Powell rassicura, Trump riaccende venti di guerre commerciali. Sell-off a Wall Street

A partire dalla prossima settimana, Washington imporrà tariffe del 25% sull'acciaio e del 10% sull'alluminio. Ue e Canada promettono ritorsioni. I mercati non sanno se temere di più l'ottimismo della Fed o i dazi voluti dal presidente
AP

I mercati finanziari non sanno se temere di più una Federal Reserve ottimista sull'andamento dell'economia americana o Donald Trump, che la settimana prossima imporrà tariffe del 25% sull'accaio e del 10% sull'alluminio. Dettagli ancora mancano e la portavoce della Casa Bianca non ne ha voluti fornire.  Non è dunque ancora chiaro se le tariffe verranno imposte su scala globale o se invece ci saranno esenzioni. Gli investitori, da inizio febbraio preoccupati da una ripresa dell'inflazione e dunque da una potenziale politica monetaria più stringente in Usa, hanno paura di una guerra commerciale tra le due super potenze mondiali: gli Stati Uniti e la Cina.

Dopo avere registrato a febbraio il peggiore calo mensile da inizio 2016, gli indici a Wall Street sono precipitati non appena il presidente americano ha detto che i dazi verranno introdotti e dureranno "per un lungo periodo di tempo". Il carattere indefinito delle misure riguardanti due industrie che secondo Trump sono state "decimate" da politiche cattive e da pratiche commerciali ingiuste, preoccupa. Quelle misure vanno ad aggiungersi alle tariffe imposte a gennaio su pannelli solari e lavatrici, che però erano a tempo determinato.

Powell si riscopre "colomba"
Forse senza volerlo, e senza nemmeno saperlo, Trump ha rubato la scena a Jerome Powell, il numero uno della banca centrale Usa che per il secondo e ultimo giorno si è presentato al Congresso per essere 'interrogato' dai legislatori sull'andamento dell'economia e soprattutto dell'inflazione e dei tassi. E che per altro nella sua testimonianza ha difeso i benefici del libero scambio e - in modo molto diplomatico - ha detto che le tariffe potrebbero non essere il modo migliore per risolvere squilibri commerciali. 

Il successore di Janet Yellen è suonato più "colomba" rispetto a martedì scorso, quando al suo debutto pubblico aveva mandato in tilt i mercati finanziari dicendo che la sua visione dell'outlook economico americano era migliorata dallo scorso dicembre, quando la Fed ancora guidata da Yellen aveva annunciato la terza stretta del 2017. Con quelle parole fece temere nuovamente quattro rialzi dei tassi nel corso del 2018 anziché i tre fino ad ora messi in conto dai mercati. 

Due giorni dopo, Powell è sembrano meno "falco" dicendo che i salari stanno  "cominciando a crescere ma a un ritmo che non segnala un'accelerazione dell'inflazione. Quella frase ha fatto tirare un sospiro di sollievo agli investitori che dal 2 febbraio scorso hanno fatto scattare il sell-off nell'azionario (e anche nei Treasury, che perdono valore con un aumento dei prezzi al consumo): in quel giorno fu pubblicato il rapporto sull'occupazione Usa a gennaio da cui emerse il maggiore balzo annuo dei salari dal giugno del 2009 (+2,9%).

Secondo Powell, i salari cresceranno ma senza fare scattare la tanto temuta inflazione. Inoltre, il mercato del lavoro in generale ha ancora spazio di miglioramento (attualmente il tasso di disoccupazione è al 4,1%, minimi del 2000).

Powell ha evitato di sbilanciarsi sul numero dei rialzi dei tassi previsti nel corso del 2018. Si è limitato a dire che le strette saranno "graduali", che l'economia è "più forte" e che non rischia di surriscaldarsi.

Ci ha pensato William Dudley, numero uno uscente della Fed di New York, a dire che ci sarebbe gradualità anche con quattro strette da 25 punti base l'una nell'anno in corso. Le nuove stime sui tassi della banca centrale - calcolate tenendo conto delle attese dei suoi vari membri - arriveranno al termine della riunione del 20 e 21 marzo prossimi. In quell'occasione Powell verrà messo nuovamente alla prova, non più dai legislatori ma dalla stampa che per la prima volta gli farà domande. Wall Street - la cui performancenel 2017 era stata la migliore dal 2013 - lo ascolterà con attenzione.

Ue e Canada contro i dazi di Trump
Nel frattempo anche l'amministrazione Trump è sottoposta a vari test. Le sue politiche fiscali, in primis la riforma fiscale con tagli alle tasse da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni, faranno lievitare il deficit e il debito. Su questo il presidente è stato indirettamente messo in guardia da Powell così come prima di lui aveva fatto Yellen: "La rotta della politica fiscale Usa non è sostenile".

Le politiche commerciali di Trump inoltre rischiano di accontentare alcuni (i produttori di acciaio e alluminio come US Steel, Steel Dynamics e Tenaris festeggiano in borsa) e deludere molti altri (come l'Auto Alliance di cui fa parte anche Fiat Chrysler Automobiles). Trump potrebbe presto fare i conti con le ritorsioni di altri Paesi, per quanto la Casa Bianca - almeno a parole - le escluda. 

L'Unione europea e il Canada hanno messo in guardia. "Siamo fortemente contrari a questa mossa, che sembra rappresentare un intervento palese per proteggere l'industria Usa e non sembra basarsi su alcuna giustificazione relativa alla sicurezza nazionale", ha detto Jean-Claude Juncker, il presidente della Commissione Ue, promettendo nei prossimi giorni di presentare una proposta compatibile con le regole della Wto contro le mosse Usa "per aggiustare la situazione".

Già impegnati nei difficili negoziati per rivedere Nafta, anche il Canada e gli Usa hanno un nuovo elemento su cui scontrarsi. Francois-Philippe Champagne, ministro canadese del commercio, ha detto che qualsiasi tariffa sull'alluminio e sull'acciaio canadese "sarebbe inaccettabile". Per lui, "ogni decisione avrebbe un impatto su ambo i lati dei confini" delle due nazioni.

Mentre spirano i venti di guerra commerciale, Dudley non ha dubbi. Per lui, qualsiasi mossa verso politiche commerciali protezionistiche condurrebbe le nazioni che provano ad attuarle in "un vicolo cieco", anche perché spesso sono come un boomerang, finiscono per "danneggiare i lavoratori e rallentare la crescita". Per lui l'isolazionismo "fallirà".

Altri Servizi

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Michael Cohen, ex avvocato, amico e faccendiere del presidente statunitense, Donald Trump, è stato condannato a tre anni di carcere per una serie di reati, alcuni dei quali legati al suo lavoro per Trump, tra cui quello di aver violato la legge sui finanziamenti elettorali. Violazione compiuta comprando il silenzio di due donne che sostengono di aver avuto rapporti sessuali con il presidente.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Dati: oggi in programma l'indice dei prezzi al consumo e le scorte di petrolio
iStock

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Wall Street, ottimismo sul dialogo Usa-Cina

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Palm Springs - Effetto Urus su Automobili Lamborghini. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese si prepara a chiudere un altro anno record (l'ottavo di fila) in termini di vendite e di crescita grazie anche al contributo del suo primo 'Super Utility Vehicle', il Suv consegnato a partire dalla scorsa estate in Europa e a ottobre in Nord America (dove costa a partire da 200mila dollari).

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Wall Street torna sui livelli di aprile, si teme frenata dell'economia mondiale

Tutti e tre gli indici principali in correzione. Dati deludenti dalla Cina e dall'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

I timori di un rallentamento dell'economia globale hanno messo a tappeto gli indici a Wall Street, che hanno archiviato una seduta con cali vicini al 2%. Per la prima volta dal marzo 2016 tutti e tre gli indici principali sono finiti in correzione, status definito da un calo di almeno il 10% rispetto ai massimi recenti. I listini sono per altro protagonisti del peggiore inizio di dicembre dal 1980.