Fmi: alza stime di crescita mondiale, ma vietato compiacersi, restano rischi "seri"

Quest'anno atteso Pil mondiale +3,6% e nel prossimo anno +3,7% contro un +3,2% registrato nel 2016

Il Fondo monetario internazionale ha alzato leggermente le stime per il 2017 e per il 2018 della crescita globale, con "la ripresa ciclica globale iniziata a metà 2016 che continua a guadagnare forza". L'istituto di Washington tuttavia ha avvertito: sebbene una serie di sviluppi positivi giustifichi una fiducia maggiore, "i legislatori e i mercati non dovrebbero compiacersi". Il motivo? "La ripresa globale potrebbe non essere sostenibile" dal momento che "non tutti i Paesi ne stanno prendendo parte, l'inflazione rimane spesso sotto i target con una crescita debole dei salari e le prospettive di medio termine sono ancora deludenti in molte parti del mondo". Inoltre la ripresa resta vulnerabile a "rischi seri", che nel breve termine sono equilibrati. Ecco perché i legislatori devono sfruttare il momento - un concetto espresso la settimana scorsa dal direttore generale Christine Lagarde - per implementare le riforme strutturali e fiscali necessarie e allo stesso tempo per mantenere una visione di lungo termine.

Nel suo World Economic Outlook - il rapporto sull'economia globale preparato in occasione degli Annual Meetings in corso a Washington, Usa - l'istituto guidato da Christine Lagarde prevede che quest'anno il Pil mondiale cresca del 3,6% e nel prossimo anno del 3,7% contro un +3,2% registrato nel 2016. Si tratta in ambo i casi di un miglioramento dello 0,1% rispetto alle previsioni calcolate nell'aggiornamento al Weo dello scorso luglio ma anche dell'edizione del rapporto dell'aprile precedente. "Solo un anno e mezzo fa, l'economia mondiale era di fronte a una crescita al palo e a una turbolenza dei mercati finanziari. Il quadro ora è molto differente con la crescita che accelera in Europa, Giappone, Cina e Usa", recita il rapporto secondo cui "le condizioni finanziarie restano positive nel mondo e i mercati finanziari sembrano aspettarsi ben poca turbolenza in futuro, anche se la Federal Reserve continua la normalizzazione della sua politica monetaria e la Banca centrale europea prepara la sua".

Nel caso delle economie emergenti, ci dovrebbe essere un +4,6% nel 2017, lo 0,1% in più rispetto a quanto previsto nel Weo primaverile, dopo un +4,3% visto nel 2016. Il passo dell'espansione accelererà nel 2018, quando è atteso un +4,9% (revisione al rialzo anche in questo caso dello 0,1%); a fare da traino è la Cina. Le economie avanzate cresceranno secondo il Fondo del 2,2% quest'anno, lo 0,2% in più dei calcoli di luglio ma dato invariato rispetto a quelli di aprile. Nel 2018 è atteso un +2% (come stimato a inizio anno ma lo 0,1% in più rispetto alle previsioni estive). Il Fondo attribuisce la ripresa dopo il +1,7% del 2016 a una crescita maggiore nell'Eurozona, in Giappone e in Canada.

Ecco i rischi "seri"
Mentre brinda a un'attività economica mondiale che si rafforza, il Fondo fa notare che la ripresa "non è completa" e che ancora esistono rischi "seri" che potrebbero frenare la crescita. L'Fmi riconosce che "la ripresa potrebbe rafforzarsi ulteriormente, grazie a una fiducia forte di aziende e consumatori e a condizioni finanziarie favorevoli". Tuttavia, l'istituzione guidata da Lagarde avverte: in un contesto caratterizzato da una incertezza politica notevole e da tensioni geopolitiche, passi falsi in termini di politica economica (che comunque esclude dal suo scenario di base) "potrebbero pesare sulla fiducia dei mercati risultando in condizioni finanziarie più stringenti e in prezzi degli asset più bassi". Tra i rischi al ribasso citati dal Fondo ci sono un restringimento "più rapido e notevole" delle condizioni finanziarie, tensioni finanziarie nelle economie dei mercati emergenti che potrebbero arrivare per esempio da un forte rallentamento della Cina e un'inflazione che resta bassa nelle economie avanzate. Senza citarlo apertamente, l'Fmi manda un messaggio al presidente americano Donald Trump intenzionato a smantellare la riforma finanziaria del 2010 (la Dodd-Frank): "Un passo indietro" rispetto ai miglioramenti fatti nella regolamentazione e nella supervisione finanziaria dai tempi della Grande Recessione "potrebbe abbassare i cuscinetti di capitale e liquidità o indebolire l'efficacia della supervisione con ripercussioni negative per la stabilità finanziaria globale".

Altro rischio citato dal Fondo è un movimento delle politiche economiche nazionali verso il protezionismo, cosa che "ridurrebbe il commercio e il flusso degli investimenti transnazionali andando a ledere la crescita globale". Ci sono poi fattori non economici da prendere in considerazione tra cui "le tensioni geopolitiche, disaccordi politici interni a un Paese, rischi di una governance debole e di corruzione, eventi climatici estremi, terrorismo e preoccupazioni alla sicurezza". Tutti questi fattori potrebbero fare deragliare la crescita, anche perché sono "interconnessi e potrebbero rafforzarsi a vicenda". Alla luce di tutto questo il Fondo torna a consigliare l'adozione di politiche che facciano crescere la produttività e la forza lavoro; ribadisce l'importanza di politiche monetarie accomodanti laddove l'inflazione non ha raggiunto i target predefiniti; e spinge affinché la cooperazione internazionale venga rafforzata. In questo caso, oltre a evitare politiche protezioniste, la ricetta del Fondo prevede sforzi comuni per salvaguardare la stabilità finanziaria globale, per ottenere sistemi tributari equi, un sostegno continuo alle nazioni a basso reddito e un adattamento al cambiamento climatico.

Altri Servizi

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

McMaster contro Iran, Siria e Russia alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco

Il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense chiede di "agire contro Teheran". Assad "usa ancora armi chimiche" contro la popolazione, mentre le prove sulle interferenze di Mosca nelle elezioni presidenziali sono "incontrovertibili"
Ap

Google non ha violato le leggi sul lavoro licenziando l'ingegnere sessista

Il National Labor Relations Board ha dato torto a James Damore, che ora punta tutto su una class action contro il colosso tech: "Discrimina gli uomini bianchi e conservatori come me"
iStock

Mueller: la Russia ha condotto una guerra informatica contro gli Usa

Lo scopo: favorire Trump e Sanders con migliaia di troll, pubblicità e interferenze nella campagna elettorale. Facebook e Twitter chiudono in rosso a Wall Street
AP

Strage in Florida, l'Fbi: "Avvertiti sul killer, ma non abbiamo agito"

Il Federal Bureau aveva ricevuto una segnalazione da una persona vicina a Cruz sul suo "desiderio di uccidere"

Il dip.Commercio a Trump: imponiamo dazi e quote su alluminio e acciaio

La Casa Bianca ha tempo fino ad aprile per prendere una decisione

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Black Panther come Star Wars, stime da record per incassi

Uscito oggi negli Stati Uniti (il 14 febbraio in Italia), potrebbe diventare un altro dei grandi successi di Walt Disney. Il titolo del film è stato il più twittato del 2018, ha superato tutte le prevendite sulle piattaforme americane Imax e Amc.
AP