FedEx: conti sopra le stime, atteso Natale record, migliorato l'outlook

iStock

FedEx ha chiuso il suo secondo trimestre fiscale con utili e fatturato superiori alle stime degli analisti e ha migliorato l'outlook per l'anno intero, grazie ai benefici legati alla riforma fiscale e a una stagione natalizia record.

Il colosso americano delle spedizioni ha messo a segno utili per 775 milioni di dollari o 2,84 dollari per azione, in rialzo dai 700 milioni o 2,59 dollari per azione dello stesso trimestre dell'esercizio precedente. Al netto di voci straordinarie, il risultato è stato pari a 3,18 dollari per azione, sopra i 2,77 dollari per azione dell'anno prima e oltre i 2,73 dollari per titolo calcolati dal mercato. I ricavi sono saliti a 16,3 miliardi da 14,9 miliardi di dollari, sopra le attese per 15,7 miliardi.

Il Ceo Frederick W. Smith ha spiegato l'andamento dei conti citando un'economia globale "forte" e la strategia del gruppo, che secondo lui è sulla strada giusta per "un'altra stagione natalizia record". Anche per questo FedEx ha migliorato le previsioni sugli utili per l'anno fiscale 2018. Il gruppo si aspetta utili compresi tra i 12,7 e i 13,30 dollari per azione. Quel range può balzare a livello pro forma di 4,40-5,50 dollari per azione con un taglio delle aliquote fiscali e altri provvedimenti previsti nella riforma.

"Stiamo migliorando le nostre previsioni per il 2018 per via del miglioramento della qualità dei ricavi, di trend solidi della domanda e del nostro successo nel rilanciare le attività colpite dal cyberattacco estivo", ha detto Alan B. Graf Jr, vicepresidente e direttore finanziario di FedEx.

Le spese per capitale nell'anno fiscale in corso sono viste rimanere a 5,9 miliardi di dollari. FedEx ha detto che "sta accelerando" l'integrazione con la controllata olandese TNT Express, che a fine dello scorso giugno sub" un cyber-attacco; anche per questo la sua infrastruttura tecnologica e operativa verrà trasferita su quella del gruppo Usa.

In attesa dei conti, arrivati a mercati Usa chiusi, il titolo FedEx aveva guadagnato lo 0,3% a 242,54 dollari. Nel dopo mercato è salito dell'1,3%. Da inizio anno ha aggiunto il 30,26% e negli ultimi 12 mesi il 22,73% circa.

Altri Servizi

Il rendimento del T-Bond a 10 anni tocca il 3%

E' la prima volta dal gennaio 2014. Azionario nervoso. Focus su vertice Trump-Macron
iStock


Alphabet: cambiamenti contabili spingono gli utili, salgono le spese

Google spende di più per attrarre traffico sui suoi siti. Data center, cavi sottomarini e l'acquisizione del Chelsea market a NYC costano. Rassicurazioni in vista di nuove regole Ue più stringenti

Grazie a cambiamenti contabili e a introiti pubblicitari in aumento, Alphabet ha chiuso il primo trimestre del 2018 con utili e ricavi in rialzo e sopra le stime degli analisti. Il colosso tecnologico che controlla Google ha tuttavia registrato un balzo delle spese per attrarre traffico sui propri siti. Inoltre le spese per capitale sono quasi triplicate rispetto a un anno prima superando del doppio le previsioni del mercato. La trimestrale è stata pubblicata in vista dell'entrata in vigore nella Ue della General Data Protection Regulation, della quale Google si è detto pronto a rispettare i requisiti.

iStock

Da sempre il Nasdaq è sinonimo di Ipo tecnologiche. Ma nell'ultimo anno la supremazia dell'exchange è minacciata dal New York Stock Exchange, che nel marzo 2017 ha visto il debutto in borsa della app Snapchat e all'inizio del mese in corso quello del servizio di musica in streaming Spotify. In vista delle quotazioni di giganti come Uber e Airbnb, Wall Street si domanda chi l'avrà vinta tra i due exchange.

I democratici fanno causa a Russia, Trump e WikiLeaks

Il Comitato nazionale democratico li accusa di aver cospirato contro Clinton alle elezioni presidenziali dello scorso anno
Hillary Clinton

Il partito democratico statunitense ha deciso di fare causa alla Russia, allo staff elettorale di Donald Trump e a WikiLeaks, che avrebbero cospirato contro Hillary Clinton alle elezioni presidenziali statunitensi del 2016.

Amazon

Non solo presso il portiere o dentro la propria abitazione. Amazon si mette a fare consegne anche dentro l'auto dei propri clienti a cominciare da 37 località Usa.

Furgone sulla folla a Toronto, 10 morti. Per ora nessun legame con il terrorismo

Lo ha confermato la polizia. Arrestato il sospetto: un 25enne senza precedenti. Sembra abbia agito "intenzionalmente"
AP

Con ogni probabilità si è trattato di un atto volontario in cui sono state uccise 10 persone e ne sono rimaste ferite 15. Un uomo alla guida di un furgone bianco preso a noleggio ha investito diverse persone, entrando in due aree pedonali di Toronto in Canada. I testimoni oculari sostengono che l'uomo abbia cercato di colpire i pedoni uno a uno, mentre secondo le prime ricostruzioni l'autore viaggiava a 50 chilometri orari ed ha percorso quasi due chilometri.

Gli Usa ammorbidiscono i toni su Rusal, tonfo dell'alluminio

Slitta di quasi 5 mesi la scadenza entro cui le aziende, anche europee, devono tagliare i ponti con il colosso russo sanzionato. Nel frattempo Washington studia se rimuovere le sanzioni, ma Deripaska deve cederne il controllo

Gli Stati Uniti hanno parzialmente accontentato gli alleati europei facendo slittare di quasi cinque mesi al prossimo 23 ottobre la scadenza entro la quale gli investitori devono tagliare i ponti con il russo United Company RUSAL, il secondo produttore al mondo di alluminio.

Volkswagen verso il ritorno al mercato obbligazionario Usa, prima volta da scoppio dieselgate

Secondo una fonte del Wsj, potrebbe vendere titoli a debito per 1,5-2 miliardi di dollari nel 2018

Per la prima volta dallo scoppio dello scandalo emissioni, nel settembre 2015, Volkswagen sta valutando un ritorno al mercato obbligazionario americano. Per il gruppo automobilistico tedesco quel ritorno sarebbe simbolo del suo rilancio di successo. Ma come scrive il Wall Street Journal, l'azienda ha ancora lavoro da fare per riconquistare la fiducia degli investitori.

Wall Street, settimana di trimestrali

Attenzione rivolta soprattutto ai dati delle grandi aziende tech, a partire da Alphabet (Google) e Facebook
iStock

Usa - Cina, prove di disgelo sul fronte commerciale

Il segretario al Tesoro americano Steven Mnuchin ha detto che sta valutando un viaggio in Cina. Poco dopo la risposta di Pechino: “La parte cinese gli da’ il benvenuto”
©Ap

Piccoli segnali di disgelo tra Stati Uniti e Cina sul fronte commerciale. A fare un primo passo è stato il segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin, che ha parlato alla stampa durante gli Spring Meetings del Fondo monetario internazionale che stanno per concludersi a Washington. Mnuchin starebbe valutando un viaggio in Cina nell'ambito dello scontro fra Washington e Pechino sulle tariffe doganali, dicendosi poi "cautamente ottimista" su una possibile risoluzione delle tensioni commerciali con la seconda economia al mondo.