Fmi al G20: economia globale in ripresa ma rischi restano

In Italia, attività economica "significativamente sotto il potenziale". Bce resti accomodante, dalla Fed solo strette "graduali". Risolvere problema dei non performing loan
America24

L'economia globale si sta riprendendo al punto che sorprese in positivo derivanti da Usa e Cina non sono da escludere. Ma le prospettive potrebbero "facilmente" cambiare; tutto dipende da quali politiche economiche si materializzeranno. In quest'ottica c'è una "incertezza maggiore del solito". E in Italia, così come in Francia, l'attività economica "resta significativamente sotto il potenziale". E' questo il messaggio del Fondo monetario internazionale ai ministri delle Finanze e ai banchieri centrali del G20, che si riuniranno il 17 e 18 marzo prossimi a Baden-Baden (Germania). A loro l'istituto di Washington spiega che "i rischi restano squilibrati e puntano al ribasso".

In un documento redatto per l'occasione, il Fondo sostiene che "nel breve termine la crescita globale dovrebbe accelerare, riflesso di un rafforzamento dell'attività economica nelle economie avanzate, di un cambiamento atteso del mix di politiche macroeconomiche in Usa e di una stabilizzazione delle economie emergenti sotto stress".

Lo scenario di base del Fondo è caratterizzato dai seguenti elementi: una politica fiscale americana che viene adottata come da attese; una Federal Reserve che continua a normalizzare gradualmente la sua politica monetaria; una Cina che riesce a gestire bene la transizione della sua economia verso un modello più sostenibile e legato ai consumi interni; politiche commerciali e d'investimento che non creano disturbo, nemmeno dai negoziati riguardanti la Brexit.

Il Fondo non esclude "rischi al rialzo all'outlook di breve termine" come per esempio forze cicliche o sostegno alla crescita superiore alle stime derivante da Usa e Cina. L'istituto guidato da Christine Lagarde comunque lancia un avvertimento: le politiche economiche alla base dell'outlook stimato possono facilmente cambiare e contribuire a una "volatilità significativa" nei mercati finanziari.

Inoltre, anche se la ripresa è in atto, "venti contrari strutturali e le eredità persistenti della crisi continuano a frenare la crescita nel medio termine, specialmente nelle economie avanzate". Il Fondo individua poi una minaccia nelle economie avanzate data dagli effetti collaterali negativi dell'integrazione economica globale e del cambiamento tecnologico: essi potrebbero portare un Paese a preferire politiche autoreferenziali che "stravolgono l'integrazione economica globale e ledono la crescita".

Bce resti accomodante, dalla Fed stretta graduale

Il Fondo sostiene che la Banca centrale europea dovrebbe continuare ad essere accomodante nella sua politica monetaria mentre la Federal Reserve dovrebbe procedere con rialzi dei tassi graduali e giustificati dal quadro macroeconomico.

"Nelle economie avanzate dove l'inflazione resta sotto i target di riferimento, una politica monetaria a sostegno [della crescita] dovrebbe essere mantenuta facendo affidamento su misure non convenzionali, come necessario per esempio nell'Area euro e in Giappone", si legge.

Negli Usa, la banca centrale guidata da Janet Yellen dovrebbe continuare a normalizzare la sua politica monetaria in modo "graduale". Il Fondo dice anche che "nelle economie che operano vicine a una piena capacità (come gli Usa e la Germania), qualsiasi sostegno fiscale dovrebbe essere orientato verso un aumento del potenziale del Pil attraverso per esempio investimenti in infrastrutture di alta qualità ma anche infrastrutture sociali come l'educazione, la sanità e l'assistanza infantile".

Npl frenano la crescita

Il Fondo torna a premere sull'importanza di trovare soluzioni al problema dei crediti deteriorati. Perché la "riparazione" dei bilanci delle banche e delle aziende in generale è una "precondizione per una crescita sostenuta e un aumento della resilienza".

Nel documento, l'istituto guidato da Christine Lagarde cita la debolezza dei bilanci bancari in alcuni Paesi dell'Area euro come una delle variabili che potrebbero avere conseguenze negative per la crescita di breve termine.

"Il fallimento nel fare progressi sufficienti nell'implementazione delle riforme necessarie per affrontare il peso dei non-performing loan potrebbe frenare la crescita, anche limitando l'offerta del credito". Secondo il Fondo, si rischia un "aumento dei rischi alla stabilità finanziaria, specialmente in Paesi dove la redditività bassa, il debito alto e una qualità scarsa degli asset continuano a mettere sotto pressione il settore bancario". Per questo in varie economie avanzate d'Europa si deve trovare una soluzione per i crediti deteriorati che passi attraverso per esempio mercati secondari del debito sotto stress, riforme dell'insolvenza e a una maggiore supervisione. Così facendo "il credito, gli investimenti e la produttività aumenterebbero, anche attraverso il miglioramento del dinamismo aziendale e dell'efficienza nell'allocazione di capitali nelle aziende". Stando al Fondo, "anche misure per salvaguardare la stabilità e la redditività del settore bancario in un contesto di bassa crescita e bassi tassi sono una priorità".

L'istituto di Washington sostiene che "se non risolti, questi problemi potrebbero aggiungersi ai rischi politici riaccendendo i timori per la stabilità finanziaria". Per il Fondo infatti, una "incertezza politica insolitamente alta" aumenta la pressione portando i potenziali rischi ad avere effetti negativi. Oltre alla debolezza dei bilanci bancari, l'Fmi cita una frammentazione dei flussi commerciali e dei capitali; deflussi di capitale "severi" dai mercati emergenti; un improvviso rallentamento della Cina; rischi geopolitici e altri fattori non economici come atti di terrorismo, malattie contagiose come il virus Zika e il flusso di rifugiati che continua a pesare sulle prospettive di varie regioni.

Altri Servizi

Putin ringrazia Trump: con aiuto Cia, sventati attacchi a San Pietroburgo

Seconda telefonata in quattro giorni tra i due leader
AP

Vladimir Putin ha telefonato a Donald Trump. Per ringraziarlo. Grazie a una soffiata della Cia, Mosca ha saputo sventare una serie di attentati a San Pietroburgo. E' stato il Cremlino ad annunciare la chiamata fatta oggi, domenica 17 dicembre. La portavoce della Casa Bianca, Sarah Sanders, ha confermato su Twitter.

Repubblicani accusati di architettare uno scandalo email a danno di Mueller

Sostengono che il procuratore speciale abbia ottenuto illecitamente documenti scambiati dal transition team di Trump; vogliono gettare cattiva luce sull'inchiesta Russiagate
AP

L'inchiesta pensata per indagare sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane e sulla potenziale collusione tra la campagna di Trump e funzionari russi sta subendo un nuovo attacco. A lanciarlo, con l'intento di screditare il Russiagate, è un gruppo di repubblicani convinti che il procuratore speciale Robert Mueller - colui che è a capo delle indagini - abbia ottenuto illegalmente email scambiate dalle persone di cui Trump si era circondato durante il periodo di transizione tra la sua elezione e il suo arrivo alla Casa Bianca.

Trump è il presidente Usa meno apprezzato dopo un anno di mandato

Sempre più elettori vogliono che il Congresso torni a essere controllato dai democratici. Lui si prepara a una campagna elettorale in giro per la nazione
AP

Poco importa che Trump sia convinto che la sua amministrazione è la migliore della storia statunitense.  E poco importa che lui stia per consegnare alla nazione "un fantastico regalo di Natale" sotto forma di una riforma fiscale (che agevola aziende e miliardari come lui). Gli americani la pensano diversamente, tanto che Trump, un repubblicano, è il presidente meno apprezzato dopo il primo anno di mandato. Non solo. Mentre lui si prepara a una campagna intensa in giro per il Paese in vista delle elezioni di metà mandato, in calendario nel novembre 2018, sempre più elettori vorrebbero che il Congresso tornasse a essere controllato dai democratici (attualmente il Gop ha la maggioranza sia alla Camera sia al Senato).

Trump presenta lunedì strategia sicurezza nazionale. Cina sarà accusata di aggressione economica

Secondo varie fonti informate sul dossier, Trump proporrà una posizione molto più dura nei confronti della Cina rispetto a quanto fatto dalle precedenti amministrazioni.
White House

Il rapporto tra Washington e Pechino è destinato a diventare più teso. Il presidente americano Donald Trump intente accusare la Cina di "aggressione economica", quando lunedì presenterà la sua strategia per la sicurezza nazionale. Così dovesse essere, sarebbe il segno del crescente malcontento dell'amministrazione americana, finora incapace di usare il legame tra Trump e il suo omologo Xi Jinping per convincere la Cina a rispondere alle preoccupazioni americane sul fronte commerciale.

Visa: una email anonima al Ceo porta al licenziamento di un top manager rubacuòri

Avrebbe scritto una email giudicata inopportuna a una dipendente di più basso livello

L'ombra delle molestie sessuali si sta facendo strada anche a Wall Street dopo avere travolto Hollywood, Capitol Hill e il settore media. Dopo un caso riguardante Morgan Stanley, anche Visa ha dovuto fare i conti con comportamenti giudicati inappropriati di uno dei dipendenti di più alto profilo. E' il Wall Street Journal a scrivere che lo scorso autunno il Ceo del gruppo di carte di credito, Alfred Kelly, ha ricevuto una email anonima che lo costrinse a lanciare una inchiesta interna e un'analisi delle email di Jim McCarthy, poi licenziato il primo dicembre scorso.

L'obiettivo di Trump e del Gop: convincere l'America che la riforma fiscale è pensata per la classe media

Così non è. Tra i principali beneficiari ci sono grandi aziende e milionari come il presidente. Mentre il provvedimento sta per essere approvato, torna il rischio di uno shutdown
AP

Arriverà anche in tempo per il Natale, ma la riforma fiscale tanto voluta da Donald Trump e dal partito repubblicano sarà un regalo non per la classe media - come i promotori tentato di fare credere - ma per le grandi aziende e i milionari come il 45esimo presidente americano. E mentre il dibattito sulle tasse continua, prima di Natale potrebbe arrivare un dono indesiderato: la paralisi del governo: il 22 dicembre scade la legislazione di emergenza che sta consentendo il continuo finanziamento del governo.

La fine della neutralità della rete: implicazioni per aziende e consumatori

La decisione dell'Agcom americana ha creato vincitori (AT&T, Verizon, Comcast, Sprint e T-Mobile) e vinti (Facebook, Amazon, Netflix e Google)
AP

Una autostrada in cui il traffico viene smistato in corsie veloci e altre lente, a seconda del pedaggio pagato da chi è al volante. Negli Stati Uniti, e in futuro magari anche in Europa, Internet potrebbe diventare quel tipo di autostrada, dove al posto di una vettura ci sono pc, tablet, smartphone e smart-tv. La velocità con cui si arriverà a destinazione - e dunque si fruirà di un contenuto su web come una serie tv di Netflix o le canzoni su Spotify - potrebbe finire per dipendere da quanto verrà pagato agli Internet service provider (Isp) da quelle aziende, che nel peggiore dei casi potrebbero recuperare parte dei costi sostenuti rifacendosi sul consumatore finale. In America si può immaginare così il futuro di internet: non più libero, aperto e neutrale. Di fatto, ricchi e poveri, start-up e multinazionali potrebbero non operare più su un campo da gioco equo.

Wall Street, Dow e S&P 500 archiviano la quarta settimana di guadagni

Ritorna l'ottimismo sull'approvazione della riforma fiscale
AP

Ok dei repubblicani al testo unificato della riforma fiscale. Il plauso di Trump: rispettiamo promesse

L'approvazione finale potrebbe arrivare già mercoledì. L'aliquota per le imprese dal 35 al 21%
AP

I repubblicani della Camera e del Senato hanno raggiunto un accordo su un testo congiunto per la controversa riforma fiscale voluta dal presidente americano Donald Trump, che, tra le altre cose, riduce l'aliquota per le imprese dal 35 al 21%. A rendere possibile l'accordo, un testo da 500 pagine e 1.500 miliardi di dollari, è stato il via libera di due senatori che finora avevano espresso riserve, Marco Rubio e Bob Corker. Il testo prevede anche l'abolizione del cosiddetto "individual mandate", ovvero l'obbligo di assicurazione sanitaria per tutti previsto dall'Obamacare.

Giovedì l'amministrazione Trump eliminerà la net neutrality

Per il presidente dell'Fcc ferma l'innovazione. La Silicon Valley si schiera contro, mentre i grandi gruppi di telecomunicazione festeggiano. Ecco che così la neutralità della rete

Questa settimana l'amministrazione Trump si prepara a eliminare le regole sulla net neutrality volute da Barack Obama. Gioved" la Federal Communications Commission (FCC), guidata dal repubblicano Ajit Pai, voterà per togliere i provvedimenti approvati nel 2015 che garantiscono un accesso paritario alla rete, vietando alle aziende di telecomunicazioni che forniscono i servizi internet di creare una rete a due velocità, dando un accesso privilegiato ai colossi disposti a pagare di più e rallentando i piccoli gruppi e le startup.