Russiagate: Flynn ammette di aver mentito all'Fbi, Trump trema

L'ex consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Usa pronto a collaborare con le autorità. E' il primo membro dell'amministrazione in carica ad essere incriminato. Intanto emerge il nome di Kushner: è lui ad avergli chiesto di parlare con Mosca

Quello di oggi è un chiaro passo in avanti dell'indagine sul Russiagate, un passo che porta Robert Mueller e il suo team sempre più vicini alla cerchia di collaboratori più stretti del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. A far agitare la Casa Bianca è l'ex consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn, che si è dichiarato colpevole di aver mentito all'Fbi sul suo incontro con l'ambasciatore russo in Usa, Sergey Kislyak. Flynn ha detto di voler collaborare con le autorità per il bene del Paese. Ma soprattutto - e questo emerge dai documenti della testimonianza di Flynn - l'ex generale ha detto ai giudici di essere stato spinto ad incontrare Kislyak da un membro di alto livello del team di transizione di Trump, nel corso di una riunione avvenuta il 26 dicembre a Mar-a-Lago, quartier generale del presidente Usa in Florida.

E' Jared Kushner la persona che secondo le testimonianze di Michael Flynn gli avrebbe chiesto di incontrare i funzionari del governo russo. Lo sostiene Nbc News, citando fonti anonime. Nei documenti depositati, Flynn non nomina direttamente il genero e consigliere di Trump.

Flynn, prima di ammettere le sue colpe, aveva sostenuto davanti all'Fbi di non aver chiesto a Kislyak di non aumentare le tensioni tra Russia e Usa per dare una risposta alle sanzioni su Mosca che l'amministrazione Obama aveva appena imposto. E ancora l'ex adviser di Trump aveva sostenuto, mentendo, di "non aver richiamato l'ambasciatore russo dicendogli che la Russia aveva deciso di moderare la sua risposta alle sanzioni come risultato della sua richiesta". Ora tutto questo è stato archiviato e nelle prossime settimane Flynn inizierà a collaborare con Mueller per andare in profondità e capire quali altri contatti ci sono stati tra la Russia di Putin e il team di Trump. Le carte del tribunale sostengono che le bugie di Flynn hanno avuto un forte impatto sulle indagini "ostacolandole".

Ma la Casa Bianca non sembra preoccuparsi: in una nota i suoi legali scrivono che le dichiarazioni di Flynn non implicano altri colpevoli se non lui. Ma i media americani e alcuni analisti sembrano sostenere il contrario. Infatti l'indagine dovrà svelare se Flynn è stato guidato e da chi. Il tema al centro del dibattito sono le sanzioni volute da Barack Obama per la questione dell'Ucraina. E i rumor del momento prospettano questa possibilità: dopo l'elezione il team di transizione di Trump avrebbe contattato la Russia per rassicurarla sul fatto che, una volta archiviata l'era Obama, il nuovo presidente avrebbe instaurato un nuovo rapporto con Mosca, magari eliminando le sanzioni.

Trump in passato aveva definito Flynn una brava persona e aveva detto di non aver fatto pressioni su di lui affinché incontrasse i russi, ma che se i due avessero parlato gli avrebbe detto di incontrarli. Flynn è stato obbligato a dare le dimissioni 24 giorni dopo aver preso il suo posto di adviser, dopo che era stato reso pubblico che aveva mentito sia all'Fbi che al vicepresidente, Mike Pence. Intanto se Trump sembra mantenere la calma, i mercati non sono della stessa idea. La notizia dell'implicazione di un membro importante del team di transizione del presidente ha fatto crollare Wall Street. il Vix, l'indice della paura, sale del 19% a 13,55, un record che riporta il suo livello ai massimi di agosto.

Altri Servizi

La Fed alza i tassi per la terza volta nel 2017, altre tre strette nel 2018

Aumento di 25 punti base all'1,25-1,5%, come ampiamento atteso. Yellen non preoccupata da rally a Wall Street. Bitcoin? Un asset altamente speculativo. Riforma fiscale? Effetti ancora incerti
AP

Gli investitori non avevano (giustamente) dubbi: la Federal Reserve ha annunciato un aumento dei tassi per la terza volta nel 2017, la quinta dal giugno 2006. E ha confermato le attese per tre strette nel 2018 e due nel 2019. Non solo. Ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell'economia americana per questo e il prossimo anno e si aspetta un ulteriore calo del tasso di disoccupazione, già ai minimi del dicembre 2000. Il governator Janet Yellen può vantarsi di lasciare la guida della banca centrale con gli Stati Uniti in buona salute e pronti a godere, almeno un po', di una riforma fiscale sempre più vicina ma dagli effetti ancora "incerti".

Onu: rara apparizione dell'ambasciatore nordcoreano

Ja Song Nam parteciperà a una riunione a livello ministeriale del consiglio di sicurezza del Palazzo di Vetro. Ci sarà anche Tillerson

Il segretario americano di Stato e l'ambasciatore nordcoreano alle Nazioni Uniti parteciperanno al consiglio di sicurezza dell'Onu in calendario oggi. Rex Tillerson descriverà la linea con cui Washington intende affrontare la crisi con Pyongyang, che nonostante le sanzioni internazionali continua a portare avanti i suoi programmi nucleare e missilistico.

La riforma fiscale torna a preoccupare Wall Street

Progressi verso l'approvazione di una riforma fiscale; la Federal Reserve ha alzato i tassi, come previsto, di 25 punti base all'1,25-1,5%
AP

Fed verso la terza stretta del 2017. Yellen se ne va a pieni voti

Atteso un rialzo dei tassi di 25 punti base all'1,25-1,5%. Sondaggio Wsj: il 60% degli economisti dà al governatore uscente il giudizio migliore, più del 34% del predecessore Bernanke a fine mandato
AP

Gli investitori non hanno dubbi: domani la Federal Reserve alzerà i tassi per la terza volta nel 2017, la quinta dal giugno 2006. La banca centrale americana, per un paio di mesi guidata ancora da Janet Yellen, ha segnalato una tale mossa in più occasioni. E' da un anno che dice che nell'anno in corso avrebbe compiuto tre aumenti del costo del denaro; inoltre, nei verbali della riunione del 31 ottobre e 1 novembre scorsi, diffusi il 22 novembre scorso, emerse che i membri del braccio di politica monetaria dell'istituto centrale si aspettavano una stretta "nel breve termine".

Riforma fiscale sempre più vicina: Trump già festeggia

Trovato un accordo di principio sul testo unico della legislazione. Agevolati i ricchi. Aliquota aziendale al 21% dal 35%
Ap

E' ufficiale. I leader repubblicani di Camera e Senato hanno trovato un accordo di principio sul testo finale della riforma fiscale. Di conseguenza, l'approvazione della maggiore riforma del fisco in Usa dal 1986 si fa un passo più vicina.

La Nba vuole una squadra della sua lega minore a Città del Messico

La lega professionistica vuole continuare a espandersi e guarda al maggior mercato dell'America Latina. La nuova squadra della G League potrebbe giocare già dalla prossima stagione
Ap

La Nba vuole una squadra della sua G League a Città del Messico, forse già dalla prossima stagione. Lo ha affermato il Commissioner della lega di basket professionistico del Nordamerica, Adam Silver.

Gli Usa contro la Russia, a 30 anni dal trattato INF per l'eliminazione dei missili

Da tempo Washington denuncia le violazioni di Mosca. L'amministrazione Trump pronta a sviluppare un'arma per restare al passo dei russi
Ap

Gli Stati Uniti sono pronti a sviluppare un nuovo missile da crociera capace di trasportare armi convenzionali o testate nucleari, visto che credono che la Russia stia violando l'accordo per l'eliminazione dei missili a raggio corto e intermedio, l'INF, firmato 30 anni fa dal presidente Ronald Reagan e dal segretario generale del Partito comunista sovietico, Mikhail Gorbachev.

NY Times: cambio generazionale al vertice, editore passa il testimone al figlio 37enne

Arthur Ochs Sulzberger Jr cede il suo ruolo a Arthur Gregg Sulzberger

Cambio generazionale al vertice della New York Times Company. Dal primo gennaio 2018 il nuovo editore del gruppo sarà il 37enne Arthur Gregg Sulzberger, figlio dell'attuale numero uno Arthur Ochs Sulzberger Jr e già suo vice.

La rivincita delle Crocs (anche a Wall Street)

Lo stilista Christopher Kane e Balenciaga hanno portato in passerella le ciabatte che sembravano passate di moda. Gli analisti di Stifel scommettono in un rilancio: comprare il titolo

Le calzature Crocs sono destinate a tornare di moda. Le ciabatte leggere e dai colori sgargianti, un tempo diffuse anche in Italia, sembra stiano tornando ad essere popolari. Per questo gli analisti di Stifel consigliano agli investitori di comprare il titolo e non di tenerlo semplicemente in portafoglio. La raccomandazione ha spinto l'azione sui massimi di oltre due anni a Wall Street, dove venerdì 15 dicembre ha vissuto un rally di oltre il 14% a 12,55 dollari.

Incertezza sulla riforma fiscale, investitori preoccupati

Marco Rubio, senatore repubblicano della Florida, chiede maggiori sgravi fiscali per l'infanzia.
Shutterstock

Si fa nuovamente in salita la strada verso l'approvazione della riforma fiscale, che soltanto ieri sembrava cosa ormai fatta. E gli investitori a Wall Street tornano a preoccuparsi: e infatti il Russell 2000 ha ampliato i cali arrivando a perdere l'1%; l'indice che raggruppa le società a piccola e media capitalizzazione è visto come maggiormente correlato alle prospettive della riforma perché queste aziende tendono a pagare aliquote più alte rispetto alle multinazionali.