Fmi all'Italia: passi ulteriori per migliorare bilanci banche, ridurre filiali

Spread in rialzo in Italia e Francia, un rischio per settore bancario. Tra le raccomandazioni, sottoporre a test Bce anche istituti di credito ora non inclusi. Cita Mps e Unicredit tra i progressi fatti

Il Fondo monetario internazionale chiede all'Italia "passi ulteriori" per migliorare i bilanci delle banche, pur riconoscendo alcuni progressi fatti.

Ridurre le filiali
In Italia, così come in Portogallo e Spagna, "c'è un numero alto di filiali o di staff rispetto agli asset bancari". Lo sostiene il Fondo monetario internazionale nel suo Global Financial Stability Report (Gfsr), il rapporto redatto nell'ambito dei lavori primaverili in corso a Washington. In esso l'istituto guidato da Christine Lagarde aggiunge che nel nostro Paese c'è anche "un grande numero di istituti di credito e una concentrazione bassa". Nello stesso rapporto l'Fmi ricorda, che "due grandi banche popolari si sono fuse" (il Banco Popolare e la Banca Popolare di Milano, unite nel Banco Bpm) e che le riforme del settore bancario cooperativo - volte a rafforzare la governance - sono state adottate.

Risolvere problema Npl
Facendo notare che in Europa ci sono stati progressi nell'alleviare il peso sui bilanci bancari dato dai non performing loan, il Fondo sottolinea che in Italia e in Portogallo c'è stata una "riduzione relativamente contenuta rispetto al picco" dei Npl. E siccome il nostro è, insieme a quello con capitale Lisbona, "uno dei Paesi con il ratio più alti di Npl", "progressi notevoli sono necessari". Il Fondo ribadisce le stime elaborate nel 2016 secondo cui, "al passo attuale, ai Paesi dell'Eurozona potrebbero servire sei anni per risolvere il peso degli asset incagliati". Tuttavia, l'andamento delle transazioni su questo fronte "suggerisce che la vendita di asset cattivi potrebbe accelerare, specialmente in Italia".

Spread in rialzo in Italia e Francia, un rischio per settore bancario
Il Fondo spiega che "recentemente, gli spread dei bond sovrani in Italia e Francia sono saliti e restano a livelli alti in Portogallo". Secondo l'istituto di Washington, "ciò riflette una combinazione di preoccupazioni riguardanti rischi politici maggiori e il peso del debito pubblico". Nel suo Global Financial Stability Report, il Fondo scrive che "c'è il rischio che spread in rialzo possano avere ripercussioni sul settore bancario". Innanzitutto, tagli dei rating sovrani "potrebbero aumentare i costi a carico degli istituti di credito di finanziamenti all'ingrosso" e potrebbero "ridurre l'ammontare degli asset che le banche hanno a disposizione come collaterale accettabile". Inoltre, si legge nel Gfsr, "anche se le banche hanno generalmente ridotto la quantità di debito governativo locale in loro possesso, alcune istituzioni continuano a detenere una quantità significativa di questi bond nei loro bilanci e potrebbero subire perdite sui bond stessi". Il Fondo conclude dicendo che "questi rischi di trading e di finanziamento all'ingrosso sarebbero specialmente problematici se le condizioni finanziarie dovessero subire una stretta repentina".

Le raccomandazioni
Tra le raccomandazioni per migliorare i bilanci delle banche, il Fondo propone un uso "esteso" dei meccanismi di ristrutturazione del debito extragiudiziali, il rafforzamento della supervisione per facilitare un "progesso deciso" nella riduzione dei non performing loan e un'analisi sistemica della qualità degli asset delle banche che non sono soggette alla 'valutazione approfondita' (o comprehensive assessment) della Banca centrale europea. Il Fondo sostiene che "un uso efficace del framework per una risoluzione ordinata e con la giusta tempistica delle banche in fallimento eviterebbe che i costi delle banche più deboli fossero a carico del resto del sistema e alla fine aumentassero le preoccupazioni alla stabilità".

I progressi fatti
L'istituto di Washington cita la domanda del Monte dei Paschi posta del dicembre 2016 per una "ricapitalizzazione precauzionale statale" da 8,8 miliardi di euro, fatta dopo che la soluzione di mercato (un aumento di capitale da 5 miliardi di euro) non si era chiuso con successo; ancora serve il via libera di Bruxelles alla una misura prevista dalla normativa europea (Bank Recovery and Resolution Directive, BRRD) in casi eccezionali. Il Fondo cita anche l'aumento di capitale da 13 miliardi di euro di Unicredit, che ha sfiorato l'en plain a fine febbraio. C'è poi la fusione di Banco Popolare di Milano e Banco Popolare (che ha portato alla nascita di Banco Bpm) e il varo, il dicembre scorso, da parte del governo italiano del decreto "salva-banche" che ha creato un fondo da 20 miliardi di euro per sostenere i capitali e la liquidità degli istituti di credito in difficoltà.



Altri Servizi

Pirelli riparte da Alice nel Paese delle Meraviglie per tornare a farci sognare

Ventotto immagini di Tim Walker per raccontare la storia di Lewis Carroll solo con modelli, attori e artisti neri. Tronchetti Provera: “Vogliamo parlare di libertà di espressione e di libertà in ogni senso, portare questo messaggi"

In un momento difficile come quello presente, fatto di populismi, chiusura e discriminazioni, il Calendario Pirelli 2018 dà un messaggio fondamentale: ritornare a sognare, attraverso il viaggio in un mondo parallelo e distorto, quello de Le Avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie di Lewis Carroll - una delle storie più surreali di sempre - in cui tutti i personaggi sono interpretati da modelli, attori e artisti neri.

Trump: Putin è sincero, nessuna interferenza nelle elezioni americane

Sull'Air Force One, il presidente Usa ha parlato con i reporter in viaggio con lui in Asia.
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha detto di credere che Vladimir Putin sia sincero nel suo ripetuto negare di aver cercato di interferire nelle elezioni presidenziali americane del 2016. Trump ha definito l'indagine indipendete guidata da Robert Mueller come politicamente motivata.

Russiagate, spunta un presunto piano per consegnare Gulen a Erdogan

Il procuratore speciale Mueller indaga sull'eventuale ruolo di Flynn, ex consigliere di Trump

Le attenzioni del procuratore speciale Robert Mueller, che sta indagando negli Sati Uniti sulle possibili collusioni tra lo staff di Donald Trump e il Cremlino durante la scorsa campagna elettorale presidenziale, si sarebbero concentrate anche sul presunto piano di prelevare e consegnare alle autorità turche Fethullah Gulen, influente predicatore accusato dal presidente Recep Tayyip Erdogan di aver organizzato il tentato colpo di Stato dell'estate 2016, che avrebbe coinvolto l'ex consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Michael Flynn.

Russiagate, Papadopoulos avrebbe mentito per proteggere Trump

Lo rivela una fonte di Abc News. Intanto, ha un nome la "nipote di Putin" (che non lo è) citata dall'ex consigliere in alcune e-email

George Papadopoulos, l'ex consigliere di Donald Trump che si è dichiarato colpevole di aver mentito all'Fbi, avrebbe detto di non aver raccontato la verità sui suoi contatti russi per proteggere l'attuale presidente degli Stati Uniti. A sostenerlo è una fonte di Abc News, che ha dichiarato che Papadopoulos non voleva contraddire la Casa Bianca sui presunti rapporti tra lo staff di Trump ed esponenti del governo russo.

Pace in Medio Oriente, israeliani e palestinesi attendono il piano di Trump

Non si conosce nulla del progetto di Washington, a cui lavora un team di cinque persone. Netanyahu e Abu Mazen si aspettano di ricevere il piano degli Stati Uniti all'inizio del prossimo anno
iStock

Israeliani e palestinesi attendono il piano di pace che il presidente statunitense, Donald Trump, dovrebbe presentare all'inizio del prossimo anno. Un piano di cui ancora non si sa nulla, nemmeno se si baserà sulla creazione di uno Stato palestinese, concetto su cui si fonda la politica di Washington in Medio Oriente da 20 anni.

Una seconda ginnasta olimpionica denuncia gli abusi sessuali subiti

Aly Raisman, dopo McKayla Maroney, accusa l'ex medico della nazionale statunitense, Larry Nassar

Una seconda campionessa olimpica statunitense di ginnastica artistica, Aly Raisman, ha affermato di aver subito gli abusi sessuali commessi dal dottore della nazionale, Larry Nassar, già accusato da McKayla Maroney e da decine di altre donne. Maroney e Raisman erano due delle 'Fierce Five', la squadra che ha vinto l'oro ai Giochi di Londra, nel 2012.

Ceo di AT&T: regolatori Usa non hanno mai chiesto vendita Cnn

Fonte del governo conferma: mai forzata una tale cessione. Washington preferirebbe che il deal saltasse
iStock

Il Ceo di AT&T, colosso americano delle telecomunicazioni che punta ad acquisire Time Warner, ha spiegato che nessun regolatore Usa gli ha mai chiesto di vendere Cnn come condizione per ottenere il via libera al merger da 85,4 miliardi di dollari. Sembra dargli ragione un funzionario del dipartimento di Giustizia, che alla Cnbc ha spiegato che il governo non sta cercando di ottenere la cessione dell'emittente; ciò contrasta con le indiscrezioni emerse ieri.

Riforma fiscale: Gop al Senato non taglia aliquota aziendale fino al 2019

Si tratta di un anno dopo il piano della Camera. L'approvazione della legislazione diventa complicata
Shutterstock

E' ufficiale: i repubblicani al Senato Usa hanno messo a punto una riforma fiscale che è molto diversa da quella presentata la settimana scorsa dai membri del Gop che siedono alla Camera.

Le Ivy League e il denaro nei paradisi fiscali

I Paradise Papers hanno rivelato un giro di miliardi off-shore per non pagare le tasse. E adesso il Congresso vuole iniziare a tassare anche le donazioni, dopo anni di opposizione da parte dei repubblicani
iStock

La proposta fatta la scorsa settimana dai repubblicani in Congresso ha sorpreso molti: imporre tasse sulle università dell'Ivy League. "Ma non ricordano, i repubblicani, che spesso le loro fortune sono iniziate proprio l"?", si sono detti alcuni.

Walt Disney: i conti deludono, annuncia nuova trilogia di Guerre Stellari

Ricavi sotto le stime. Pesa un forte calo della divisione cinematografica; si salva quella dei parchi e dei resort nonostante l'effetto negativo sulle attività in Florida dato dall'uragano Irma. No comment su trattative con 21st Century Fox
AP

Oltre a pubblicare una trimestrale con utili e ricavi deludenti, a mercati Usa ormai chiusi Walt Disney ha dovuto fare i conti con indiscrezioni secondo cui il suo canale sportivo Espn si prepara a un altro round di licenziamenti; stando a Sports Illustrated l'ultima tornata prevedrebbe l'uscita di oltre 100 persone entro il Giorno del Ringraziamento che quest'anno sarà il 23 novembre. Come fatto 24 ore prima da 21st Century Fox, anche Walt Disney non ha voluto commentare voci secondo cui il gruppo avrebbe negoziato l'acquisto di asset del colosso di Rupert Murdoch: "Ho una cattiva notizia: non accettiamo domande su questo argomento", ha detto il Ceo Robert A. Iger durante la call con gli analisti. Il top manager ha però annunciato una nuova trilogia di "Guerre Stellari"; per scriverla e dirigerla ha reclutato Rian Johnson, il regista di "Guerra Stellari: gli ultimi Jedi" in uscita a dicembre. Il gruppo ha detto che verranno introdotti nuovi personaggi "da angoli della galassia che la tradizione di Guerre Stellari non ha mai esplorato".