Finanziamenti elettorali, pessime notizie per Romney

Se i bilanci di Obama 2012 brillano meno di quelli del 2008, quelli dello sfidante repubblicano rivelano ben più gravi difficoltà

A giudicare dagli ultimi dati sulla raccolta di finanziamenti, le cose non vanno affatto bene per la candidatura alla Casa Bianca di Mitt Romney. Se infatti, come ben raccontava sabato Mario Platero,
il fundraising per la rielezione di Obama non brilla a confronto del 2008 (quando Obama aveva tagliato il traguardo dell'elezione avendo raccolto complessivamente 745 milioni, record storico assoluto), dato che il Presidente alla fine di marzo risulta aver raccolto solo 196 milioni di dollari quando quattro anni fa alla fine di marzo ne aveva raccolti 235, quello per l'elezione dello sfidante repubblicano ha problemi ancora più gravi.
Innanzitutto, il dato inerente il fundraising del comitato per la rielezione di Obama va mitigato sommandolo a quello dei soldi raccolti dal partito: il Comitato Nazionale Democratico ha infatti raccolto altri 150 milioni, circa il doppio di quelli raccolti nel 2008 .
Ma soprattutto, al netto dei soldi già spesi il comitato pro-Obama ha attualmente nelle proprie casse più di cento milioni di dollari, mentre quello pro Romney ne ha poco più di dieci milioni. In altre parole, oggi come oggi il budget a disposizione della campagna elettorale di Obama è ben dieci volte superiore a quello della campagna di Romney. Questo, beninteso, non perché Obama abbia raccolto dieci volte di più, ma perché Romney ha già dovuto spendere gran parte dei propri finanziamenti per sopravvivere a delle primarie molto lunghe nel corso delle quali ha spesso dovuto investire cifre da capogiro per sbaragliare Rick Santorum e gli altri antagonisti sul piano della propaganda (spot televisivi, ecc.). Comunque, anche al lordo di quanto poi speso, il comitato per la rielezione di Obama ha pur sempre raccolto più del doppio di quanto raccolto da quello per l'elezione di Romney (157 milioni contro 74). Un divario imbarazzante, che certo potrà essere colmato se qualcosa si metterà in moto ora che Romney ha sostanzialmente vinto le primarie, ma che per ora fa apparire il candidato repubblicano decisamente zoppo.

Ma dai bilanci dei rispettivi comitati elettorali si evince anche un altro divario, che forse dovrebbe preoccupare ancora di più il Grand Old Party. Obama sembra in difficoltà soprattutto nel raccolgiere finanziamenti dai “poteri forti”, visto che la maggioranza dei finanziamenti per la sua campagna elettorale proviene oggi da donazioni al di sotto dei 200 dollari; ma Romney ha il problema inverso, ossia risulta finanziato quasi solo dall'establishment. Questo dato era già emerso prima dell'inizio delle primarie: i bilanci dei rispettivi comitati elettorali rivelavano infatti che nel 2011 Romney aveva raccolto molti più finanziamenti dei suoi avversari, ma che appena un misero 10% consisteva in piccole donazioni inferiori a 200 dollari, mentre sia Rick Santorum, Newt Gingrich e Ron Paul, sia lo stesso Barack Obama, avevano attinto da queste piccole donazioni circa metà dei rispettivi finanziamenti. La incapacità di ottenere donazioni dai cosiddetti “small-dollar supporters” non è solo un problema finanziario: è anche e soprettutto un problema politico. Ottenere piccoli finanziamenti dalla gente qualunque significa infatti sapersi connettere emotivamente con l'uomo della strada, con l'americano medio, e soprattutto con quel ceto medio e medio-basso che può fare la differenza nelle urne. I grossi finanziamenti di pochi pezzi grossi di Wall Street o dell'industria petrolifera possono colmare un divario economico, ma non una mancanza di appeal verso la middle class.

Ebbene: i dati di marzo ci dicono che Romney non ha minimamente risolto questo problema - anzi. Per colmare il divario nell'ammontare complessivo del proprio budget, il candidato repubblicano continua a contare quasi solo su "grossi" donatori, non sull'uomo della strada. Non a caso all'inizio del mese è stato lanciato il fondo "Romney Victory" finalizzato alla raccolta di donazioni da 75.800 dollari l'una.
Per comprendere la diversa natura del flusso di denaro che sta entrando nelle casse dei due contendenti, basta osservare questo semplice grafico messo online dal sito BuzzFeed, che confronta il numero di donatori per la rielezione di Obama 2012 con quelli per la rielezione di Bush 2004 e con quelli di Romney:


Come si vede, il numero di persone che hanno aperto il portafogli e staccato un assegno per finanziare la campagna elettorale di Romney sono pari a circa un cinquantesimo di quelle che lo hanno fatto per finanziare quella di Obama.

Ora, con lo stesso metodo si può osservare l'ammontare medio del tipico finanziamento pro-Romney a confronto con quello del finanziamento pro-Obama, e anche con quello pro-Bush 2004:

Come si vede, Romney continua a non raccogliere quasi nulla dai piccoli finanziatori: le singole donazioni per la sua rielezione hanno un ammontare medio di oltre seicento dollari, il che significa che provengono per lo più da “grandi benefattori”; la gente qualunque continua invece a non donare. Al contrario, la donazione tipica per Obama 2012 ammonta mediamente a circa 50 dollari - e quella per Bush 2004 rimaneva comunque sotto la soglia dei 100.

Un'infografica del Wall Street Journal fornisce dati ancora più precisi: nel caso di Obama, le donazioni da meno di 200 dollari rappresentano tutt'ora quasi la metà del totale (45%); per Romney invece continuano ad essere meno del 10% mentre ben il 65% è rappresentato da donazioni da 2.500 dollari, che è il massimo importo consentito dalla legge. Oltre alla implicazione sullo scarso appeal rispetto agli elettori meno benestanti, questo dato ne induce una rispetto alla possibilità di ottenere ulteriori finanziamenti da parte di chi ha "già dato": se il 65% dei donatori pro-Romney ha già raggiunto il tetto dei 2500 dollari, significa che la maggior parte di chi lo ha finanziato non potrà dargli più nulla. Al contrario, nel caso di Obama oltre il 90% dei donatori ha ancora margine per donare nuovamente. Per i repubblicani questo è un dato davvero allarmante, e se le cose non cambieranno nei prossimi mesi rischia di rappresentare una debolezza fatale.

Altri Servizi

Fmi pronto a migliorare le stime di crescita mondiale

Discorso del d.g. Lagarde. Bene Europa e Giappone. Cina e India restano forti. La ripresa non è però finita. Serve adottare ora le riforme e investire nell'istruzione. Perché il prossimo Mark Zuckerberg non deve venire da Harvard
America24

Il Fondo monetario internazionale si prepara a rivedere al rialzo le stime di crescita mondiale quando, martedì 10 ottobre, pubblicherà il suo nuovo World Economic Outlook. "A luglio, l'Fmi ha stimato una crescita globale del 3,5% nel 2017 e del 3,6% nel 2018. La settimana prossima pubblicheremo le stime aggiornate in vista degli Annual Meeting" che si svolgeranno a Washington dal 13 al 15 ottobre prossimi. Esse "saranno probabilmente ancora più ottimiste". Lo ha detto Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo, in un discorso pronunciato alla Harvard University.

Trump celebra Cristoforo Colombo. Ma senza gli accorgimenti di Obama

Lunedì 9 ottobre gli Usa ricordano l'esploratore genovese che nel 1492 arrivò nelle Americhe. Il presidente brinda alla sua "impresa coraggiosa"; il predecessore ne ricordò anche le conseguenze per i nativi. A NY la 72esima parata (con polemiche)
Columbus Citizens Foundation

Come aveva fatto il suo predecessore, anche Donald Trump ha invitato i suoi connazionali a celebrare Cristoforo Colombo proclamando il 9 ottobre del 2017 la giornata dedicata all'esploratore italiano. La commemorazione dello "storico viaggio" del nativo di Genova, che si verifica negli Stati Uniti ogni secondo lunedì del mese di ottobre, fu decisa nel 1934 dal Congresso americano; seguendo la tradizione, il presidente di turno ogni anno proclama "Columbus Day" il giorno in cui cade.

Google sfida Apple e Amazon con nuovi smartphone e casse intelligenti

Arrivano anche le prime cuffie wireless del gruppo e la fotocamera Clips che preoccupa GoPro
Pixel 2 XL Google

Google affila le armi contro la concorrenza, a cominciare da Apple e Amazon. Il gruppo parte di Alphabet ha presentato vari prodotti tra cui due nuovi smartphone chiamati Pixel 2 e Pixel 2 XL, due nuovi speaker per la casa (uno dalle dimensioni piccole, Google Home Mini, e un'altro di alta gamma, Google Home Max), un nuovo Chromebook chiamato Pixelbook, un nuovo visore per la realtà virtuale e le sue prime cuffie wireless battezzate Google Pixel Buds. Come se non bastasse, l'azienda di Mountain View (California) ha sorpreso il pubblico riunito per l'occasione a San Francisco lanciando Google Clips, una nuova macchina fotografica che sembra preoccupare GoPro: il titolo del produttore di dispositivi usati dagli amanti di sport estremi per scattare immagini e registrare video ha accelerato subito al ribasso con gli investitori che chiaramente temono la concorrenza del nuovo arrivato.

Chi tradì Anna Frank? Forse lo dirà l'intelligenza artificiale

Un team guidato da un ex agente Fbi prova a risolvere il caso

Chi tradì la famiglia di Anna Frank? A dare risposta a "uno dei maggiori casi irrisolti del ventesimo secolo" potrebbe essere l'intelligenza artificiale. Un ex agente dell'Fbi e una società di produzione olandese hanno messo insieme un team di venti persone (ricercatori, analisti informatici e storici) che, con l'aiuto di tecnologie di ultima generazione, proveranno a risolvere il mistero.

Italia: Moody's lascia invariato il rating, il settore bancario si stabilizza

E' pari a Baa2. Mantenuto l'outlook negativo. Incertezza dalle prossime elezioni. Rischi al ribasso dell'economia restano "elevati"

Moody's ha lasciato invariato il suo giudizio sull'Italia (pari a Baa2) citando la stabilizzazione del settore bancario della nazione e una crescita dell'economia più forte. Resta però l'incertezza in vista delle prossime elezioni motivo per cui l'outlook è rimasto negativo.

La Compilation: cosa aspettarsi e non dal commercialista

Informazioni utili per redigere il documento, un vero e proprio biglietto da visita per un’azienda straniera interessata a investire negli Usa

Nel precedente articolo abbiamo messo in luce i motivi che rendono la Compilation un Attest Service fondamentale per un’azienda straniera interessata ad investire negli Usa.

Gli interni di lusso italiani in mostra a Miami

Seconda edizione di Italian Luxury Interiors. Più che triplicate le richieste di partecipazione. Il nostro è il primo Paese europeo fornitore di prodotti d’arredo negli Usa, che sono il quarto mercato estero per il settore
ICE Agenzia

A Fort Lauderdale (Florida) è iniziata la seconda edizione della Italian Luxury Interiors. L’iniziativa - promossa da ICE Agenzia in collaborazione con Confartigianato, Cna ed Universal Marketing (agente esclusivo dell’evento) - è dedicata alle migliori proposte dell’artigianato italiano per i settori dell’oggettistica da regalo, complemento d’arredo, illuminazione e tessile.

A New York si celebra l'eredità italiana ma Cristoforo Colombo divide

Alcune associazioni italoamericane hanno boicottato l'evento del sindaco Bill de Blasio: non ha difeso le statue dell'esploratore dal destino incerto. Il suo ufficio: la statua non si tocca. L'ambasciatore Varricchio difende il personaggio storico

A New York City sono entrate nel vivo le celebrazioni legate all'eredità italiana nella città. Non senza divisioni. Sono molte le persone e le organizzazioni di italoamericani che ieri sera hanno boicottato l'evento organizzato alla Gracie Mansion, la villa sull'East River in cui vive il sindaco di turno, e che ogni anno segna l'inizio delle feste che dal 1970 culminano il secondo lunedì di ottobre con la parata che coincide con il Columbus Day. E' proprio l'esploratore Cristoforo Colombo la causa di quelle divisioni. Il sindaco di origini italiane Bill de Blasio non ha mai apertamente difeso le statue del personaggio storico, diventato controverso nell'America di Donald Trump. Per gli italoamericani è simbolo delle loro origini, per alcuni addirittura un eroe. Per altri il genovese è visto come un conquistatore che ha iniziato a schiavizzare e uccidere i nativi del Nordamerica.

Monsanto vira in utile nel IV trimestre, progressi verso nozze con Bayer

Il merito va alla diffusione delle ultime tecnologie legate ai semi di soia e al cotone così come all'adozione dei nuovi ibridi di mais nel mondo. Punta a risparmi annui di 500 milioni di dollari

Nei tre mesi chiusi in 31 agosto scorso, Monsanto ha messo a segno utili per 20 milioni di dollari contro una perdita di 191 milioni di dollari dello stesso periodo del 2016. In quello che per il colosso dell'agrochimica rappresenta il quarto trimestre fiscale, gli utili per azione sono stati di 5 centesimi contro la perdita di 44 centestimi di un anno prima. Al netto di voci straordinarie, il dato è stato di 20 centesimi contro i 7 centesimi del periodo giugno-agosto dello scorso anno, decisamente meglio delle stime degli analisti che si aspettavano un rosso di 41 centesimi per azione.

Autogrill festeggia in Usa il suo 40esimo anniversario, premiato Gilberto Benetton

Il Ceo Tondato ha partecipato a TechFest del New Yorker
Da sinista, Armando Varrichio (ambasciatore), Gilberto Benetton (presidente di Autogrill) e Lucio Caputo (Gei) Gei

Con due appuntamenti, il Gruppo Autogrill ha festeggiato in Usa il suo 40esimo anniversario. Per il primo operatore al mondo nei servizi della ristorazione per chi viaggia si tratta di un momento che il suo amministratore delegato ha definito un "nuovo inizio". Perché dopo essersi fatto strada in 31 Paesi nel mondo, forte di 4mila punti vendita e di un portafoglio di oltre 300 brand che servono un miliardo di clienti nel mondo ogni anno, Autogrill scommette sulla tecnologia e sulla sostenibilità per personalizzare sempre di più quanto offerto ai consumatori. E lo fa a cominciare dagli Stati Uniti, da dove arriva oltre il 50% del fatturato complessivo.