Fmi alza le stime di crescita dell'Italia, disoccupazione sopra media Ue

"Appropriato" un aggiustamento fiscale graduale, ridurre cuneo fiscale. Dal nostro Paese il 30% degli Npl nell'Eurozona

Migliorano le prospettive del Fondo monetario internazionale non solo per l'economia mondiale ma anche per quella italiana, vista in crescita dell'1,5% quest'anno, tanto quanto il Giappone. Per il 2018 è atteso un +1,1%. E' quanto si legge nelle tabelle del World Economic Outlook, il rapporto sull'economia globale dell'Fmi redatto nell'ambito degli Annual Meetings che da giovedì entreranno nel vivo a Washington, Stati Uniti. Le stime per il 2017 sono state alzate dello 0,2% rispetto all'aggiornamento del Weo dello scorso luglio e dello 0,7% rispetto all'edizione del documento elaborata lo scorso aprile. Nel 2016 il nostro Paese aveva registrato un'espansione dello 0,9% e l'anno precedente dello 0,8%, ricorda l'Fmi.

Le previsioni del Fondo per il 2018 sono migliorate dello 0,1% rispetto ai calcoli estivi e dello 0,3% rispetto a quelli di primavera. Per il 2022 l'istituto di Washington prevede ancora un Pil italiano in rialzo dello 0,8% (per le stime legate al periodo 2019-2021 bisogna aspettare la pubblicazione, prevista domani, del Fiscal Monitor). I calcoli del Fondo si basano "sui piani fiscali inclusi nella leggi di Bilancio del 2017 e nel Documento di economia e finanza (Def) dell'aprile scorso". Essi si confrontano con quelli - rivisti sensibilimente al rialzo - della nota di aggiornamento del Def approvata il 23 settembre scorso dal consiglio dei ministri. Il governo ora prevede per il 2017 una crescita del Pil dell'1,5% contro quella dell'1,1% stimata ad aprile. Anche per il 2018 e il 2019 è atteso un +1,5%, di più del +1% messo in conto sei mesi fa per ambo gli anni. 

Fmi: tasso disoccupazione Italia all'11,4% nel 2017, sopra stime governo e media Ue
Il tasso di disoccupazione in Italia resta alto ma in miglioramento. Il Fondo monetario internazionale continua a stimare un tasso per quest'anno all'11,4% e nel 2018 all'11% come aveva calcolato lo scorso aprile, sopra la media nell'Eurozona. In quest'ultimo caso, la disoccupazione è vista scendere al 9,2% quest'anno, lo 0,8% in meno del 2016, e all'8,7% il prossimo. I dati sono i più alti nell'Eurozona dopo quelli di Grecia (22,3% nel 2017 e 20,7% nel 2018) e Spagna (17,1% e 15,6%). Nel 2016 il nostro Paese aveva registrato un tasso di disoccupazione pari all'11,7%, ricorda l'Fmi. I calcoli del Fondo si confrontano con quelli della nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza (Def), approvata dal Consiglio dei ministri il 23 settembre scorso, e che prevede un tasso di disoccupazione per quest'anno dell'11,2% e per il prossimo al 10,8% arrivando al 9,8% nel 2020.

Fmi: Italia, nel 2017 debito/Pil sale al 133%, deficit scende al 2,2%
Dopo avere chiuso il 2016 al 132,6%, il debito pubblico lordo in rapporto al Pil quest'anno salirà secondo il Fondo in Italia al 133% per poi scendere al 131,4% nel 2018 e al 120,1% nel 2022. Per quei tre anni, ad aprile l'Fmi aveva previsto un debito/Pil rispettivamente al 132,8%, al 131,6% e al 121,3%.

L'istituto guidato da Lagarde stima che il deficit/Pil nell'anno in corso si attesti al 2,2% e non più al 2,4% calcolato in primavera e registrato nel 2016. Nel 2018 il dato è atteso all'1,3% e non più all'1,4%; per il 2022 continua a essere visto allo 0%. Il Fondo continua dunque a prevedere il pareggio di bilancio nel 2022 ma le attese precise su questo fronte per gli anni 2019, 2020 e 2021 saranno contenute nei rapporti che verranno diffusi domani. Nel Weo le date indicate nelle tabelle fanno riferimento infatti soltanto a quest'anno, al prossimo e appunto al 2022, quando l'Fmi prevede anche un pareggio strutturale di bilancio contro un deficit strutturale dell'1,4% per il 2017 e dello 0,8% per il 2018 dopo quello dell'1,1% per il 2016. Il Fiscal Monitor, che verrà diffuso domani, offrirà più dettagli.

I calcoli del Fondo sul deficit e sul debito sono peggiori di quelli della nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza (Def), approvata dal Consiglio dei ministri lo scorso settembre e che ha lasciato al 2,1% l’asticella del rapporto fra deficit e Pil per l'anno in corso, comunque il terzo consecutivo in discesa. Per il prossimo è visto all'1,6%. Per il biennio successivo, si continua a puntare al sostanziale conseguimento del pareggio di bilancio nel 2020, sia in termini nominali, sia strutturali. Il governo Gentiloni stima un debito/Pil nel 2017 in calo al 131,6% dal 132% del 2016 e nel 2018 al 129,9%.

Fmi: è italiano il 30% degli Npl nell'Eurozona, proseguire con riduzione
Il 30% dei non performing loan (Npl) dell'Eurozona è italiano. Lo scrive il Fondo nel suo World Economic Outlook. In esso l'istituto di Washington spiega che dalla primavera scorsa "il settore bancario dell'Area euro ha fatto ulteriori progressi nella pulizia dei bilanci" e che la crescita del credito bancario verso il settore privato non finanziario "è stata positiva dalla metà del 2015 anche se è al di sotto della crescita del Pil". Detto questo, nel primo trimestre del 2017 "i ratio dei Npl sono rimasti alti, a circa il 5,7% [del totale dei prestiti] nell'Area euro e oltre il 10% in sei Paesi (Italia inclusa, a cui è legato il 30% circa dello stock di Npl nell'Eurozona)".

Secondo l'Fmi, garantire che la ripresa nell'Area euro continui e che la sua resilienza si rafforzi richiede una "accelerazione della riparazione dei bilanci delle banche e un miglioramento durevole della redditività del sistema bancario". L'idea è che "solo un approccio proattivo e completo nella riduzione dei Npl può eliminare il peso sulla crescita del credito". Misure che accelerino una tale riduzione possono includere, secondo il Fondo, "un ampliamento delle guidance della Banca centrale europea sulla gestione dei Npl per le banche più piccole, una modernizzazione e una armonizzazione più rapida dei regimi di insolvenza e agevolazioni delle società nazionali di asset management per stimolare i mercati del debito sotto stress".

Ancora una volta l'Fmi torna a dire che per aumentare in modo sostenibile la redditività delle banche, serve aggiornarne i modelli di business e razionalizzarne i costi. Inoltre, il "consolidamento resta cruciale". L'Fmi chiede anche progressi "più rapidi" nel completamento dell'Unione bancaria con un sistema "comune ed efficce" di garanzia dei depositi e un backstop fiscale comune. Serve poi "avanzare" il piano per un mercato unico dei capitali, che la Commissione Ue vorrebbe realizzare entro il 2019.

Fmi: in Italia "appropriato" un aggiustamento fiscale graduale, ridurre cuneo fiscale
Un aggiustamento fiscale graduale accompagnato da misure pro-crescita è "appropriato" per l'Italia cos" come per la Francia. Lo sostiene il Fondo. Per il nostro Paese, l'istituto offre una serie di indicazioni, a cominciare da quelle riguardanti il mercato del lavoro. Tra le priorità citate ci sono una riduzione del cuneo fiscale; una riforma della contrattazione salariale "per agevolare un riallineamento degli stipendi alla produttività"; un abbassamento delle barriere all'ingresso nei servizi professionali, in certi settori o nel retail; una riduzione dei divari di genere attraverso l'eliminazione di imposte che scoraggiano redditi aggiuntivi in una famiglia e garazie per la disponibilità di servizi all'infanzia economicamente accessibili. Per il Fondo, l'Italia figura tra i Paesi come il Portogallo che "ha spazio per migliorare il contesto aziendale e la qualità della pubblica amministrazione".

Altri Servizi

Wall Street ignora il rischio shutdown

Ieri chiusure in calo, ma Dow Jones oltre 26.000 punti
AP

Wall Street si allontana dai record

Morgan Stanley ha battuto le stime con la sua trimestrale. A mercati chiusi i conti di American Express e Ibm
AP

AmEx chiude trimestre in perdita, prima volta da un quarto di secolo. Pesa riforma fiscale Usa

Colpo da 2,6 miliardi di dollari. Il gruppo si aspetta dal provvedimento benefici nel lungo termine. Nel frattempo però sospenderà il programma di buyback. Salvi i dividendi

Per la prima volta in un quarto di secolo, American Express ha chiuso un trimestre in perdita. Non solo. Il gruppo di carte di credito ha detto che sospenderà il suo programma di riacquisto di azioni proprie nella prima metà del 2018 per ricostituire i propri livelli di capitale, intaccati da oneri per 2,6 miliardi di dollari dovuti alla riforma fiscale Usa approvata prima di Natale. AmEx ha spiegato che i dividendi trimestrali resteranno invece invariati.

Usa rischiano lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale potrebbe subire una paralisi

Per la prima volta dall'ottobre 2013, quando il presidente era Barack Obama, il governo federale degli Stati Uniti potrebbe subire una paralisi. Per trovare una soluzione c'è tempo fino alla mezzanotte del 19 gennaio 2018 di Washington, le sei del mattino di sabato 20 gennaio in Italia. Come successo oltre quattro anni fa, il cosiddetto "shutdown" vede repubblicani e democratici scontrarsi sulla legislazione che va approvata per continuare a finanziare le attività del governo.

Trump: sul muro non è cambiato nulla, lo pagherà il Messico

Il presidente replica a un articolo del New York Times, secondo cui il capo di gabinetto, John Kelly, avrebbe detto a un gruppo di democratici di averlo convinto che la barriera non è necessaria
Ap

"Il muro è il muro, non è mai cambiato dal primo giorno in cui l'ho concepito" e "sarà pagato, direttamente o indirettamente, dal Messico". Lo ha assicurato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornando a parlare, su Twitter, della barriera al confine tra i due Paesi.

Interferenza russa nel referendum su Brexit? Facebook amplia l'inchiesta

Il social network risponde al pressing dei legislatori britannici. Il gruppo aveva scoperto solo una minima attività riconducibile a Mosca

Facebook sta ampliando la sua inchiesta volta a capire se la Russia ha interferito nel referendum con cui nel giugno 2016 i cittadini britannici hanno scelto l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. Lo ha detto ieri il social network, che in una precedente indagine aveva scoperto soltanto un'attività minima da parte di Mosca.

Russiagate: accordo con Mueller, Bannon evita il gran giurì

L'ex stratega della Casa Bianca risponderà alle domande del procuratore speciale sulle interferenze russe nelle elezioni

Steve Bannon avrebbe raggiunto un accordo con Robert Mueller per evitare di testimoniare davanti al gran giurì istituito per l'inchiesta sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi. Lo riporta la Cnn.

Il Congresso Usa approva il rinnovo di un programma di sorveglianza, sconfitta la privacy

Dopo il voto della Camera, è arrivato quello del Senato. La sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act rinnovata per sei anni. Attesa la firma di Trump

Il Senato statunitense ha approvato (con 65 voti a favore e 34 contro) il rinnovo per sei anni della sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act, che permette alle agenzie di spionaggio di obbligare le aziende statunitensi, come Google e AT&T, a consentire l'accesso illimitato e senza mandato alle e-mail e ad altre comunicazioni di stranieri all'estero, anche quando comunicano con cittadini statunitensi che si trovano in patria. Si tratta di una sconfitta per le associazioni che si battono per la difesa della privacy. Il provvedimento, approvato dalla Camera la scorsa settimana, dovrebbe essere firmato domani dal presidente Donald Trump.

Il capo, il fidanzato e l'Fbi: Simona Mangiante, l'italiana finita nel Russiagate

L'avvocata di diritto internazionale sta con Papadopoulos, ex consigliere di Trump, e ha lavorato per Mifsud, misterioso professore maltese finito al centro delle indagini di Mueller

C'è un uomo misterioso emerso come figura centrale nelle indagini di Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle ultime elezioni presidenziali statunitensi: Joseph Mifsud, un professore maltese che avrebbe fatto da intermediario tra George Papadopoulos, ex consigliere di Donald Trump per la politica estera durante la campagna elettorale, e alcuni funzionari russi, promettendo allo statunitense informazioni compromettenti sulla candidata democratica, Hillary Clinton. Per Mifsud ha lavorato Simona Mangiante, fidanzata di Papadopoulos. Su queste tre figure si concentra un articolo del Guardian.

Un avvocato di Trump: "Il presidente è molto impaziente di parlare con Mueller"

Il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni potrebbe presto ascoltare il capo di Stato

Un avvocato di Donald Trump ha detto che il presidente degli Stati Uniti è "molto impaziente" di sedersi a parlare con il procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni.