Finanziamenti elettorali, pessime notizie per Romney

Se i bilanci di Obama 2012 brillano meno di quelli del 2008, quelli dello sfidante repubblicano rivelano ben più gravi difficoltà

A giudicare dagli ultimi dati sulla raccolta di finanziamenti, le cose non vanno affatto bene per la candidatura alla Casa Bianca di Mitt Romney. Se infatti, come ben raccontava sabato Mario Platero,
il fundraising per la rielezione di Obama non brilla a confronto del 2008 (quando Obama aveva tagliato il traguardo dell'elezione avendo raccolto complessivamente 745 milioni, record storico assoluto), dato che il Presidente alla fine di marzo risulta aver raccolto solo 196 milioni di dollari quando quattro anni fa alla fine di marzo ne aveva raccolti 235, quello per l'elezione dello sfidante repubblicano ha problemi ancora più gravi.
Innanzitutto, il dato inerente il fundraising del comitato per la rielezione di Obama va mitigato sommandolo a quello dei soldi raccolti dal partito: il Comitato Nazionale Democratico ha infatti raccolto altri 150 milioni, circa il doppio di quelli raccolti nel 2008 .
Ma soprattutto, al netto dei soldi già spesi il comitato pro-Obama ha attualmente nelle proprie casse più di cento milioni di dollari, mentre quello pro Romney ne ha poco più di dieci milioni. In altre parole, oggi come oggi il budget a disposizione della campagna elettorale di Obama è ben dieci volte superiore a quello della campagna di Romney. Questo, beninteso, non perché Obama abbia raccolto dieci volte di più, ma perché Romney ha già dovuto spendere gran parte dei propri finanziamenti per sopravvivere a delle primarie molto lunghe nel corso delle quali ha spesso dovuto investire cifre da capogiro per sbaragliare Rick Santorum e gli altri antagonisti sul piano della propaganda (spot televisivi, ecc.). Comunque, anche al lordo di quanto poi speso, il comitato per la rielezione di Obama ha pur sempre raccolto più del doppio di quanto raccolto da quello per l'elezione di Romney (157 milioni contro 74). Un divario imbarazzante, che certo potrà essere colmato se qualcosa si metterà in moto ora che Romney ha sostanzialmente vinto le primarie, ma che per ora fa apparire il candidato repubblicano decisamente zoppo.

Ma dai bilanci dei rispettivi comitati elettorali si evince anche un altro divario, che forse dovrebbe preoccupare ancora di più il Grand Old Party. Obama sembra in difficoltà soprattutto nel raccolgiere finanziamenti dai “poteri forti”, visto che la maggioranza dei finanziamenti per la sua campagna elettorale proviene oggi da donazioni al di sotto dei 200 dollari; ma Romney ha il problema inverso, ossia risulta finanziato quasi solo dall'establishment. Questo dato era già emerso prima dell'inizio delle primarie: i bilanci dei rispettivi comitati elettorali rivelavano infatti che nel 2011 Romney aveva raccolto molti più finanziamenti dei suoi avversari, ma che appena un misero 10% consisteva in piccole donazioni inferiori a 200 dollari, mentre sia Rick Santorum, Newt Gingrich e Ron Paul, sia lo stesso Barack Obama, avevano attinto da queste piccole donazioni circa metà dei rispettivi finanziamenti. La incapacità di ottenere donazioni dai cosiddetti “small-dollar supporters” non è solo un problema finanziario: è anche e soprettutto un problema politico. Ottenere piccoli finanziamenti dalla gente qualunque significa infatti sapersi connettere emotivamente con l'uomo della strada, con l'americano medio, e soprattutto con quel ceto medio e medio-basso che può fare la differenza nelle urne. I grossi finanziamenti di pochi pezzi grossi di Wall Street o dell'industria petrolifera possono colmare un divario economico, ma non una mancanza di appeal verso la middle class.

Ebbene: i dati di marzo ci dicono che Romney non ha minimamente risolto questo problema - anzi. Per colmare il divario nell'ammontare complessivo del proprio budget, il candidato repubblicano continua a contare quasi solo su "grossi" donatori, non sull'uomo della strada. Non a caso all'inizio del mese è stato lanciato il fondo "Romney Victory" finalizzato alla raccolta di donazioni da 75.800 dollari l'una.
Per comprendere la diversa natura del flusso di denaro che sta entrando nelle casse dei due contendenti, basta osservare questo semplice grafico messo online dal sito BuzzFeed, che confronta il numero di donatori per la rielezione di Obama 2012 con quelli per la rielezione di Bush 2004 e con quelli di Romney:


Come si vede, il numero di persone che hanno aperto il portafogli e staccato un assegno per finanziare la campagna elettorale di Romney sono pari a circa un cinquantesimo di quelle che lo hanno fatto per finanziare quella di Obama.

Ora, con lo stesso metodo si può osservare l'ammontare medio del tipico finanziamento pro-Romney a confronto con quello del finanziamento pro-Obama, e anche con quello pro-Bush 2004:

Come si vede, Romney continua a non raccogliere quasi nulla dai piccoli finanziatori: le singole donazioni per la sua rielezione hanno un ammontare medio di oltre seicento dollari, il che significa che provengono per lo più da “grandi benefattori”; la gente qualunque continua invece a non donare. Al contrario, la donazione tipica per Obama 2012 ammonta mediamente a circa 50 dollari - e quella per Bush 2004 rimaneva comunque sotto la soglia dei 100.

Un'infografica del Wall Street Journal fornisce dati ancora più precisi: nel caso di Obama, le donazioni da meno di 200 dollari rappresentano tutt'ora quasi la metà del totale (45%); per Romney invece continuano ad essere meno del 10% mentre ben il 65% è rappresentato da donazioni da 2.500 dollari, che è il massimo importo consentito dalla legge. Oltre alla implicazione sullo scarso appeal rispetto agli elettori meno benestanti, questo dato ne induce una rispetto alla possibilità di ottenere ulteriori finanziamenti da parte di chi ha "già dato": se il 65% dei donatori pro-Romney ha già raggiunto il tetto dei 2500 dollari, significa che la maggior parte di chi lo ha finanziato non potrà dargli più nulla. Al contrario, nel caso di Obama oltre il 90% dei donatori ha ancora margine per donare nuovamente. Per i repubblicani questo è un dato davvero allarmante, e se le cose non cambieranno nei prossimi mesi rischia di rappresentare una debolezza fatale.

Altri Servizi

Elon Musk studia come impiantare microchip nel cervello

Il fondatore di Tesla e SpaceX presto potrebbe presentare Neuralink, un progetto per aumentare le capacità cognitive dell'umanità
AP

Prima ha cambiato il modo di fare pagamenti con PayPal. Poi ha puntato sulle auto elettriche e sul settore aerospaziale con Tesla e SpaceX. Adesso Elon Musk sa che nei prossimi anni l'intelligenza artificiale e l'interazione uomo-macchina diventeranno sempre più centrali. Per questo sta per presentare Neuralink, una società che studia il modo per impiantare microchip nel cervello, grazie ai quali, in futuro, saremo in grado di inserire dati o di scaricare pensieri dal nostro cervello. Lo scrive il Wall Street Journal che cita fonti anonime.

Wall Street, il Dow Jones prova a ripartire dopo otto cali consecutivi

Serie peggiore dal 2011. Oggi atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

La Bce conferma: è stata nel mirino degli hacker nordcoreani

L'Eurotower figura tra un centinaio di istituzioni prese di mira insieme alla filiale Usa di Deutsche Bank. Secondo il NYT, i pirati informatici sono gli stessi che hanno rubato 81 milioni di dollari dalla Fed di NY e che hanno attaccato Sony

C'era anche la Banca centrale europea tra oltre 100 istituzioni finanziarie prese di mira da hacker nordcoreani. E' quanto sostiene il New York Times, che ha ottenuto e analizzato un elenco di indirizzi IP forniti da esperti di cybersicurezza e che a loro volta hanno passato al setaccio le tracce lasciate dai pirati informatici di Pyongyang quando lo scorso ottobre hanno cercato di intrufolarsi nelle reti di banche polacche. Queste sono state il principale target seguite da quelle americane, a detta del quotidiano newyorchese secondo cui nel mirino c'erano anche la Banca Mondiale di Washington, Bank of America, State Street, Bank of New York Mellon e la filiale statunitense della tedesca Deustche Bank. Anche le banche centrali di Russia, Venezuela, Cile, Messico e Repubblica Ceca erano nella lista degli hacker, mai emersa prima d'ora e che in Cina avevano solo un obiettivo: le filiali a Hong Kong e in Usa della Bank of China. Un portavoce della Bce ha risposto a una richiesta di commento di America24 spiegando che l'istituzione guidata da Mario Draghi "è venuta a conoscenza del tentativo di hackeraggio all'inizio di febbraio. Il nostro team dedicato alla sicurezza ha velocemente concluso che non siamo stati infettati e ha preso misure aggiuntive per prevenire ulteriori rischi legati a quel tentativo di compromissione. In quanto organizzazione finanziaria pubblica internazionale, la Bce è sempre un target di hacker e ha le misure e le procedure necessarie per gestire" tali minacce.

Studiare in una università americana dopo la scuola superiore

Quello che bisogna sapere per scegliere e per essere ammessi in un college negli USA. Gli ostacoli da superare e gli strumenti migliori per battere la concorrenza nelle università più prestigiose
Unsplash

Cervelli in fuga non si nasce, si diventa. E il modo più semplice per diventarlo è 'studiarlo' a scuola. Abbiamo provato a confezionare una sorta di guida per iscriversi in una università americana dopo avere ottenuto un diploma di scuola superiore in Italia. Entrare in questo mondo di football, confraternite e campus da film, e ottenere una laurea in una università americana, è in assoluto la linea più diretta per andare a un punto A (non avere chiare prospettive di lavoro in Italia dopo la laurea) a un punto B (trovare un lavoro in America).

Facebook si dà alla musica per sfidare Spotify e YouTube

Il social network sta reclutando persone esperte nel settore per trattare con etichette musicali e mettere a punto le migliori licenze

Facebook sta sempre più puntando sulla musica per sfidare Spotify e YouTube. Il più grande social network al mondo è alla ricerca di tre top executive esperti del settore musicale per lavorare al suo quartier generale americano.

Vettura autonoma Uber provoca incidente, società sospende test

Per il momento la società ha deciso di sospendere i test e di togliere le vetture autonome dalle strade di Pittsburgh, in Pennsylvania, e appunto Tempe, in Arizona.

Una delle vetture autonome di Uber si è schiantata in Arizona, cosa che è destinata a metere sotto ulteriore pressione la società che già deve fare i conti con una serie di problemi interni e internazionali (si pensi per esempio alle tensioni con i tassisti in vari Paesi, tra cui l'Italia).

La battaglia tra conservatori e liberal alla Casa Bianca arriva anche al Tesoro

Dalla parte del segretario Mnuchin ci sarebbero Ivanka Trump e il marito oltre a Gary Cohn, l'ex presidente di Goldman ora a capo dei consiglieri economici di Trump. Contro di lui lo stratega del presidente, Bannon

La frattura interna al partito repubblicano ha affossato, per il momento, il progetto di riforma sanitaria con cui Donald Trump intendeva superare Obamacare. E adesso rischia anche di travolgere un altro dei capisaldi del programma del nuovo presidente Usa: la modifica del codice tributario con un drastico taglio delle tasse. La culla dei nuovi malumori ha sede nel dipartimento del Tesoro: dentro l'amministrazione Usa si sta giocando un pugno di ferro tra due fazioni opposte sul ruolo del segretario Steven Mnuchin. Con la fronda dei nazionalisti guidata dallo stratega Steve Bannon e dal consigliere Stephen Miller, sul piede di guerra contro quelli che considera intrusi "liberal" nel governo di Donald Trump. Lo scrive Politico.

Trump fa marcia indietro, l'Obamacare resta (per ora)

"Ryancare" ritirata, mancavano i voti per la sua approvazione. Il presidente dà la colpa ai democratici. La prossima sfida è la riforma fiscale

Donald Trump fa marcia indietro. Piuttosto che mettere al voto un disegno di legge che non sarebbe mai stato approvato, il presidente americano ha chiamato lo speaker alla Camera per dire di ritirare la riforma sanitaria pensata per abrogare e sostituire l'Obamacare. Si tratta di un'amara ammissione del fatto che né le minacce e gli ultimatum dell'inquilino della Casa Bianca né il pressing di Paul Ryan sono bastati per convincere l'ala più conservatrice del partito repubblicano ad allinearsi e promettere di votare "sì".

Wall Street preoccupata, dopo lo stop a Trump sulla riforma sanitaria

La scorsa settimana è stata la peggiore per gli indici statunitensi dall'inizio dell'anno
AP

Sale le tensione tra i repubblicani sulla Ryancare, Trump minaccia i ribelli

I più conservatori restano contrari al ddl che arriverà alla Camera giovedì: non ci sono i voti. Il presidente li avverte: perderete la poltrona nelle elezioni di metà mandato del 2018. Loro fanno spallucce. Sale la pressione sullo speaker
AP

Si intensifica la battaglia al Congresso americano in vista di gioved", quando alla Camera arriverà il disegno di legge presentato il sei marzo scorso e pensato teoricamente per abrogare e sostituire la riforma sanitaria approvata nel 2010 e tanto caldeggiata dall'ex presidente Barack Obama. L'incertezza su questo fronte ha preoccupato anche gli investitori a Wall Street: dove gli indici hanno archiviato la seduta peggiore dallo scorso settembre con cali superiori all'1%.