Fed: primo taglio dei tassi dal 2008. Powell: "Non è l'inizio di una lunga serie"

Il governatore non ha nemmeno escluso che quello annunciato di 25 punti base sia l'unico. Trump si lamenta: "ci ha deluso"
AP

La Federal Reserve ha dato agli investitori quello che si aspettavano: il primo taglio dei tassi dal dicembre del 2008. La banca centrale americana però non ha fornito la chiarezza attesa sulle sue mosse future. Per questo gli indici a Wall Street sono crollati, il dollaro si è rafforzato e i titolo di stato americani a due anni sono stati venduti.

La riduzione del costo del denaro di 25 punti base al 2-2,25% era ampiamente prevista. Quello che forse il mercato voleva sentirsi dire era l'arrivo certo di altri tagli da parte della banca centrale americana, che per altro ha messo fine due mesi prima del previsto alla riduzione del suo bilancio gonfiato negli anni della crisi da tre round di acquisto di Treasury e bond ipotecari. Non a caso Donald Trump si è subito lamentato sostenendo che il governatore Jerome Powell "ha deluso".

Nel comunicato diffuso alla fine di due giorni di riunione, la Fed ha ribadito un messaggio ormai noto ai trader: "Agirà in modo appropriato per sostenere l'espansione, con un mercato del lavoro forte e un'inflazione vicina all'obiettivo simmetrico del 2%". In conferenza stampa, Powell non ha voluto invece sbilanciarsi. Il taglio dei tassi "ampiamente telegrafato" ai mercati "non è l'inizio di una lunga serie di tagli dei tassi" ma non è nemmeno l'unico che potrebbe esserci, ha spiegato Powell ribadendo che tutto dipenderà dal quadro economico e dai rischi che arrivano dall'estero. 

"Quando si pensa a un ciclo accomodante, i tassi vengono tagliati per un lungo periodo. L'Fomc non sta vedendo questo. Lo vedrebbe, se ci fosse un serio indebolimento dell'economia che richiedere un notevole taglio dei tassi. Non stiamo osservando questo. Quello che vediamo è che è appropriato aggiustare la politica monetaria a favore di una politica un po' più accomodante", ha sottolineato il successore di Janet Yellen, la donna che nel dicembre del 2015 annunciò il primo rialzo dei tassi dal 2006. Offrendo questo chiarimento Powell ha parlato di un "aggiustamento di metà ciclo" della politica monetaria Usa, deludendo chi (peccando forse di troppo ottimismo) sperava che la mossa odierna avrebbe segnato l'inizio di un ciclo espansivo come quello cominciato nel settembre del 2007, quando i tassi furono ridotti di 50 punti base al 4,75%.

Powell ha descritto il taglio dei tassi (contro il quale si sono schierati due governatori dissidenti che volevano tassi invariati) come una mossa preventiva, una sorta di "assicurazione" per "proteggere l'economia americana da rischi negativi dati da una crescita mondiale debole e dall'incertezza data dalla politica commerciale". Per il momento l'outlook statunitense resta "favorevole" e non c'è nulla nell'economia più grande al mondo che "pone una notevole minaccia nel breve termine".

Come suo solito Powell ha evitato alcun riferimento al presidente americano, Donald Trump, che negli ultimi giorni aveva chiesto un "grande" taglio dei tassi, superiore ai 25 punti base. Tuttavia, al leader Usa convinto che "ora ci troveremmo in una grande recessione/depressione" se lui non avesse vinto le elezioni del 2016, Powell ha mandato a dire che la Fed non taglierà mai i tassi in risposta a un pressing politico.

Il presidente americano ha poi twittato: "Quello che il mercato voleva sentire era che questo era l'inizio di un ciclo lungo e deciso di tagli dei tassi che starebbe al passo con la Cina, la Ue e altri Paesi nel mondo". Trump ha aggiunto: "Come al solito Powell ci ha deluso ma almeno ha messo fine alle quantitative tightening, che non sarebbe dovuto nemmeno iniziare".

Altri Servizi

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

I Brooklyn Nets hanno un nuovo proprietario. Il vicepresidente esecutivo di Alibaba Group, Joe Tsai, ha esercitato l'opzione di acquisto per le quote della società non ancora in suo possesso (il 51%), mettendo fine all'era di Mikhail Prokhorov, il magnate russo che aveva spostato la franchigia Nba - il massimo campionato professionistico di pallacanestro di Stati Uniti e Canada - dal New Jersey a New York.

Wall Street, pesano le tensioni internazionali

Dalla guerra commerciale tra Usa e Cina alle proteste a Hong Kong
AP

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

Caso Epstein: l'America di Trump torna alle teorie del complotto

Il presidente fa circolare un tweet che insinua un coinvolgimento dei Clinton. La consigliere Conway lo difende. Scetticismo sulla credibilità dell'inchiesta della Giustizia Usa sull'apparente suicidio del finanziere

La morte di Jeffrey Epstein in prigione ha riacceso la voglia di parte dell'America di teorie del complotto. E ad alimentarle ci ha pensato il presidente Donald Trump.

L'uomo che ha contribuito al successo elettorale di Donald Trump crede che tra gli attuali candidati democratici alle presidenziali del 2020 non ci sia ancora la persona ideale per sconfiggere il 45esimo inquilino della Casa Bianca. Steve Bannon, l'ex stratega di Trump e simbolo della destra estrema, ha così fatto il nome dell'ex first lady Michelle Obama come una delle valide alternative a cui il partito democratico potrebbe fare ricorso.

BlackRock diventerà socio di maggioranza nel proprietario di Sport Illustrated

Si tratta di Authentic Brands, che controlla anche i diritti legati a Marilyn Monroe e Muhammad Ali

Il più grane asset manager al mondo scommette sul private equity. BlackRock sta per prendere la quota di controllo di Authentic Brands, gruppo con sede a New York che ha le licenze di 50 marchi tra l'intrattenimento e il lifestyle che generano ogni anno 9,3 miliardi di dollari. 

Wall Street, segnali di recessione

Si è invertita la curva dei rendimenti dei titoli di Stato Usa a 2 e 10 anni
AP
WeWork

WeWork ha depositato il prospetto in vista di una Ipo che potrebbe esserci a settembre. Ad aprile The We Company, la controllante, aveva consegnato alla Securities and Exchange Commission i documenti legati al debutto in borsa ma in forma confidenziale. Da oggi i documenti sono accessibili a tutti.

GE rimbalza: Ceo compra 2 mln $ di azioni dopo accusa di frode in stile Enron

Ieri il tonfo maggiore da 11 anni dopo la diffusione di un rapporto redatto da colui che aveva avvertito sullo schema Ponzi creato da Bernie Madoff

General Electric rimbalza al Nyse (+6,7% a 8,54 dollari) all'indomani del tonfo maggiore da 11 anni (-11,3% a 8,01 dollari).