Flynn, la Turchia e il piano per consegnare Gulen a Erdogan (legalmente o illegalmente)

Il procuratore speciale Mueller indaga sull'eventuale ruolo dell'ex consigliere di Trump. Il suo avvocato smentisce, l'ambasciata turca a Washington definisce le insinuazioni "ridicole"

L'ambasciata turca a Washington ha definito "ridicole" le insinuazioni secondo le quali la Turchia avrebbe offerto diversi milioni di dollari all'ex consigliere di Trump, Michael Flynn, in cambio della consegna di Fethullah Gulen, il predicatore accusato da Ankara di aver ordito il fallito colpo di Stato dell'estate 2016, che risiede da molti anni in Pennsylvania, da dove guida il movimento conosciuto come Hizmet.

"Tutte le accuse secondo cui la Turchia avrebbe fatto ricorso a mezzi non legali per l'estradizione di Fethullah Gulen sono completamente false, ridicole e senza fondamento" ha reso noto l'ambasciata con un comunicato pubblicato su Twitter. Gulen, che vive negli Stati Uniti dal 1999, ha smentito qualsiasi implicazione con il tentativo di colpo di Stato contro il presidente turco Recep Tayyp Erdogan. L'avvocato di Flynn, Robert Kelner, ha dichiarato che le indiscrezioni sono "false" e "offensive".

Le indiscrezioni del Wall Street Journal - Le attenzioni del procuratore speciale Robert Mueller, che sta indagando negli Stati Uniti sulle possibili collusioni tra lo staff di Donald Trump e il Cremlino durante la scorsa campagna elettorale presidenziale, si sarebbero concentrate anche sul presunto piano di prelevare e consegnare alle autorità turche Fethullah Gulen, che avrebbe coinvolto l'ex consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Michael Flynn.

Secondo le fonti del Wall Street Journal, Flynn e suo figlio, Michael Jr., avrebbero ottenuto in cambio fino a 15 milioni di dollari. Erdogan fece poi pressioni su Washington per ottenere l'estradizione di Gulen, che da quasi 20 anni vive negli Stati Uniti e da ex alleato si è trasformato in acerrimo nemico.

L'Fbi avrebbe chiesto ad almeno quattro persone di un incontro avvenuto a metà dello scorso dicembre a New York, tra Flynn – all'epoca già consigliere di Trump - e alcuni rappresentanti del governo turco. Le due parti avrebbero parlato anche della possibilità di trasportare Gulen a bordo di un jet privato sull'isola-carcere di Imrali. Secondo una fonte, Flynn era anche pronto a usare la sua influenza alla Casa Bianca per ottenere l'estradizione legale di Gulen.

I legami turchi di Flynn - Il reporter Michael Isikoff scrisse che Flynn aveva cominciato a ricevere informazioni classificate relative alla sicurezza nazionale statunitense nell'estate 2016, come membro della squadra di Trump, continuando a gestire la propria società di consulenza, la Flynn Intel Group, che offre servizi d'intelligence a clienti stranieri; tra questi, anche un'azienda di un facoltoso uomo d'affari turco, molto vicino al presidente Erdogan, che avrebbe pagato "decine di migliaia di dollari" per le analisi della società, secondo quanto ammesso dallo stesso imprenditore, Kamil Ekim Alptekin, al sito The Intercept. Il giorno delle elezioni, Flynn ha scritto un articolo per The Hill in cui chiedeva agli Stati Uniti di sostenere Erdogan e di consegnare alle autorità turche Gulen.

Già a marzo, sulla stampa statunitense, si era diffusa l'ipotesi che Flynn potresse essere stato pagato da Erdogan per cercare di riportare in Turchia, legalmente o illegalmente, Gulen. Flynn, secondo quanto riportato dai media in quei giorni, avrebbe fatto sapere all'Fbi e ai membri del Congresso di essere disponibile a testimoniare sui possibili legami dell'amministrazione Trump con la Russia, ma in cambio dell'immunità. In una nota diffusa dal suo avvocato, Flynn ha detto di avere una "storia da raccontare", ma di volere "garanzie contro un'ingiusta azione penale". La commissione d'Intelligence del Senato statunitense, secondo la Nbc, avrebbe respinto la richiesta di Flynn. "Mike Flynn dovrebbe chiedere l'immunità in quella che è una caccia alle streghe (una scusa per una grande sconfitta elettorale) di media e democratici, di proporzioni storiche!" aveva commentato Trump.

Obama e l'estradizione - L'allora presidente Barack Obama disse che la decisione sull'estradizione di Gulen, chiesta agli Stati Uniti dalla Turchia, "non sta al presidente" e rese noto di aver detto al presidente Erdogan "di presentare agli Stati Uniti le prove del coinvolgimento" dell'imam. Poi, Obama disse che le voci di un coinvolgimento degli Stati Uniti nel fallito golpe in Turchia "sono false", così come quelle secondo cui Washington sarebbe stata al corrente di quanto stava per succedere nel Paese. 

Altri Servizi

Wall Street reagisce alla Bce

Il Fondo monetario internazionale tiene una conferenza stampa alle 13 (le 19 in Italia) sull'analisi annuale dell'economia Usa
iStock

Trump: si torni al G8 con la Russia. Conte d'accordo

Prima di partire per Charlevoix, in Canada, dove parteciperà al G7, il presidente Usa ha attaccato gli alleati sul commercio

Al presidente americano, Donald Trump, non dispiacerebbe tornare al G8. Mentre stava lasciando la Casa Bianca per volare in Canada per partecipare al G7, il leader Usa ha spiegato alla stampa che alla Russia dovrebbe essere permesso di "tornare" a riunirsi con le altre principali economie al mondo pur insistendo che lui è stato il "peggiore incubo" del Cremlino. Mosca fu espulsa dal G8 - che si è riunito l'ultima volta nel 2014 - successivamente all'annessione della penisola di Crimea (parte del territorio sovrano dell'Ucraina).

Con la sua Boring Company, Musk si aggiudica contratto a Chicago

Costruirà sistema sotterraneo di treni super veloci: dall'aeroporto O'Hare al centro della città in 12 minuti anziché 40
AP

Inizia a concretizzarsi il piano con cui l'irriverente Elon Musk dal 2016 promette di ridurre il traffico cittadino rendendo i trasporti più veloci. La sua Boring Company si è aggiudicata un contratto valutato in centinaia di milioni di dollari per costruire un sistema sotterraneo di treni super veloci volto a trasferire la gente dall'aeroporto internazionale O'Hare di Chicago al centro della città dell'Illinois. Come annunciato dal sindaco della cosiddetta Windy City, Rahm Emanuel, il progetto non prevede nemmeno un dollaro da parte dei contribuenti essendo finanziato privatamente.

Trump e Kim a Singapore per il summit, cautela dagli Usa

Il presidente americano cerca di contenere le aspettative dell'incontro che potrebbe essere più simbolico che altro

Prima Kim Jong Un. Poi Donald Trump. Nel giro di qualche ora, il presidente nordcoreano e quello americano sono arrivati a Singapore per un summit potenzialmente storico. Sarà il primo incontro tra un leader nordcoreano e un presidente americano in carica, il primo tra  due leader di due nazioni che sono nemiche da quasi settanta anni.

AP

Le due più grandi comunità ebraiche al mondo sono profondamente divise. Tra gli ebrei americani e gli israeliani c'è un divario, specialmente in relazione al presidente americano Donald Trump. E' quanto emerso da un sondaggio dell'American Jewish Committee (AJC).

Elon Musk, l'irriverente amministratore delegato di Tesla, ha scritto un memo ai dipendenti del produttore di auto elettriche comunicando loro esuberi corrispondenti al 9% della forza lavoro. Attualmente l'azienda californiana ha circa 46.000 dipendenti, quindi il taglio di personale equivale a circa 4.100 persone.

Trump, linea dura sulla denuclearizzazione con Kim? I dubbi degli esperti

Il presidente Usa sembra aver abbandonato l'aggressività delle settimane scorse e l'idea di un risultato immediato con la Corea del Nord: "Il 12 giugno daremo inizio a un processo"

L'immediata denuclearizzazione della Corea del Nord è stata a lungo l'obiettivo dichiarato di Washington con Pyongyang. Ora, però, il presidente statunitense, Donald Trump, ha pubblicamente abbassato le sue pretese e ora molti esperti si chiedono quali saranno le richieste che presenterà al leader Kim Jong Un, nel tanto atteso incontro del 12 giugno a Singapore.

Fmi mette in guardia gli Usa e cita il rischio di recessione

L'istituto guidato da Christine Lagarde ha ottime prospettive nel breve termine per l'America ma le politiche commerciali e fiscali non convincono. E nel 2023 stime di crescita del Pil pari alla metà di quella della Casa Bianca

Il Fondo monetario internazionale ha lanciato un avvertimento all'amministrazione Trump spingendosi a citare il rischio di una possibile recessione tra quelli individuati. La causa scatenante potrebbe essere la sua politica fiscale prociclicia. E le misure commerciali non fanno che peggiorare il quadro. Non a caso l'istituto di Washington ha presentato stime di cresciuta più conservative di quelle della Casa Bianca nel lungo termine. Con il venire meno, dal 2020, dell'effetto positivo dato dagli stimoli fiscali Usa, la crescita americana secondo il Fondo rallenterà a un +1,4% nel 2023 contro il +1,8% previsto dalla Federal Reserve e la promessa di Trump di un +3%.

Il via libera di un giudice federale americano al merger verticale da 85 miliardi di dollari tra AT&T e Time Warner spiana la strada a una serie di mega merger potenziali. Gli investitori non hanno perso tempo a scommettere su quello che potrebbe succedere, come osservato già ieri dalla performance di certi titoli nell'after-hours a Wall Street successivamente alla decisione del giudice Richard Leon. Ecco cosa sta per succedere.

La Fed alza i tassi, prevede altre due strette nel 2018

Powell: politica accomodante verso la fine, dimostrazione che l'economia Usa sta andando "davvero bene". Dazi di Trump? Per ora solo un rischio non ancora riflesso nei dati macroeconomici

L'economia americana sta andando "molto bene" e l'ennesimo rialzo dei tassi non è altro che la dimostrazione di un tale andamento. Il governatore della Federal Reserve, Jerome Powell, ha spiegato così la decisione della banca centrale statunitense di aumentare il costo del denaro di 25 punti base all'1,75-2%. La stretta, la seconda del 2018, era ampiamente attesa dagli analisti, come lo era anche la revisione al rialzo del numero di quelle previste in tutto l'anno in corso: ora l'istituto centrale se ne aspetta quattro e non più tre come aveva indicato fino a marzo.