Russiagate: Flynn ammette di aver mentito all'Fbi, Trump trema

L'ex consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Usa pronto a collaborare con le autorità. E' il primo membro dell'amministrazione in carica ad essere incriminato. Intanto emerge il nome di Kushner: è lui ad avergli chiesto di parlare con Mosca

Quello di oggi è un chiaro passo in avanti dell'indagine sul Russiagate, un passo che porta Robert Mueller e il suo team sempre più vicini alla cerchia di collaboratori più stretti del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. A far agitare la Casa Bianca è l'ex consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn, che si è dichiarato colpevole di aver mentito all'Fbi sul suo incontro con l'ambasciatore russo in Usa, Sergey Kislyak. Flynn ha detto di voler collaborare con le autorità per il bene del Paese. Ma soprattutto - e questo emerge dai documenti della testimonianza di Flynn - l'ex generale ha detto ai giudici di essere stato spinto ad incontrare Kislyak da un membro di alto livello del team di transizione di Trump, nel corso di una riunione avvenuta il 26 dicembre a Mar-a-Lago, quartier generale del presidente Usa in Florida.

E' Jared Kushner la persona che secondo le testimonianze di Michael Flynn gli avrebbe chiesto di incontrare i funzionari del governo russo. Lo sostiene Nbc News, citando fonti anonime. Nei documenti depositati, Flynn non nomina direttamente il genero e consigliere di Trump.

Flynn, prima di ammettere le sue colpe, aveva sostenuto davanti all'Fbi di non aver chiesto a Kislyak di non aumentare le tensioni tra Russia e Usa per dare una risposta alle sanzioni su Mosca che l'amministrazione Obama aveva appena imposto. E ancora l'ex adviser di Trump aveva sostenuto, mentendo, di "non aver richiamato l'ambasciatore russo dicendogli che la Russia aveva deciso di moderare la sua risposta alle sanzioni come risultato della sua richiesta". Ora tutto questo è stato archiviato e nelle prossime settimane Flynn inizierà a collaborare con Mueller per andare in profondità e capire quali altri contatti ci sono stati tra la Russia di Putin e il team di Trump. Le carte del tribunale sostengono che le bugie di Flynn hanno avuto un forte impatto sulle indagini "ostacolandole".

Ma la Casa Bianca non sembra preoccuparsi: in una nota i suoi legali scrivono che le dichiarazioni di Flynn non implicano altri colpevoli se non lui. Ma i media americani e alcuni analisti sembrano sostenere il contrario. Infatti l'indagine dovrà svelare se Flynn è stato guidato e da chi. Il tema al centro del dibattito sono le sanzioni volute da Barack Obama per la questione dell'Ucraina. E i rumor del momento prospettano questa possibilità: dopo l'elezione il team di transizione di Trump avrebbe contattato la Russia per rassicurarla sul fatto che, una volta archiviata l'era Obama, il nuovo presidente avrebbe instaurato un nuovo rapporto con Mosca, magari eliminando le sanzioni.

Trump in passato aveva definito Flynn una brava persona e aveva detto di non aver fatto pressioni su di lui affinché incontrasse i russi, ma che se i due avessero parlato gli avrebbe detto di incontrarli. Flynn è stato obbligato a dare le dimissioni 24 giorni dopo aver preso il suo posto di adviser, dopo che era stato reso pubblico che aveva mentito sia all'Fbi che al vicepresidente, Mike Pence. Intanto se Trump sembra mantenere la calma, i mercati non sono della stessa idea. La notizia dell'implicazione di un membro importante del team di transizione del presidente ha fatto crollare Wall Street. il Vix, l'indice della paura, sale del 19% a 13,55, un record che riporta il suo livello ai massimi di agosto.

Altri Servizi
Da sinista, l'administrator di UNDP, Achim Steiner, e l'a.d. di Eni, Claudio Descalzi

Eni e il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) coopereranno per migliorare l'accessibilità a un'energia sostenibile in Africa e per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. La partnership è la prima di questo genere tra lo UNDP e una compagnia energetica globale.

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

Trump incontrerà Rosenstein giovedì. Dimissioni, licenziamento o tutto fermo fino alle elezioni?

Il vicesegretario alla Giustizia ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca nel voto del 2016. Dopo voci contrastanti su dimissioni e licenziamento, la notizia dell'incontro
AP

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock