Ferrero si rafforza in Usa: compra azienda di caramelle Ferrara

Accordo tra il produttore della Nutella e un gruppo nato dall'iniziativa di un fornaio italiano che nel 1908 a Chicago aprì un negozio di pasticcini e confetti. Valore della transazione non comunicato

Il gruppo italiano Ferrero ha raggiunto un accordo definitivo in base al quale prenderà il controllo di Ferrara Candy Company, la terza più grande azienda dolciaria degli Stati Uniti nelle cui attività non fa parte il cioccolato. A vendere è L Catterton, un gruppo di private equity specializzato nel settore dei beni al consumo. I termini della transazione - che dovrebbe concludersi nel quarto trimestre del 2017, previo i via libera regolatori - non sono stati annunciati nel comunicato diffuso nella notte.

L'azienda italiana nata ad Alba nel 1942 e famosa anche in Usa per i suoi Ferrero Rocher e per la Nutella punta così a rafforzarsi ulteriormente nel mercato americano, dove mise piede nel 1969 e dove recentemente ha comprato il produttore di cioccolata premium Fannie May Confections Brands. In America Ferrero ha introdotto i confetti Tic Tac e là stanno per arrivare i Tic Tac gum e gli ovetti Kinder Joy (saranno nei negozi dal 2018); a Chicago (in Illinois) inoltre ha aperto il suo primo al mondo Nutella Café (in esso offre prodotti a base della crema da spalmare, bevande, panini e zuppe). Ora Ferrero si rafforza acquistando un gruppo fondato nel 1908 da un fornaio italiano, Salvatore Ferrara, arrivato otto anni prima in Usa; a Chicago, nel quartiere di Little Italy, aprì un negozio di pasticcini e confetti gettando le basi per un gruppo imprenditoriale che secondo il Chicago Tribune ha vendite annue da oltre un miliardo di dollari.

Giovanni Ferrero, presidente esecutivo di Ferrero, si è detto "felice di dare il benvenuto alle attività, ai marchi e al personale di Ferrara. Con questa acquisizione stiamo continuando ad aumentare la nostra offerta e la nostra presenza nell'importante mercato Usa", mettendo piede in nuove categorie di prodotto con prospettive di crescita "attraenti" tra cui le caramelle gommose e i dolcetti stagionali come quelli per Halloween. "Siamo impazienti di continuare a fare crescere le attività di Ferrara, investendo nei suoi marchi per ampliare i piani di espansione, sfruttando i suoi impianti manifatturieri e i centri di distribuzione in Usa e creando opportunità per le sue persone talentuose".

Il Ceo di Ferrara, Todd Siwak, si è detto contento dell'intesa con Ferrero "che ci permetterà di continuare a crescere". Siwak ha spiegato che l'azienda "ha da tempo ammirato i valori chiave di Ferrero della fedeltà e della fiducia, del rispetto e della responsabilità, dell'integrità e dell'impegno per la qualità, che si allineano con la nostra passione di portare sorrisi a generazioni di amanti di caramelle e dolciumi. L'unire le forze con Ferrero ci dà l'opportunità di accelerare i nostri piani di crescita in Usa e nei mercati internazionali e di condividere le best practice come parte di un'organizzazione più forte e grande". Ferrero vanta vendite globali da oltre 12 miliardi di dollari l'anno, una distribuzione in più di 170 Paesi e una forza lavoro superiore alle 30mila persone in 53 nazioni.

Per Scott Dahnke, Co-Ceo globale di L Catterton, "la transazione rappresenta un risultato eccellente per Ferrara" e per il gruppo di private equity stesso; "siamo fiduciosi che Ferrara raggiungerà nuovi massimi in collaborazione con Ferrero". Il gruppo italiano conta di gestire l'azienda Usa come divisione separata e di mantenerne il quartier generale a Oakbrook Terrace, Illinois. Ferrero intende usare i due impianti in Illinois, i due in Messico, i due centri di distribuzione (uno in Texas, l'altro in Illinois) e il centro di ricerca e sviluppo (in Illinois) "senza piani ulteriori di consolidamento" rispetto a quelli già realizzati da Ferrara.

Altri Servizi

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock