Fmi all'Italia: passi ulteriori per migliorare bilanci banche, ridurre filiali

Spread in rialzo in Italia e Francia, un rischio per settore bancario. Tra le raccomandazioni, sottoporre a test Bce anche istituti di credito ora non inclusi. Cita Mps e Unicredit tra i progressi fatti

Il Fondo monetario internazionale chiede all'Italia "passi ulteriori" per migliorare i bilanci delle banche, pur riconoscendo alcuni progressi fatti.

Ridurre le filiali
In Italia, così come in Portogallo e Spagna, "c'è un numero alto di filiali o di staff rispetto agli asset bancari". Lo sostiene il Fondo monetario internazionale nel suo Global Financial Stability Report (Gfsr), il rapporto redatto nell'ambito dei lavori primaverili in corso a Washington. In esso l'istituto guidato da Christine Lagarde aggiunge che nel nostro Paese c'è anche "un grande numero di istituti di credito e una concentrazione bassa". Nello stesso rapporto l'Fmi ricorda, che "due grandi banche popolari si sono fuse" (il Banco Popolare e la Banca Popolare di Milano, unite nel Banco Bpm) e che le riforme del settore bancario cooperativo - volte a rafforzare la governance - sono state adottate.

Risolvere problema Npl
Facendo notare che in Europa ci sono stati progressi nell'alleviare il peso sui bilanci bancari dato dai non performing loan, il Fondo sottolinea che in Italia e in Portogallo c'è stata una "riduzione relativamente contenuta rispetto al picco" dei Npl. E siccome il nostro è, insieme a quello con capitale Lisbona, "uno dei Paesi con il ratio più alti di Npl", "progressi notevoli sono necessari". Il Fondo ribadisce le stime elaborate nel 2016 secondo cui, "al passo attuale, ai Paesi dell'Eurozona potrebbero servire sei anni per risolvere il peso degli asset incagliati". Tuttavia, l'andamento delle transazioni su questo fronte "suggerisce che la vendita di asset cattivi potrebbe accelerare, specialmente in Italia".

Spread in rialzo in Italia e Francia, un rischio per settore bancario
Il Fondo spiega che "recentemente, gli spread dei bond sovrani in Italia e Francia sono saliti e restano a livelli alti in Portogallo". Secondo l'istituto di Washington, "ciò riflette una combinazione di preoccupazioni riguardanti rischi politici maggiori e il peso del debito pubblico". Nel suo Global Financial Stability Report, il Fondo scrive che "c'è il rischio che spread in rialzo possano avere ripercussioni sul settore bancario". Innanzitutto, tagli dei rating sovrani "potrebbero aumentare i costi a carico degli istituti di credito di finanziamenti all'ingrosso" e potrebbero "ridurre l'ammontare degli asset che le banche hanno a disposizione come collaterale accettabile". Inoltre, si legge nel Gfsr, "anche se le banche hanno generalmente ridotto la quantità di debito governativo locale in loro possesso, alcune istituzioni continuano a detenere una quantità significativa di questi bond nei loro bilanci e potrebbero subire perdite sui bond stessi". Il Fondo conclude dicendo che "questi rischi di trading e di finanziamento all'ingrosso sarebbero specialmente problematici se le condizioni finanziarie dovessero subire una stretta repentina".

Le raccomandazioni
Tra le raccomandazioni per migliorare i bilanci delle banche, il Fondo propone un uso "esteso" dei meccanismi di ristrutturazione del debito extragiudiziali, il rafforzamento della supervisione per facilitare un "progesso deciso" nella riduzione dei non performing loan e un'analisi sistemica della qualità degli asset delle banche che non sono soggette alla 'valutazione approfondita' (o comprehensive assessment) della Banca centrale europea. Il Fondo sostiene che "un uso efficace del framework per una risoluzione ordinata e con la giusta tempistica delle banche in fallimento eviterebbe che i costi delle banche più deboli fossero a carico del resto del sistema e alla fine aumentassero le preoccupazioni alla stabilità".

I progressi fatti
L'istituto di Washington cita la domanda del Monte dei Paschi posta del dicembre 2016 per una "ricapitalizzazione precauzionale statale" da 8,8 miliardi di euro, fatta dopo che la soluzione di mercato (un aumento di capitale da 5 miliardi di euro) non si era chiuso con successo; ancora serve il via libera di Bruxelles alla una misura prevista dalla normativa europea (Bank Recovery and Resolution Directive, BRRD) in casi eccezionali. Il Fondo cita anche l'aumento di capitale da 13 miliardi di euro di Unicredit, che ha sfiorato l'en plain a fine febbraio. C'è poi la fusione di Banco Popolare di Milano e Banco Popolare (che ha portato alla nascita di Banco Bpm) e il varo, il dicembre scorso, da parte del governo italiano del decreto "salva-banche" che ha creato un fondo da 20 miliardi di euro per sostenere i capitali e la liquidità degli istituti di credito in difficoltà.



Altri Servizi

Non c'è accordo sui fondi, Stati Uniti in shutdown: bloccate le attività federali

Il Senato non ha approvato la legge di rifinanziamento provvisorio per quattro settimane. Trump attacca: "I democratici vogliono svilire il grande successo dei tagli alle tasse". Possibile riduzione del Pil di 6,5 miliardi alla settimana

Gli Stati Uniti sono in shutdown. Il Senato non ha trovato un accordo per approvare il finanziamento provvisorio del governo federale, necessario entro la fine del 19 gennaio. La prima conseguenza è che migliaia di lavoratori federali saranno in congedo non retribuito e che circa 1,3 milioni di militari resteranno senza stipendio finché non si troverà una soluzione a questo stallo. Secondo un rapporto di S&P Global Ratings, lo shutdown potrebbe far scendere il Pil degli Stati Uniti dello 0,2% ogni settimana, ovvero 6,5 miliardi di dollari.

In Usa è scattato lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale subisce una paralisi parziale. La Casa Bianca accusa i democratici

Per la prima volta dall'ottobre 2013, quando il presidente era Barack Obama, il governo federale degli Stati Uniti  è protagonista di una paralisi parziale. Per trovare una soluzione c'era tempo fino alla mezzanotte del 19 gennaio 2018 di Washington, le sei del mattino di sabato 20 gennaio in Italia. Come successo oltre quattro anni fa, il cosiddetto "shutdown" ha visto repubblicani e democratici scontrarsi sulla legislazione che andava approvata per continuare a finanziare le attività del governo.

S&P promuove la Grecia, prima volta in due anni

Il rating passa a B da B-, comunque cinque gradini sotto l'investment grade. L'outlook resta positivo
iStock

Per la prima volta in due anni, S&P Global Ratings ha migliorato il suo giudizio sulla tenuta creditizia della Grecia, portato a "B" da "B-" (comunque cinque gradini al di sotto dell'investment grade). L'outlook è rimasto "positivo", cosa che implica un'altra possibile promozione.

Svolta storica al Los Angeles Times, arrivano i sindacati

Sono gli stessi che rappresentano già NY Times, Washington Post e Wsj. Il proprietario Tronc: aperto a discussioni produttive. Al via formazione di un comitato per trattare aumenti salariali
L'edizione del 5 novembre 2008 del giornale AP

Per la prima volta nei suoi 136 anni di storia, al "Los Angeles Times" entrano i sindacati. Il quotidiano controllato dal gruppo editoriale Tronc fa cos" storia e si prepara a vivere tensioni crescenti non solo con la proprietà del giornale ma anche con il suo management. I due fronti si sono già scontrati su licenziamenti, cambi di vertice e priorità di un gruppo che punta sul giornalismo digitale.

Un avvocato di Trump: "Il presidente è molto impaziente di parlare con Mueller"

Il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni potrebbe presto ascoltare il capo di Stato

Un avvocato di Donald Trump ha detto che il presidente degli Stati Uniti è "molto impaziente" di sedersi a parlare con il procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni.

JP Morgan: per il Ceo Dimon, compensi 2017 per 29,5 milioni di dollari

Sono saliti del 5,4% sul 2016 ma restano sotto il record da 30 milioni del 2007. Salario di base fermo a 1,5 milioni; a lui azioni vincolate per 23 milioni di dollari
Wikimedia Commons

Nel 2017 il Ceo di JP Morgan Chase ha portato a casa compensi per 29,5 milioni di dollari, il 5,4% in più sul 2016 ma meno del record da 30 milioni del 2007 ossia l'anno precedente allo scoppio della peggiore crisi finanziaria dagli anni '30 del secolo scorso.

Wall Street ignora il rischio shutdown

Ieri chiusure in calo, ma Dow Jones oltre 26.000 punti
AP

Shutdown vicino, Trump: "Colpa dei democratici, vogliono gli immigrati irregolari"

Oggi serve l'ok del Senato alla proposta di legge per una copertura di spesa mensile, ma l'accordo è lontano
AP

Il Washington Post tiene il conto alla rovescia in testa all'homepage del proprio sito: mancano ormai poche ore allo shutdown, ovvero la paralisi della pubblica amministrazione statunitense, che potrà essere evitata solo con un accordo tra democratici e repubblicani.

Ibm: ultimo trimestre del 2017 chiuso con ricavi in rialzo, prima volta da inizio 2012

Traino del cloud e degli "imperativi strategici". Il periodo è finito in perdita. Hanno pesato oneri da 5,5 miliardi di dollari legati alla riforma fiscale Usa.
Ibm

L'opera di trasformazione di International Business Machines (Ibm), iniziata cinque anni fa, sta forse cominciando a dare i suoi frutti. Il gruppo informatico ha chiuso il periodo ottobre-dicembre del 2017 con ricavi in rialzo annuo per la prima volta dopo 22 trimestri di fila in calo. Il Ceo Ginni Rometty può finalmente tirare un sospiro di sollievo anche se il mercato resta scettico del fatto che il business legato a cloud computing, intelligenza artificiale e sicurezza bastino per rendere sostenibile quella crescita.

Usa vogliono l'estradizione di due italiani, sono accusati di traffico illecito di oppiacei

Si chiamano Luca Sartini, 58 anni, e Luigi Palma, 51. Entrambi sono di Roma. Arrestati nella capitale italiana