Fiasconaro festeggia 20 anni in Nord America con panettone firmato D&G

Fiasconaro

Fiasconaro festeggia i suoi vent’anni in Usa e Canada - il suo primo mercato estero di riferimento - lanciando il suo primo panettone a firma Dolce & Gabbana. Ad anticiparlo è Nicola Fiasconaro, uno dei tre figli di Mario Fiasconaro, colui che nel 1953 fondò l'azienda siciliana diventata simbolo di prelibatezze. Il mastro pasticcere e volto della società ha spiegato ad America24 che l'accordo con la celebre casa di modo "già c'è, firmato a Milano l'altro giorno con l'a.d. della D&G".

Parlando da New York City, dove nella serata locale festeggerà presso l'Agenzia ICE i suoi 20 anni nordamericani, Nicola Fiasconaro ha detto che nel corso dell'evento "verrà proiettato un filmato e verranno presentate delle latte all'interno delle quali in autunno arriveranno nel mercato americano queste leccornie e delizie, questi lievitati realizzati dalla Fiasconaro e firmati dai famosi stilisti di D&G". Per colui che insieme ai fratelli Fausto e Martino è proprietario del gruppo, "questa è una giornata emozionante" perché si festeggia anche "il primo container al Summer Fancy Food Show (la più grande fiera del Nord America dedicata al cibo, ndr) di una pastecceria siciliana che doveva magari esportare qui negli Stati Uniti cannoli e cassate ma che con la sua ambizione e spregiudicatezza ha invece deciso di portare un dolce di cultura non mediterranea ma meneghina, veneta e piemontese: il panettone".

L'obiettivo è "di dimostrare al mondo che la Sicilia ha la sua bellezza, la sua determinazione con oltre mille anni di storia nelle arti culunarie" culminate con "il grande finale" dell'accordo con D&G. Con un fatturato totale di 15 milioni di euro, l’azienda dolciaria con sede a Castebuono ha visto il mercato estero pesare nel 2017 per il 18%, il restante 82% è rappresentato dal mercato italiano. Il gruppo ha presentato a New York anche la principale novità del 2018: il “Panettone agli agrumi e zafferano di Sicilia”, con i canditi di limoni, arance e i mandarini, quello anticipato oggi dagli Usa e che verrà integralmente svelato a settembre, in prossimità della Campagna Natale 2018.

Altri Servizi

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street, speranze su accordo Usa-Cina

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori di marzo
AP

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

Amazon, via libera dalla contea di Arlington agli incentivi diretti da 23 milioni di dollari per la nuova sede

Le autorità li hanno approvati all'unanimità. Proteste di molti residenti. Amazon riceverà 481 milioni di incentivi dalla contea e 750 milioni dallo Stato
AP

Lo staff di Sanders è il primo sindacalizzato nella storia delle presidenziali

"Ci aspettiamo che questo significhi parità di salario e trasparenza durante la campagna, trattamento equo per ogni lavoratore, che sia a Washington D.C. o in Iowa, senza differenze di genere" ha commentato il presidente dello UFCW Local 400
Ap

Due voti in Congresso contro Trump, ma non c'è una rivolta dei repubblicani

Approvate due risoluzioni contro la dichiarazione d'emergenza e il sostegno alla guerra saudita in Yemen, ma i ribelli sono solo il 10%. Il presidente costretto al primo veto (e presto al secondo)

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap

Riconquistare la Casa Bianca: i soldi dei donatori democratici in quattro Stati decisivi

Wisconsin, Michigan, Pennsylvania e Florida: qui si sono decise le elezioni del 2016, qui si decideranno, probabilmente, quelle del 2020

Vino italiano: export in Usa al top di cinque anni nel 2018

Rialzo del 6,8% a quasi due miliardi di dollari. Francia in testa per secondo anno di fila grazie al vantaggio nei rosati. Il nostro Paese resta primo fornitore di rossi e bianchi. Forte (Agenzia ICE NY): serve migliorare nostro posizionamento