Fmi: alza stime di crescita mondiale, ma vietato compiacersi, restano rischi "seri"

Quest'anno atteso Pil mondiale +3,6% e nel prossimo anno +3,7% contro un +3,2% registrato nel 2016

Il Fondo monetario internazionale ha alzato leggermente le stime per il 2017 e per il 2018 della crescita globale, con "la ripresa ciclica globale iniziata a metà 2016 che continua a guadagnare forza". L'istituto di Washington tuttavia ha avvertito: sebbene una serie di sviluppi positivi giustifichi una fiducia maggiore, "i legislatori e i mercati non dovrebbero compiacersi". Il motivo? "La ripresa globale potrebbe non essere sostenibile" dal momento che "non tutti i Paesi ne stanno prendendo parte, l'inflazione rimane spesso sotto i target con una crescita debole dei salari e le prospettive di medio termine sono ancora deludenti in molte parti del mondo". Inoltre la ripresa resta vulnerabile a "rischi seri", che nel breve termine sono equilibrati. Ecco perché i legislatori devono sfruttare il momento - un concetto espresso la settimana scorsa dal direttore generale Christine Lagarde - per implementare le riforme strutturali e fiscali necessarie e allo stesso tempo per mantenere una visione di lungo termine.

Nel suo World Economic Outlook - il rapporto sull'economia globale preparato in occasione degli Annual Meetings in corso a Washington, Usa - l'istituto guidato da Christine Lagarde prevede che quest'anno il Pil mondiale cresca del 3,6% e nel prossimo anno del 3,7% contro un +3,2% registrato nel 2016. Si tratta in ambo i casi di un miglioramento dello 0,1% rispetto alle previsioni calcolate nell'aggiornamento al Weo dello scorso luglio ma anche dell'edizione del rapporto dell'aprile precedente. "Solo un anno e mezzo fa, l'economia mondiale era di fronte a una crescita al palo e a una turbolenza dei mercati finanziari. Il quadro ora è molto differente con la crescita che accelera in Europa, Giappone, Cina e Usa", recita il rapporto secondo cui "le condizioni finanziarie restano positive nel mondo e i mercati finanziari sembrano aspettarsi ben poca turbolenza in futuro, anche se la Federal Reserve continua la normalizzazione della sua politica monetaria e la Banca centrale europea prepara la sua".

Nel caso delle economie emergenti, ci dovrebbe essere un +4,6% nel 2017, lo 0,1% in più rispetto a quanto previsto nel Weo primaverile, dopo un +4,3% visto nel 2016. Il passo dell'espansione accelererà nel 2018, quando è atteso un +4,9% (revisione al rialzo anche in questo caso dello 0,1%); a fare da traino è la Cina. Le economie avanzate cresceranno secondo il Fondo del 2,2% quest'anno, lo 0,2% in più dei calcoli di luglio ma dato invariato rispetto a quelli di aprile. Nel 2018 è atteso un +2% (come stimato a inizio anno ma lo 0,1% in più rispetto alle previsioni estive). Il Fondo attribuisce la ripresa dopo il +1,7% del 2016 a una crescita maggiore nell'Eurozona, in Giappone e in Canada.

Ecco i rischi "seri"
Mentre brinda a un'attività economica mondiale che si rafforza, il Fondo fa notare che la ripresa "non è completa" e che ancora esistono rischi "seri" che potrebbero frenare la crescita. L'Fmi riconosce che "la ripresa potrebbe rafforzarsi ulteriormente, grazie a una fiducia forte di aziende e consumatori e a condizioni finanziarie favorevoli". Tuttavia, l'istituzione guidata da Lagarde avverte: in un contesto caratterizzato da una incertezza politica notevole e da tensioni geopolitiche, passi falsi in termini di politica economica (che comunque esclude dal suo scenario di base) "potrebbero pesare sulla fiducia dei mercati risultando in condizioni finanziarie più stringenti e in prezzi degli asset più bassi". Tra i rischi al ribasso citati dal Fondo ci sono un restringimento "più rapido e notevole" delle condizioni finanziarie, tensioni finanziarie nelle economie dei mercati emergenti che potrebbero arrivare per esempio da un forte rallentamento della Cina e un'inflazione che resta bassa nelle economie avanzate. Senza citarlo apertamente, l'Fmi manda un messaggio al presidente americano Donald Trump intenzionato a smantellare la riforma finanziaria del 2010 (la Dodd-Frank): "Un passo indietro" rispetto ai miglioramenti fatti nella regolamentazione e nella supervisione finanziaria dai tempi della Grande Recessione "potrebbe abbassare i cuscinetti di capitale e liquidità o indebolire l'efficacia della supervisione con ripercussioni negative per la stabilità finanziaria globale".

Altro rischio citato dal Fondo è un movimento delle politiche economiche nazionali verso il protezionismo, cosa che "ridurrebbe il commercio e il flusso degli investimenti transnazionali andando a ledere la crescita globale". Ci sono poi fattori non economici da prendere in considerazione tra cui "le tensioni geopolitiche, disaccordi politici interni a un Paese, rischi di una governance debole e di corruzione, eventi climatici estremi, terrorismo e preoccupazioni alla sicurezza". Tutti questi fattori potrebbero fare deragliare la crescita, anche perché sono "interconnessi e potrebbero rafforzarsi a vicenda". Alla luce di tutto questo il Fondo torna a consigliare l'adozione di politiche che facciano crescere la produttività e la forza lavoro; ribadisce l'importanza di politiche monetarie accomodanti laddove l'inflazione non ha raggiunto i target predefiniti; e spinge affinché la cooperazione internazionale venga rafforzata. In questo caso, oltre a evitare politiche protezioniste, la ricetta del Fondo prevede sforzi comuni per salvaguardare la stabilità finanziaria globale, per ottenere sistemi tributari equi, un sostegno continuo alle nazioni a basso reddito e un adattamento al cambiamento climatico.

Altri Servizi

Ok dei repubblicani al testo unificato della riforma fiscale. Il plauso di Trump: rispettiamo promesse

L'approvazione finale potrebbe arrivare già mercoledì. L'aliquota per le imprese dal 35 al 21%
AP

I repubblicani della Camera e del Senato hanno raggiunto un accordo su un testo congiunto per la controversa riforma fiscale voluta dal presidente americano Donald Trump, che, tra le altre cose, riduce l'aliquota per le imprese dal 35 al 21%. A rendere possibile l'accordo, un testo da 500 pagine e 1.500 miliardi di dollari, è stato il via libera di due senatori che finora avevano espresso riserve, Marco Rubio e Bob Corker. Il testo prevede anche l'abolizione del cosiddetto "individual mandate", ovvero l'obbligo di assicurazione sanitaria per tutti previsto dall'Obamacare.

Lo chef Mario Batali accusato di molestie sessuali

Si prende una pausa dai suoi ristoranti e da Eataly USA. Abc gli toglie la conduzione di "The Chew". Food Network ha sospeso il rilancio della trasmissione "Molto Mario"
America24

Dopo Hollywood, la Silicon Valley e Capitol Hill anche il mondo della ristorazione è stato colpito dallo scandalo di molestie sessuali. Quattro donne hanno accusato Mario Batali, uno degli chef più celebri di New York; famoso per i suoi capelli rossi e le Crocs arancioni ai piedi, è il cuoco che ha cucinato l'ultima cena di stato alla Casa Bianca dell'era Obama, quella che aveva come ospite d'onore l'ex presidente del consiglio Matteo Renzi. Ed è uno dei soci di minoranza di Eataly USA, la mecca americana del cibo Made in Italy. Al di fuori degli Stati Uniti, il nome del 51enne Batali non è associato a quello della controllante Eataly, gruppo italiano fondato da Oscar Farinetti (che ne è l'azionista di maggioranza). Il cuoco non ha mai ricoperto alcun ruolo operativo nella galassia Eataly.

Apple compra Shazam, la app per riconoscere le canzoni

Il valore della transazione non è stato svelato

Dopo le indiscrezioni, sono arrivate le conferme: Apple acquista Shazam, la app per riconoscere le canzoni.

Diplomatica Usa contro Tillerson: "Mi dimetto e le suggerisco di fare lo stesso"

Elizabeth Shackelford: "Il nostro lavoro sminuito, lei non è un leader". Trump preferisce i militari ai diplomatici: al Pentagono la guida dei rapporti esteri, Tillerson criticato e messo ai margini
AP

Ha rassegnato le dimissioni e ha suggerito il segretario di Stato, Rex Tillerson, a seguire il suo esempio: Elizabeth Shackelford, apprezzata diplomatica e "astro nascente del dipartimento di Stato" (secondo la Cnn) ha inviato una lettera molto critica al suo capo, in cui ha scritto che, sotto la sua guida, l'influenza del dipartimento è notevolmente diminuita e il morale dello staff è crollato, anche per "la dolorosa mancanza di rispetto" mostrata dall'amministrazione Trump.

Visa: una email anonima al Ceo porta al licenziamento di un top manager rubacuòri

Avrebbe scritto una email giudicata inopportuna a una dipendente di più basso livello

L'obiettivo di Trump e del Gop: convincere l'America che la riforma fiscale è pensata per la classe media

Così non è. Tra i principali beneficiari ci sono grandi aziende e milionari come il presidente. Mentre il provvedimento sta per essere approvato, torna il rischio di uno shutdown
AP

Putin ringrazia Trump: con aiuto Cia, sventati attacchi a San Pietroburgo

Seconda telefonata in quattro giorni tra i due leader
AP

Trump è il presidente Usa meno apprezzato dopo un anno di mandato

Sempre più elettori vogliono che il Congresso torni a essere controllato dai democratici. Lui si prepara a una campagna elettorale in giro per la nazione
AP

Repubblicani accusati di architettare uno scandalo email a danno di Mueller

Sostengono che il procuratore speciale abbia ottenuto illecitamente documenti scambiati dal transition team di Trump; vogliono gettare cattiva luce sull'inchiesta Russiagate
AP

Trump presenta lunedì strategia sicurezza nazionale. Cina sarà accusata di aggressione economica

Secondo varie fonti informate sul dossier, Trump proporrà una posizione molto più dura nei confronti della Cina rispetto a quanto fatto dalle precedenti amministrazioni.
White House