Fed: Powell potrebbe segnalare una recessione all'orizzonte

Mercoledì atteso un rialzo dei tassi. Possibili quattro strette nel 2018, Focus sulla curva dei rendimenti e sulla rapidità con cui la disoccupazione continuerà a calare
AP

Dopo soli quattro mesi dal suo arrivo al vertice della Federal Reserve, il governatore Jerome Powell potrebbe ritrovarsi questa settimana nella posizione scomoda di dovere segnalare una recessione all'orizzonte. Lo scrive il Wall Street Journal in vista della riunione della banca centrale, che inizierà domani e si concluderà mercoledì 13 giugno con un quasi certo rialzo dei tassi di 25 punti base all'1,75-2%. Si tratterebbe del settimo aumento del costo del denaro dal dicembre 2015, quando fu annunciata la prima stretta dal giugno 2006.

Congiuntamente alla decisione sui tassi, la banca centrale americana diffonderà anche le nuove stime economiche e quelle relative al numero di strette previste in totale nel 2018. C'è una buona possibilità che la Fed ora se ne attenda quattro e non tre come aveva invece indicato sia nel dicembre 2017 sia lo scorso marzo. D'altra parte, il tasso di disoccupazione dalla primavera a oggi è passato dal 4,2% al 3,8%, minimo dell'aprile 2000 ed equivalente al valore atteso dai membri della Fed per la fine dell'anno in corso. Solo due volte nell'ultimo mezzo secolo il tasso di disoccupazione è sceso così in basso: è successo alla fine degli anni '60, quando esplose un'inflazione galoppante, e per un mese nel 2000 durante la bolla dot-com, che una volta esplosa causò la recessione del 2001.

Saranno due i fattori attentamente monitorati dagli investitori: le conseguenze sulla curva dei rendimenti dei Treasury che ci potrebbero essere se la Fed segnalerà quattro rialzi dei tassi nel 2018 e le indicazioni sulla rotta del tasso di disoccupazione.

Sul primo fronte, una inversione della curva (che si ha quando i rendimenti dei Treasury a breve scadenza superano quelli dei titoli a lunga scadenza) è vista come un segno che una recessione si sta avvicinando. Il differenziale tra il titolo a due anni (quello più sensibile alle mosse della Fed) si è portato ai minimi di oltre un decennio, intorno allo 0,4%. L'ultima volta che la curva dei rendimenti si è invertita risale al 2007, poco prima della recessione. Successe poi anche nel 2000. A Powell spetterà spiegare perché questa volta una inversione non sarà sinonimo di recessione.

Quanto al mercato del lavoro, gestori e investitori si domandano se al calo del tasso di disoccupazione - visto da alcuni scendere al 3,3% entro dicembre - si accompagnerà un aumento della partecipazione della forza lavoro. In caso affermativo, la Fed potrebbe permettersi di alzare i tassi con una calma maggiore. Ma se le persone al di fuori del mercato del lavoro non saranno pronte a entrare a farne parte, la Fed potrebbe stringere la cinghia più rapidamente per tenere sotto controllo l'inflazione. Un passo falso da parte della banca centrale sul ritmo delle sue azioni potrebbe provocare una recessione. Powell potrebbe prendere tempo ribadendo che il suo resta un approccio fondato sulla gradualità delle strette.

C'è tuttavia chi teme che il tasso di disoccupazione sia a livelli non sostenibili e che sia solo una questione di tempo prima che emergano gli squilibri. La loro tesi è che se la Fed aspetta troppo ad alzare i tassi, poi dovrà aumentarli rapidamente causando una recessione. Su questo, anche l'ex governatore Janet Yellen aveva avvertito in più occasioni.

Altri Servizi

La Ue gioca d'anticipo sugli Usa, le aziende potranno fare business con l'Iran

Mogherini da New York: verrà creato un 'veicolo speciale' per continuare ad avere a che fare con una nazione che Trump si prepara a punire con nuove sanzioni. Obiettivo: salvare lo storico accordo sul nucleare da cui l'America si è ritirata

L'Unione europea ha preso ulteriormente le distanze da Donald Trump, che lo scorso maggio aveva annunciato il ritiro "unilaterale" degli Stati Uniti dallo storico accordo sul nucleare italiano siglato nell'estate 2015 e che il novembre prossimo imporrà un secondo round di sanzioni contro il settore energetico di Teheran.

Facebook: i due cofondatori di Instagram se ne vanno

Nel 2012 vendettero la app di condivisione di foto per 1 miliardo di dollari. Ora pensano alla loro prossima avventura

I due cofondatori di Instagram, la app per la condivisione di immagini acquistata da Facebook nel 2012 per 1 miliardo di dollari, hanno dato le dimissioni.

L'Air Force Usa sceglie Boeing e Leonardo, commessa da 2,4 mld di dollari per 84 elicotteri

Il Pentagono vuole l'elicottero MH-139, la versione a uso militare del commerciale AW139 prodotto dall'azienda italiana. Battute Lockheed Martin e Sierra Nevada
Leonardo

Boeing, in qualità di prime contractor, e Leonardo si sono aggiudicati una commessa da 2,4 miliardi di dollari per fornire all'Aeronautica militare statunitense fino a 84 esemplari dell'elicottero MH-139, la versione a uso militare del commerciale AW139 prodotto a Philadelphia (Pennsylvania).

Wall Street, occhi su Fomc e Onu

Inizia la riunione del Federal Open Market Committee, Trump parla all'Assemblea generale
iStock
Da sinista, l'administrator di UNDP, Achim Steiner, e l'a.d. di Eni, Claudio Descalzi

Eni e il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) coopereranno per migliorare l'accessibilità a un'energia sostenibile in Africa e per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. La partnership è la prima di questo genere tra lo UNDP e una compagnia energetica globale.

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

Trump incontrerà Rosenstein giovedì. Dimissioni, licenziamento o tutto fermo fino alle elezioni?

Il vicesegretario alla Giustizia ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca nel voto del 2016. Dopo voci contrastanti su dimissioni e licenziamento, la notizia dell'incontro
AP

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap