Fmi: alza stime di crescita Italia, nel 2017 +0,8% (come la Nigeria), sotto potenziale

Previsioni peggiori di quelle del governo Gentiloni

Migliorano, seppur di poco, le prospettive del Fondo monetario internazionale per l'economia italiana, che comunque resta "significativamente sotto il suo potenziale": è vista in crescita dello 0,8% sia quest'anno sia il prossimo, tanto quanto la Nigeria che nel 2018 dovrebbe però registrare un +1,9%. E' quanto si legge nelle tabelle del World Economic Outlook, il rapporto sull'economia globale dell'Fmi redatto nell'ambito degli Spring Meetings in corso a Washington, Stati Uniti.

Le stime per il 2017 sono state alzate dello 0,1% rispetto all'aggiornamento del Weo dello scorso gennaio ma risultano inferiori dello 0,1% rispetto all'edizione del documento elaborata lo scorso ottobre. Nel 2016 il nostro Paese aveva registrato un'espansione dello 0,9% e l'anno precedente dello 0,8%, ricorda l'Fmi. Le previsioni del Fondo per il 2018 sono rimaste invariate rispetto ai calcoli di inizio anno ma sono peggiori dello 0,3% rispetto a quelle dell'autunno 2016. Per il 2022 l'istituto di Washington prevede un Pil italiano in rialzo dello 0,8% (per le stime legate al periodo 2019-2021 bisogna aspettare la pubblicazione, prevista domani, del Fiscal Monitor).

I calcoli del Fondo si confrontano con quelli del Documento di economia e finanza (Def), deliberato dal Consiglio dei ministri l'11 aprile scorso, e che prevede per il 2017 una crescita del Pil reale dell'1,1% (solo un decimo più alta rispetto alla Nota di Aggiornamento del Def 2016) e per il 2018 dell'1%.

Nel dettaglio, l'istituto di Washington prevede prezzi al consumo nel 2017 e nel 2018 pari all'1,3% contro il -0,1% del 2016.

Le partite correnti sono viste al 2% del Pil nel 2017 e all'1,8% nel 2018 contro il 2,7% del 2016. Il Fondo spiega che le sue stime "si basano sui piani fiscali inclusi nella legge di bilancio per il 2017 e del Documento di economia e finanza (Def) del settembre 2016". Secondo il Weo, l'Italia non è la sola ad avere un Pil significativamente inferiore il suo potenziale: l'Fmi cita anche Francia, Portogallo, Spagna e "specialmente" la Grecia.

Tasso disoccupazione scende all'11,4% nel 2017, all'11% nel 2018
Il tasso di disoccupazione in Italia resta alto ma in miglioramento. Il Fondo monetario internazionale stima infatti un tasso per quest'anno all'11,4% e nel 2018 all'11%. Nel 2016 il nostro Paese aveva registrato un tasso di disoccupazione pari all'11,7%, ricorda l'Fmi. I calcoli del Fondo si confrontano con quelli del Documento di economia e finanza (Def), approvato dal Consiglio dei ministri l'11 aprile scorso, e che prevede un tasso di disoccupazione per quest'anno dell'11,5% e il prossimo dell'11,2%.

Nel 2017 debito/Pil sale al 132,8%, deficit/Pil al 2,4%
Dopo avere chiuso il 2016 al 132,6%, il debito pubblico lordo in rapporto al Pil quest'anno salirà in Italia il 132,8% per poi scendere al 131,6% nel 2018 e portarsi al 121,3% nel 2022. E' quanto emerge dalle tabelle del World Economic Outlook.

L'istituto guidato da Christine Lagarde stima che il deficit/Pil nell'anno in corso si attesti al 2,4%, come visto nel 2016. Nel 2018 il dato è atteso all'1,4% e nel 2022 allo 0%. Il Fondo prevede dunque il pareggio di bilancio nel 2022 ma le attese precise su questo fronte per gli anni 2019, 2020 e 2021 saranno contenute nei rapporti che verranno diffusi domani. Nel Weo le date contenute nelle tabelle fanno riferimento infatti soltanto a quest'anno, al prossimo e appunto al 2022, quando l'Fmi prevede un pareggio strutturale di bilancio contro un deficit strutturale dell'1,6% per il 2017 e dello 0,8% per il 2018 dopo quello dell'1,3% per il 2016. Il Fiscal Monitor, che verrà diffuso domani, offrirà più dettagli.

I calcoli del Fondo sul deficit e sul debito sono peggiori di quelli del Documento di economia e finanza (Def), approvato dal Consiglio dei ministri l'11 aprile scorso e che fissa al 2,1% l’asticella del rapporto fra deficit e Pil per l'anno in corso (ma nel 2018 è visto all'1,2%); il governo Gentiloni stima un debito/Pil al 132,5% nel 2017 e al 131% nel 2018.



Altri Servizi

Wall Street attende la Fed

La Federal Reserve alle 14 (le 20 in Italia) diffonde un comunicato con le sue scelte di politica monetaria. Atteso un rialzo dei tassi di 25 punti base all'1,25-1,5%
AP

Elezioni in Alabama: vince il candidato democratico, sconfitta per Trump

Doug Jones ha avuto la meglio su Roy Moore, che aveva il sostegno del presidente Usa nonostante sia stato accusato di molestie sessuali. Al Senato la maggioranza del Gop si assottiglia
AP

In uno Stato fortemente repubblicano, l'Alabama, un candidato democratico ha vinto le elezioni speciali pensate per eleggere il senatore che andrà a sostituire al Congresso Usa il posto lasciato vuoto da Jeff Sessions, diventato segretario alla Giustizia. E' la prima volta dal 1992 che un democratico è stato eletto al Senato dallo Stato del Sud.

Alabama, duplice sconfitta per Trump: "Ma sapevo che Moore avrebbe perso"

Il presidente aveva appoggiato Strange alle primarie repubblicane. La sconfitta di Moore è un buon segnale per l'establishment repubblicano contro Bannon, mentre è preoccupante per Trump, che in Alabama aveva stravinto le presidenziali

Dopo la sconfitta del repubblicano Roy Moore nelle elezioni speciali in Alabama per un seggio nel Senato federale statunitense, i media nazionali hanno ricordato che entrambi i candidati sostenuti da Donald Trump hanno perso: alle primarie repubblicane, infatti, il presidente aveva appoggiato Luther Strange, sconfitto poi dal candidato che ieri è stato battuto dal democratico Doug Jones.

Saudi Aramco: Usa e Giappone temono cessione quota alla Cina

Il collocamento privato vedrebbe aumentare l'influenza di Pechino in Medio Oriente. E Riad potrebbe usare la transazione per aumentare la pressione sull'Iran

Gli Stati Uniti e il Giappone premono sull'Arabia Saudita affinché porti avanti il suo piano originario di quotare la sua Saudi Arabian Oil Company (Aramco), in quella che potrebbe essere la più grande Ipo di sempre su scala globale. Washington e Tokyo temono che Riad opti per un collocamento privato con cui un gruppo di aziende cinesi controllate dallo Stato potrebbe aggiudicarsi una quota. In base a questo scenario, che Usa e Giappone vorrebbero evitare, la Cina vederebbe crescere il suo peso nel Medio Oriente, dove stanno aumentando le tensioni tra l'Arabia Saudita e l'Iran (alimentata anche dall'amministrazione Trump, contraria per esempio allo storico accordo sul nucleare siglato nel 2015 tra Teheran e le principali potenze mondiali). Lo scrive il Wall Street Journal citando alcune fonti.

Molestie sessuali, monta il pressing su Trump affinché si dimetta

Quattro donne chiedono al Congresso di indagare. Quattro senatori vogliono che il presidente Usa lasci il suo incarico come fatto da politici travolti da accuse simili

Su Donald Trump monta la pressione affinché si dimetta sulla scia delle accuse di molestie sessuali lanciate contro di lui da oltre una decina di donne. Ad esercitarla sono quattro senatori, tre democratici e un indipendente, convinti che il 45esimo presidente americano si debba fare da parte come hanno fatto già tre legislatori, a loro volta travolti da accuse simili. Si tratta del senatore Al Franken e del deputato John Conyers, entrambe democratici, e del deputato repubblicano Trent Franks.

Diplomatica Usa contro Tillerson: "Mi dimetto e le suggerisco di fare lo stesso"

Elizabeth Shackelford: "Il nostro lavoro sminuito, lei non è un leader". Trump preferisce i militari ai diplomatici: al Pentagono la guida dei rapporti esteri, Tillerson criticato e messo ai margini
AP

Ha rassegnato le dimissioni e ha suggerito il segretario di Stato, Rex Tillerson, a seguire il suo esempio: Elizabeth Shackelford, apprezzata diplomatica e "astro nascente del dipartimento di Stato" (secondo la Cnn) ha inviato una lettera molto critica al suo capo, in cui ha scritto che, sotto la sua guida, l'influenza del dipartimento è notevolmente diminuita e il morale dello staff è crollato, anche per "la dolorosa mancanza di rispetto" mostrata dall'amministrazione Trump.

Riforma fiscale sempre più vicina: Trump già festeggia

Trovato un accordo di principio sul testo unico della legislazione. Agevolati i ricchi. Aliquota aziendale al 21% dal 35%
Ap

E' ufficiale. I leader repubblicani di Camera e Senato hanno trovato un accordo di principio sul testo finale della riforma fiscale. Di conseguenza, l'approvazione della maggiore riforma del fisco in Usa dal 1986 si fa un passo più vicina.

Riforma fiscale: democratici chiedono al Gop posticipo del voto finale

Vogliono che si aspetti l'arrivo al Senato di Doug Jones, che ha vinto alle elezione speciali in Alabama

Forti di una inattesa vittoria alle elezioni speciali di ieri in Alabama, una duplice sconfitta per Donald Trump, i democratici premono affinché il voto finale sulla riforma fiscale messa a punto dai repubblicani che controllano il Congresso sia posticipato. La minoranza a Capitol Hill vuole che si aspetti l'insediamento di Doug Jones, il candidato democratico che ha sconfitto Roy Moore nel cosiddetto Yellowhammer State aggiudicandosi il seggio al Senato Usa lasciato libero da Jeff Sessions, diventato segretario alla Giustizia.

Fed verso la terza stretta del 2017. Yellen se ne va a pieni voti

Atteso un rialzo dei tassi di 25 punti base all'1,25-1,5%. Sondaggio Wsj: il 60% degli economisti dà al governatore uscente il giudizio migliore, più del 34% del predecessore Bernanke a fine mandato
AP

Gli investitori non hanno dubbi: domani la Federal Reserve alzerà i tassi per la terza volta nel 2017, la quinta dal giugno 2006. La banca centrale americana, per un paio di mesi guidata ancora da Janet Yellen, ha segnalato una tale mossa in più occasioni. E' da un anno che dice che nell'anno in corso avrebbe compiuto tre aumenti del costo del denaro; inoltre, nei verbali della riunione del 31 ottobre e 1 novembre scorsi, diffusi il 22 novembre scorso, emerse che i membri del braccio di politica monetaria dell'istituto centrale si aspettavano una stretta "nel breve termine".

La Fed alza i tassi per la terza volta nel 2017

Aumento di 25 punti base all'1,25-1,5%, come ampiamento atteso
AP

Gli investitori non avevano giustamente dubbi: la Federal Reserve ha annunciato un aumento dei tassi per la terza volta nel 2017, la quinta dal giugno 2006. E ha confermato le attese per tre strette nel 2018 e due nel 2019.