Fmi al G20: economia globale in ripresa ma rischi restano

In Italia, attività economica "significativamente sotto il potenziale". Bce resti accomodante, dalla Fed solo strette "graduali". Risolvere problema dei non performing loan
America24

L'economia globale si sta riprendendo al punto che sorprese in positivo derivanti da Usa e Cina non sono da escludere. Ma le prospettive potrebbero "facilmente" cambiare; tutto dipende da quali politiche economiche si materializzeranno. In quest'ottica c'è una "incertezza maggiore del solito". E in Italia, così come in Francia, l'attività economica "resta significativamente sotto il potenziale". E' questo il messaggio del Fondo monetario internazionale ai ministri delle Finanze e ai banchieri centrali del G20, che si riuniranno il 17 e 18 marzo prossimi a Baden-Baden (Germania). A loro l'istituto di Washington spiega che "i rischi restano squilibrati e puntano al ribasso".

In un documento redatto per l'occasione, il Fondo sostiene che "nel breve termine la crescita globale dovrebbe accelerare, riflesso di un rafforzamento dell'attività economica nelle economie avanzate, di un cambiamento atteso del mix di politiche macroeconomiche in Usa e di una stabilizzazione delle economie emergenti sotto stress".

Lo scenario di base del Fondo è caratterizzato dai seguenti elementi: una politica fiscale americana che viene adottata come da attese; una Federal Reserve che continua a normalizzare gradualmente la sua politica monetaria; una Cina che riesce a gestire bene la transizione della sua economia verso un modello più sostenibile e legato ai consumi interni; politiche commerciali e d'investimento che non creano disturbo, nemmeno dai negoziati riguardanti la Brexit.

Il Fondo non esclude "rischi al rialzo all'outlook di breve termine" come per esempio forze cicliche o sostegno alla crescita superiore alle stime derivante da Usa e Cina. L'istituto guidato da Christine Lagarde comunque lancia un avvertimento: le politiche economiche alla base dell'outlook stimato possono facilmente cambiare e contribuire a una "volatilità significativa" nei mercati finanziari.

Inoltre, anche se la ripresa è in atto, "venti contrari strutturali e le eredità persistenti della crisi continuano a frenare la crescita nel medio termine, specialmente nelle economie avanzate". Il Fondo individua poi una minaccia nelle economie avanzate data dagli effetti collaterali negativi dell'integrazione economica globale e del cambiamento tecnologico: essi potrebbero portare un Paese a preferire politiche autoreferenziali che "stravolgono l'integrazione economica globale e ledono la crescita".

Bce resti accomodante, dalla Fed stretta graduale

Il Fondo sostiene che la Banca centrale europea dovrebbe continuare ad essere accomodante nella sua politica monetaria mentre la Federal Reserve dovrebbe procedere con rialzi dei tassi graduali e giustificati dal quadro macroeconomico.

"Nelle economie avanzate dove l'inflazione resta sotto i target di riferimento, una politica monetaria a sostegno [della crescita] dovrebbe essere mantenuta facendo affidamento su misure non convenzionali, come necessario per esempio nell'Area euro e in Giappone", si legge.

Negli Usa, la banca centrale guidata da Janet Yellen dovrebbe continuare a normalizzare la sua politica monetaria in modo "graduale". Il Fondo dice anche che "nelle economie che operano vicine a una piena capacità (come gli Usa e la Germania), qualsiasi sostegno fiscale dovrebbe essere orientato verso un aumento del potenziale del Pil attraverso per esempio investimenti in infrastrutture di alta qualità ma anche infrastrutture sociali come l'educazione, la sanità e l'assistanza infantile".

Npl frenano la crescita

Il Fondo torna a premere sull'importanza di trovare soluzioni al problema dei crediti deteriorati. Perché la "riparazione" dei bilanci delle banche e delle aziende in generale è una "precondizione per una crescita sostenuta e un aumento della resilienza".

Nel documento, l'istituto guidato da Christine Lagarde cita la debolezza dei bilanci bancari in alcuni Paesi dell'Area euro come una delle variabili che potrebbero avere conseguenze negative per la crescita di breve termine.

"Il fallimento nel fare progressi sufficienti nell'implementazione delle riforme necessarie per affrontare il peso dei non-performing loan potrebbe frenare la crescita, anche limitando l'offerta del credito". Secondo il Fondo, si rischia un "aumento dei rischi alla stabilità finanziaria, specialmente in Paesi dove la redditività bassa, il debito alto e una qualità scarsa degli asset continuano a mettere sotto pressione il settore bancario". Per questo in varie economie avanzate d'Europa si deve trovare una soluzione per i crediti deteriorati che passi attraverso per esempio mercati secondari del debito sotto stress, riforme dell'insolvenza e a una maggiore supervisione. Così facendo "il credito, gli investimenti e la produttività aumenterebbero, anche attraverso il miglioramento del dinamismo aziendale e dell'efficienza nell'allocazione di capitali nelle aziende". Stando al Fondo, "anche misure per salvaguardare la stabilità e la redditività del settore bancario in un contesto di bassa crescita e bassi tassi sono una priorità".

L'istituto di Washington sostiene che "se non risolti, questi problemi potrebbero aggiungersi ai rischi politici riaccendendo i timori per la stabilità finanziaria". Per il Fondo infatti, una "incertezza politica insolitamente alta" aumenta la pressione portando i potenziali rischi ad avere effetti negativi. Oltre alla debolezza dei bilanci bancari, l'Fmi cita una frammentazione dei flussi commerciali e dei capitali; deflussi di capitale "severi" dai mercati emergenti; un improvviso rallentamento della Cina; rischi geopolitici e altri fattori non economici come atti di terrorismo, malattie contagiose come il virus Zika e il flusso di rifugiati che continua a pesare sulle prospettive di varie regioni.

Altri Servizi

Studiare in una università americana dopo la scuola superiore

Quello che bisogna sapere per scegliere e per essere ammessi in un college negli USA. Gli ostacoli da superare e gli strumenti migliori per battere la concorrenza nelle università più prestigiose
Unsplash

Cervelli in fuga non si nasce, si diventa. E il modo più semplice per diventarlo è 'studiarlo' a scuola. Abbiamo provato a confezionare una sorta di guida per iscriversi in una università americana dopo avere ottenuto un diploma di scuola superiore in Italia. Entrare in questo mondo di football, confraternite e campus da film, e ottenere una laurea in una università americana, è in assoluto la linea più diretta per andare a un punto A (non avere chiare prospettive di lavoro in Italia dopo la laurea) a un punto B (trovare un lavoro in America).

Wall Street, il Dow Jones ha rialzato la testa dopo otto cali consecutivi

Oggi in programma il numero di compromessi sulle case esistenti per il mese di febbraio
AP

Wall Street, il Dow Jones prova a ripartire dopo otto cali consecutivi

Serie peggiore dal 2011. Oggi atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

Trump, oggi l'ordine esecutivo sul clima per 'cancellare' Obama

La firma del presidente avverrà alle 20 (ora italiana); per la Casa Bianca, ci sarà attenzione per l'ambiente e per i posti di lavoro

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, firmerà oggi un ordine esecutivo per cancellare una parte importante delle politiche ambientali del predecessore, Barack Obama, e dare impulso alla produzione di energia. Trump sarà alla Environmental Protection Agency (Epa), l'agenzia federale che si occupa di ambiente, dove alle 14 (le 20 in Italia) firmerà l'Energy Independence Executive Order.

Salini Impregilo stringe dialogo Usa sulle note di Toscanini

Divisione americana Lane promuove tre concerti esclusivi a Washington e New York

Un tributo musicale al genio cosmopolita del maestro Arturo Toscanini per stringere un dialogo oltreoceano in un anno cruciale per i rapporti economici tra Stati Uniti e Italia: è questo il senso dei tre concerti esclusivi promossi a Washington e New York dal gruppo di costruzioni Salini Impregilo e dalla sua divisione americana Lane Construction Corporation. Nel 150esimo aniversario della nascita e a 60 anni dalla morte di Toscanini, lo spirito del leggendario direttore d’orchestra che nel secolo scorso sfidò i totalitarismi europei e trovò libertà negli Stati Uniti ha echeggiato lunedì sera tra i marmi cesellati e i mosaici policromi della Library of Congress sulle note di Verdi e Rossini interpretate magistralmente dall’Orchestra da Camera del Teatro La Scala. Stasera, sempre nella capitale americana, si replica per il grande pubblico alla Union Station alle 18 e domani, mercoledì 29 Marzo, il tour musicale, accompagnato dalla presentazione del libro “Toscanini – The Maestro: A Life in Pictures” e dalla proiezione della video biografia firmata da Harvey Sachs si conclude alla libreria Rizzoli di New York, sempre alle 18.

Elon Musk studia come impiantare microchip nel cervello

Il fondatore di Tesla e SpaceX presto potrebbe presentare Neuralink, un progetto per aumentare le capacità cognitive dell'umanità
AP

Prima ha cambiato il modo di fare pagamenti con PayPal. Poi ha puntato sulle auto elettriche e sul settore aerospaziale con Tesla e SpaceX. Adesso Elon Musk sa che nei prossimi anni l'intelligenza artificiale e l'interazione uomo-macchina diventeranno sempre più centrali. Per questo sta per presentare Neuralink, una società che studia il modo per impiantare microchip nel cervello, grazie ai quali, in futuro, saremo in grado di inserire dati o di scaricare pensieri dal nostro cervello. Lo scrive il Wall Street Journal che cita fonti anonime.

Facebook si dà alla musica per sfidare Spotify e YouTube

Il social network sta reclutando persone esperte nel settore per trattare con etichette musicali e mettere a punto le migliori licenze

Facebook sta sempre più puntando sulla musica per sfidare Spotify e YouTube. Il più grande social network al mondo è alla ricerca di tre top executive esperti del settore musicale per lavorare al suo quartier generale americano.

La California si prepara alla "guerra ambientale" contro Trump

Lo Stato ha norme all'avanguardia in difesa del clima, prese da esempio da Obama; ma il piano è stato smantellato dal nuovo presidente
AP

Il piano in difesa dell'ambiente voluto da Barack Obama era in parte ispirato alle leggi californiane, le più all'avanguardia negli Stati Uniti. Non sorprende, quindi, che la California abbia reagito all'ordine esecutivo del presidente Donald Trump annunciando una "guerra ecologica".

Trump: stop alla "guerra al carbone". E smantella leggi sul clima di Obama

Nuovo attacco all'eredità del precedessore, autore dell'atto più importante di un presidente americano per fermare i cambiamenti climatici e il surriscaldamento del pianeta

Con la promessa di "mettere fine alla guerra al carbone", Donald Trump ha firmato un ordine esecutivo con il quale smantella le regole volute dal suo predecessore Barack Obama. Dalla sede a Washington dell'Energia per la protezione ambientale, il presidente americano tira dritto con la sua volontà di ottenere l'indipendenza energetica degli Stati Uniti e di rilanciare l'occupazione nelle miniere, obiettivi che secondo alcuni osservatori non saranno facilmente raggiungibili.

Internet, il Senato Usa approva l'abrogazione delle norme di Obama a difesa della privacy

I provider non dovranno chiedere il permesso agli utenti per usare i loro dati. Prossimo obiettivo dei repubblicani: colpire la 'net neutrality'
Dell

Il Senato statunitense ha deciso di cancellare le norme a difesa della privacy degli utenti sul web volute dell'amministrazione Obama, che sarebbero entrate in vigore alla fine dell'anno. La misura approvata con 50 voti a favore e 48 contrari prevede l'abolizione delle regole sulla privacy online che avrebbero obbligato i provider di internet a chiedere il consenso agli utenti prima di poter condividerne i loro dati finanziari, la cronologia di navigazione e le informazioni personali; senza la legge di Obama, provider come Verizon, Comcast e AT&T avranno più potere per raccogliere dati personali sugli utenti e venderli alle società interessate.