Fmi: governi gestiscano meglio il loro patrimonio netto

Potrebbero derivarne entrate potenziali pari al 3% del Pil

Intenzionato a migliorare le modalità con cui viene definito lo status fiscale di un Paese al di là dei soli deficit e debito, il Fondo monetario internazionale ha voluto spostare l'attenzione su quello che una nazione possiede in aggiunta a quello che deve ai creditori.

L'idea è che un'analisi del patrimonio pubblico di un Paese - che comprende gruppi controllati dallo Stato, risorse naturali e oneri pensionistici - "fornisce trasparenza ai mercati" e offre la possibilità di rendere conto ai contribuenti. "Questo è importante dal momento che i governi con bilanci più forti fanno i conti con costi di finanziamento più bassi e sono meglio posizionati per affrontare recesssioni". E' quanto spiegato nella nuova edizione del Fiscal Monitor, il rapporto pubblicato due volte l'anno dall'istituto di Washington e con cui si suggerisce una migliore gestione degli asset e degli investimenti pubblici. Perché i guadagni potenziali derivanti sarebbero "notevoli: le entrate da aziende pubbliche non finanziarie e da asset finanziari governativi da soli potrebbero arrivare al 3% del Pil all'anno, pari a quanto raccolto annualmente tassando le aziende nelle economie avanzate".

Da Bali (Indonesia), dove si stanno svolgendo i suoi Annual Meetings, l'Fmi sostiene che ci sono "prove empiriche che i mercati finanziari stanno prestando sempre più attenzione al bilancio completo di un governo e che bilanci forti potenziano la resilienza economica". Il problema, sottolinea l'Fmi, è che "molti governi non forniscono una tale trasparenza, evitando un esame aggiuntivo che ciò comporta".

Nella sua analisi, l'istituzione guidata da Christine Lagarde ha preso in considerazione 31 Paesi a cui corrisponde il 61% dell'economia globale. I loro asset equivalenti valgono 101.000 miliardi di dollari o il 219% del Pil; in quel valore rientrano asset di aziende pubbliche pari al 120% del Pil e risorse naturali corrispondendi al 110% del Pil.

"Il riconoscimento di questi asset", sottolinea il Fondo, "non nega la vulnerabilità associata a misure standard del debito pubblico, pari al 94% del Pil" dei Paesi analizzati. Stando al Fiscal Monitor, il patromonio netto - dato dalla differenza tra asset e oneri - è in media positivo anche se circa un terzo delle nazioni prese in considerazione (inclusa la maggior parte di quelle parte del G7) si trova in territorio negativo.

L'Fmi sottolinea che la forza di un bilancio di per sé non è il risultato finale ma piuttosto uno strumento per sostenere gli obiettivi di politica economica di un Paese. Suggerendo un miglioramento della contabilità di una nazione, il Fondo ricorda che "le cicatrici della crisi finanziaria globale sono ancora evidenti sui patrimoni pubblici 10 anni dopo". Anche se i deficit sono calati, almeno nelle economie avanzate più colpite dalla crisi, il patromonio finanziario netto di 17 Paesi presi in considerazione resta a 11.000 miliardi di dollari (il 28% del Pil), sotto i livelli pre-crisi.

Altri Servizi

Wall Street, restano le tensioni commerciali Usa-Cina

Dati: in programma la fiducia dei consumatori dell'Università del Michigan
AP

Stormy Daniels rinuncia all'ultima causa contro l'ex legale di Trump

La pornostar aveva accusato Micheal Cohen di collusione con il legale che la rappresentava all’epoca dell’accordo da 130mila dollari per il silenzio sui rapporti con il tycooon
Ap

La pornostar Stormy Daniels ha raggiunto un accordo con l'ex legale di Donald Trump, Michael Cohen, ritirando l'ultima delle tre cause avviate dal suo ex legale Michael Avenatti, nell'ambito della presunta relazione avuta nel 2006 con l'attuale presidente degli Stati Uniti. Lo riporta la Cnn che cita i documenti del tribunale.

Bezos vince la battaglia per il dominio ".amazon", America Latina sconfitta

Lo scontro era iniziato nel 2012. La decisione è stata presa dall'Icann, visto che la società di Seattle e i governi non hanno trovato un accordo
AP

Tesla: il ritorno all'utile? Per analisti, è come scalare il Kilimangiaro

Wedbush, a dicembre tra il più ottimista, taglia l'obiettivo di prezzo sotto la media di Wall Street. Il titolo sotto i 200 dollari, prima volta da oltre due anni. Situazione da "codice rosso"
AP

L’Italia dell’High Tech protagonista alla Collision Conference a Toronto

Matteo Picariello, direttore Ice Canada: portiamo 19 aziende, prima presenza in assoluto

Wall Street, si guarda ai rapporti Usa-Cina

Google ha deciso di vietare a Huawei l'aggiornamento di Android
AP

Operazioni sospette di Trump e Kushner, Deutsche Bank ignorò l'allerta antiriciclaggio

Il New York Times: i vertici della banca ignorarono le segnalazioni dei dipendenti nel 2016-2017
AP

Venezuela, Usa al lavoro per tenere fuori Russia e Cuba

Ue e Gruppo di Lima, intanto, lavorano a un negoziato tra Maduro e l'opposizione
AP

Trump vuole graziare dei militari condannati o accusati di crimini di guerra

Lo sostiene il New York Times, secondo cui il presidente vorrebbe i documenti pronti per il Memorial Day (27 maggio)
US Departement of Defence