Fed taglia i tassi di 25 punti base, prima volta dal dicembre del 2008

Mette fine alla riduzione del suo bilancio due mesi prima del previsto. Cita "sviluppi globali" e inflazione al palo

Come ampiamente atteso, la banca centrale americana ha annunciato il primo taglio dei tassi dal dicembre del 2008, quando nel pieno di una crisi finanziaria li aveva portati al minimo storico pari allo 0-0,25%. E lo ha fatto citando "sviluppi globali" e un'inflazione al palo. La Federal Reserve ha anche deciso di mettere fine con due mesi di anticipo la riduzione del suo bilancio, gonfiato negli annni della crisi da tre round di acquisti di Treasury e bond ipotecari.

Alla fine della sua quinta riunione del 2019, il Federal Open Market Committee - il braccio di politica monetaria dell'istituto - ha deciso di ridurre il costo del denaro di 25 punti base al 2-2,25%. Solo nel dicembre del 2018 la Fed aveva alzato i tassi per la quarta volta in quell'anno, la nona da quando nel dicembre del 2015 l'allora governatrice Janet Yellen annunciò il primo rialzo del costo del denaro dal giugno del 2006. Sui dieci membri del Federal Open Market Committee con potere di voto, in otto hanno votato a favore della decisione odierna. I due dissidente sono stati Esther George (Fed Kansas City) e Eric Rosengren (Fed di Boston); avrebbero voluto lasciare i tassi fermi.

Entro il mese che sta per iniziare la Fed terminerà la riduzione del suo bilancio, iniziata nel quarto trimestre del 2017. Fino ad ora la banca centrale aveva lasciato giungere a scadenza fino a 50 miliardi di dollari al mese di Treasury e bond garantiti da mutui. Attualmente il bilancio della Fed vale circa 3.800 miliardi; il suo valore massimo di 4.500 miliardi era stato raggiunto tra il 2015 e il 2016.

Come aveva detto in un discorso da Chicago il 4 giugno scorso il suo governatore, e come scritto nel comunicato diffuso nella riunione del 18-19 giugno scorsi, la Fed ha ribadito che "agirà in modo appropriato per sostenere l'espansione, con un mercato del lavoro forte e un'inflazione vicina all'obiettivo simmetrico del 2%". Alla luce di incertezze e pressioni inflative assenti, la Fed ha anche detto che "continuerà a monitorare le implicazioni dei dati in arrivo per l'outlook economico". La banca centrale prende tempo nel "contemplare la rotta futura dei tassi".

Per il momento, la Fed ha ribadito di aspettarsi che negli Stati Uniti l'espansione "sostenuta" dell'attività economica continui con condizioni del mercato del lavoro "forti" e un'inflazione "vicina" al target pari a una crescita annuale del 2%. Tuttavia, "le incertezze per questo outlook restano". Nel comunicato diffuso alla fine della sua riunione, la Fed ha parlato di una attività economica che "sta crescendo a un tasso moderato", ossia meno del "tasso solido" fotografato al termine della riunione dell'1 maggio. Identica anche la frase in merito a un "mercato del lavoro che resta solido"; il tasso di disoccupazione è rimasto "basso" (a giugno al 3,7%, vicino ai minimi di mezzo secolo). L'inflazione, ha aggiunto la Fed, continua a restare sotto il target del 2%. Le aspettative di lungo termine sull'inflazione sono "cambiate di poco".

Altri Servizi

Afghanistan, Trump stringe i tempi per un accordo con i talebani

Il presidente, contrario alla presenza di soldati Usa nel Paese, vuole trovare una soluzione prima delle presidenziali del prossimo anno
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha incontrato i suoi massimi consiglieri per valutare un possibile accordo con i talebani, che potrebbe permettere agli Stati Uniti di mettere fine alla loro presenza in Afghanistan. All'incontro hanno partecipato, tra gli altri, il vicepresidente Mike Pence, il segretario di Stato, Mike Pompeo, la direttrice della Cia, Gina Haspel, e il consigliere per la sicurezza nazionale, John Bolton. In un tweet dopo l'incontro, che si è tenuto nel suo golf club in New Jersey, Trump ha scritto che gli Stati Uniti "stanno cercando di fare un accordo, se possibile".

Toronto, la Silicon Valley canadese

Aumentano le società tech che investono nella quarta città nordamericana, attirati da costi inferiori e leggi sull'immigrazione migliori rispetto a quelle statunitensi
Ap

La Silicon Valley sta invadendo Toronto. Intel Corp. ha annunciato che costruirà un laboratorio, Uber Technologies aprirà un polo ingegneristico, Alphabet (Google) ha proposto la costruzione di un nuovo campus e Microsoft ha reso noto di voler aumentare la propria forza lavoro in città di oltre il 20 per cento. C'è cos" tanto fermento che la Silicon Valley Bank, che finanzia alcune delle maggiori società di venture-capital e startup al mondo, vi ha aperto un ufficio lo scorso marzo, dopo aver gestito per 19 anni gli affari canadesi da Seattle e Boston.

Kudlow: "Vogliamo un nuovo round di negoziati con la Cina. E non c'è nessuna recessione all'orizzonte"

Il consigliere economico della Casa Bianca rassicura sui colloqui con Pechino e sull'economia. Ma aveva pronunciato le stesse affermazioni nel 2007, poco prima della grande recessione
Gage Skidmore /Gage Skidmore

L'amministrazione statunitense vuole portare avanti i negoziati con la Cina per porre fine alla guerra commerciale tra i due Paesi (vissuta con molto nervosismo dai mercati). Lo ha dichiarato il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, in un'intervista alla trasmissione Fox News Sunday.

Wall Street, segnali di recessione

Si è invertita la curva dei rendimenti dei titoli di Stato Usa a 2 e 10 anni
AP

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

La diplomazia straniera si prepara a un'altra vittoria di Trump

Scottate dall'esito delle elezioni del 2016, le ambasciate si aspettano il secondo mandato del presidente: una previsione che sta già influenzando rapporti e negoziati con Washington
Ap

Usa verso proroga di 3 mesi per permettere a Huawei di acquistare da fornitori Usa

La Casa Bianca ha subito le pressioni delle società tecnologiche Usa, preoccupate dalla possibilità di perdere diversi miliardi di dollari
AP

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

GE rimbalza: Ceo compra 2 mln $ di azioni dopo accusa di frode in stile Enron

Ieri il tonfo maggiore da 11 anni dopo la diffusione di un rapporto redatto da colui che aveva avvertito sullo schema Ponzi creato da Bernie Madoff