Fed, Powell: "Il taglio dei tassi aiuterà gli Usa a restare forti"

Il governatore della Banca centrale statunitense ha spiegato i motivi del taglio di mezzo punto percentuale. Ma per il presidente Trump non basta

Il taglio dei tassi d'interesse di mezzo punto percentuale "aiuterà l'economia statunitense a restare forte". Lo ha detto il governatore della Fed, Jerome Powell, nella conferenza stampa programmata per spiegare i motivi della mossa a sorpresa. Il coronavirus "ha portato nuove minacce e rischi" e "avrà un peso sulle attività economiche negli Stati Uniti e all'estero". Gli effetti sull'economia mondiale, però, "restano fortemente incerti". "La Fed continuerà a monitorare la situazione da vicino e a usare gli strumenti appropriati" ha aggiunto.

Parlando della situazione internazionale, Powell ha detto che "spetta ai singoli Paesi agire", anche se "è possibile che ci sarà un coordinamento più formale tra i Paesi del G7". La Fed, comunque, "non vede finora molti disagi per l'economia" e "i mercati finanziari stanno funzionando in modo ordinato".

"La Fed non esiterà a cambiare la politica monetaria, se necessario" ha poi aggiunto. La Fed, ha concluso, "non sta considerando l'uso di altri strumenti diversi dal taglio dei tassi". L'economia statunitense, aveva detto all'inizio della conferenza, resta forte.

"Gli effetti del coronavirus sono nelle fasi iniziali e ancora non si vedono nei dati" ha detto Powell, parlando durante la conferenza stampa organizzata per spiegare i motivi del taglio dei tassi d'interesse di mezzo punto. La Federal Reserve ha annunciato un taglio dei tassi d'interesse di mezzo punto, all'1-1,25%, per cercare di sostenere l'economia, in un momento in cui ci sono timori globali per la diffusione del coronavirus. Si tratta del primo taglio deciso al di fuori delle riunioni programmate dalla Fed dalla crisi finanziaria del 2008. La decisione è stata presa all'unanimità.

"La Federal Reserve sta tagliando [i tassi d'interesse] ma dovrebbe allentare di più e soprattutto allinearsi agli altri Paesi/competitori. Non stiamo giocando ad armi pari. Non è giusto per gli Stati Uniti. È arrivato il momento per la Fed di condurre. Più allentamento e tagli!". Questo il commento del presidente statunitense, Donald Trump, al taglio di mezzo punto annunciato dalla Fed.

Il segretario al Tesoro statunitense, Steven Mnuchin, ha detto di sostenere la decisione della Federal Reserve di tagliare i tassi di interesse di mezzo punto per far fronte al probabile impatto del coronavirus sull’economia. Mnuchin, parlando davanti alla commissione della Camera dei Rappresentanti che si occupa di fisco, ha dichiarato che la crisi legata al coronavirus sarà diversa da quella finanziaria del 2008, perché ha un "arco temporale".

Altri Servizi

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Coronavirus, oltre 2mila morti negli Stati Uniti. Trump rinuncia alla quarantena per New York

Il presidente americano impone delle limitazioni per provare a contenere i contagi dopo che negli Usa sono più di 120mila i casi
White House /Shealah Craighead

Donald Trump torna sui suoi passi e abbandona l’idea di mettere in quarantena gli stati di New York, New Jersey e Connecticut dopo che nelle ultime ore quest’idea, da lui stesso paventata, aveva riscosso non poche critiche. È lo stesso presidente americano a darne notizia su Twitter: "Su raccomandazione della Task Force Coronavirus della Casa Bianca e dopo essermi consultato con i governatori di New York, New Jersey e Connecticut, ho chiesto di limitare rigorosamente gli spostamenti nell'area, sotto il controllo degli stessi governatori, in consultazione con il Governo federale. Ma non sarà necessaria una quarantena", ha spiegato il tycoon.

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Il numero dei lavoratori che per la prima volta hanno fatto richiesta, la scorsa settimana, per ricevere i sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti ha registrato un aumento record, perché ha fortemente subito gli effetti della pandemia di coronavirus. Secondo quanto riportato dal dipartimento del Lavoro, le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono aumentate di 3,341 milioni a 6,648 milioni di unità; gli analisti attendevano un dato in rialzo di 3,1 milioni. 

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP