Fmi: Bitcoin non minaccia valute tradizionali ma "non saggio" ignorarne sviluppi

Il direttore generale dell'istituto Christine Lagarde, da Londra, si inserisce nel dibattito iniziato dal Ceo di JPM, secondo cui la criptovaluta è una "frode". Esseri umani necessari anche con intelligenza artificiale
IMF

Le valute virtuali come Bitcoin "per ora pongono ben poche sfide all'ordine esistente di valute e alle banche centrali" ma "non è saggio" ignorarle. Lo ha detto Christine Lagarde, direttore generale del Fondo monetario internazionale. Inserendosi nel dibattito su questo asset, l'ex ministro francese delle Finanze sembra essersi schierata dalla parte del Ceo di Morgan Stanley e non di quello di JP Morgan e del "lupo di Wall Street". Secondo il primo, James Gorman, Bitcoin "è di sicuro più di una moda passeggera...il concetto di valuta anonima è interessante". Per il secondo, Jamie Dimon, la valuta digitale è una "frode" che farà una "brutta fine". Per Jordan Belfort, l'uomo che ha ispirato il film del 2013 "The Wolf of Wall Street" di Martin Scorsese con Leonardo di Caprio, Dimon ha ragione perché Bitcoin "non è un gran modello" ma lui ha precisato: "Se una criptovaluta dimostra una visibilità nel lungo termine, sarà probabilmente quella appoggiata da una banca centrale".

Nel suo discorso preparato per la conferenza a Londra della Bank of England intitolata "Central Banking and Fintech—A Brave New World?", Lagarde ha fatto capire che secondo lei le criptovalute non sostituiranno le valute tradizionali perché "sono troppo volatili, troppo rischiose e richiedono troppe energie. Molte sono troppo opache per i regolatori e alcune hanno subito attacchi hacker". Ma molte delle criticità tecnologiche citate saranno superate. Lagarde ha voluto ricordare che "non troppo tempo fa, alcuni esperti sostenevano che i pc non sarebbero mai stati adottati e che i tablet sarebbero stati usati solo come vassoi costosi per il caffè".

Il d.g. del Fondo ha invitato a pensare ai Paesi con valute instabili e con istituzioni deboli. "Invece che adottare la valuta di un'altra nazione, come il dollaro americano, alcune di queste economie potrebbero vedere un crescente uso delle valute virtuali. Chiamatela 'Dollarizzazione 2.0'", ha detto.

Secondo Lagarde, "un giorno" i cittadini potrebbero detenere valute virtuali al posto di dollari, euro e sterline "perché potrebbe essere più facile e più sicuro che ottenere banconote, specialmente nelle regioni remote. E perché le valute virtuali potrebbero diventare più stabili". La loro emissione "potrebbe essere finalmente trasparente, governata da regole credibili e pre-definite e da un algoritmo che può essere monitorato".

Per il momento, ha concluso il numero uno del Fondo, "la risposta migliore da parte dei banchieri centrali è continuare ad attuare una politica monetaria efficace e allo stesso tempo essere aperti a nuove idee e nuove domande con l'evolversi delle economie".

Esseri umani necessari anche con intelligenza artificiale
Nel suo discorso Lagarde ha affrontato anche le implicazioni dell'AI e di nuovi modelli di intermediazione finanziaria. Sul primo fronte, ha spiegato che nonostante i progressi "immensi" dell'intelligenza artificiale (AI) e il suo ruolo sempre più diffuso, "gli umani saranno ancora necessari". Secondo lei "nella prossima generazione, le macchine giocheranno quasi certamente un ruolo maggiore, nell'assistere i legislatori e banchieri centrali, offrendo stime in tempo reale, individuando bolle e portando alla luce legami micro-finanziari complessi". Tuttavia, stando al d.g. dell'istituto di Washington "anche con i migliori algoritmi e con le migliori macchine, i target non verranno centrati, le crisi si verificheranno, errori verranno fatti". Per questo lei "non vede le macchine prendere il controllo della politica monetaria". 

Nuovi modelli di intermediazione finanziaria
In riferimento alla domanda da lei posta all'inizio della parte del discorso su questo argomento ("nel 2040 il governatore della Bank of England entrerà nella sede dell'istituto per lucidare una macchina che determina la politica monetaria?"), Lagarde ha detto: in quell'anno, il governatore che entrerà nella BoE sarà in carne e ossa e dietro la porta d'ingresso troverà persone, almeno alcune".

Quanto all'intermediazione finanziaria, nuovi modelli risulteranno da una possibile frammentazione dei servizi bancari esistenti. "Questo significa che più gruppi dovranno essere regolati e che la regolamentazione in sé dovrà evolvere", ha spiegato Lagarde secondo cui "l'indipendenza - almeno nel determinare la politica monetaria - avrà bisogno di ulteriori difese e richiederà una comunicazione ancora più chiara".

Il "nuovo mondo" alla Shakespeare
Lagarde ha concluso dicendo che "per molti questo nuovo mondo delle banche centrali è meno Mary Poppins e più Aldous Huxley: un 'mondo nuovo'", come quello descritto nel romanzo di fantascienza di genere distopico "Brave New World" del 1932 dello scrittore britannico. Per il numero uno del Fondo è meglio pensare a un altro "Brave New World" (espressione che richiama il titolo della conferenza odierna alla BoE), quello evocato da Shakespeare in "La tempesta". Lagarde crede che "in quanto individui e comunità, abbiamo la capacità di dare forma al futuro tecnologico ed economico in modo che funzioni per tutti. Abbiamo la responsabilità di farlo funzionare".

Altri Servizi

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Il consiglio di amministrazione di Tesla ha confermato di avere formato un comitato speciale per valutare il desiderio del Ceo Elon Musk di delistare il gruppo. Il comitato - composto da tre direttori indipendenti - "non ha ancora ricevuto una proposta formale da parte di Musk" né "ha raggiunto una conclusione sulla fattibilità della transazione".

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

Noti per essere proprietari di aziende, i gruppi di private equity stanno sempre più diventando anche i loro principali creditori. Sono disposti a concedere prestiti laddove le banche non lo farebbero un po' per via di regolazioni più stringenti e un po' per evitare i passi falsi passati.

Coca-Cola sfida PepsiCo investendo in start-up appoggiata da Kobe Bryant

Si chiama BodyArmor e produce bevande sportive che sfidano Gatorade e Powerade

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo