Fmi: governi gestiscano meglio il loro patrimonio netto

Potrebbero derivarne entrate potenziali pari al 3% del Pil

Intenzionato a migliorare le modalità con cui viene definito lo status fiscale di un Paese al di là dei soli deficit e debito, il Fondo monetario internazionale ha voluto spostare l'attenzione su quello che una nazione possiede in aggiunta a quello che deve ai creditori.

L'idea è che un'analisi del patrimonio pubblico di un Paese - che comprende gruppi controllati dallo Stato, risorse naturali e oneri pensionistici - "fornisce trasparenza ai mercati" e offre la possibilità di rendere conto ai contribuenti. "Questo è importante dal momento che i governi con bilanci più forti fanno i conti con costi di finanziamento più bassi e sono meglio posizionati per affrontare recesssioni". E' quanto spiegato nella nuova edizione del Fiscal Monitor, il rapporto pubblicato due volte l'anno dall'istituto di Washington e con cui si suggerisce una migliore gestione degli asset e degli investimenti pubblici. Perché i guadagni potenziali derivanti sarebbero "notevoli: le entrate da aziende pubbliche non finanziarie e da asset finanziari governativi da soli potrebbero arrivare al 3% del Pil all'anno, pari a quanto raccolto annualmente tassando le aziende nelle economie avanzate".

Da Bali (Indonesia), dove si stanno svolgendo i suoi Annual Meetings, l'Fmi sostiene che ci sono "prove empiriche che i mercati finanziari stanno prestando sempre più attenzione al bilancio completo di un governo e che bilanci forti potenziano la resilienza economica". Il problema, sottolinea l'Fmi, è che "molti governi non forniscono una tale trasparenza, evitando un esame aggiuntivo che ciò comporta".

Nella sua analisi, l'istituzione guidata da Christine Lagarde ha preso in considerazione 31 Paesi a cui corrisponde il 61% dell'economia globale. I loro asset equivalenti valgono 101.000 miliardi di dollari o il 219% del Pil; in quel valore rientrano asset di aziende pubbliche pari al 120% del Pil e risorse naturali corrispondendi al 110% del Pil.

"Il riconoscimento di questi asset", sottolinea il Fondo, "non nega la vulnerabilità associata a misure standard del debito pubblico, pari al 94% del Pil" dei Paesi analizzati. Stando al Fiscal Monitor, il patromonio netto - dato dalla differenza tra asset e oneri - è in media positivo anche se circa un terzo delle nazioni prese in considerazione (inclusa la maggior parte di quelle parte del G7) si trova in territorio negativo.

L'Fmi sottolinea che la forza di un bilancio di per sé non è il risultato finale ma piuttosto uno strumento per sostenere gli obiettivi di politica economica di un Paese. Suggerendo un miglioramento della contabilità di una nazione, il Fondo ricorda che "le cicatrici della crisi finanziaria globale sono ancora evidenti sui patrimoni pubblici 10 anni dopo". Anche se i deficit sono calati, almeno nelle economie avanzate più colpite dalla crisi, il patromonio finanziario netto di 17 Paesi presi in considerazione resta a 11.000 miliardi di dollari (il 28% del Pil), sotto i livelli pre-crisi.

Altri Servizi

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Michael Cohen, ex avvocato, amico e faccendiere del presidente statunitense, Donald Trump, è stato condannato a tre anni di carcere per una serie di reati, alcuni dei quali legati al suo lavoro per Trump, tra cui quello di aver violato la legge sui finanziamenti elettorali. Violazione compiuta comprando il silenzio di due donne che sostengono di aver avuto rapporti sessuali con il presidente.

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Palm Springs - Effetto Urus su Automobili Lamborghini. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese si prepara a chiudere un altro anno record (l'ottavo di fila) in termini di vendite e di crescita grazie anche al contributo del suo primo 'Super Utility Vehicle', il Suv consegnato a partire dalla scorsa estate in Europa e a ottobre in Nord America (dove costa a partire da 200mila dollari).

Wall Street, ottimismo sul dialogo Usa-Cina

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Dati: oggi in programma l'indice dei prezzi al consumo e le scorte di petrolio
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

Uber segue Lyft e si prepara all’Ipo nel 2019

Potrebbe essere un anno record per i collocamenti azionari iniziali a Wall Street

Uber ha depositato la documentazione confidenziale per la sua offerta pubblica iniziale presso la Securities and Exchange Commission, la Consob americana, accelerando così i tempi di un suo sbarco in borsa. Lo scrive il Wall Street Journal, che cita fonti vicine alla vicenda, sottolineando come si tratti di una mossa che segue di poche ore quella della rivale Lyft che giovedì aveva effettuato lo stesso passo, e che di fatto crea un’ulteriore competizione tra i due colossi della mobilità alternativa su chi sarà il primo a sbarcare in borsa.