Fed pronta ad alzare i tassi a settembre, economia Usa "forte"

Come previsto, il costo del denaro è rimasto all'1,75-2%. Avanti con normalizzazione "graduale" della politica monetaria
AP

La Federal Reserve non ha sorpreso. Come ampiamente previsto, alla fine della sua quinta riunione dell'anno in corso ha lasciato i tassi di interesse all'1,75-2%. E visto che ha usato toni più ottimisti sull'andamento dell'economia americana, passato a "forte" da "solido", la Fed si appresta a stringere di nuovo la cinghia a settembre. Quella stretta andrebbe ad aggiungersi a quelle di marzo e giugno. A quel punto, l'istituto centrale avrebbe ancora in canna un rialzo dei tassi visto che ne ha previsti un totale di quattro nel 2018.

La congiuntura americana giustifica una normalizzazione della politica monetaria che, ad oggi, viene definita dalla Fed stessa ancora "accomodante" e che procederà in modo "graduale". La banca centrale guidata dallo scorso febbraio da Jerome Powell ha osservato come il mercato del lavoro abbia "continuato a rafforzarsi e che l'attività economica è cresciuta a un tasso forte". Il riferimento, in quest'ultimo caso, è forse alla prima lettura del Pil Usa del secondo trimestre, diffusa venerd" scorso e che è stata pari a un +4,1%, massimo di 4 anni. Verrà pubblicato dopodomani il rapporto sull'occupazione statunitense a luglio e le attese sono per la creazione di 190mila posti di lavoro dopo i 213mila aggiunti a giugno; il tasso di disoccupazione, già ai minimi del 2000, dovrebbe scendere al 3,9% dal 4%.

Anche l'inflazione si è ormai ripresa. Dopo essere rimasta inspiegabilmente al palo nel 2017, è "vicina" al tasso di crescita annuo del 2% che è fissato come target dalla Fed. Quel target è ormai raggiunto, come dimostrato dalla misura dell'inflazione preferita dalla Fed: il personal consumption expenditures price index è cresciuto dello 0,1% a giugno su base mensile, mentre su base annuale è salito del 2,2%. La componente "core" del dato è aumentata dello 0,1% su base mensile e dell'1,9% annuo.

Per il momento la Federal Reserve crede che i rischi che potrebbero mettere a repentaglio le prospettive dell'economia Usa sono "equilibrati". Ecco perché intende continuare poco a poco ad alzare i tassi proseguendo una normalizzazione a cui si sta per unire la Banca centrale europea, che entro fine anno dovrebbe mettere fine al suo programma di acquisti. Domani, inoltre, la Bank of England con ogni probabilità alzerà i tassi per la seconda volta dallo scoppio della crisi finanziaria: le attese sono per un aumento allo 0,75% dallo 0,5%; sarebbero raggiunti i massimi dal 2009. Solo la Bank of Japan non ha ancora messo un freno ai suoi stimoli anche se in settimana ne ha annunciato una maggiore flessibilità.

Nessun cenno è stato fatto nel comunicato della Fed alla politica commerciale fatta di dazi dell'amministrazione Trump, che oggi dovrebbe annunciare quanto circola da ieri notte: un rialzo al 25% dal 10% dei dazi proposti su 200 miliardi di dollari di importazioni cinesi. Le tariffe doganali rischiano di pesare sulle tasche degli americani, che potrebbero dovere pagare di più per comprare prodotti come televisori, biciclette e tappeti. Questo significa che le pressioni inflative potrebbero crescere ma anche che l'economia - non solo Usa - potrebbe risenterne negativamente. Specialmente se la Cina reagirà con altre ritorsioni, come ha promesso.

Altri Servizi

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Il presidente americano, Donald Trump, vuole aprire un nuovo fronte nella sua battaglia commerciale con la Cina. Come? Ritirando gli Stati Uniti da un trattato postale vecchio di 144 anni che ha permesso alle aziende cinesi di inviare pacchi di piccole dimensioni in Usa a un tasso decisamente scontato.

Uber valuta uno scorporo delle attività a guida autonoma in vista dell'Ipo

Il gruppo ne manterrebbe il controllo ma potrebbe condividerne gli ingenti costi con i partner. Modello simile a quello di Cruise (GM)

In vista dell'Ipo stimata nel 2019, per il quale è stato valuto 120 miliardi di dollari da alcune banche, Uber sta valutando se scorporare le attività costose legate alla guida autonoma.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Per il terzo mese di fila, ad agosto, la Cina ha ridotto la quantità di Treasury in suo possesso portandola ai minimi del giugno 2017, quando erano a 1.147 miliardi di dollari.

La minaccia velata di Riad: usare di nuovo il petrolio come arma politica

Tagliare la produzione per fare schizzare i prezzi del barile. E' questa la mossa temuta dagli investitori da parte dell'Arabia Saudita

Il petrolio al Nymex viaggia in modo volatile mentre il mercato si concentra sulle crescenti tensioni tra Usa e Arabia Saudita per via della scomparsa del giornalista saudita Jamal Khashoggi. 

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.

"Sip Trip": il viaggio a tappe in Italia con cui il sommelier di Bastianich vuole ingolosire gli Usa

Al via le registrazioni della serie YouTube di Jeff Porter, direttore beverage dell'impero della celebre chef. Dalla Lombardia alla Campania per condividere piatti e vini del nostro Paese

A lui i "superlativi" non piacciono e dunque non si spingerà mai a dire che l'Italia è il migliore produttore di vini in assoluto. Eppure l'Italia sta diventando la "seconda casa" di Jeff Porter. Ed è la "prima porta" di quella casa che il sommelier americano vuole aprire allo spettatore di "Sip Trip", una mini serie su YouTube da lui ideata e che sta per essere girata nelle regioni italiane famose per il loro vino con tappe nelle cantine migliori, dal Veneto al Piemonte passando per Lombardia, Toscana, Umbria e Campania.

Caso Khashoggi: aumenta il pressing sull'Arabia Saudita, Trump chiede alla Turchia i file audio "se esistono"

Il presidente dice di non coprire Riad ma ne esalta gli acquisti di armi Usa. Pompeo difende l'inchiesta "completa" di Riad ma gli uomini parte del commando che avrebbe ucciso il giornalista sembrano vicinissimi a Mbs. Lagarde diserta la Davos nel deserto

Gli Stati Uniti non intendono coprire le eventuali responsabilità che l'Arabia Saudita ha nella scomparsa di Jamal Khashoggi, il giornalista saudita di cui si sono perse le tracce dal 2 ottobre scorso quando entrò nel consolato del suo Paese a Istanbul (Turchia). E' il presidente americano Donald Trump a dire che "niente affatto", lui non intende chiudere un occhio sul caso pur di salvare la relazione con un "alleato molto importante" che per altro è un "incredibile" acquirente di armi e "altre cose" americane.