Fmi: alza stime crescita Eurozona, nel 2017 +1,7%, rischi da incertezze politiche e Brexit

Inflazione in lenta ripresa, soluzioni per Npl una priorità. Probabilità di deflazione "elevata" ma in calo, giù anche rischio recessione

Il Fondo monetario internazionale ha rivisto leggermente al rialzo le stime di crescita per il 2017 nell'Eurozona, ha fatto notare che l'inflazione si sta riprendendo lentamente ma che le probabilità di deflazione e recessioni sono scese e ha insistito sulla priorità rappresentata dalla soluzioni per i non performing loans.

Le stime
Stando alle tabelle contenute nel World Economic Outlook, il rapporto sull'economia globale che l'Fmi ha redatto nell'ambito degli Spring Meetings in corso a Washington, per quest'anno è attesa un'economia in espansione dell'1,7%, una performance identica a quella registrata nel 2016 ma lo 0,1% in più rispetto alle stime dello scorso gennaio e lo 0,2% sopra quelle dello scorso ottobre. Per il 2018 è previsto un +1,6%, tanto quanto previsto nell'aggiornamento al Weo di inizio anno e nell'edizione dello scorso autunno.

L'istituto guidato da Christine Lagarde sottolinea come "la ripresa modesta sia sostenuta da un approccio fiscale leggermente espansivo, da condizioni finanziarie accomodanti, da un euro debole e da un impatto positivo che deriverebbe dai possibili stimoli fiscali americani" promessi dal presidente Donald Trump. Tuttavia, il Fondo individua due elementi che potrebbero pesare sull'attività economica: "l'incertezza politica data dall'avvicinarsi delle elezioni in vari Paesi" (domenica prossima ci sarà il primo round di quelle presidenziali francesi e poi a settembre quelle tedesche) e "l'incertezza riguardante la relazione futura tra l'Unione europea e il Regno Unito" dopo che la nazione d'Oltremanica il 23 giugno scorso ha scelto con un referendum la cosiddetta Brexit e a fine marzo ha ufficialmente iniziato i negoziati con l'attivazione dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona.

Le prospettive di medio termine dell'Eurozona "restano tenui, con la crescita potenziale frenata da una produttività debole, da trend demografici avversi e, in alcune nazioni, da problemi ereditati dalla crisi ma ancora non risolti e riguardanti il debito pubblico e privato, con un livello alto di non performing loan". Nel dettaglio, per l'Eurozona l'Fmi stima prezzi al consumo all'1,7% per il 2017 (dallo 0,2% del 2016) e all'1,5% per il 2018. Stando a quanto contenuto nel Weo, la disoccupazione è vista scendere al 9,4% quest'anno, lo 0,6% in meno del 2016, e al 9,1% il prossimo. Tra le principali quattro nazioni dell'Eurozona, la crescita è vista indebolirsi rispetto allo scorso anno in Germania, Italia e Spagna mentre dovrebbe rafforzarsi in Francia. Tuttavia è la Spagna a registrare un'espansione economica superiore agli altri. Madrid viene promossa con un Pil visto crescere del 2,6% nel 2017 e del 2,1% nel 2018 dopo un +3,2% nel 2016; a Berlino è atteso un +1,6% e un +1,5%, peggio del +1,8% dello scorso anno; a Parigi è atteso un +1,4% nel 2017 e un +1,6% nel 2018 dopo un +1,2% nel 2016; a Roma è previsto un +0,8% nell'anno in corso e nel prossimo, lo 0,1% in meno di quello passato.

Inflazione in lenta ripresa, soluzioni per Npl una priorità
L'inflazione nell'Eurozona si sta riprendendo, in parte grazie ai prezzi energetici e dei generi alimentari, ma quella core resta contenuta; di conseguenza il dato principale si avvicinerà "solo gradualmente" nei prossimi anni all'obiettivo fissato dalla Banca centrale europea per una crescita inferiore ma vicina al 2% annuo raggiungendo l'1,9% nel 2022. L'istituto guidato da Lagarde sottolinea come in parte dell'Europa la ripresa ciclica sul fronte del Pil, dell'occupazione e dell'inflazione "resta incompleta con il peso notevole dato dai non performing loan". Per questo la soluzione di questo problema è una "priorità cruciale". Inoltre, "la redditività del sistema bancario è messa in difficoltà da caratteristiche strutturali come costi alti e l'overbanking".

Il Fondo è chiaro: "Senza uno sforzo più coordinato per ripulire i bilanci, consolidare e aumentare l'efficaca sul lato dei costi del sistema bancario, per sostenere la domanda e per adottare riforme che spingano al rialzo la produttività, quelle economie continueranno a fare i conti con deboli dinamiche inflative e degli investimenti e resteranno suscettibili a un circolo vizioso che si auto-rinforza". Non solo: "C'è il rischio che la politica monetaria nell'Eurozona diventi più stringente, pesando sulla ripresa di Paesi con una disoccupazione alta". Una ripresa debole dei redditi, inoltre, può alimentare pressioni per politiche che si limitano a concentrarsi all'interno dei confini di appartenenza e "per l'adozione di misure protezionistiche, ledendo ulteriormente la domanda sia interna sia estera".

Sottolineando come la politica monetaria della Bce potrebbe essere più efficace se accompagnata da altre misure, l'Fmi insiste sull'importanza di una maggiore supervisione, di riforme per le insolvenze e la creazione di mercati del debito sotto stress. Anche il completamento dell'Unione bancaria resta cruciale, dice il Fondo secondo cui tutte queste azioni "potrebbero rafforzare la trasmissione della politica monetaria accomodante all'economia reale e potrebbero facilitare il consolidamento e la ristrutturazione del settore bancario. L'Fmi chiede nuovamente investimenti in infrastrutture pubbliche, riforme dei prodotti e del mercato del lavoro e l'integrazione dei rifugiati nella forza lavoro.

In Eurozona probabilità di deflazione "elevata" ma in calo, giù anche rischio recessione
Seppur in calo, i rischi di deflazione - misurati dalla probabilità stimata di un declino del livello dei prezzi rispetto a quelli di un anno fa - restano "elevati" nell'Eurozona (come in Giappone) per via del fatto che l'impatto dato da prezzi più alti delle materie prime sull'inflazione è visto svanire il prossimo anno. Lo sostiene il Fondo. In una tabella del rapporto si legge che il rischio di deflazione (definita come una caduta dei prezzi su base annuale nel trimestre indicato, ossia il secondo del 2018) è visto intorno al 16% nell'Eurozona circa contro il 17,5% calcolato in autunno (quando il calcolo faceva riferimento al quarto trimestre del 2017). Anche la situazione negli Stati Uniti è migliorata: se lo scorso autunno l'Fmi vedeva un rischio di deflazione al 2,5%, ora quel rischio è intorno all'1%. Per un confronto, il rischio di deflazione in Giappone è salito quasi al 25% dal 20% stimato nell'ottobre 2016.

Nella stessa tabella il Fondo calcola anche i rischi di recessione. Tra il secondo trimestre del 2017 e il primo trimestre del 2018 la probabilità di recessione nell'Eurozona è vista al 30% contro il 35% calcolato nell'edizione precedente del Weo, quando il periodo di riferimento andava dal quarto trimestre del 2016 al terzo trimestre del 2017. Il rischio di recessione in Usa è sceso al 20% dal 27,5% circa. Lo stesso rischio in Giappone è rimasto al 40%. Il Fondo spiega il calo generalizzato del rischio di recessione con uno "slancio ciclico più forte" e con gli "stimoli fiscali attesi in Usa", cose che insieme "hanno migliorato l'outlook di crescita nelle economie avanzate".

Altri Servizi

Apple, in arrivo l'iPhone 8. Tutti i rumors sul nuovo melafonino

Dal nuovo design allo scanner facciale, passando per la ricarica wireless e la preoccupante notizia di un prezzo maggiorato, come potrebbe essere il nuovo smartphone di Cupertino

Ci siamo quasi. Il nuovo iPhone sta per essere svelato al mondo dopo un’attesa che negli ultimi mesi si è fatta frenetica anche e soprattutto per via delle voci che si sono rincorse su quali saranno le caratteristiche del nuovo smartphone. Non si sa quale sarà il nome, se sarà iPhone8, iPhone 7s o iPhoneX come alcuni insider sostengono oltreoceano. Ciò che appare scontato è che si tratterà di un modello (o di più modelli) con il maggior numero di miglioramenti mai apportati da Apple al suo "melafonino".

Trump su Irma: "andrò in Florida molto presto". L'uragano (declassato a categoria 2) ha effettuato il suo secondo impatto a Marco Island ed è già emergenza inondazioni a Naples

Il governatore Scott: "Pregate per noi". Il bilancio delle vittime è fermo a 3 mentre sono 2 milioni le utenze senza elettricità

"Andrò in Florida molto presto", parola di Donald Trump che ha tenuto un piccolo briefing con i giornalisti al suo arrivo alla Casa Bianca da Camp David. Subito aggiornato dal suo staff sulla situazione in Florida, il presidente americano ha sottolineato che la situazione emergenza "sta andando molto bene" lodando il lavoro di guardia costiera e della protezione civile.

Sale bilancio vittime terremoto in Messico, prosegue ricerca superstiti

Il presidente Enrique Pena Nieto, che ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale, si è recato nelle zone terremotate dello stato di Oaxaca.
AP

Prosegue senza sosta la ricerca di superstiti del terremoto che ha colpito il sud del Messico, provocando almeno 64 morti e oltre 200 feriti. Si è trattato del più violento sisma a colpire il Paese nell'ultimo secolo, con una magnitudo di 8,2 sulla scala Richter.

I resort di Trump sulla rotta dell'uragano Irma

Mar-a-Lago, la "Casa Bianca d'inverno", dovrebbe resistere ai forti venti grazie anche all'uso di pietra italiana nella sua costruzione. Altri tre club a rischio in Florida. Se subirà danni, il presidente potrà accedere a fondi federali

Mentre continua la fuga in Florida in vista dell'arrivo dell'uragano Irma, la "Casa Bianca d'inverno" di Donald Trump ha chiuso i battenti. Il resort Mar-a-Lago, amato dal presidente americano per trascorrevi molti fine settimana al posto di stare al freddo di Washington, si trova in un'area dove a partire da ieri alle 23 italiane l'evacuazione era obbligatoria. Grazie anche alle pietre importate da Genova (Italia) per la costruzione delle pareti esterne, degli archi e di alcuni interni, l'immibile dovrebbe resistere ai forti venti della tempesta ma non sono tuttavia esclusi pesanti danni causati da probabili allagamenti.

L'uragano Irma fa meno paura. Ora si dirige verso la Georgia

I morti accertati, al momento, sono 32, di cui cinque in Florida
Ap

L'uragano Irma continua a devastare la Florida, dove i venti violenti e le piogge torrenziali hanno causato cinque morti, dopo che l'eccezionale tempesta ha ucciso almeno 27 persone durante il passaggio sui Caraibi. L'enorme depressione, che copre un'area grande come il Texas, è stata declassata a uragano di categoria 1 dopo aver toccato terra sulla costa occidentale della Florida, con venti a 135 chilometri l'ora.

Wall Street ottimista, l'uragano Irma fa meno paura

Oggi, giornata priva di eventi economici di rilievo
AP

Us Open, vince Nadal in 3 set 6-3 6-3 6-4. È il 16esimo slam della carriera

Il tennista spagnolo ha vinto per la terza volta a New York chiudendo il match in 2 ore e 27 minuti

Rafael Nadal ha vinto il suo terzo Us Open, dopo quelli conquistati nel 2010 e nel 2013, battendo in tre set. 6-3 6-3 6-4, il tennista sudafricano Kevin Anderson arrivato in finale da 28esimo del ranking mondiale. Per il tennista spagnolo si tratta del secondo slam dell’anno dopo la vittoria al Rolland Garros, il sedicesimo in carriera avvicinando cos" Roger Feder che di titoli major ne ha invece conquistati 19.

Sponsorizzare i probabili perdenti: la strategia vincente di Guinot

La casa francese di cosmetici punta sui tennisti di basso profilo contro le star: così l'esposizione è assicurata per poche decine di migliaia di dollari
A24

Nel 2009, l'allora numero 25 del mondo, lo svedese Robin Soderling, stupì il mondo battendo il numero uno, lo spagnolo Rafael Nadal, al Roland Garros, dove era imbattuto. Nello stesso torneo, tre anni dopo, la francese Virginie Razzano, 111 della classifica Wta, sconfisse la statunitense Serena Williams, una delle più grandi tenniste della storia, al primo turno. Quest'anno, agli Australian Open, l'uzbeko Denis Istomin, 117 del ranking, ha sconfitto l'ex numero uno, il serbo Novak Djokovic.

Mondiali in Russia, possibile Siria-Usa nello spareggio qualificazione

Necessario, per gli asiatici, battere prima l'Australia in un doppio confronto, mentre i nordamericani dovrebbero concludere al quarto posto il girone della Concacaf
Ap

È un'ipotesi che continua a farsi spazio, turno dopo turno, ed è la più suggestiva che si possa immaginare per una partita di calcio: Stati Uniti e Siria potrebbero contendersi la qualificazione ai prossimi Mondiali. E se a questo si aggiunge che la Coppa del Mondo si terrà in Russia, il quadro politico-calcistico è davvero completo. Il potenziale narrativo sarebbe senza precedenti, alla luce di una guerra civile che dura da oltre sei anni e che ha coinvolto anche Washington e Mosca, divise sui crimini, e sulla sorte, del presidente Bashar al-Assad, ma faticosamente unite nella lotta contro l'Isis. Come unita, ora, appare la nazionale siriana: alcuni giocatori vi avevano rinunciato in opposizione al presidente, ma sono poi tornati per "dare gioia alla nostra gente", come ha spiegato l'attaccante Omar Al Soma, che ha realizzato l'ultimo gol, quello per il decisivo pareggio contro l'Iran (altro incrocio significativo per il conflitto siriano).

Uragano Irma, polemica contro le compagnie aeree per i rincari sui voli dalla Florida

Mentre gli Stati Uniti si preparano ad affrontare una delle tempesta più potenti degli ultimi 100 anni, le linee aeree sono finite sotto accusa per il brusco rincaro dei prezzi dei voli in partenza dalla Florida
iStock

L’uragano Irma procede la sua corsa verso la Florida e mentre il tempo per fuggire è ormai finito, con la gente barricata in casa o in uno dei quasi 400 rifugi creati per affrontare la tempesta, sui social continua la polemica contro le linee aeree americane, colpevoli di aver incrementato a dismisura i prezzi dei voli in partenza dal Sunshine State nei giorni scorsi.