua decisione e ricordandogli che con i requisiti stringenti imposti dopo la crisi del 2008 il sistema finanziario è più solido. Yellen: gli sono grata, ci mancherà. Istituto centrale verso una rivoluzione
Wikimedia Commons

Intorno al 13 ottobre prossimo, Stanley Fischer non sarà più il vicepresidente della Federal Reserve né membro del suo Board. Lo ha annunciato lui stesso dando le sue dimissioni per motivi personali. Intende stare più vicino alla moglie. Il mandato all'interno del Board della banca centrale del 73enne nominato da Barack Obama il 28 maggio 2014 doveva scadere il 31 gennaio 2020. Il suo mandato da braccio destro di Janet Yellen sarebbe scaduto il 12 giugno 2018. Quello della prima donna alla guida della Fed finirà nel febbraio del prossimo anno. Questo significa che nell'istituto forse più importante al mondo si preannuncia un giro di poltrone non indifferente che chiama in causa la Casa Bianca (le nomine passato dal suo inquilino).

La lettera a Trump
Fischer ha scritto una lettera al presidente americano Donald Trump per annunciare le sue dimissioni. Nella missiva a colui che è chiamato a decidere tra l'altro chi sarà la prossima guida della banca centrale Usa quando il mandato di Janet Yellen scadrà il prossimo febbraio, l'economista ha spiegato che è stato "un privilegio" lavorare nel Board della Fed - dove lo aveva messo Barack Obama - e al fianco della prima donna alla guida dell'istituto centrale. La lettera è servita per mandare un chiaro messaggio a Trump, che della deregulation finanziaria ha fatto uno dei suoi cavalli di battaglia. "Durante il mio tempo trascorso nel Board [dove arrivò il 28 maggio 2014] l'economia ha continuato a rafforzarsi fornendo milioni di posti di lavoro aggiuntivi". Un difensore della regolamentazione, Fischer ha detto che alla luce delle lezioni derivanti dalla crisi finanziaria del 2008, "abbiamo reso il sistema finanziario piò forte e più resiliente e meglio capace di fornire credito cos" importante per la prosperità delle famiglie e delle aziende del nostro Paese", come a dire che uno smantellamento della Dodd-Frank, la riforma finanziaria voluta da Obama nel 2010, non è una buona idea.

Il commento di Yellen
Il numero uno della Federal Reserve ha commentato le dimissioni di Fischer. Secondo lei "l'intuizione di Stan, basata su una sapienza e un servizio pubblico esemplare, ha contribuito in modo inestimabile alle nostre decisioni di politica monetaria. Ha rappresentato il Board [della Fed] a livello internazionale distinguendosi e capitanando i nostri sforzi per alimentare la stabilità finanziaria". Yellen ha aggiunto di essergli "personalmente grata per la sua amicizia e il suo servizio. I suoi consigli, il suo humor e la sua verve ci mancheranno".

Con Fischer dimissionario, sono quattro i posti vacanti nel Board
Salgono a quattri i posti vacanti all'interno del Board della Federal Reserve, in cui sono chiamate a sedersi sette persone. E' la conseguenza delle dimissioni di Fischer. Questo significa che il presidente americano avrà la possibilità di ridisegnare la Fed in modo significativo ancora prima del febbraio 2018, quando scadrà il mandato di Yellen. Trump non esclude una conferma della prima donna alla guida dell'istituto centrale ma pare che in corsa ci sia anche Gary Cohn, ex presidente di Goldman Sachs diventato consigliere economico del presidente Usa.

Le decisioni dell'inquilino della Casa Bianca saranno particolarmente significative più che per l'inflazione e l'occupazione per la regolamentazione finanziaria, che lui intende allentare nonostante i moniti indiretti lanciati dalla stessa Yellen il 25 agosto scorso da Jackson Hole.

Dei quattro posti vacanti, due sono stati ereditati da Trump dall'amministrazione Obama: il controllo da parte del Gop del Senato - dove ogni nomina fatta dal presidente deve essere approvata - rese impossibile confermare molti incarichi. Il terzo è dovuto alle dimissioni annunciate lo scorso febbraio ed effettive dall'aprile successivo di Daniel Tarullo (tra gli architetti della riforma finanziaria che Trump vuole smantellare). Trump ha nominato Randal Quarles - al Tesoro durante il governo di George W. Bush - per entrare nel Board della Fed e portarne avanti (o indietro) gli sforzi regolatori; deve essere ancora confermato al Senato. Gira poi voce che il leader Usa voglia nominare Marvin Goodfriend, professore alla Carnegie Mellon e in passato economista alla Fed. Il ruolo del Board della Fed è rilevante: domina l'Open Market Committee, il braccio di politica monetaria della banca centrale; seleziona i membri dei board delle sedi regionali della Fed che a loro volta scelgono i rispettivi presidenti.

La carriera di Fischer
Fischer era stato governatore della banca centrale israeliana dal 2005 al 2013. E' stato presidente del cda di Citigroup dal febbraio 2002 all'aprile 2005. E' stato primo vice direttore generale del Fondo monetario internazionale dal settembre 1994 all'agosto 2001 e capo economista della Banca Mondiale dal gennaio 1988 all'agosto del 1990. E' stato professore di economia al Massachusetts Institute of Technology dal 1977 al 1999 ma nel celebre ateneo iniziò la sua carriera accademica di insegnante nel 1973. Prima ancora insegnava alla University of Chicago. Nato a Lusaka, Zambia, nell'ottobre del 1943 ha studiato alla London School of Economics; poi ha ottenuto un dottorato all'MIT nel 1969.


Altri Servizi

Interferenza russa nel referendum su Brexit? Facebook amplia l'inchiesta

Il social network risponde al pressing dei legislatori britannici. Il gruppo aveva scoperto solo una minima attività riconducibile a Mosca

Facebook sta ampliando la sua inchiesta volta a capire se la Russia ha interferito nel referendum con cui nel giugno 2016 i cittadini britannici hanno scelto l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. Lo ha detto ieri il social network, che in una precedente indagine aveva scoperto soltanto un'attività minima da parte di Mosca.

Goldman Sachs: primo rosso trimestrale da 2011, ma conti sopra stime; da riforma 4,4 miliardi di oneri

Il Ceo Blankfein: "Con la prevista accelerata dell'economia globale, i benefici che arriveranno dalla nuova legislazione fiscale e grazie a un franchise di primo piano, siamo ben posizionati per fare significativi progressi sul piano di crescita".

Nei tre mesi a dicembre Goldman Sachs ha virato in rosso, riportando le sue prime perdite trimestrali dal 2011. Come già successo con i conti delle maggiori rivali dell'istituto newyorkese, ha pesato l'impatto della riforma fiscale voluta dal presidente Donald Trump, che ha provocato oneri straordinari per 4,4 miliardi di dollari.

Nuovi permessi ai Dreamers, Trump si arrende (per ora) alla decisione di un giudice

L'amministrazione statunitense ricomincia ad accettare le richieste dei rinnovi, interrotti a ottobre, seguendo l'ordine di un tribunale della California. Non è, però, una marcia indietro del presidente
iStock

Tutto come prima, almeno per ora. Il governo federale degli Stati Uniti ha annunciato che ricomincerà ad accettare le richieste di rinnovo per il Daca, il Deferred Action for Childhood Arrivals (Daca), il programma voluto nel 2012 da Barack Obama per permettere agli immigrati irregolari, entrati da bambini nel Paese, di evitare l'espulsione e ricevere un permesso di lavoro o di studio biennale e rinnovabile.

Alcoa: perdita trimestrale peggiora, pesano chiusure fonderie (anche in Italia)

Rosso da 196 milioni di dollari. Oneri per 391 milioni legati anche all'impianto sardo a Portovesme. Dalla riforma fiscale Usa, impatto negativo per 22 milioni

La chiusura di un paio di fonderie, inclusa quella a Portovesme (Sardegna), e la nuova riforma fiscale Usa hanno pesato sugli utili di Alcoa relativi agli ultimi tre mesi del 2017. L'intero esercizio commerciale è finito in modo migliore di quello precedente grazie all'andamento dei prezzi dell'alluminio.

Apple stima un "contributo diretto" all'economia Usa per 350 miliardi di dollari in cinque anni

Annunciate spese per capitale da 30 miliardi di dollari, la creazione di 20.000 nuovi posti di lavoro e di un altro campus. Pagherà 38 miliardi di dollari per rimpatriare utili parcheggiati all'estero
iStock

Fmi a San Marino: il settore bancario deve essere rafforzato

La Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino va ristrutturata, deve cambiare modello di business e ridurre costi operativi

Russiagate: accordo con Mueller, Bannon evita il gran giurì

L'ex stratega della Casa Bianca risponderà alle domande del procuratore speciale sulle interferenze russe nelle elezioni

Cnn: Fox fermò lo scoop sulla relazione sessuale tra Trump e una pornostar prima delle elezioni

Venerdì scorso, il Wall Street Journal ha scritto che Stephanie Clifford fu pagata 130.000 dollari nell'ottobre 2016 per restare in silenzio

Russiagate, Bannon "collaborerà totalmente con Mueller"

L'ex stratega della Casa Bianca ha ricevuto un mandato di comparizione dal procuratore speciale. Il privilegio esecutivo, invece, 'blocca' Bannon davanti alla commissione Intelligence della Camera

Bank of America: utile IV trim. cala, ma batte stime, 2,9 mld oneri da riforma

"Una crescita responsabile ha prodotto risultati solidi nel 2017", ha detto l'amministratore delegato Brian Moynihan.