Fmi: alza stime di crescita Italia, nel 2017 +0,8% (come la Nigeria), sotto potenziale

Previsioni peggiori di quelle del governo Gentiloni

Migliorano, seppur di poco, le prospettive del Fondo monetario internazionale per l'economia italiana, che comunque resta "significativamente sotto il suo potenziale": è vista in crescita dello 0,8% sia quest'anno sia il prossimo, tanto quanto la Nigeria che nel 2018 dovrebbe però registrare un +1,9%. E' quanto si legge nelle tabelle del World Economic Outlook, il rapporto sull'economia globale dell'Fmi redatto nell'ambito degli Spring Meetings in corso a Washington, Stati Uniti.

Le stime per il 2017 sono state alzate dello 0,1% rispetto all'aggiornamento del Weo dello scorso gennaio ma risultano inferiori dello 0,1% rispetto all'edizione del documento elaborata lo scorso ottobre. Nel 2016 il nostro Paese aveva registrato un'espansione dello 0,9% e l'anno precedente dello 0,8%, ricorda l'Fmi. Le previsioni del Fondo per il 2018 sono rimaste invariate rispetto ai calcoli di inizio anno ma sono peggiori dello 0,3% rispetto a quelle dell'autunno 2016. Per il 2022 l'istituto di Washington prevede un Pil italiano in rialzo dello 0,8% (per le stime legate al periodo 2019-2021 bisogna aspettare la pubblicazione, prevista domani, del Fiscal Monitor).

I calcoli del Fondo si confrontano con quelli del Documento di economia e finanza (Def), deliberato dal Consiglio dei ministri l'11 aprile scorso, e che prevede per il 2017 una crescita del Pil reale dell'1,1% (solo un decimo più alta rispetto alla Nota di Aggiornamento del Def 2016) e per il 2018 dell'1%.

Nel dettaglio, l'istituto di Washington prevede prezzi al consumo nel 2017 e nel 2018 pari all'1,3% contro il -0,1% del 2016.

Le partite correnti sono viste al 2% del Pil nel 2017 e all'1,8% nel 2018 contro il 2,7% del 2016. Il Fondo spiega che le sue stime "si basano sui piani fiscali inclusi nella legge di bilancio per il 2017 e del Documento di economia e finanza (Def) del settembre 2016". Secondo il Weo, l'Italia non è la sola ad avere un Pil significativamente inferiore il suo potenziale: l'Fmi cita anche Francia, Portogallo, Spagna e "specialmente" la Grecia.

Tasso disoccupazione scende all'11,4% nel 2017, all'11% nel 2018
Il tasso di disoccupazione in Italia resta alto ma in miglioramento. Il Fondo monetario internazionale stima infatti un tasso per quest'anno all'11,4% e nel 2018 all'11%. Nel 2016 il nostro Paese aveva registrato un tasso di disoccupazione pari all'11,7%, ricorda l'Fmi. I calcoli del Fondo si confrontano con quelli del Documento di economia e finanza (Def), approvato dal Consiglio dei ministri l'11 aprile scorso, e che prevede un tasso di disoccupazione per quest'anno dell'11,5% e il prossimo dell'11,2%.

Nel 2017 debito/Pil sale al 132,8%, deficit/Pil al 2,4%
Dopo avere chiuso il 2016 al 132,6%, il debito pubblico lordo in rapporto al Pil quest'anno salirà in Italia il 132,8% per poi scendere al 131,6% nel 2018 e portarsi al 121,3% nel 2022. E' quanto emerge dalle tabelle del World Economic Outlook.

L'istituto guidato da Christine Lagarde stima che il deficit/Pil nell'anno in corso si attesti al 2,4%, come visto nel 2016. Nel 2018 il dato è atteso all'1,4% e nel 2022 allo 0%. Il Fondo prevede dunque il pareggio di bilancio nel 2022 ma le attese precise su questo fronte per gli anni 2019, 2020 e 2021 saranno contenute nei rapporti che verranno diffusi domani. Nel Weo le date contenute nelle tabelle fanno riferimento infatti soltanto a quest'anno, al prossimo e appunto al 2022, quando l'Fmi prevede un pareggio strutturale di bilancio contro un deficit strutturale dell'1,6% per il 2017 e dello 0,8% per il 2018 dopo quello dell'1,3% per il 2016. Il Fiscal Monitor, che verrà diffuso domani, offrirà più dettagli.

I calcoli del Fondo sul deficit e sul debito sono peggiori di quelli del Documento di economia e finanza (Def), approvato dal Consiglio dei ministri l'11 aprile scorso e che fissa al 2,1% l’asticella del rapporto fra deficit e Pil per l'anno in corso (ma nel 2018 è visto all'1,2%); il governo Gentiloni stima un debito/Pil al 132,5% nel 2017 e al 131% nel 2018.



Altri Servizi

L'amministrazione Trump lancia guerra contro la fuga di notizie

Il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, avverte gli aspiranti 'leaker': non fatelo. Sicurezza nazionale a rischio. Triplicate le inchieste. Stampa avvertita: la sua libertà "non è illimitata"

L'amministrazione Trump ha formalmente iniziato una guerra contro le 'talpe'. Le fughe di notizie, quelle che hanno spesso imbarazzato The Donald, non sono più tollerate. Per questo il dipartimento di Giustizia di Jeff Sessions ha deciso di intensificare il suo lavoro andando a caccia dei cosiddetti leaker. Il numero di inchieste su questo fronte è triplicato da gennaio rispetto a quello di casi ancora aperti prima della fine dell'amministrazione Obama. E quattro individui sono già stati accusati per avere permesso la circolazione di materiale top secret o per  avere nascosco contatti con funzionari dell'intelligence straniera.

John Kelly renderà la Casa Bianca meno caotica e più disciplinata. Ma durerà?

Il nuovo capo di Gabinetto è chiamato a prendere in mano le redini della West Wing, che negli ultimi sei mesi, da quando Trump si è insediato alla Casa Bianca, è stata travolta da divisioni e disorganizzazione. Ma qualcuno già pensa che non resisterà
AP

Nei giorni scorsi il presidente americano Donald Trump ha avuto una riunione con alcuni consiglieri sulla Cina. Durante le discussioni i toni sono diventati accesi e il disaccordo evidente: a quel punto è intervenuto il nuovo capo di Gabinetto John Kelly ha chiesto alle due persone più infervorate di uscire e di tornare solo quando avessero risolto le divergenze. Questo ha consentito alla riunione di proseguire.

L'imprenditore pharma più odiato d'America colpevole di frodi

Lo ha deciso una giuria chiudendo un caso seguito su scala internazionale. Il 34enne Martin Shkreli canta vittoria: colpevole di tre degli otto capi di imputazione. Ma rischia 20 anni di carcere

Martin Shkreli, l'imprenditore farmaceutico considerato come il più odiato d'America, è stato giudicato colpevole di tre degli otto capi di imputazione che pendevano su di lui. E' finito così, dopo un mese di dibattimento e cinque giorni di riunione della giuria, un processo seguito a livello internazionale e che ha visto come protagonista un trentenne irriverente, capace di trasmettere su YouTube per ore la sua vita e diventato tristemente famoso per avere gonfiato i prezzi di medicinali salva-vita.

Google sviluppa tecnologia per contenuti media simili a Snapchat

Secondo il WSJ, tratta con Vox, Cnn, Washington Post e Time

Google sta sviluppando una tecnologica per permettere agli editori di creare contenuti visuali simili a quelli che compaiono su Snapchat. Lo scrive il Wall Street Journal secondo cui la controllata di Alphabet sta premendo l'acceleratore per controllare la diffusione di notizie su smartphone.

Trump inizia "vacanza di lavoro" in golf club esclusivo

La Casa Bianca giustifica il trasferimento in New Jersey per via di opere di manutenzione nella residenza presidenziale
Trump National Golf Club - Bedminster

Una "vacanza di lavoro". Così la Casa Bianca ha definito quella che Donald Trump inizierà da questa sera, quando lascerà Washington per trasferirsi a Bedminster, un paesino del New Jersey di circa 8mila anime a 40 minuti circa di auto da New York City.

Usa: creati più posti di lavoro del previsto, disoccupazione ai minimi di 16 anni

I salari orari sono cresciuti poco più delle attese a luglio; la Fed potrebbe essere ancora più convinta ad alzare i tassi una terza volta nel 2017

A luglio, le aziende statunitensi hanno creato molti più posti di lavoro del previsto, mentre il tasso di disoccupazione si è attestato in calo come atteso dagli analisti.

Wall Street digerisce il rapporto sull'occupazione

Nell'ultima seduta della settimana da record prevale la cautela. Focus sui dati e le trimestrali americane.
AP

Russiagate: Mueller nomina un Gran Giurì. La Casa Bianca: cooperiamo

Il procuratore speciale amplia l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni Usa. La squadra di esperti può chiedere la consegna di documenti, mettere sotto giuramento testimoni e puntare a incriminazioni
Fbi

Il Russiagate si intensifica. Nel giorno in cui è stato presentato un disegno di legge che punta a proteggerlo da un licenziamento senza giusta causa (da parte di Donald Trump), il Wall Street Journal riferisce che il procuratore speciale che sta indagando sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali e sulla possibile collusione tra la campagna Trump e funzionari russi avrebbe selezionato un Gran Giurì.

WikiLeaks svela Dumbo, come la Cia controlla webcam e microfoni di un pc

L'agente della Cia deve solo infilare una Usb in un computer dotato del sistema operativo Windows di Microsoft
AP

WikiLeaks ha nuovamente colpito l'intelligence statunitense svelando nuovi strumenti con cui la Cia è capace di spiare. Si tratta di un 'leak' che segue la mole enorme di documenti (8.761) pubblicati lo scorso marzo - parte del cosiddetto progetto Vaul 7 - e che hanno gettato luce su una parte dei segreti della Central Intelligence Agency e sui sistemi usati per le operazioni di spionaggio.

Trump accusa il Congresso: relazioni con la Russia mai così male

Il presidente americano sembra dimenticare le tensioni da Guerra Fredda. Si lamenta dopo avere firmato controvoglia nuove sanzioni contro Mosca. McCain risponde: la colpa è del Cremlino
AP

A Donald Trump non piace proprio prendersi alcuna responsabilità. La colpa, è sempre degli altri. Dopo avere firmato - chiaramente controvoglia - nuove sanzioni contro la Russia per la sua presunta interferenza nelle elezioni presidenziali del 2016, il presidente americano è tornato ad attaccare il Congresso: secondo lui, c'è da ringraziare i legislatori a Capitol Hill se i rapporti sull'asse Washington-Mosca "non hanno mai raggiunto livelli così bassi" come ora e sono "molto pericolosi".