Fmi: alza stime crescita Eurozona, nel 2017 +1,7%, rischi da incertezze politiche e Brexit

Inflazione in lenta ripresa, soluzioni per Npl una priorità. Probabilità di deflazione "elevata" ma in calo, giù anche rischio recessione

Il Fondo monetario internazionale ha rivisto leggermente al rialzo le stime di crescita per il 2017 nell'Eurozona, ha fatto notare che l'inflazione si sta riprendendo lentamente ma che le probabilità di deflazione e recessioni sono scese e ha insistito sulla priorità rappresentata dalla soluzioni per i non performing loans.

Le stime
Stando alle tabelle contenute nel World Economic Outlook, il rapporto sull'economia globale che l'Fmi ha redatto nell'ambito degli Spring Meetings in corso a Washington, per quest'anno è attesa un'economia in espansione dell'1,7%, una performance identica a quella registrata nel 2016 ma lo 0,1% in più rispetto alle stime dello scorso gennaio e lo 0,2% sopra quelle dello scorso ottobre. Per il 2018 è previsto un +1,6%, tanto quanto previsto nell'aggiornamento al Weo di inizio anno e nell'edizione dello scorso autunno.

L'istituto guidato da Christine Lagarde sottolinea come "la ripresa modesta sia sostenuta da un approccio fiscale leggermente espansivo, da condizioni finanziarie accomodanti, da un euro debole e da un impatto positivo che deriverebbe dai possibili stimoli fiscali americani" promessi dal presidente Donald Trump. Tuttavia, il Fondo individua due elementi che potrebbero pesare sull'attività economica: "l'incertezza politica data dall'avvicinarsi delle elezioni in vari Paesi" (domenica prossima ci sarà il primo round di quelle presidenziali francesi e poi a settembre quelle tedesche) e "l'incertezza riguardante la relazione futura tra l'Unione europea e il Regno Unito" dopo che la nazione d'Oltremanica il 23 giugno scorso ha scelto con un referendum la cosiddetta Brexit e a fine marzo ha ufficialmente iniziato i negoziati con l'attivazione dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona.

Le prospettive di medio termine dell'Eurozona "restano tenui, con la crescita potenziale frenata da una produttività debole, da trend demografici avversi e, in alcune nazioni, da problemi ereditati dalla crisi ma ancora non risolti e riguardanti il debito pubblico e privato, con un livello alto di non performing loan". Nel dettaglio, per l'Eurozona l'Fmi stima prezzi al consumo all'1,7% per il 2017 (dallo 0,2% del 2016) e all'1,5% per il 2018. Stando a quanto contenuto nel Weo, la disoccupazione è vista scendere al 9,4% quest'anno, lo 0,6% in meno del 2016, e al 9,1% il prossimo. Tra le principali quattro nazioni dell'Eurozona, la crescita è vista indebolirsi rispetto allo scorso anno in Germania, Italia e Spagna mentre dovrebbe rafforzarsi in Francia. Tuttavia è la Spagna a registrare un'espansione economica superiore agli altri. Madrid viene promossa con un Pil visto crescere del 2,6% nel 2017 e del 2,1% nel 2018 dopo un +3,2% nel 2016; a Berlino è atteso un +1,6% e un +1,5%, peggio del +1,8% dello scorso anno; a Parigi è atteso un +1,4% nel 2017 e un +1,6% nel 2018 dopo un +1,2% nel 2016; a Roma è previsto un +0,8% nell'anno in corso e nel prossimo, lo 0,1% in meno di quello passato.

Inflazione in lenta ripresa, soluzioni per Npl una priorità
L'inflazione nell'Eurozona si sta riprendendo, in parte grazie ai prezzi energetici e dei generi alimentari, ma quella core resta contenuta; di conseguenza il dato principale si avvicinerà "solo gradualmente" nei prossimi anni all'obiettivo fissato dalla Banca centrale europea per una crescita inferiore ma vicina al 2% annuo raggiungendo l'1,9% nel 2022. L'istituto guidato da Lagarde sottolinea come in parte dell'Europa la ripresa ciclica sul fronte del Pil, dell'occupazione e dell'inflazione "resta incompleta con il peso notevole dato dai non performing loan". Per questo la soluzione di questo problema è una "priorità cruciale". Inoltre, "la redditività del sistema bancario è messa in difficoltà da caratteristiche strutturali come costi alti e l'overbanking".

Il Fondo è chiaro: "Senza uno sforzo più coordinato per ripulire i bilanci, consolidare e aumentare l'efficaca sul lato dei costi del sistema bancario, per sostenere la domanda e per adottare riforme che spingano al rialzo la produttività, quelle economie continueranno a fare i conti con deboli dinamiche inflative e degli investimenti e resteranno suscettibili a un circolo vizioso che si auto-rinforza". Non solo: "C'è il rischio che la politica monetaria nell'Eurozona diventi più stringente, pesando sulla ripresa di Paesi con una disoccupazione alta". Una ripresa debole dei redditi, inoltre, può alimentare pressioni per politiche che si limitano a concentrarsi all'interno dei confini di appartenenza e "per l'adozione di misure protezionistiche, ledendo ulteriormente la domanda sia interna sia estera".

Sottolineando come la politica monetaria della Bce potrebbe essere più efficace se accompagnata da altre misure, l'Fmi insiste sull'importanza di una maggiore supervisione, di riforme per le insolvenze e la creazione di mercati del debito sotto stress. Anche il completamento dell'Unione bancaria resta cruciale, dice il Fondo secondo cui tutte queste azioni "potrebbero rafforzare la trasmissione della politica monetaria accomodante all'economia reale e potrebbero facilitare il consolidamento e la ristrutturazione del settore bancario. L'Fmi chiede nuovamente investimenti in infrastrutture pubbliche, riforme dei prodotti e del mercato del lavoro e l'integrazione dei rifugiati nella forza lavoro.

In Eurozona probabilità di deflazione "elevata" ma in calo, giù anche rischio recessione
Seppur in calo, i rischi di deflazione - misurati dalla probabilità stimata di un declino del livello dei prezzi rispetto a quelli di un anno fa - restano "elevati" nell'Eurozona (come in Giappone) per via del fatto che l'impatto dato da prezzi più alti delle materie prime sull'inflazione è visto svanire il prossimo anno. Lo sostiene il Fondo. In una tabella del rapporto si legge che il rischio di deflazione (definita come una caduta dei prezzi su base annuale nel trimestre indicato, ossia il secondo del 2018) è visto intorno al 16% nell'Eurozona circa contro il 17,5% calcolato in autunno (quando il calcolo faceva riferimento al quarto trimestre del 2017). Anche la situazione negli Stati Uniti è migliorata: se lo scorso autunno l'Fmi vedeva un rischio di deflazione al 2,5%, ora quel rischio è intorno all'1%. Per un confronto, il rischio di deflazione in Giappone è salito quasi al 25% dal 20% stimato nell'ottobre 2016.

Nella stessa tabella il Fondo calcola anche i rischi di recessione. Tra il secondo trimestre del 2017 e il primo trimestre del 2018 la probabilità di recessione nell'Eurozona è vista al 30% contro il 35% calcolato nell'edizione precedente del Weo, quando il periodo di riferimento andava dal quarto trimestre del 2016 al terzo trimestre del 2017. Il rischio di recessione in Usa è sceso al 20% dal 27,5% circa. Lo stesso rischio in Giappone è rimasto al 40%. Il Fondo spiega il calo generalizzato del rischio di recessione con uno "slancio ciclico più forte" e con gli "stimoli fiscali attesi in Usa", cose che insieme "hanno migliorato l'outlook di crescita nelle economie avanzate".

Altri Servizi

Wall Street chiusa nel giorno del Ringraziamento

Le contrattazioni riprenderanno domani, con una seduta più breve del consueto.
AP

Negli Stati Uniti si festeggia il Thanksgiving, tra tradizioni e ricette segrete

Perché gli americani mangiano il tacchino nel giorno del ringraziamento? La festa più importante dell'anno, una sorta di celebrazione della nascita del nuovo mondo, ha un antefatto nell'autunno del 1621.
Associated Press /John Minchillo

Perché gli americani mangiano il tacchino nel giorno del ringraziamento? La festa più importante dell'anno, una sorta di celebrazione della nascita del nuovo mondo, ha un antefatto nell'autunno del 1621, un banchetto di 50 padri pellegrini, arrivati dall'Europa a Plymouth, nell'odierno Massachusetts. L'abbondanza del raccolto fu condivisa con una tribù di 90 indiani Wampanoag (un simbolo di cooperazione) e nel menù c'erano, apparentemente, tacchini.

Gli Usa celebrano il Giorno del ringraziamento, mangiando tacchino

Ecco perché ogni presidente di turno, da Lincoln a Trump, ha graziato un esemplare dell'animale.
Official White House Photo / Andrea Hanks

Nel giorno del ringraziamento gli americani (animalisti esclusi) mangiano il tacchino.

L'assassinio di JFK 54 anni fa. Ecco come reagì Wall Street

Tutto iniziò con un rumor. Poi il selloff. Il New York Stock Exchange chiuse in anticipo. Seduta da panico. Dow Jones -2,9%

Cinquantaquattro anni fa come oggi la giornata a Wall Street era iniziata in modo tranquillo. Due giorni prima Ira Haupt & Co era stata sospesa dalle contrattazioni. La società aveva investito in cisterne piene di olio vegetale alcune delle quali si rivelaro invece piene di acqua. Il mercato aveva accusato il colpo ma secondo alcuni trader per quel venerdì 22 novembre 1963 non era da escludere un rimbalzo. E infatti c'era chi aveva deciso di sfruttare i recenti ribassi puntando sulle azioni del produttore di stampanti Xerox; su quelle di Control Data Corporation, società di computer super veloci poi scomparsa negli anni '80, e su quelle di Polaroid. D'altra parte la prima macchina fotografica istantanea, lanciata nel 1948, era ancora un oggetto d'appeal. Nessuno ancora immaginava che la digitalizzazione avrebbe portato il gruppo in bancarotta due volte in sette anni, nel 2001 e nel 2008. L'azionario americano era in rally dall'ottobre del 1962, quando terminò la crisi legata ai missili cubani. Da quel momento all'ottobre 1963, il Dow Jones era in rialzo del 35%. A inizio novembre si era perso slancio, colpa della situazione geopolitica nel sud del Vietnam e il coinvolgimento degli Stati Uniti si stava scaldando. Ma in generale tutto era "business as usual", come dicono in America.

Boom richieste assistenza legale dopo scandalo molestie sessuali, ma pochi casi arriveranno in tribunale

Questo succederà perché le leggi sulla tutela dei lavoratori in caso di molestie e comportamenti inopportuni da parte di colleghi e superiori hanno molte falle e scappatoie.

Nelle ultime settimane, dopo che il produttore cinematografico Harvey Weinstein è stato travolto dallo scandalo per molestie sessuali e il polverone si è allargato a macchia d'olio, il numero di richieste di assistenza legale per molestie sul posto di lavoro arrivate negli studi degli Stati Uniti si sono moltiplicate a dismisura. Tuttavia, spiegano gli esperti del settore, nell'ampia parte dei casi non ci sarà un procedimento legale e non sarà avviata una causa.

HP Enterprise: Meg Whitman non sarà più Ceo, verso le presidenziali 2020?

Nel 2016 sostenne la candidatura di Clinton nonostante sia storicamente una repubblicana. Per ora, esclude categoricamente una discesa in campo

Hewlett Packard Enterprise (HPE) si prepara a cambiare Ceo. Il gruppo che offre servizi IT ha annunciato che Meg Whitman lascerà l'incarico dal febbraio 2018. La donna arrivata nel settembre 2011 al vertice della vecchia HP - che sotto la sua guida si è scorporata in due nel novembre del 2015, la nuova HP (produce pc e stampanti) e appunto HPE - cederà il ruolo all'attuale presidente dell'azienda, il cinquantenne Antonio Neri; da 23 anni nella galassia HP, avrà un salario base di un milione di dollari a cui potrà aggiungere bonus addizionali fino a 1,5 milioni. Whitman resterà nel consiglio di amministrazione del gruppo.

Wall Street in cerca di direzione nel finale di ottava

Attenzione alle trimestrali di Foot Locker e A&F, sul fronte macroeconomico notizie dal fronte immobiliare e manifatturiero.
AP

L'ex medico della nazionale Usa di ginnastica si è dichiarato colpevole di abusi sessuali

Larry Nassar ha ammesso per la prima volta gli abusi su sette ragazzine; ad accusarlo, però, sono più di 130 ex pazienti, tra cui tre campionesse olimpiche

L'ex medico della nazionale statunitense femminile di ginnastica artistica, Larry Nassar, si è dichiarato colpevole, in tribunale, di abusi sessuali ai danni di sette ragazzine, nell'ambito di un accordo che gli farà trascorrere in carcere almeno 25 anni; l'uomo è stato accusato di violenze sessuali da più di 130 ex pazienti, tra cui le olimpioniche Gabby Douglas, McKayla Maroney e Aly Raisman. Fino a oggi, Nassar aveva sempre sostenuto di aver solo eseguito legittime pratiche mediche.

Dopo aver rovinato Gawker Media, Thiel potrebbe provare a comprare il suo sito

Il miliardario aveva finanziato la causa di Hulk Hogan contro la società, costretta a un megarisarcimento e quindi a chiedere l'amministrazione controllata. Tutti gli asset sono stati venduti, tranne il sito
AP

Peter Thiel, l'investitore miliardario della Silicon Valley che ha finanziato la causa dell'ex wrestler Hulk Hogan che ha rovinato Gawker Media, costretta a un risarcimento da 140 milioni di dollari e finita in amministrazione controllata, potrebbe cercare di acquistare il sito della società, chiuso nell'agosto dello scorso anno.

La Fed segnala una stretta a dicembre ma l'inflazione preoccupa

C'è chi teme anche la creazione di "squilibri" finanziari dovuti al rally dei prezzi delle varie asset class. Un loro cambio di rotta repentino lederebbe l'economia. Taglio delle tasse visto come più probabile

La Federal Reserve ha segnalato che un rialzo dei tassi potrebbe arrivare a dicembre nonostante l'inflazione resti al palo, cosa che sta iniziando a preoccupare alcuni dei suoi membri insieme alla formazione di potenziali "squilibri" finanziari. Mentre il mercato calcola il 91,5% di probabilità che nella riunione del mese prossimo i tassi verranno alzati di 25 punti base all'1,25-1,50%, la banca centrale americana ha spiegato - attraverso i verbali del meeting del 31 ottobre e 1 novembre scorsi - che una stretta sarà probabile "nel breve termine".