Fmi: il sistema finanziario si rafforza ma attenzione a cinque vulnerabilità

Sono: la caccia ai rendimenti, il rialzo dei livelli di debito nelle economie del G20, il boom del credito in Cina, volatilità bassa e l'incremento della dipendenza delle nazioni a basso reddito. Redditività un problema per 9 banche

Anche se il sistema finanziario globale "continua a rafforzarsi" e lo stato di salute così come la resilienza delle banche importanti a livello di sistema globale "continua a migliorare", il Fondo monetario internazionale crede che questo non sia il momento per compiacersi. "Azioni sono necessarie perché le vulnerabilità sono in aumento". Se non tenute sotto controllo, "potrebbero mettere a rischio la crescita in futuro". Inoltre, nove banche faticheranno negli anni a venire nel restare sufficientemente redditizie. Tra di loro c'è Unicredit.

Le cinque vulnerabilità
E' questo il messaggio lanciato da Tobias Adrian, direttore del dipartimento Monetario e dei mercati dei capitali del Fondo. Commentando il Global Financial Stability Report appena pubblicato, Adrian indica cinque vulnerabilità.

La prima è un aumento dei rischi nei mercati finanziari: "La ricerca di rendimenti potrebbe essersi spinta troppo in là. C'è semplicemente troppo denaro che rincorre troppi pochi asset" che offrono rendimenti succulenti. "Ci sono meno di 2.000 dollari di bond con investment grade con rendimenti sopra il 4% contro i 16.000 miliardi dei livelli pre-crisi", fa notare l'esperto. Gli investitori istituzionali, aggiunge Adrian, sono spinti a cercare rendimenti ma ciò espone i loro bilanci a un aumento dei rischi.

La seconda vulnerabilità è il rialzo dei livelli di debito nelle economie del G20: "Il leverage nel settore privato è ora più alto rispetto al periodo precedente la crisi finanziaria"; un forte aumento dei tassi di interesse pone notevoli rischi.

La Cina torna poi a preoccupare il Fondo con "la dimensione, la complessità e il passo di espansione del credito nel sistema finanziario, specialmente in quello ombra", da cui possono emergere elevati rischi alla stabilità finanziaria.

In aggiunta, con una volatilità "estremamente bassa" nelle varie asset class, "i mercati sembrano compiaciuti di fronte a shock potenziali" che includono rischi geopolitici, sorprese di un'accelerazione dell'inflazione e rischi negativi per l'economia.

L'ultima vulnerabilità è data dall'incremento della dipendenza delle nazioni a basso reddito e dei mercati emergenti al credito straniero in aumento, che "in generale, è una buona notizia perché dà sostegno alle prospettive di crescita" in quei Paesi dove però i flussi di denaro sono "sulla strada giusta per raggiungere i 300 miliardi di dollari nel 2017, più del doppio del totale degli ultimi due anni", avverte Adrian.

I cinque consigli
Di fronte a tutto ciò, l'esperto del Fondo fornisce una ricetta in cinque punti. Le banche centrali principali devono garantire una normalizzazione senza intoppi della loro politica monetaria; per questo devono comunicare bene le loro intenzioni per evitare turbolenze sui mercati. I regolatori finanziari devono ricorrere a politiche microprudenziali, valutandone un ampliamento dei loro confini, per limitare il leverage. Le autorità di supervisione devono porre una maggiore attenzione sui modelli di business delle banche più importanti; in questo contesto il Fondo stima che quasi un terzo delle banche importanti a livello di sistema (corrispondenti a 17.000 miliardi di asset) faticheranno a ottenere una redditività sostenibile per garantire una loro resilienza. I Paesi nei mercati emergenti devono approfittare delle condizioni favorevoli di finanziamento di cui godono per risolvere squilibri; in Cina, i legislatori dovrebbero rendere l'economia meno dipendente da una crescita rapida del credito. Infine, il framework di riforma della regolamentazione globale sviluppato dopo la Grande Recessione "deve essere completato e pienamente implementato. La cooperazione globale resta essenziale".

Altri Servizi

Nyt: Russiagate, mandato di comparizione di Mueller per Bannon

Il procuratore speciale indaga sullo staff di Trump. La sua potrebbe essere una mossa per spingere l'ex stratega della Casa Bianca a trattare
AP

Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sulle possibili collusioni tra il Cremlino e lo staff di Donald Trump, ha spiccato un mandato di comparizione, la scorsa settimana, nei confronti di Steve Bannon, l'ex stratega capo del presidente degli Stati Uniti.

General Electric: oneri 6,2 mld $ in IV trim. su revisione attività assicurative

Al lordo delle tasse l'onere è di 9,5 miliardi (con la nuova aliquota fiscale passata dal 35 al 21% con la riforma voluta da Donald Trump la cifra scenderebbe a 7,5 miliardi).
General Electric

General Electric ha fatto sapere che la revisione di North American Life & Health, il portafoglio assicurativo in run-off di Ge Capital, porterà a oneri straordinari per 6,2 miliardi di dollari al netto delle tasse nel quarto trimestre. Al lordo delle tasse l'onere è di 9,5 miliardi (con la nuova aliquota fiscale passata dal 35 al 21% con la riforma voluta da Donald Trump la cifra scenderebbe a 7,5 miliardi).

Wall Street punta a nuovi record

Oggi trimestrale di Citigroup alle 8 (le 14 in Italia). Fiat Chrysler Automobiles presenta un nuovo Cherokee (Suv di Jeep) alle 8:30 (le 14:30 in Italia)
AP

Ferrari: Marchionne promette, saremo i primi a fare super car elettrica

Per il manager di Fca potrebbe già essere nel prossimo piano industriale

Sarà stato anche un "concetto quasi osceno", come aveva detto al salone dell'auto di Ginevra nel 2016, ma quasi due anni dopo una Ferrari elettrica non è più da escludere. Anzi. "Potrebbe essere nel piano" industriale prossimo. Parola di Sergio Marchionne. L'amministratore delegato e presidente del Cavallino Rampante sa bene che l'esperienza di guidare una Ferrari sta nel suono aggressivo prodotto dal motore ma "se si deve costruire una super car elettrica, Ferrari sarà la prima a farla. E' dovuto".

Fca: in Italia Marchionne chiede tempo, ci impegniamo come in Usa

La stretegia passa per Jeep e marchi premium Maserati e Alfa Romeo. Il Ceo su Renzi? Quello "che appoggiavo io non l'ho più visto da un po'"

Detroit - "Non lo so". Da Detroit, Sergio Marchionne non ha promesso che in Italia si arrivi ad avere una piena occupazione come previsto dal piano industriale al 2018. Ma mentre i sindacati come Fiom hanno interpretato quelle parole come conferma del fatto che gli stabilimenti italiani non sono al centro dell'attenzione di Fiat Chrysler Automobiles, il Ceo del gruppo ha lanciato un altro messaggio ai lavoratori italiani: "L'impegno, come lo abbiamo preso qui [in Usa], lo prendiamo anche in Italia".

Gli Usa vogliono due nuove armi nucleari per contrastare Russia e Cina

A breve, sarà pubblicata una revisione della strategia nucleare statunitense
Shutterstock

Gli Stati Uniti hanno intenzione di sviluppare due nuovi armi nucleari per rispondere alle crescenti capacità militari di Cina e Russia. È quanto emerge dalla revisione della strategia nucleare del dipartimento della Difesa.

Ford: 11 miliardi di dollari di investimenti in vetture elettriche entro il 2022

Ford: 11 miliardi di dollari di investimenti in vetture elettriche entro il 2022. Il gruppo di Detroit accelera notevolmente i suoi piani. Offrirà "una gamma molto ampia" di veicoli elettrici in Europa e in Usa, incluse macchine sportive

Ford Motor ha deciso di premere l'acceleratore sui veicoli elettrici, per cui investirà 11 miliardi di dollari al 2022 contro i 4,5 miliardi che si era impegnato a spendere entro il 2020. Fornendo tali cifre, Ford è diventato uno dei pochi gruppi ad avere dato la portata del proprio investimento in questo campo. Travolta dallo scandalo dieselgate nel settembre 2015, la tedesca Volkswagen si è impegnata a spendere 40 miliardi di dollari tra auto elettriche, veicoli autonomi e servizi di mobilità nuovi entro il 2022.

Wsj accusa: 130.000 dollari a pornostar per silenzio su rapporti sessuali con Trump

Uno dei legali del presidente avrebbe predisposto il pagamento a Stephanie Clifford, il cui nome d'arte è Stormy Daniels. Si sarebbero conosciuti nel 2006, quando Trump era già sposato con Melania. La Casa Bianca smentisce.
AP

Ancora guai per il presidente americano Donald Trump, che dopo la bufera scatenata dalle parole volgari usate parlando di Paesi poveri (ha definito Haiti un "paese di merda", salvo poi bollare come false le indiscrezioni di stampa), è di nuovo nell'occhio del ciclone per questioni a sfondo sessuale.

Facebook annuncia cambiamenti al News Feed. Titolo giù del 5%

Più storie di amici e meno aziende e notizie. E si teme per la macchina pubblicitaria del colosso

Le azioni di Facebook perdono il 5% a Wall Street, dopo che il gruppo ha annunciato grandi cambiamenti al suo News Feed. Descrivendo le trasformazioni, l'amministratore delegato, Mark Zuckerberg, ha detto che il nuovo News Feed darà la precedenza a "interazioni sociali sensate" piuttosto che a "contenuti rilevanti".

Nuovi permessi ai Dreamers, Trump si arrende (per ora) alla decisione di un giudice

L'amministrazione statunitense ricomincia ad accettare le richieste dei rinnovi, interrotti a ottobre, seguendo l'ordine di un tribunale della California. Non è, però, una marcia indietro del presidente
iStock

Tutto come prima, almeno per ora. Il governo federale degli Stati Uniti ha annunciato che ricomincerà ad accettare le richieste di rinnovo per il Daca, il Deferred Action for Childhood Arrivals (Daca), il programma voluto nel 2012 da Barack Obama per permettere agli immigrati irregolari, entrati da bambini nel Paese, di evitare l'espulsione e ricevere un permesso di lavoro o di studio biennale e rinnovabile.