Fitch: in Italia rischi politici "elevati" dopo le elezioni. Rating resta BBB

Anche l'outlook confermato a stabile. Migliorano le stime di crescita per il 2018 e il 2018 ma consumi e investimenti potrebbero frenare per l'incertezza politica. Prevede negoziati difficili per la formazione di un governo

Fitch ha confermato il giudizio sulla tenuta creditizia dell'Italia con un rating "BBB" citando un'economia "diversificata e ad alto valore aggiunto" e indicatori di governance e di sviluppo umano "molto più alti della media europea". Inoltre, l'indebitamento privato è "moderato", il sistema pensionistico è "sostenibile" e i rendimenti sui titoli di stato sono "bassi". Tuttavia il debito pubblico è "estremamente alto", la crescita del Pil tende a essere "bassa", la qualità degli asset nel settore bancario è "debole" e i rischi politici dopo le elezioni del 4 marzo scorso sono "elevati". Non a caso Fitch non esclude che le trattative finiscano per la formazione di un governo di minoranza, uno di scopo o altre elezioni. Per il momento, l'agenzia di rating ha lasciato invariato oltre al rating anche l'outlook, a stabile.

Nel suo rapporto, Fitch ha spiegato che l'esito delle elezioni "ha reso difficile la formazione di un governo stabile, ha aumentato la probabilità di un po' di allentamento fiscale e ha ulteriormente indebolito le prospettive di riforme economiche strutturali". Secondo Fitch, "l'alto livello di frammentazione politica" emerso dalle urne "limita la capacità del prossimo governo di tenere fede alle promesse elettorali", che Moody's a febbraio aveva giudicato insostenibili.

Le incertezze politiche
Alla luce della vittoria del partito "euroscettico e anti-establishment" Movimento 5 Stelle, che ha portato a casa il 32,7% dei voti seguito da una Lega (17,4%) che ha fatto meglio di Forza Italia (14%), Fitch sostiene che aumenti l'influenza di politiche populiste, a prescindere che sia esercitata da dentro o fuori un governo. L'agenzia di rating sottolinea che sia il M5S sia la Lega hanno recentemente allentano la loro retorica anti-euro. Detto questo, "i negoziati per formare una coalizione saranno difficili e potenzialmente prolungati e non è chiaro fino a dove i potenziali partner si vogliano spingere nel fare convergere le loro piattaforme politiche, rendendo incerta la composizione del prossimo governo". Quanto il movimento di Luigi di Maio è disposto a fare compromessi visto che tradizionalmente non è stato disposto a fare parte di coalizioni? E' una delle domande che si pone Fitch, chiedendo anche se il Partito Democratico sarà disposto a formare un governo con il centro-destra o il M5S. Il partito portato alle elezioni dall'ormai non più segretario Matteo Renzi - e reduce di una sconfitta con il 18,7% delle preferenze - ha tuttavia detto che il suo destino è essere all'opposizione.

Il quadro fiscale
Sul piano fiscale, Fitch ha migliorato rispetto a ottobre - quando aveva confermato lo stesso rating e lo stesso outlook - la sua stima sul deficit italiano, visto all'1,9% del Pil nel 2017 e non più al 2,2%, in calo dal 2,5% dell'anno precedente e in linea al target del governo per un 2,1%. A contribuire sono stati una riduzione delle spese e dei costi sugli interessi pagati sul debito. Per il 2019, Fitch si aspetta che il dato salga al 2%, l'1,1% in più del target esistente, per via di presunti nuovi tagli alle tasse e un aumento della spesa pubblica. L'agenzia di rating ammette tuttavia che c'è incertezza vista l'assenza di chiarezza nella composizione del prossimo governo e delle politiche fiscali che verranno perseguite.

Sul fronte del debito, Fitch si aspetta "soltanto una riduzione graduale, lasciando l'Italia esposta a potenziali shock avversi". Il debito pubblico è visto al 131,5% del Pil nel 2017, in calo dal picco del 132% del 2016 e sotto il 132,5% del Pil stimato lo scorso ottobre dall'agenzia di rating. Nelle previsioni di Fitch, il debito calerà al 128,8% nel 2019. Questo, fa notare l'agenzia, lascerebbe l'Italia come uno dei Paesi più indebitati tra quelli di cui ha un rating; le nazioni con un rating BBB hanno in media un debito pari al 40,3% del Pil.

Le previsioni economiche
Sul fronte economico, Fitch riconosce che il ciclo economico in Italia ha ripreso slancio, cosa fotografata anche dal Fondo monetario internazionale che nell'aggiornamento al suo World Economic Outlook di gennaio ha rivisto al rialzo le stime di crescita. Se per il 2017 stima un Pil in aumento dell'1,5% dopo il +0,9% del 2016, Fitch prevede per il 2018 e il 2019 - rispettivamente - un +1,5% e un +1,2%; in ambo i casi si tratta di una revisione al rialzo di 0,2 punti base. Per Fitch, gli investimenti e i consumi privati - saliti del 3,7% e dell'1,3% nel 2017, resteranno i principali fattori di traino ma non è escluso che frenino per via dell'incertezza politica attuale.

Debolezza nel settore bancario
Quanto al settore bancario, Fitch riconosce che ci siano stati miglioramenti ma la "debolezza resta", anche sul fronte della redditività. I non performing loan rimangono ancora "alti" anche se l'agenzia di rating si aspetta un loro continuo calo. Le operazioni di ricapitalizzazione, liquidazione e consolidamento di banche in difficoltà osservate lo scorso anno "hanno ridotto i rischi sistemici nel sistema. Tuttavia la ricapitalizzazione del Monte dei Paschi di Siena e la liquidazione di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca hanno aggiunto lo 0,6% del Pil al debito pubblico", conclude Fitch.

Altri Servizi

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Il presidente americano, Donald Trump, vuole aprire un nuovo fronte nella sua battaglia commerciale con la Cina. Come? Ritirando gli Stati Uniti da un trattato postale vecchio di 144 anni che ha permesso alle aziende cinesi di inviare pacchi di piccole dimensioni in Usa a un tasso decisamente scontato.

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Per il terzo mese di fila, ad agosto, la Cina ha ridotto la quantità di Treasury in suo possesso portandola ai minimi del giugno 2017, quando erano a 1.147 miliardi di dollari.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.

Google: i produttori di smartphone in Europa dovranno pagare per avere app del gruppo

La controllata di Alphabet passa a un modello di business a pagamento, conseguenza della multa Ue per abuso di posizione dominante con Android

Google cambia modello di business in Europa, dove lo scorso 18 luglio la controllata di Alphabet è stata colpita dalla Commissione europea con una multa di 4,34 miliardi di euro per abuso di posizione dominante con Android (il suo sistema operativo per dispositivi mobili).

Il rimbalzo dei ricavi di International Business Machines (Ibm) si è fermato dopo soli tre trimestri. E le vendite legate al cloud computing hanno deluso. Questo spiega perché il titolo del gruppo IT sta scivolando nel dopo mercato a Wall Street (-3,7%).

Trump contro Mattis: "È una sorta di democratico, potrebbe andarsene presto"

Il presidente americano in un’intervista alla Cbs ha parlato del rapporto con il segretario alla Difesa

Donald Trump continua a lanciare messaggi ai membri della sua amministrazione. Ultimo in ordine di tempo è il segretario alla Difesa, il generale Jim Mattis, sul quale il tycoon si è espresso durante un’intervista a "60 Minutes" sulla Cbs. "È una sorta di democratico" ha detto il tycoon che ha ammesso di non sapere se Mattis lascerà o meno il suo incarico.

Facebook riduce a 30 mln il numero di account colpiti da recente attacco hacker

I pirati informatici hanno avuto accesso a email, numeri di telefono e nomi di 15 milioni di persone. L'Fbi indaga. Bocche cucite su chi sia il responsabile dell'intrusione. Intatte le app Messenger, WhatsApp e Instagram
AP

Sono 20 milioni di meno gli account Facebook colpiti dai problemi di sicurezza scoperti il 25 settembre. Il gruppo ha tagliato a 30 milioni da 50 milioni il numero di account di cui gli hacker hanno sfruttato una vulnerabilità associata alla funzione (in inglese "view as") che consente agli utenti di vedere i loro profili come se fossero uno dei loro amici.

"Sip Trip": il viaggio a tappe in Italia con cui il sommelier di Bastianich vuole ingolosire gli Usa

Al via le registrazioni della serie YouTube di Jeff Porter, direttore beverage dell'impero della celebre chef. Dalla Lombardia alla Campania per condividere piatti e vini del nostro Paese

A lui i "superlativi" non piacciono e dunque non si spingerà mai a dire che l'Italia è il migliore produttore di vini in assoluto. Eppure l'Italia sta diventando la "seconda casa" di Jeff Porter. Ed è la "prima porta" di quella casa che il sommelier americano vuole aprire allo spettatore di "Sip Trip", una mini serie su YouTube da lui ideata e che sta per essere girata nelle regioni italiane famose per il loro vino con tappe nelle cantine migliori, dal Veneto al Piemonte passando per Lombardia, Toscana, Umbria e Campania.

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Nel primo anno fiscale completo dell'era Trump, il deficit federale americano è salito ai massimi di sei anni fa. E' l'effetto della politica fiscale espansiva voluta dal presidente Donald Trump, fatta di tagli alle tasse e maggiori spese (anche militari).