Fmi: Bitcoin non minaccia valute tradizionali ma "non saggio" ignorarne sviluppi

Il direttore generale dell'istituto Christine Lagarde, da Londra, si inserisce nel dibattito iniziato dal Ceo di JPM, secondo cui la criptovaluta è una "frode". Esseri umani necessari anche con intelligenza artificiale
IMF

Le valute virtuali come Bitcoin "per ora pongono ben poche sfide all'ordine esistente di valute e alle banche centrali" ma "non è saggio" ignorarle. Lo ha detto Christine Lagarde, direttore generale del Fondo monetario internazionale. Inserendosi nel dibattito su questo asset, l'ex ministro francese delle Finanze sembra essersi schierata dalla parte del Ceo di Morgan Stanley e non di quello di JP Morgan e del "lupo di Wall Street". Secondo il primo, James Gorman, Bitcoin "è di sicuro più di una moda passeggera...il concetto di valuta anonima è interessante". Per il secondo, Jamie Dimon, la valuta digitale è una "frode" che farà una "brutta fine". Per Jordan Belfort, l'uomo che ha ispirato il film del 2013 "The Wolf of Wall Street" di Martin Scorsese con Leonardo di Caprio, Dimon ha ragione perché Bitcoin "non è un gran modello" ma lui ha precisato: "Se una criptovaluta dimostra una visibilità nel lungo termine, sarà probabilmente quella appoggiata da una banca centrale".

Nel suo discorso preparato per la conferenza a Londra della Bank of England intitolata "Central Banking and Fintech—A Brave New World?", Lagarde ha fatto capire che secondo lei le criptovalute non sostituiranno le valute tradizionali perché "sono troppo volatili, troppo rischiose e richiedono troppe energie. Molte sono troppo opache per i regolatori e alcune hanno subito attacchi hacker". Ma molte delle criticità tecnologiche citate saranno superate. Lagarde ha voluto ricordare che "non troppo tempo fa, alcuni esperti sostenevano che i pc non sarebbero mai stati adottati e che i tablet sarebbero stati usati solo come vassoi costosi per il caffè".

Il d.g. del Fondo ha invitato a pensare ai Paesi con valute instabili e con istituzioni deboli. "Invece che adottare la valuta di un'altra nazione, come il dollaro americano, alcune di queste economie potrebbero vedere un crescente uso delle valute virtuali. Chiamatela 'Dollarizzazione 2.0'", ha detto.

Secondo Lagarde, "un giorno" i cittadini potrebbero detenere valute virtuali al posto di dollari, euro e sterline "perché potrebbe essere più facile e più sicuro che ottenere banconote, specialmente nelle regioni remote. E perché le valute virtuali potrebbero diventare più stabili". La loro emissione "potrebbe essere finalmente trasparente, governata da regole credibili e pre-definite e da un algoritmo che può essere monitorato".

Per il momento, ha concluso il numero uno del Fondo, "la risposta migliore da parte dei banchieri centrali è continuare ad attuare una politica monetaria efficace e allo stesso tempo essere aperti a nuove idee e nuove domande con l'evolversi delle economie".

Esseri umani necessari anche con intelligenza artificiale
Nel suo discorso Lagarde ha affrontato anche le implicazioni dell'AI e di nuovi modelli di intermediazione finanziaria. Sul primo fronte, ha spiegato che nonostante i progressi "immensi" dell'intelligenza artificiale (AI) e il suo ruolo sempre più diffuso, "gli umani saranno ancora necessari". Secondo lei "nella prossima generazione, le macchine giocheranno quasi certamente un ruolo maggiore, nell'assistere i legislatori e banchieri centrali, offrendo stime in tempo reale, individuando bolle e portando alla luce legami micro-finanziari complessi". Tuttavia, stando al d.g. dell'istituto di Washington "anche con i migliori algoritmi e con le migliori macchine, i target non verranno centrati, le crisi si verificheranno, errori verranno fatti". Per questo lei "non vede le macchine prendere il controllo della politica monetaria". 

Nuovi modelli di intermediazione finanziaria
In riferimento alla domanda da lei posta all'inizio della parte del discorso su questo argomento ("nel 2040 il governatore della Bank of England entrerà nella sede dell'istituto per lucidare una macchina che determina la politica monetaria?"), Lagarde ha detto: in quell'anno, il governatore che entrerà nella BoE sarà in carne e ossa e dietro la porta d'ingresso troverà persone, almeno alcune".

Quanto all'intermediazione finanziaria, nuovi modelli risulteranno da una possibile frammentazione dei servizi bancari esistenti. "Questo significa che più gruppi dovranno essere regolati e che la regolamentazione in sé dovrà evolvere", ha spiegato Lagarde secondo cui "l'indipendenza - almeno nel determinare la politica monetaria - avrà bisogno di ulteriori difese e richiederà una comunicazione ancora più chiara".

Il "nuovo mondo" alla Shakespeare
Lagarde ha concluso dicendo che "per molti questo nuovo mondo delle banche centrali è meno Mary Poppins e più Aldous Huxley: un 'mondo nuovo'", come quello descritto nel romanzo di fantascienza di genere distopico "Brave New World" del 1932 dello scrittore britannico. Per il numero uno del Fondo è meglio pensare a un altro "Brave New World" (espressione che richiama il titolo della conferenza odierna alla BoE), quello evocato da Shakespeare in "La tempesta". Lagarde crede che "in quanto individui e comunità, abbiamo la capacità di dare forma al futuro tecnologico ed economico in modo che funzioni per tutti. Abbiamo la responsabilità di farlo funzionare".

Altri Servizi

Wall Street punta a nuovi record

Oggi trimestrale di Citigroup alle 8 (le 14 in Italia). Fiat Chrysler Automobiles presenta un nuovo Cherokee (Suv di Jeep) alle 8:30 (le 14:30 in Italia)
AP

Wall Street chiusa per il Martin Luther King Day

Non sono in calendario dati e trimestrali, riflettori puntati sul salone dell'Auto di Detroit
AP

Spotify vuole rivoluzionare le Ipo a Wall Street: per banche commissioni più basse

I tre adviser di Spotify, Goldman Sachs, Morgan Stanley e Allen & Co, si divideranno probabilmente commissioni per 30 milioni di dollari, cifra che potrebbe cambiare in base alle dimensioni della società al momento del debutto e al successo della quotazio
iStock

Spotify ha rivoluzionato il mondo della musica con il proprio servizio di streaming. Ora la società svedese si prepara a fare lo stesso anche con Wall Street: le banche che stanno lavorando alla quotazione del gruppo, che seguirà una procedura inconsueta, riceveranno commissioni molto più basse rispetto a quelle consuete.

Per Astaldi contratto da 108 milioni di dollari per costruire una tratta autostradale in Usa

È prevista la costruzione di 8 chilometri di nuova autostrada lungo il tracciato State Road 429–State Road 46 (Wekiva Parkway, Sezione 7A), compresi 12 ponti e tutte le opere connesse.

Contratto negli Stati Uniti per Astaldi. La società, uno dei principali contractor in Italia e tra i primi 25 a livello europeo nel settore delle costruzioni, si è aggiudicata un appalto da 108 milioni di dollari per la realizzazione di una tratta dell'autostrada Wekiva Parkway, in Florida.

La nipote di Martin Luther King difende Trump: "Non è razzista e le sue politiche aiutano gli afroamericani"

Nel giorno in cui si festeggia negli Stati Uniti il Martin Luther King Day, la figlia del fratello minore del premio Nobel per la Pace difende il presidente, che dice: "Il sogno di Martin Luther King è il nostro sogno, è il sogno americano".

La nipote di Martin Luther King difende Donald Trump. Alveda King, figlia del fratello minore del premio Nobel per la Pace, ex deputata democratica statale in Georgia e ora dichiaratamente repubblicana e collaboratrice di Fox News, ha preso le parti del presidente degli Stati Uniti, sottolineando le opportunità economiche che sta dando agli afroamericani.

General Electric: oneri 6,2 mld $ in IV trim. su revisione attività assicurative

Al lordo delle tasse l'onere è di 9,5 miliardi (con la nuova aliquota fiscale passata dal 35 al 21% con la riforma voluta da Donald Trump la cifra scenderebbe a 7,5 miliardi).
General Electric

General Electric ha fatto sapere che la revisione di North American Life & Health, il portafoglio assicurativo in run-off di Ge Capital, porterà a oneri straordinari per 6,2 miliardi di dollari al netto delle tasse nel quarto trimestre. Al lordo delle tasse l'onere è di 9,5 miliardi (con la nuova aliquota fiscale passata dal 35 al 21% con la riforma voluta da Donald Trump la cifra scenderebbe a 7,5 miliardi).

Trump all'attacco: non sono razzista, su immigrazione democratici mi ostacolano

Il presidente ha spiegato di voler concludere un accordo sull'immigrazione, ma di essere ostacolato dagli avversari democratici: "Noi siamo pronti, desiderosi e capaci di ottenere un accordo sui Daca", ha detto.
AP

"Non sono razzista. Sono la persona meno razzista che abbiate intervistato, questo lo posso dire per certo". Donald Trump, parlando dalla Florida, prova ancora a gettare acqua sul fuoco delle polemiche, come aveva già fatto venerdì, e a placare il vespaio scatenato da alcune sue presunte frasi molto poco "politically correct" su Paesi come Haiti riportate la settimana scorsa dal Washington Post.

Gli Usa vogliono due nuove armi nucleari per contrastare Russia e Cina

A breve, sarà pubblicata una revisione della strategia nucleare statunitense
Shutterstock

Gli Stati Uniti hanno intenzione di sviluppare due nuovi armi nucleari per rispondere alle crescenti capacità militari di Cina e Russia. È quanto emerge dalla revisione della strategia nucleare del dipartimento della Difesa.

Citigroup: perdite nette 18,3 miliardi, pesano oneri per 22 miliardi per riforma fiscale

Nell'intero 2017 il giro d'affari è salito del 2% a 71,449 miliardi di dollari. L'onere straordinario legato alla riforma fiscale ha pesato anche sui profitti dell'intero anno: Citigroup ha messo a segno perdite nette per 6,204 miliardi.
iStock

Nel quarto trimestre Citigroup ha virato in rosso, riportando perdite nette per poco meno di 18,3 miliardi di dollari. Come si legge in una nota, hanno pesato oneri straordinari per 22 miliardi di dollari, legati al cambiamento della regolamentazione previsto dalla riforma fiscale voluta dal presidente Donald Trump.

SpaceX difende il lancio di un satellite top secret Usa, giallo su sua scomparsa

Si chiama Zuma ed è stato prodotto da Northrop Grumman. L'azienda di Elon Musk: tutto è stato fatto correttamente
AP

Space Exploration Technologies (SpaceX), il gruppo aerospaziale del fondatore di Tesla Elon Musk, ha detto di avere fatto tutto correttamente quando domenica scorsa ha lanciato un satellite spia per conto del governo americano; eppure si intensifica il giallo sull'apparente scomparsa del satellite stesso, nome in codice Zuma.