Fmi: crescita mondiale migliora (Pil 2017 +3,5%), restano i rischi al ribasso

Misure protezionistiche potrebbero portare a guerre commerciali. No alla diminuzione aggressiva delle regolamentazioni finanziarie

Dopo un +3,1% registrato nel 2016, il Fondo monetario internazionale ha alzato leggermente le stime per il 2017 della crescita globale (+3,5%) e ha lasciato invariate quelle del 2018 (+3,6%) a fronte di "mercati finanziari ottimisti" e di "una ripresa ciclica tanto attesa della manifattura e del commercio"; nel farlo, ha però invitato i legislatori a "evitare misure protezionistiche" che potrebbero portare a guerre commerciali e ha avvertito: ci sono ancora rischi al ribasso, "specialmente nel medio termine", che sono interconnessi e potrebbero rafforzarsi a vicenda.

Essi potrebbero emerge appunto dal protezionismo, da un passo più veloce delle stime del rialzo dei tassi in Usa, da una diminuzione aggressiva delle regolamentazioni finanziarie e da condizioni finanziarie più stringenti nelle economie emergenti oltre a un circolo vizioso dato da una domanda e da bilanci deboli, da una inflazione bassa e da una crescita "anemica" della produttività.

A questi si aggiungono rischi "non economici" tra cui tensioni geopolitiche, governance debole e corruzione, eventi climatici estremi, terrorismo e preoccupazioni legate alla sicurezza. Ecco perché la scelta delle politiche sarà cruciale nel dare forma all'outlook e alla riduzione dei rischi. Ed ecco perché, secondo il Fondo, servono azioni da parte dei singoli Paesi oltre a una cooperazione multilaterale. Su quest'ultimo punto, "le aree di una azione colletiva includono il mantenimento di un sistema commerciale aperto, la salvaguardia della stabilità finanziaria globale e sistemi fiscali equi.

Stando alle tabelle contenute nel World Economic Outlook (Weo), il rapporto sull'economia globale redatto dall'istituto guidato da Christine Lagarde nell'ambito degli Spring Meetings in corso nella capitale Usa, le stime per la crescita globale del 2017 sono state migliorate dello 0,1% rispetto alle previsioni calcolate nell'aggiornamento al Weo dello scorso gennaio ma anche dell'edizione del rapporto dell'ottobre 2016. Per il 2018, le stime sono rimaste invariate.

A fare da traino alla ripresa, continuano ad essere le economie emergenti e in via di sviluppo che - come quelle avanzate - tornano a espandersi più di quanto registrato nel 2016. Nel primo caso ci dovrebbe essere un +4,5% nel 2017, tanto quanto stimato a inizio anno ma lo 0,1% in meno del Weo autunnale, dopo un +4,1% visto nel 2016. Il passo dell'espansione accelererà nel 2018, quando è atteso un +4,8% (stima invariata). In questo caso, il Fondo si aspetta un miglioramento "graduale" dei freni macroeconomici vissuti dagli esportatori di materie prime grazie alla ripresa dei prezzi di queste ultime.

Le economie avanzate cresceranno del 2% quest'anno, lo 0,1% in più dei calcoli di gennaio e lo 0,2% in più rispetto a quelli dell'ottobre precedente. Anche nel 2017 è atteso un +2% (dato invariato rispetto alle stime di inizio anno ma migliorato dello 0,2% rispetto a quelle autunnali). Il Fondo attribuisce la ripresa dopo il +1,7% del 2016 con l'effetto traino dato dagli Usa, che "presuppone un allentamento fiscale e un aumento della fiducia specialmente dopo le elezioni di novembre [in cui ha vinto Donald Trump], cosa che se continua rafforzerà lo slancio ciclico in corso".

In Cina, le previsioni sono per un +6,6% nel 2017 dopo un +6,7% nel 2017; la decelerazione nella seconda economia al mondo proseguirà nel 2018, quando è atteso un +6,2% (le due stime sono state migliorate rispetto a gennaio, nell'ordine, dello 0,1% e dello 0,2% e rispetto a ottobre dello 0,4% e dello 0,2%). La seconda economia al mondo è cresciuta del 6,9% nel primo trimestre, meglio delle stime degli analisti. Le previsioni del Fondo "riflettono uno slancio più deciso del previsto nel 2016 e l'anticipazione di un sostegno continuo nella forma di una crescita del credito forte e di una dipendenza dagli investimenti pubblici per raggiungere i target di crescita".

Anche la Russia migliora con l'attività economica "che ha toccato il fondo e con prezzi del petrolio in rialzo che sostengono la ripresa". Dopo una contrazione dello 0,2% vista nel 2016, l'economia a Mosca dovrebbe crescere dell'1,4% nel 2017; si tratta di un dato rivisto al rialzo dello 0,3% rispetto ai calcoli sia di inizio anno sia di quelli autunnali. Per il 2018 è attesa la stessa espansione.

L'India continua a distinguersi con un +7,2% atteso quest'anno e un +7,7% il prossimo, tanto quanto calcolato a gennaio dal Fondo, dopo un +6,8% nel 2016.

In America Latina, in Venezuela è prevista una contrazione del 7,4% nel 2017 e del 4,1% nel 2018. In Brasile è atteso un rialzo del Pil dello 0,2% quest'anno dopo un -3,6% nello scorso anno; la ripresa accelererà l'anno venturo con un +1,7%. Le previsioni del Messico sono rimaste a un +1,7% nel 2017 e a un +2% nel 2018.

Altri Servizi

Wall Street, indici verso la quarta settimana di guadagni

Riemergono però timori sull'approvazione della riforma fiscale
AP

Onu: rara apparizione dell'ambasciatore nordcoreano

Ja Song Nam parteciperà a una riunione a livello ministeriale del consiglio di sicurezza del Palazzo di Vetro. Ci sarà anche Tillerson

Il segretario americano di Stato e l'ambasciatore nordcoreano alle Nazioni Uniti parteciperanno al consiglio di sicurezza dell'Onu in calendario oggi. Rex Tillerson descriverà la linea con cui Washington intende affrontare la crisi con Pyongyang, che nonostante le sanzioni internazionali continua a portare avanti i suoi programmi nucleare e missilistico.

Fitch promuove Fiat Chrysler Automobiles

Il rating passa a BB da BB- con outlook positivo. Atteso un flusso di cassa positivo e sostenibile. In vista dell'addio di Marchionne, prevista una riorganizzazione aziendale

Fiat Chrysler Automobiles è stata promossa da Fitch, che ha alzato il rating associato al gruppo guidato da Sergio Marchionne a BB da BB- con outlook stabile. Il titolo a Wall Street ha subito accelerato andando a migliorare una già brillante performance: da inizio anno ha guadagnato il 93% e negli ultimi 12 mesi il 101%.

Ufficiale il matrimonio (da 52,4 miliardi) tra Walt Disney e 21st Century Fox

Subito prima dell'acquisizione Fox scorporerà alcuni asset (Fox Broadcasting e le emittenti Fox News, Fox Business, FS1, FS2 e Big Ten Network). L'amministratore delegato e presidente di Disney Bob Iger resterà in carica fino al 2021.
AP

Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi è arrivata l'ufficialità. Walt Disney ha raggiunto un accordo per rilevare 21st Century Fox, una volta che questa avrà scorporato alcuni asset (Fox Broadcasting e le emittenti Fox News, Fox Business, FS1, FS2 e Big Ten Network). Come si legge in una nota, Disney pagherà 52,4 miliardi di dollari in azioni, ovvero 0,2745 azioni per ogni titolo di Fox.

Corea del Nord: Tillerson apre a trattative. Trump: nulla è cambiato

Gli Usa premono sulla Cina affinché interrompa i rifornimenti di petrolio a Pyongyang
AP

Ancora una volta Rex Tillerson e Donald Trump sembrano muoversi su binari paralleli. Il segretario americano di Stato ha aperto la porta a trattative dirette con la Corea del Nord "senza precondizioni" ma la Casa Bianca ha subito chiarito che la sua linea non è affatto cambiata.

Trump rilancia: stop a lotteria di Carte Verdi e visti sponsorizzati da parenti

Il presidente Usa rilancia la sua proposta dopo il tentato attacco terroristico di New York
AP

Così come aveva fatto dopo il 31 ottobre scorso, quando un uomo di origini uzbeche causò a New York il primo attacco terroristico dall'11 settembre 2001, Donald Trump è tornato a criticare l'impianto regolatorio in vigore in tema di immigrazione ribadendo di volere mettere fine a una lotteria a cui ogni anno partecipano milioni di persone da tutto il mondo e che consente a stranieri di vincere una Green Card e dunque di diventare residenti permanenti degli Usa ed eventualmente cittadini americani.

Disney scommette sullo streaming comprando asset Fox

C'è anche Sky. La transazione vale 66,1 miliardi di dollari, debito incluso. Iger resta fino al 2021. Rupert Murdoch esce da Hollywood per concentrarsi su live news e sport. La parola passa ai regolatori

Rupert Murdoch si dissocia da Hollywood attraverso un'operazione destinata a rivoluzionare i settori dell'intrattenimento e dei media, vecchi e nuovi, a livello globale. In quello che per il magnate dell'informazione non è un "ritracciamento" ma semmai un "momento decisivo", la sua 21st Century Fox ha raggiunto un accordo per cedere a Walt Disney asset cinematografici e televisivi. Oltre a risparmi per due miliardi di dollari, il gruppo da Bob Iger punta a competere contro Netflix (da cui aveva già annunciato un divorzio) e Amazon ma anche Google e Facebook attraverso un contrattacco senza precedenti da parte di un'azienda media tradizionale. E lo farà anche con servizi in streaming propri. La transazione vale 52,4 miliardi di dollari ma se si aggiunge anche il debito si arriva a 66,1 miliardi.

In America internet è meno libera

Stop alle regole sulla Net Neutrality volute da Barack Obama nel 2015 per garantire internet aperta e uguale per tutti. Netflix e i colossi della Silicon Valley contro: sarà una lunga battaglia

La Federal Communications Commission (Fcc), l'agenzia che regola il settore delle comunicazioni negli Stati Uniti, ha votato per l'eliminazione delle regole volute nel 2015 dall'amministrazione Obama a favore della neutralità della rete, il principio secondo cui non si può creare un internet a due velocità per favorire chi è disposto a pagare di più. In commissione, il voto ha seguito la divisione tra partiti: i tre repubblicani hanno votato a favore dell'eliminazione, i due democratici contro.

Trump, con un video attacca Obama, Clinton e Bush su Gerusalemme

Con un tweet il presidente americano critica i suoi predecessori: avevano annunciato lo spostamento dell'ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv nella città contesa ma non lo hanno fatto
AP

Due giorni dopo avere riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele, Donald Trump ha pubblicato su Twitter un video che mostra tre suoi predecessori - Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama - fare la stessa promessa, poi non mantenute. "Io ho mantenuto le promesse della mia campagna elettorale - altri non lo hanno fatto", ha tuonato il45esimo presidente americano.

La Casa Bianca cerca di tranquillizzare gli amici newyorchesi di Trump sulle deduzioni

Gli Stati con tasse altre fanno pressing per non vedere ridotta o eliminata la possibilità di detrarre le imposte statali e locali nella dichiarazione dei redditi
AP

Il consigliere economico della Casa Bianca, Gary Cohn, ha tentato di tranquillizzare gli amici newyorchesi di Donald Trump e gli Stati americani (soprattutto di orientamento democratico) preoccupati dall'eliminazione o riduzione di una deduzione fiscale che rischia di finire nella riforma fiscale su cui stanno lavorando i repubblicani al Congresso.