Fmi: alza stime di crescita mondiale, ma vietato compiacersi, restano rischi "seri"

Quest'anno atteso Pil mondiale +3,6% e nel prossimo anno +3,7% contro un +3,2% registrato nel 2016

Il Fondo monetario internazionale ha alzato leggermente le stime per il 2017 e per il 2018 della crescita globale, con "la ripresa ciclica globale iniziata a metà 2016 che continua a guadagnare forza". L'istituto di Washington tuttavia ha avvertito: sebbene una serie di sviluppi positivi giustifichi una fiducia maggiore, "i legislatori e i mercati non dovrebbero compiacersi". Il motivo? "La ripresa globale potrebbe non essere sostenibile" dal momento che "non tutti i Paesi ne stanno prendendo parte, l'inflazione rimane spesso sotto i target con una crescita debole dei salari e le prospettive di medio termine sono ancora deludenti in molte parti del mondo". Inoltre la ripresa resta vulnerabile a "rischi seri", che nel breve termine sono equilibrati. Ecco perché i legislatori devono sfruttare il momento - un concetto espresso la settimana scorsa dal direttore generale Christine Lagarde - per implementare le riforme strutturali e fiscali necessarie e allo stesso tempo per mantenere una visione di lungo termine.

Nel suo World Economic Outlook - il rapporto sull'economia globale preparato in occasione degli Annual Meetings in corso a Washington, Usa - l'istituto guidato da Christine Lagarde prevede che quest'anno il Pil mondiale cresca del 3,6% e nel prossimo anno del 3,7% contro un +3,2% registrato nel 2016. Si tratta in ambo i casi di un miglioramento dello 0,1% rispetto alle previsioni calcolate nell'aggiornamento al Weo dello scorso luglio ma anche dell'edizione del rapporto dell'aprile precedente. "Solo un anno e mezzo fa, l'economia mondiale era di fronte a una crescita al palo e a una turbolenza dei mercati finanziari. Il quadro ora è molto differente con la crescita che accelera in Europa, Giappone, Cina e Usa", recita il rapporto secondo cui "le condizioni finanziarie restano positive nel mondo e i mercati finanziari sembrano aspettarsi ben poca turbolenza in futuro, anche se la Federal Reserve continua la normalizzazione della sua politica monetaria e la Banca centrale europea prepara la sua".

Nel caso delle economie emergenti, ci dovrebbe essere un +4,6% nel 2017, lo 0,1% in più rispetto a quanto previsto nel Weo primaverile, dopo un +4,3% visto nel 2016. Il passo dell'espansione accelererà nel 2018, quando è atteso un +4,9% (revisione al rialzo anche in questo caso dello 0,1%); a fare da traino è la Cina. Le economie avanzate cresceranno secondo il Fondo del 2,2% quest'anno, lo 0,2% in più dei calcoli di luglio ma dato invariato rispetto a quelli di aprile. Nel 2018 è atteso un +2% (come stimato a inizio anno ma lo 0,1% in più rispetto alle previsioni estive). Il Fondo attribuisce la ripresa dopo il +1,7% del 2016 a una crescita maggiore nell'Eurozona, in Giappone e in Canada.

Ecco i rischi "seri"
Mentre brinda a un'attività economica mondiale che si rafforza, il Fondo fa notare che la ripresa "non è completa" e che ancora esistono rischi "seri" che potrebbero frenare la crescita. L'Fmi riconosce che "la ripresa potrebbe rafforzarsi ulteriormente, grazie a una fiducia forte di aziende e consumatori e a condizioni finanziarie favorevoli". Tuttavia, l'istituzione guidata da Lagarde avverte: in un contesto caratterizzato da una incertezza politica notevole e da tensioni geopolitiche, passi falsi in termini di politica economica (che comunque esclude dal suo scenario di base) "potrebbero pesare sulla fiducia dei mercati risultando in condizioni finanziarie più stringenti e in prezzi degli asset più bassi". Tra i rischi al ribasso citati dal Fondo ci sono un restringimento "più rapido e notevole" delle condizioni finanziarie, tensioni finanziarie nelle economie dei mercati emergenti che potrebbero arrivare per esempio da un forte rallentamento della Cina e un'inflazione che resta bassa nelle economie avanzate. Senza citarlo apertamente, l'Fmi manda un messaggio al presidente americano Donald Trump intenzionato a smantellare la riforma finanziaria del 2010 (la Dodd-Frank): "Un passo indietro" rispetto ai miglioramenti fatti nella regolamentazione e nella supervisione finanziaria dai tempi della Grande Recessione "potrebbe abbassare i cuscinetti di capitale e liquidità o indebolire l'efficacia della supervisione con ripercussioni negative per la stabilità finanziaria globale".

Altro rischio citato dal Fondo è un movimento delle politiche economiche nazionali verso il protezionismo, cosa che "ridurrebbe il commercio e il flusso degli investimenti transnazionali andando a ledere la crescita globale". Ci sono poi fattori non economici da prendere in considerazione tra cui "le tensioni geopolitiche, disaccordi politici interni a un Paese, rischi di una governance debole e di corruzione, eventi climatici estremi, terrorismo e preoccupazioni alla sicurezza". Tutti questi fattori potrebbero fare deragliare la crescita, anche perché sono "interconnessi e potrebbero rafforzarsi a vicenda". Alla luce di tutto questo il Fondo torna a consigliare l'adozione di politiche che facciano crescere la produttività e la forza lavoro; ribadisce l'importanza di politiche monetarie accomodanti laddove l'inflazione non ha raggiunto i target predefiniti; e spinge affinché la cooperazione internazionale venga rafforzata. In questo caso, oltre a evitare politiche protezioniste, la ricetta del Fondo prevede sforzi comuni per salvaguardare la stabilità finanziaria globale, per ottenere sistemi tributari equi, un sostegno continuo alle nazioni a basso reddito e un adattamento al cambiamento climatico.

Altri Servizi

Bill O'Reilly pagò 32 milioni per fermare denuncia molestie. E Fox gli rinnovò il contratto

Un nuovo caso che coinvolge il super presentatore del network conservatore, il sesto dopo i cinque già noti. I vertici del gruppo sapevano

A gennaio del 2017 il presentatore di Fox, Bill O'Reilly, pagò 32 milioni di dollari per patteggiare una causa di violenza sessuale su una analista del network. Poco dopo il canale conservatore gli rinnovò il contratto per 3 anni pagandolo 25 milioni all'anno, pur sapendo che aveva appena pagato la somma per fermare il processo.

John Kelly e la reputazione corrotta da Donald Trump

Un'altra vittima del presidente americano, che rischia di perdere ogni credibilità. Soprattutto dopo l'enorme bugia raccontata sul conto di una deputata afroamericana del partito democratico
AP

Lavorare per Donald Trump significa fare un sacrificio. Questo assunto è così vero che nei primi mesi di presidenza, sono stati pubblicati diversi articoli per raccontare come Trump facesse fatica a riempire i posti, soprattutto quelli che richiedono competenze e un curriculum di alto livello. Il rischio? Vedere infangata la propria reputazione e non trovare più lavoro in futuro.

Brexit: Blankfein (Goldman) pensa a Francoforte

Il Ceo della banca Usa dice in un tweet che trascorrerà più tempo nella capitale finanziaria tedesca. Messaggio diretto al premier britannico Theresa May?
AP

Con un semplice tweet, il Ceo di Goldman Sachs ha ventilato l'ipotesi di un trasferimento di gran parte delle attività della banca di Wall Street da Londra a Francoforte. Sarebbe l'effetto provocato dalla Brexit.

Trump pubblicherà gli ultimi documenti segreti sulla morte di Kennedy

Lo ha annunciato su Twitter sabato mattina nonostante alcune agenzie federali gli abbiano consigliato di non declassificarli
JFK Library

Fuori dalla Casa Bianca, Bannon è sempre più vicino a Trump

Il Washington Post racconta come l'ex super consigliere del presidente americano si senta costantemente più volte ogni settimana con Trump. Anche se il rischio di uno scontro nelle elezioni di Midterm continua a esserci
AP

Fitch: luci e ombre sull'Italia, ripresa in corso ma rischi politici all'orizzone

L'agenzia lascia il rating a "BBB" con outlook "stabile". Debito pubblico e npl alti. Crescita lenta: nel 2019 il Pil italiano sarà ancora il 4% al di sotto del livello 2007

I favoriti da Trump per il vertice della Fed sembrano Taylor e Powell

Si tratta, rispettivamente, di un economista di Stanford giudicato come un 'falco' e dell'attuale membro del board della banca centrale Usa, visto come una sorta di 'colomba'. Yellen non ancora fuori dai giochi
John Taylor

Trump esulta, ma la strada per la riforma fiscale è ancora lunga

I repubblicani sperano di farcela per la fine dell'anno, ma dovranno superare le divisioni interne
AP

Fed: il Wsj fa il tifo per i falchi, il prossimo governatore sia Taylor o Warsh

In un editoriale, il giornale chiede al presidente Donald Trump una "voce fresca" al vertice della banca centrale Usa
Kevin Warsh AP

Microsoft entra (in ritardo) nel mercato degli speaker per la casa

Il gruppo informatico lo fa con Invoke, quasi tre anni dopo il lancio da parte della rivale Amazon di Echo. Google lo ha fatto un anno e mezzo fa
Microsoft