Flynn, la Turchia e il piano per consegnare Gulen a Erdogan (legalmente o illegalmente)

Il procuratore speciale Mueller indaga sull'eventuale ruolo dell'ex consigliere di Trump. Il suo avvocato smentisce, l'ambasciata turca a Washington definisce le insinuazioni "ridicole"

L'ambasciata turca a Washington ha definito "ridicole" le insinuazioni secondo le quali la Turchia avrebbe offerto diversi milioni di dollari all'ex consigliere di Trump, Michael Flynn, in cambio della consegna di Fethullah Gulen, il predicatore accusato da Ankara di aver ordito il fallito colpo di Stato dell'estate 2016, che risiede da molti anni in Pennsylvania, da dove guida il movimento conosciuto come Hizmet.

"Tutte le accuse secondo cui la Turchia avrebbe fatto ricorso a mezzi non legali per l'estradizione di Fethullah Gulen sono completamente false, ridicole e senza fondamento" ha reso noto l'ambasciata con un comunicato pubblicato su Twitter. Gulen, che vive negli Stati Uniti dal 1999, ha smentito qualsiasi implicazione con il tentativo di colpo di Stato contro il presidente turco Recep Tayyp Erdogan. L'avvocato di Flynn, Robert Kelner, ha dichiarato che le indiscrezioni sono "false" e "offensive".

Le indiscrezioni del Wall Street Journal - Le attenzioni del procuratore speciale Robert Mueller, che sta indagando negli Stati Uniti sulle possibili collusioni tra lo staff di Donald Trump e il Cremlino durante la scorsa campagna elettorale presidenziale, si sarebbero concentrate anche sul presunto piano di prelevare e consegnare alle autorità turche Fethullah Gulen, che avrebbe coinvolto l'ex consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Michael Flynn.

Secondo le fonti del Wall Street Journal, Flynn e suo figlio, Michael Jr., avrebbero ottenuto in cambio fino a 15 milioni di dollari. Erdogan fece poi pressioni su Washington per ottenere l'estradizione di Gulen, che da quasi 20 anni vive negli Stati Uniti e da ex alleato si è trasformato in acerrimo nemico.

L'Fbi avrebbe chiesto ad almeno quattro persone di un incontro avvenuto a metà dello scorso dicembre a New York, tra Flynn – all'epoca già consigliere di Trump - e alcuni rappresentanti del governo turco. Le due parti avrebbero parlato anche della possibilità di trasportare Gulen a bordo di un jet privato sull'isola-carcere di Imrali. Secondo una fonte, Flynn era anche pronto a usare la sua influenza alla Casa Bianca per ottenere l'estradizione legale di Gulen.

I legami turchi di Flynn - Il reporter Michael Isikoff scrisse che Flynn aveva cominciato a ricevere informazioni classificate relative alla sicurezza nazionale statunitense nell'estate 2016, come membro della squadra di Trump, continuando a gestire la propria società di consulenza, la Flynn Intel Group, che offre servizi d'intelligence a clienti stranieri; tra questi, anche un'azienda di un facoltoso uomo d'affari turco, molto vicino al presidente Erdogan, che avrebbe pagato "decine di migliaia di dollari" per le analisi della società, secondo quanto ammesso dallo stesso imprenditore, Kamil Ekim Alptekin, al sito The Intercept. Il giorno delle elezioni, Flynn ha scritto un articolo per The Hill in cui chiedeva agli Stati Uniti di sostenere Erdogan e di consegnare alle autorità turche Gulen.

Già a marzo, sulla stampa statunitense, si era diffusa l'ipotesi che Flynn potresse essere stato pagato da Erdogan per cercare di riportare in Turchia, legalmente o illegalmente, Gulen. Flynn, secondo quanto riportato dai media in quei giorni, avrebbe fatto sapere all'Fbi e ai membri del Congresso di essere disponibile a testimoniare sui possibili legami dell'amministrazione Trump con la Russia, ma in cambio dell'immunità. In una nota diffusa dal suo avvocato, Flynn ha detto di avere una "storia da raccontare", ma di volere "garanzie contro un'ingiusta azione penale". La commissione d'Intelligence del Senato statunitense, secondo la Nbc, avrebbe respinto la richiesta di Flynn. "Mike Flynn dovrebbe chiedere l'immunità in quella che è una caccia alle streghe (una scusa per una grande sconfitta elettorale) di media e democratici, di proporzioni storiche!" aveva commentato Trump.

Obama e l'estradizione - L'allora presidente Barack Obama disse che la decisione sull'estradizione di Gulen, chiesta agli Stati Uniti dalla Turchia, "non sta al presidente" e rese noto di aver detto al presidente Erdogan "di presentare agli Stati Uniti le prove del coinvolgimento" dell'imam. Poi, Obama disse che le voci di un coinvolgimento degli Stati Uniti nel fallito golpe in Turchia "sono false", così come quelle secondo cui Washington sarebbe stata al corrente di quanto stava per succedere nel Paese. 

Altri Servizi

Wall Street sotto pressione, preoccupano la crescita mondiale e le tensioni commerciali

Oggi il rapporto Jolts sui posti vacanti per il mese di ottobre
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Casa Bianca, Trump annuncia l'addio di John Kelly

Il sostituto del capo di gabinetto verrà annunciato nei prossimi giorni, l’avvicendamento "verso la fine dell’anno"
AP

Continua il turnover tra i membri dell’amministrazione Trump. John Kelly, il capo di gabinetto della Casa Bianca, lascerà l'incarico a fine anno. A renderlo noto è stato lo stesso presidente americano, confermando una notizia che già circolava da tempo. Il tycoon, che ha dato l'annuncio ai giornalisti alla Casa Bianca, ha detto che il nome del successore sarà reso noto nei prossimi giorni.

La Cina convoca l'ambasciatore Usa: l'arresto di lady Huawei un "atto vile"

Per Pechino, le azioni di Washington sono "estremamente cattive nella loro natura". Per questo "compierà azioni ulteriori sulla base delle azioni americane". Si teme una escalation delle tensioni commerciali
AP

Dopo l'ambasciatore canadese, John McCallum, anche quello statunitense, Terry Branstad, è stato richiamato dal ministero cinese degli Esteri. Alla nazione asiatica non è piaciuto l'arresto della direttrice finanziaria del colosso cinese, Meng Wanzhou; per questo ha minacciato il Canada con "conseguenze serie" e ha promesso agli Usa "ulteriori azioni" se saranno necessarie. E' l'ultima dimostrazione di come il caso Huawei sia destinato ad aumentare le tensioni tra Pechino e Washington, passando da Ottawa, tensioni che venerdì scorso hanno provocato un sell-off a Wall Street.

Uber segue Lyft e si prepara all’Ipo nel 2019

Potrebbe essere un anno record per i collocamenti azionari iniziali a Wall Street

Uber ha depositato la documentazione confidenziale per la sua offerta pubblica iniziale presso la Securities and Exchange Commission, la Consob americana, accelerando così i tempi di un suo sbarco in borsa. Lo scrive il Wall Street Journal, che cita fonti vicine alla vicenda, sottolineando come si tratti di una mossa che segue di poche ore quella della rivale Lyft che giovedì aveva effettuato lo stesso passo, e che di fatto crea un’ulteriore competizione tra i due colossi della mobilità alternativa su chi sarà il primo a sbarcare in borsa.

Cristiana Pegoraro: come "toccare" (e ringiovanire) la musica classica

Dall'infanzia ai palcoscenici di tutto il mondo. La concertista di Terni trapiantata a New York racconta la fisicità associata al pianoforte e come "narrare" un genere nato nel diciannovesimo secolo

A quattro anni iniziò a suonare in un asilo pubblico di Terni ma ricorda ancora "le note colorate del pentagramma". A 10 sapeva già che voleva fare la concertista. Al posto di ascoltare la madre, che la esortava a "non studiare così tanto e a stare con gli altri bambini", lei giocava con il pianoforte. E se le pareti delle stanze delle sue amichette erano tappezzate dai volti dei cantati più gettonati del momento, quelle di lei ospitavano compositori come Frédéric Chopin e poster delle loro mani. Perché è nelle mani che Cristiana Pegoraro conserva con cura il suo talento, "che è solo un punto di partenza", oltre che la sua passione. Quella di suonare il pianoforte.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

Russiagate, Cohen e Manafort rischiano il carcere. Trump: "Io scagionato"

L’ex avvocato del tycoon rischia 4 anni, mentre l’ex responsabile della campagna fino a 10

È stato Donald Trump a ordinare a Micheal Cohen, durante la campagna elettorale, i pagamenti illeciti alla pornostar Stormy Daniels e alla modella di Playboy Karen McDougal per scongiurare un possibile scandalo sessuale che avrebbe minacciato la sua corsa alla Casa Bianca. A sostenerlo sono i procuratori federali che hanno interrogato l’ex avvocato personale del tycoon. Cohen "ha agito in coordinamento e sotto la direzione" di un individuo che nelle carte non viene nominato ma che è chiaramente Trump, hanno dichiarato i procuratori che possono infliggere all'ex avvocato personale del presidente una pena fino a quattro anni di carcere.

Trump nomina Nauert all'Onu, Barr alla Giustizia

Nauert è un'ex giornalista di Fox News, Barr ha guidato il ministero già dal 1991 al 1993, sotto Bush

 Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha nominato Heather Nauert come ambasciatrice alle Nazioni Unite; prenderà il posto di Nikki Haley, che ha deciso di lasciare l'incarico. Prima di diventare portavoce del dipartimento di Stato, è stata conduttrice e corrispondente di Fox News. Inoltre, il presidente ha detto che nominerà William Barr come segretario alla Giustizia; al momento, l'incarico è occupato pro tempore da Matthew Whitaker, dopo le dimissioni di Jeff Sessions.

O'Rourke pensa alle presidenziali Usa, ha incontrato Obama

 Il deputato, dopo la sconfitta contro Cruz, resta tra i democratici papabili
Ap

Beto O'Rourke, che sta riflettendo su una possibile candidatura alle presidenziali statunitensi del 2020, ha recentemente incontrato Barack Obama negli uffici dell'ex presidente a Washington. Lo scrive il Washington Post, secondo cui l'incontro sarebbe avvenuto il 16 novembre, dieci giorni dopo la sconfitta di O'Rourke contro il repubblicano Ted Cruz in Texas, per un seggio nel Senato federale.