Fmi al G20: economia globale in ripresa ma rischi restano

In Italia, attività economica "significativamente sotto il potenziale". Bce resti accomodante, dalla Fed solo strette "graduali". Risolvere problema dei non performing loan
America24

L'economia globale si sta riprendendo al punto che sorprese in positivo derivanti da Usa e Cina non sono da escludere. Ma le prospettive potrebbero "facilmente" cambiare; tutto dipende da quali politiche economiche si materializzeranno. In quest'ottica c'è una "incertezza maggiore del solito". E in Italia, così come in Francia, l'attività economica "resta significativamente sotto il potenziale". E' questo il messaggio del Fondo monetario internazionale ai ministri delle Finanze e ai banchieri centrali del G20, che si riuniranno il 17 e 18 marzo prossimi a Baden-Baden (Germania). A loro l'istituto di Washington spiega che "i rischi restano squilibrati e puntano al ribasso".

In un documento redatto per l'occasione, il Fondo sostiene che "nel breve termine la crescita globale dovrebbe accelerare, riflesso di un rafforzamento dell'attività economica nelle economie avanzate, di un cambiamento atteso del mix di politiche macroeconomiche in Usa e di una stabilizzazione delle economie emergenti sotto stress".

Lo scenario di base del Fondo è caratterizzato dai seguenti elementi: una politica fiscale americana che viene adottata come da attese; una Federal Reserve che continua a normalizzare gradualmente la sua politica monetaria; una Cina che riesce a gestire bene la transizione della sua economia verso un modello più sostenibile e legato ai consumi interni; politiche commerciali e d'investimento che non creano disturbo, nemmeno dai negoziati riguardanti la Brexit.

Il Fondo non esclude "rischi al rialzo all'outlook di breve termine" come per esempio forze cicliche o sostegno alla crescita superiore alle stime derivante da Usa e Cina. L'istituto guidato da Christine Lagarde comunque lancia un avvertimento: le politiche economiche alla base dell'outlook stimato possono facilmente cambiare e contribuire a una "volatilità significativa" nei mercati finanziari.

Inoltre, anche se la ripresa è in atto, "venti contrari strutturali e le eredità persistenti della crisi continuano a frenare la crescita nel medio termine, specialmente nelle economie avanzate". Il Fondo individua poi una minaccia nelle economie avanzate data dagli effetti collaterali negativi dell'integrazione economica globale e del cambiamento tecnologico: essi potrebbero portare un Paese a preferire politiche autoreferenziali che "stravolgono l'integrazione economica globale e ledono la crescita".

Bce resti accomodante, dalla Fed stretta graduale

Il Fondo sostiene che la Banca centrale europea dovrebbe continuare ad essere accomodante nella sua politica monetaria mentre la Federal Reserve dovrebbe procedere con rialzi dei tassi graduali e giustificati dal quadro macroeconomico.

"Nelle economie avanzate dove l'inflazione resta sotto i target di riferimento, una politica monetaria a sostegno [della crescita] dovrebbe essere mantenuta facendo affidamento su misure non convenzionali, come necessario per esempio nell'Area euro e in Giappone", si legge.

Negli Usa, la banca centrale guidata da Janet Yellen dovrebbe continuare a normalizzare la sua politica monetaria in modo "graduale". Il Fondo dice anche che "nelle economie che operano vicine a una piena capacità (come gli Usa e la Germania), qualsiasi sostegno fiscale dovrebbe essere orientato verso un aumento del potenziale del Pil attraverso per esempio investimenti in infrastrutture di alta qualità ma anche infrastrutture sociali come l'educazione, la sanità e l'assistanza infantile".

Npl frenano la crescita

Il Fondo torna a premere sull'importanza di trovare soluzioni al problema dei crediti deteriorati. Perché la "riparazione" dei bilanci delle banche e delle aziende in generale è una "precondizione per una crescita sostenuta e un aumento della resilienza".

Nel documento, l'istituto guidato da Christine Lagarde cita la debolezza dei bilanci bancari in alcuni Paesi dell'Area euro come una delle variabili che potrebbero avere conseguenze negative per la crescita di breve termine.

"Il fallimento nel fare progressi sufficienti nell'implementazione delle riforme necessarie per affrontare il peso dei non-performing loan potrebbe frenare la crescita, anche limitando l'offerta del credito". Secondo il Fondo, si rischia un "aumento dei rischi alla stabilità finanziaria, specialmente in Paesi dove la redditività bassa, il debito alto e una qualità scarsa degli asset continuano a mettere sotto pressione il settore bancario". Per questo in varie economie avanzate d'Europa si deve trovare una soluzione per i crediti deteriorati che passi attraverso per esempio mercati secondari del debito sotto stress, riforme dell'insolvenza e a una maggiore supervisione. Così facendo "il credito, gli investimenti e la produttività aumenterebbero, anche attraverso il miglioramento del dinamismo aziendale e dell'efficienza nell'allocazione di capitali nelle aziende". Stando al Fondo, "anche misure per salvaguardare la stabilità e la redditività del settore bancario in un contesto di bassa crescita e bassi tassi sono una priorità".

L'istituto di Washington sostiene che "se non risolti, questi problemi potrebbero aggiungersi ai rischi politici riaccendendo i timori per la stabilità finanziaria". Per il Fondo infatti, una "incertezza politica insolitamente alta" aumenta la pressione portando i potenziali rischi ad avere effetti negativi. Oltre alla debolezza dei bilanci bancari, l'Fmi cita una frammentazione dei flussi commerciali e dei capitali; deflussi di capitale "severi" dai mercati emergenti; un improvviso rallentamento della Cina; rischi geopolitici e altri fattori non economici come atti di terrorismo, malattie contagiose come il virus Zika e il flusso di rifugiati che continua a pesare sulle prospettive di varie regioni.

Altri Servizi

Wall Street, settimana di trimestrali

A mercati chiusi è arrivata quella, superiore alle stime, di Netflix
AP

Amico di Trump inietta capitali in Weinstein Company

Il miliardario Tom Barrack tratta per comprare tutta o parte della società di produzione travolta dagli scandali sessuali del suo co-fondatore, silurato dal club degli Oscar
AP

The Weinstein Company, la società di produzione cinematografica travolta dagli scandali sessuali riguardanti il suo cofondatore Harvey Weinstein, ha raggiunto un accordo preliminare per una immediata iniezione di capitali. A concerderli è Colony Capital, società di investimento di Tom Barrack (amico di lunga data del presidente americano Donald Trump). A comunicarlo è stata l'azienda stessa, che ha iniziato un periodo di negoziati che potrebbe portare Colony Capital a comprare tutto o parte del gruppo che - tra gli altri - ha prodotto film come "Lion" e che ha distribuito "The Hateful Eight" di Quentin Tarantino.

Cook: "La realtà aumentata cambierà la nostra vita, ma gli occhiali smart non sono ancora pronti"

L'amministratore delegato di Apple, intervistato dall'Independent, non parla solo di tecnologia: "La vita sarebbe così tanto più facile se solo trattassimo tutti con dignità e rispetto"
iStock

La realtà aumentata (AR) cambierà la nostra vita. Ne è convinto Tim Cook, l'amministratore delegato di Apple, che ha rilasciato un'intervista all'Independent. La società di Cupertino ha realizzato ArKit, una piattaforma che "offre un'opportunità commerciale a tutti i progetti basati sull'AR; senza questa opportunità non ci sarebbero 15 milioni di persone pronte a sviluppare le proprie passioni con la realtà aumentata".

Il Ceo di Blackrock: Bitcoin un "indice del riciclaggio di denaro"

Laurence Fink si unisce a James Dimon, numero uno di JP Morgan, nel criticare la criptovaluta. Lagarde non esclude che l'Fmi possa arrivare a svilupparne una sua

"Un indice del riciclaggio del denaro". Così il Ceo di Blackrock ha definito Bitcoin. E' stato Laurence Fink, l'uomo a capo del più grande gruppo di asset management al mondo, a lanciare l'ultimo attacco contro la criptovaluta già definita una "frode" dall'amministratore delegato di JP Morgan, che dopo l'ennesima critica sulla valuta digitale ha promesso che non si pronuncerà più sull'argomento.

Netflix: gli iscritti al di fuori degli Usa spingono i conti

Nel terzo trimestre conquistati 5,3 milioni di nuovi abbonati di cui 85mila in Usa e 4,45 milioni all'estero. Utili +150% a 130 milioni di dollari; ricavi +30,3% a 2,98 miliardi. Anche l'outlook superara le stime degli analisti
AP

Ecco la startup di New York che porta nel cloud il guardaroba a noleggio

Con 89 dollari al mese, Rent the Runway permette di scegliere quattro capi. Lanciato il primo spot con cui preannuncia la fine delle cabine armadio
Rent the runway

Casa Bianca: taglio aliquote aziendali sosterrà i salari. I democratici: matematica fake

I consiglieri economici di Trump sostengono che riducendola al 20% dal 35%, i redditi delle famiglie saliranno almeno di 4mila dollari l'anno
AP

Haley, il falco dietro la scelta di Trump sull'Iran: "Gli Usa rimarranno nell'accordo sul nucleare solo se migliorato"

L'ambasciatrice alle Nazioni Unite ha spinto il presidente a non certificare il rispetto dell'intesa da parte di Teheran. "Ora cambiamo in meglio l'intesa, nell'interesse americano"
Ap

L'ansia, un disturbo sempre più diffuso tra gli adolescenti americani

È la storia di copertina dell'ultimo numero del New York Times Magazine ed è la più letta della settimana sul sito nytimes.com

Amazon sbarcherà nel mercato dell'abbigliamento sportivo (con il proprio marchio)

Lo rivela Bloomberg. La società di Bezos starebbe già lavorando con alcuni produttori di Taiwan