Fmi: il sistema finanziario si rafforza ma attenzione a cinque vulnerabilità

Sono: la caccia ai rendimenti, il rialzo dei livelli di debito nelle economie del G20, il boom del credito in Cina, volatilità bassa e l'incremento della dipendenza delle nazioni a basso reddito. Redditività un problema per 9 banche

Anche se il sistema finanziario globale "continua a rafforzarsi" e lo stato di salute così come la resilienza delle banche importanti a livello di sistema globale "continua a migliorare", il Fondo monetario internazionale crede che questo non sia il momento per compiacersi. "Azioni sono necessarie perché le vulnerabilità sono in aumento". Se non tenute sotto controllo, "potrebbero mettere a rischio la crescita in futuro". Inoltre, nove banche faticheranno negli anni a venire nel restare sufficientemente redditizie. Tra di loro c'è Unicredit.

Le cinque vulnerabilità
E' questo il messaggio lanciato da Tobias Adrian, direttore del dipartimento Monetario e dei mercati dei capitali del Fondo. Commentando il Global Financial Stability Report appena pubblicato, Adrian indica cinque vulnerabilità.

La prima è un aumento dei rischi nei mercati finanziari: "La ricerca di rendimenti potrebbe essersi spinta troppo in là. C'è semplicemente troppo denaro che rincorre troppi pochi asset" che offrono rendimenti succulenti. "Ci sono meno di 2.000 dollari di bond con investment grade con rendimenti sopra il 4% contro i 16.000 miliardi dei livelli pre-crisi", fa notare l'esperto. Gli investitori istituzionali, aggiunge Adrian, sono spinti a cercare rendimenti ma ciò espone i loro bilanci a un aumento dei rischi.

La seconda vulnerabilità è il rialzo dei livelli di debito nelle economie del G20: "Il leverage nel settore privato è ora più alto rispetto al periodo precedente la crisi finanziaria"; un forte aumento dei tassi di interesse pone notevoli rischi.

La Cina torna poi a preoccupare il Fondo con "la dimensione, la complessità e il passo di espansione del credito nel sistema finanziario, specialmente in quello ombra", da cui possono emergere elevati rischi alla stabilità finanziaria.

In aggiunta, con una volatilità "estremamente bassa" nelle varie asset class, "i mercati sembrano compiaciuti di fronte a shock potenziali" che includono rischi geopolitici, sorprese di un'accelerazione dell'inflazione e rischi negativi per l'economia.

L'ultima vulnerabilità è data dall'incremento della dipendenza delle nazioni a basso reddito e dei mercati emergenti al credito straniero in aumento, che "in generale, è una buona notizia perché dà sostegno alle prospettive di crescita" in quei Paesi dove però i flussi di denaro sono "sulla strada giusta per raggiungere i 300 miliardi di dollari nel 2017, più del doppio del totale degli ultimi due anni", avverte Adrian.

I cinque consigli
Di fronte a tutto ciò, l'esperto del Fondo fornisce una ricetta in cinque punti. Le banche centrali principali devono garantire una normalizzazione senza intoppi della loro politica monetaria; per questo devono comunicare bene le loro intenzioni per evitare turbolenze sui mercati. I regolatori finanziari devono ricorrere a politiche microprudenziali, valutandone un ampliamento dei loro confini, per limitare il leverage. Le autorità di supervisione devono porre una maggiore attenzione sui modelli di business delle banche più importanti; in questo contesto il Fondo stima che quasi un terzo delle banche importanti a livello di sistema (corrispondenti a 17.000 miliardi di asset) faticheranno a ottenere una redditività sostenibile per garantire una loro resilienza. I Paesi nei mercati emergenti devono approfittare delle condizioni favorevoli di finanziamento di cui godono per risolvere squilibri; in Cina, i legislatori dovrebbero rendere l'economia meno dipendente da una crescita rapida del credito. Infine, il framework di riforma della regolamentazione globale sviluppato dopo la Grande Recessione "deve essere completato e pienamente implementato. La cooperazione globale resta essenziale".

Altri Servizi

Bill O'Reilly pagò 32 milioni per fermare denuncia molestie. E Fox gli rinnovò il contratto

Un nuovo caso che coinvolge il super presentatore del network conservatore, il sesto dopo i cinque già noti. I vertici del gruppo sapevano

A gennaio del 2017 il presentatore di Fox, Bill O'Reilly, pagò 32 milioni di dollari per patteggiare una causa di violenza sessuale su una analista del network. Poco dopo il canale conservatore gli rinnovò il contratto per 3 anni pagandolo 25 milioni all'anno, pur sapendo che aveva appena pagato la somma per fermare il processo.

John Kelly e la reputazione corrotta da Donald Trump

Un'altra vittima del presidente americano, che rischia di perdere ogni credibilità. Soprattutto dopo l'enorme bugia raccontata sul conto di una deputata afroamericana del partito democratico
AP

Lavorare per Donald Trump significa fare un sacrificio. Questo assunto è così vero che nei primi mesi di presidenza, sono stati pubblicati diversi articoli per raccontare come Trump facesse fatica a riempire i posti, soprattutto quelli che richiedono competenze e un curriculum di alto livello. Il rischio? Vedere infangata la propria reputazione e non trovare più lavoro in futuro.

Brexit: Blankfein (Goldman) pensa a Francoforte

Il Ceo della banca Usa dice in un tweet che trascorrerà più tempo nella capitale finanziaria tedesca. Messaggio diretto al premier britannico Theresa May?
AP

Con un semplice tweet, il Ceo di Goldman Sachs ha ventilato l'ipotesi di un trasferimento di gran parte delle attività della banca di Wall Street da Londra a Francoforte. Sarebbe l'effetto provocato dalla Brexit.

Trump pubblicherà gli ultimi documenti segreti sulla morte di Kennedy

Lo ha annunciato su Twitter sabato mattina nonostante alcune agenzie federali gli abbiano consigliato di non declassificarli
JFK Library

Fuori dalla Casa Bianca, Bannon è sempre più vicino a Trump

Il Washington Post racconta come l'ex super consigliere del presidente americano si senta costantemente più volte ogni settimana con Trump. Anche se il rischio di uno scontro nelle elezioni di Midterm continua a esserci
AP

Fitch: luci e ombre sull'Italia, ripresa in corso ma rischi politici all'orizzone

L'agenzia lascia il rating a "BBB" con outlook "stabile". Debito pubblico e npl alti. Crescita lenta: nel 2019 il Pil italiano sarà ancora il 4% al di sotto del livello 2007

I favoriti da Trump per il vertice della Fed sembrano Taylor e Powell

Si tratta, rispettivamente, di un economista di Stanford giudicato come un 'falco' e dell'attuale membro del board della banca centrale Usa, visto come una sorta di 'colomba'. Yellen non ancora fuori dai giochi
John Taylor

Trump esulta, ma la strada per la riforma fiscale è ancora lunga

I repubblicani sperano di farcela per la fine dell'anno, ma dovranno superare le divisioni interne
AP

Fed: il Wsj fa il tifo per i falchi, il prossimo governatore sia Taylor o Warsh

In un editoriale, il giornale chiede al presidente Donald Trump una "voce fresca" al vertice della banca centrale Usa
Kevin Warsh AP

Microsoft entra (in ritardo) nel mercato degli speaker per la casa

Il gruppo informatico lo fa con Invoke, quasi tre anni dopo il lancio da parte della rivale Amazon di Echo. Google lo ha fatto un anno e mezzo fa
Microsoft