Fiasconaro festeggia 20 anni in Nord America con panettone firmato D&G

Fiasconaro

Fiasconaro festeggia i suoi vent’anni in Usa e Canada - il suo primo mercato estero di riferimento - lanciando il suo primo panettone a firma Dolce & Gabbana. Ad anticiparlo è Nicola Fiasconaro, uno dei tre figli di Mario Fiasconaro, colui che nel 1953 fondò l'azienda siciliana diventata simbolo di prelibatezze. Il mastro pasticcere e volto della società ha spiegato ad America24 che l'accordo con la celebre casa di modo "già c'è, firmato a Milano l'altro giorno con l'a.d. della D&G".

Parlando da New York City, dove nella serata locale festeggerà presso l'Agenzia ICE i suoi 20 anni nordamericani, Nicola Fiasconaro ha detto che nel corso dell'evento "verrà proiettato un filmato e verranno presentate delle latte all'interno delle quali in autunno arriveranno nel mercato americano queste leccornie e delizie, questi lievitati realizzati dalla Fiasconaro e firmati dai famosi stilisti di D&G". Per colui che insieme ai fratelli Fausto e Martino è proprietario del gruppo, "questa è una giornata emozionante" perché si festeggia anche "il primo container al Summer Fancy Food Show (la più grande fiera del Nord America dedicata al cibo, ndr) di una pastecceria siciliana che doveva magari esportare qui negli Stati Uniti cannoli e cassate ma che con la sua ambizione e spregiudicatezza ha invece deciso di portare un dolce di cultura non mediterranea ma meneghina, veneta e piemontese: il panettone".

L'obiettivo è "di dimostrare al mondo che la Sicilia ha la sua bellezza, la sua determinazione con oltre mille anni di storia nelle arti culunarie" culminate con "il grande finale" dell'accordo con D&G. Con un fatturato totale di 15 milioni di euro, l’azienda dolciaria con sede a Castebuono ha visto il mercato estero pesare nel 2017 per il 18%, il restante 82% è rappresentato dal mercato italiano. Il gruppo ha presentato a New York anche la principale novità del 2018: il “Panettone agli agrumi e zafferano di Sicilia”, con i canditi di limoni, arance e i mandarini, quello anticipato oggi dagli Usa e che verrà integralmente svelato a settembre, in prossimità della Campagna Natale 2018.

Altri Servizi

La Giustizia Usa ordina a due media cinesi di registrarsi da agenti stranieri

Si tratta dell'agenzia Xinhua e dell'emittente China Global Television Network. Stesso destino toccato alle russe RT e Sputnik

Il dipartimento americano di Giustizia ha ordinato a due gruppi media cinesi controllati da Pechino di registrarsi da agenti stranieri. Lo riferisce il Wall Street Journal, secondo cui la mossa si colloca negli sforzi di Washington volti a combattere le interferenze straniere.

AP

Vendite illecite di armi, consegne di carburanti fatte di nascosto, transazioni finanziarie proibite. L'Onu sostiene di avere a disposizione nuove prove che dimostrano come, attraverso le attività citate, la Corea del Nord stia continuando a violare le sanzioni internazionali. Lo scrive il Wall Street Journal citando il contenuto di un nuovo rapporto ancora top secret preparato da un organismo del Palazzo di vetro che monitora la compliance delle sanzioni.

Tentato stupro, Kavanaugh e la sua accusatrice testimonieranno lunedì in Senato

Il giudice nominato dal presidente Trump per la Corte Suprema sarà ascoltato in commissione Giustizia, così come la professoressa di psicologia che lo accusa
Ap

Il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, e Christine Blasey Ford, la donna che lo ha accusato di aver tentato di stuprarla quando erano adolescenti, negli anni '80, testimonieranno il 24 settembre davanti alla commissione Giustizia del Senato, a porte aperte. Commissione che, il 20 settembre, avrebbe dovuto votare sulla conferma della nomina.

La Cina ammette: in "difficoltà" ma no a svalutazione yuan, unilateralismo inutile

Il premier cinese Li Keqiang parla all'indomani dell'annuncio di nuovi dazi con cui Usa e Pechino si sono colpiti a vicenda

Il numero due in comando in Cina ha ammesso che la nazione si trova a fare i conti con una serie di "difficoltà" ma Pechino si sente a suo agio, anche di fronte alle tensioni commerciali con gli Usa. Lo ha spiegato il premier cinese Li Keqiang.

Visa, Mastercard e alcune banche americane che emettono carte di credito hanno siglato il più grande patteggiamento legato a una class action e siglato nell'ambito di un caso antitrust. Esso riguarda le commissioni pagate dai commercianti - pari in Usa a oltre 90 miliardi di dollari l'anno - quando accettano pagamenti effettuati con carte di credito. Il valore dell'intesa è pari a 6,2 miliardi di dollari.

Google si fa strada nel settore auto. Intenzionata a replicare nelle quattro ruote il successo avuto nel mercato degli smartphone dal suo sistema operativo Android, la controllata di Alphabet ha siglato una partnership con l'alleanza franco-giapponese formata da Renault, Nissan e Mitsubishi nel 1999 e che nel 2017 ha venduto in tutto il mondo oltre 10,6 milioni di vetture (più di qualsiasi altra alleanza).

Bitcoin: verso standard globali contro il riciclaggio, boom di mining illecito

La Financial Action Task Force punta a un quadro normativo uniforme. La Cyber Threat Alliance lancia l'allarme sulla generazione illegale di valite digitali

Sono sempre più vicini gli standard globali contro il riciclaggio di denaro realizzato attraverso criptovalute. La Financial Action Task Force (FATF) creata a questo proposito si riunirà a ottobre e c'è ottimismo affinché venga trovata un'intesa su una serie di standard. "E' essenziale che vengano fissati degli standard globali da usare in modo uniforme", ha dichiarato Marshall Billingslea, il presidente della FATF mentre la Cyber Threat Alliance pubblicava un rapporto secondo cui gli hacker stanno generando illegalmente Bitcoin, Monero e altre valute digitali attraverso uno strumento (Eternal Blue) sviluppato presumibilmente dalla National Security Agency per sfruttare falle di un software Microsoft.

Nafta: Usa e Canada tornano a trattare

Sembra difficile che un accordo possa essere raggiunto entro la scadenza del 30 settembre
AP

A Washington sono ripresi i negoziati tra Usa e Canada per riscrivere il North American Free Trade Agreement (Nafta), l'accordo di libero scambio siglato nel 1994 e che include anche il Messico. E' stato il presidente americano, Donald Trump, a spingere affinché il Nafta - giudicato "l'accordo peggiore di sempre" - fosse rivisto.

Trump difende Kavanaugh ("difficile immaginare che sia successo qualcosa") e si augura che l'accusatrice parli

Il giudice nominato dal presidente alla Corte Suprema accusato di tentato stupro
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha detto che dovrà "prendere una decisione" sul futuro della nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, se la sua accusatrice, Christine Blasey Ford, darà "una testimonianza credibile". Sarebbe "meraviglioso" se si presentasse davanti alla commissione Giustizia del Senato, "spiacevole" se non lo facesse, ha aggiunto il presidente.