Fed, Trump: Powell come un giocatore di golf incapace di tirare in buca

Conto alla rovescia per il discorso del governatore a Jackson Hole
Ap

Il presidente americano, Donald Trump, è tornato ad attaccare la Federal Reserve e il suo governatore, paragonato a un giocatore di golf praticamente incapace di tirare in buca. In un tweet Trump ha scritto: "Le cose vanno alla grande con la Cina e altri accordi commerciali. L'unico problema è Jay Powell, e la Fed. E' come un giocatore di golf che incapace di realizzare un putt, non ha tatto. [Ci sarebbe] una netta crescita in Usa se facesse la cosa giusta, un grande taglio [dei tassi] ma non contiamo su di lui. Fino ad ora si è sbagliato e ci ha deluso".

Il presidente americano, Donald Trump, è tornato a lamentarsi del livello del costo del denaro negli Stati Uniti. "Siamo in competizione con molti paesi che hanno tassi di interesse molto più bassi, e i nostri dovrebbero essere molto più bassi dei loro". Lo ha scritto in un altro tweet citando un dollaro forte e l'assenza di inflazione. Per questo ha chiamato in causa direttamente la Federal Reserve dicendo: "Svegliati". Secondo Trump negli Stati Uniti "c'è un tale potenziale di crescita, quasi mai visto prima d'ora". Già a inizio mese il leader Usa aveva sostenuto che la Feddovrebbe allinearsi alle altre banche centrali. Il tasso principale della Bce è pari a zero, quello della Bank of England allo 0,75% e della Bank of Canada all'1,75%. Il 31 luglio scorso la Fed ha tagliato i tassi di 25 punti base al 2-2,25%. Ieri Trump ha sostenuto che i tassi dovrebbero essere ridotti di "almeno" 100 punti base.

Nel frattempo è già partito il conto alla rovescia per l'intervento del governatore della Federal Reserve all'appuntamento agostano annuale, quello a Jackson Hole. Dalla località di montagna del Wyoming - dove ogni anno si riuniscono banchieri centrali, economisti e accademici - Powell venerdì alle 16 italiane terrà un discorso intitolato "Challenges for Monetary Policy", "Le sfide della politica monetaria". Il titolo non poteva essere forse più appropriato visto il rallentamento dell'economia globale, lo spettro di una recessione in Usa riacceso il 14 agosto scorso dalla cosiddetta inversione della curva dei rendimenti, la montagna di bond che nel mondo ha rendimenti negativi (quasi 17mila miliardi), le tensioni commerciali tra Usa e Cina, i rischi associati alla Brexit e quelli legati alle proteste a Hong Kong. Tra quelle sfide ci sono anche i continui attacchi alla Fed del presidente americano, Donald Trump, che nei giorni scorsi aveva definito "orribile" la carenza di visione di Powell.

A Trump non è bastata la riduzione del costo del denaro (la prima dal dicembre del 2008) annunciata il 31 luglio scorso. Tutti gli operatori di mercato si aspettano che Powell segnali un altro taglio nella riunione del prossimo mese ma difficilmente il numero uno della Fed darà indicazioni sulla portata di quel taglio (non manca chi lo prevede di 50 punti base e non solo dei soliti 25). Gli investitori vorrebbero poi un aggiornamento dopo la conferenza di fine luglio nella quale Powell aveva spiegato che la riduzione dei tassi allora annunciata era "di metà ciclo" e non l'inizio di una serie di tagli che invece si osserva in periodi di forte crisi. Fornire una spiegazione su questo è rischioso perché i mercati potrebbero reagire male sia nel caso Powell risulti "colomba" sia in quello in cui suoni più "falco". Nel primo caso, potrebbe prevalere il timore che la congiuntura stia andando peggio del previsto o che la Fed stia cedendo al pressing della Casa Bianca a scapito della sua preziosa indipendenza. Nel secondo, una Fed attendista potrebbe essere interpretata come la fonte di problemi che potrebbero poi mandare in tilt l'economia e i mercati finanziari. A tutto ciò si aggiunge il crescente scetticismo verso la capacità delle banche mondiali, e non solo della Fed, di salvare le sorti dell'economia mondiale.

Altri Servizi

La Cina sospende i dazi su 16 categorie di prodotti, ma non quelli sui semi di soia

Segnale di distensione in vista dei negoziati, ma i prodotti più importanti restano tassati

La Cina ha annunciato la sospensione per un anno, dal 17 settembre, i dazi su 16 categorie di prodotti importati dagli Stati Uniti in vista della ripresa delle trattative commerciali tra i due Paesi, in programma per l'inizio di ottobre. Lo ha reso noto il ministero delle Finanze cinese. Tra i prodotti esentati ci sono farmaci anti-cancro e prodotti chimici, mentre restano in vigore i dazi sui prodotti agricoli come i semi di soia, che hanno maggiormente danneggiato gli Stati Uniti. In tutto, sono oltre 5.000 le categorie di prodotti soggette ai dazi aggiuntivi cinesi, frutto della guerra commerciale in atto da oltre un anno. Pechino, secondo il South China Morning Post, avrebbe offerto agli Stati Uniti di aumentare gli acquisti di prodotti agricoli Usa in cambio di un rinvio dei nuovi dazi statunitensi e di un allentamento dei divieti su Huawei, inserita nella 'black list' delle società con cui le aziende americane non posso fare affari.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino ha sospeso i dazi su 16 categorie di prodotti
AP

Boeing, nuovi problemi: sospesi i test del 777X

Il colosso aerospaziale statunitense, in difficoltà per il 737 Max - a terra dopo due incidenti mortali - punta sul nuovo jet per il rilancio

Nuovi problemi per Boeing, già in difficoltà per il modello 737 Max, costretto a terra dopo due recenti incidenti mortali. Questa volta, i problemi riguardano il 777X, nuovo modello di jet a lungo raggio su cui il colosso aerospaziale statunitense punta per il rilancio. Giovedì, in occasione dei test di pressurizzazione sul nuovo modello davanti agli ispettori dell'Agenzia federale per l'aviazione Usa (Faa), sono però stati riscontrati problemi tali da costringere a sospendere le prove.

AT&T: Elliott all'attacco, investe 3,2mld $ e vuole una nuova strategia

Secondo il fondo, il valore della società di telecomunicazioni può crescere di oltre il 65%, superando per la prima volta i 60 dollari

Elliott Management, la società di gestione degli investimenti di Paul Singer, crede che AT&T abbia "un'opportunità di creare valore" che potrebbe far crescere il suo titolo in Borsa di oltre il 65%. In una lettera al Board of Directors della società di telecomunicazioni statunitense, il fondo ha reso noto di possedere azioni per 3,2 miliardi di dollari (circa l'1,2% dei 264,9 miliardi in capitalizzazione di mercato al prezzo di chiusura di venerdì, pari a 36,25 dollari), uno dei suoi maggiori investimenti, e ha dichiarato che il titolo è "molto sottovalutato". Un piano di ristrutturazione potrebbe portare il titolo oltre i 60 dollari entro la fine del 2021, superando il record di 59,19 dollari del 16 luglio 1999. La lettera di Elliott Management ha spinto il titolo nel premercato fino al +9,2%; dopo circa un'ora dall'apertura della seduta a Wall Street, guadagna il 4,5%.

Trump, nuovo ostacolo per i richiedenti asilo: sarà più difficile ottenere un permesso di lavoro

Le attuali norme prevedono tempi certi, entro i quali chi chiede asilo può iniziare a lavorare. L'attuale amministrazione vuole cancellarli
AP

L'amministrazione Trump ha proposto una nuova norma che renderebbe molto più difficile, per i richiedenti asilo, ottenere un permesso per lavorare, in modo da scoraggiare ulteriormente l'arrivo di rifugiati. Le persone che, negli Stati Uniti, hanno presentato domanda di asilo possono richiedere un permesso di lavoro, se sono in attesa di una decisione sul loro asilo da 150 giorni; secondo le attuali regole, ricevono un permesso di lavoro nei successivi 30 giorni.

Serena Williams perde la finale degli U.S. Open, il record di Margaret Court resta a un passo

La tennista statunitense ferma a 23 titoli del Grande Slam; dal ritorno sui campi, lo scorso anno, ha disputato e perso quattro finali di un torneo del Grande Slam
Ap

Il record di Margaret Court dovrà aspettare, ancora una volta. Serena Williams è stata sconfitta 6-3 7-5 nella finale degli U.S. Open da Bianca Andreescu, 19 anni, prima canadese a vincere un titolo del Grande Slam. Ha vinto al suo primo U.S. Open giocato, visto che nei due anni precedenti aveva perso al primo turno delle qualificazioni, segno di quanto la sua carriera abbia fatto incredibili passi avanti quest'anno; un successo comunque non cos" sorprendente, visto che non perde una partita (completata) dal primo marzo e che ha all'attivo un 8-0 contro le migliori 10 giocatrici del circuito, nel 2019.

Wall Street, indici vicini ai record

Allentamento tensioni Usa-Cina e stimoli Bce spingono i mercati
AP

Wall Street, attesa per l'evento Apple

Ottimismo per i negoziati Usa-Cina
AP

Wall Street, attenzione rivolta al rapporto sull'occupazione

Gli investitori restano vigili sui rapporti Usa-Cina
AP

Trump cancella i colloqui con i talebani, pace in Afghanistan più lontana

Il presidente Usa avrebbe dovuto incontrare in gran segreto i leader ribelli e, separatamente, il presidente afgano. Ma l'attentato a Kabul in cui è morto un soldato Usa ha fatto saltare tutto
AP

Salta la trattativa tra Stati Uniti e talebani per la pace in Afghanistan. Il presidente statunitense, Donald Trump, ha annunciato su Twitter di aver cancellato i colloqui di pace, dopo che un soldato americano e altre 11 persone, tra cui un altro militare (romeno) della missione delle Nazioni Unite, sono morte in un attacco terroristico compiuto a Kabul. Trump ha scritto che era previsto un incontro segreto con i "maggiori leader" talebani a Camp David, in Maryland, una delle residenze presidenziali; inoltre, Trump ha scritto che avrebbe dovuto incontrare anche l'omologo afgano, Ashraf Ghani. Il presidente statunitense ha però scritto di aver cancellato gli incontri non appena i talebani hanno rivendicato l'attentato, avvenuto vicino a un checkpoint.