Fmi: in Europa crescita forte, sell-off mercati rappresenta un rischio

La durata dello slancio dipenderà dagli investimenti. Avanti con l'unione economica e monetaria

Il Fondo monetario internazionale ha scattato una fotografia dell'economia europea, che sostanzialmente ricalca quella dello scorso aprile: "L'Europa continua a godere di una crescita forte" la cui durata dipenderà dagli investimenti. E se nel breve termine il quadro è incoraggiante, nel lungo termine lo è meno. Il rischio immediato maggiore, stando all'Fmi, è dato da un sell-off dei mercati finanziari. A fronte di questa e altre minacce, l'istituto di Washington ancora una volta consiglia di completare l'unione economia e monetaria cos" come quella bancaria.

Nel suo rapporto intitolato "Regional Economic Outlook", l'Fmi ha spiegato che "l'attività economica si è rafforzata in molte economie e le stime sono per una continuazione di questo trend". Facendo riferimento ai calcoli diffusi in occasione dei suoi lavori primaverili, il Fondo ricorda che l'economia europea è cresciuta del 2,8% nel 2017 contro il +1,8% del 2016 e dovrebbe espandersi del 2,6% nel 2018 e del 2,2% nel 2019. "L'espansione è dovuta principalmente alla domanda interna", si legge nel documento, in cui viene fatto notare che la crescita del credito "ha finalmente accelerato". Anche se i dati macroeconomici hanno iniziato a indebolirsi, essi "restano a livelli alti".

Secondo l'Fmi, l'outlook favorevole per l'Europa è soggetto a vari rischi. Il più immediato deriva dalle "valutazioni alte nei mercati finanziari a livello globale". Stando all'analisi dell'istituto guidato da Christine Lagarde, "i mercati europei hanno navigato bene attraverso la recente turbolenza finanziaria, con i flussi di capitale ancora forti verso le economie dei mercati emergenti". Tuttavia il Fondo avverte: "Declini notevoli nell'azionario sono spesso precursori di una crescita e di un'inflazione basse". Tra l'altro, "la crescita dell'inflazione e dei salari resta contenuta in molte delle economie avanzate ed è vista accelerare solo molto gradualmente".

Il Fondo ha fatto notare che con tassi di interesse vicini allo zero e con banche centrali ancora impegnate in politiche "non ortodosse, la portata e l'efficacia dell'allentamento della politica [monetaria] nel rispondere a nuovi shock non è grande". Ecco perché diventa ancora più importante, secondo l'Fmi, sfruttare il momento per creare lo spazio di manovra necessario per sistemare i conti pubblici. 

Nella sua analisi, il Fondo si domanda quanto l'espansione economica europea durerà, presupponendo che non ci siano shock esterni. "Se la ripresa ha il potere di durare dipende dagli investimenti", che in generale sono stati contenuti e anche "molto più deboli rispetto al periodo successivo alla crisi globale del 1991".

Ancora una volta, l'Fmi sostiene che laddove l'inflazione è bassa, "la politica monetaria dovrebbe continuare a essere di supporto per garantire un incremento duraturo dell'inflazione verso i target". Nei Paesi dove invece il dato sta raggiungendo i target, la politica monetaria dovrebbe "gradualmente essere normalizzata".

Oltre a fornire un'occasione per un aggiustamento fiscale volto a migliorare l'efficienza di un governo, la ripresa permette anche di "agire velocemente per migliorare l'unione economica e monetaria". Per il Fondo, "più azioni sono necessarie per completare l'unione bancaria" e per avere una maggiore condivisione dei rischi. Inoltre, con "il Regno Unito che si prepara a lasciare il mercato unico, c'è un bisogno urgente di portare avanti l'unione dei mercati dei capitali, che richiede passi per promuovere l'armonizzazione dei regimi di insolvenza e per meglio proteggere i diritti degli investitori a livello transnazionale".

Altri Servizi

Lyft è stato accusato di avere fuorviato gli investitori con il suo prospetto informativo legato all'Ipo, avvenuta lo scorso 29 marzo. Rispetto al prezzo di collocamento pari a 72 dollari, il titolo ha perso quasi il 26% a 53,45 dollari vedendo la sua capitalizzazione scendere a 15,4 da 20 miliardi.

L’Italia dell’High Tech protagonista alla Collision Conference a Toronto

Matteo Picariello, direttore Ice Canada: portiamo 19 aziende, prima presenza in assoluto

Da oggi al 23 maggio l’Italia dell’High Tech è protagonista con 19 aziende a uno degli eventi di innovazione e tecnologia più importanti al mondo e che per la prima volta nella sua storia fa tappa in Canada. Al Enercare Centre di Toronto il nostro Paese si mette in mostra alla edizione 2019 di Collision, spin off del Web Summit di Lisbona e versione nordamericana della principale conferenza mondiale dedicata ad innovazione e tecnologia, web, ICT ed elettronica, che si svolge, a cadenza annuale, in varie città nordamericane. Las Vegas e New Orleans hanno ospitato le ultime cinque edizioni. A Collision 2019 sono attesi oltre 25.000 partecipanti da 120 paesi. Sono circa 6 mila le aziende presenti fra cui Ibm, Intel, Amazon, General Electric, Facebook, Verizon, Salesforce, Coca Cola e Allianz. L'iniziativa tricolore si colloca nell'ambito del Progetto Speciale Alta Tecnologia, Piano Straordinario Made in Italy 2017.

Tesla: il ritorno all'utile? Per analisti, è come scalare il Kilimangiaro

Wedbush, a dicembre tra il più ottimista, taglia l'obiettivo di prezzo sotto la media di Wall Street. Il titolo sotto i 200 dollari, prima volta da oltre due anni. Situazione da "codice rosso"
AP

Il ritorno all'utile di Tesla nella seconda parte dell'anno è come una "scalata del Kilimangiaro". Lo pensa uno degli analisti di Wall Street originariamente tra i più ottimisti sulle sorti del produttore di auto elettriche e ora riscopertosi decisamente pessimista. Dan Ives, di Wedbush, ha tagliato per la quarta volta l'obiettivo di prezzo portandolo al di sotto della media pari a circa 300 dollari. L'esperto ha ridotto a 230 da 275 dollari il target price, che solo un mese fa era a 365 dollari con raccomandazione ridotta a neutrale. A dicembre Ives aveva avviato la copertura del titolo con giudizio "outperform" e obiettivo di prezzo a 440 dollari.

Bezos vince la battaglia per il dominio ".amazon", America Latina sconfitta

Lo scontro era iniziato nel 2012. La decisione è stata presa dall'Icann, visto che la società di Seattle e i governi non hanno trovato un accordo
AP

La società Amazon ha ottenuto provvisoriamente il diritto di usare il dominio internet ".amazon", dopo una battaglia che va avanti da diversi anni contro otto governi latinoamericani che fanno parte di un'organizzazione per la tutela del bacino amazzonico. L'Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (Icann), l'ente preposto a supervisionare i protocolli e gli indirizzi sul web, si è schierato a favore della società di Jeff Bezos, l'uomo più ricco del mondo, contro l'Amazon Cooperation Treaty Organisation (Acto), una coalizione di governi latinoamericani che reclamavano il diritto di usare il dominio ".amazon" in virtù della foresta amazzonica che si estende sui loro territori. La decisione dell'Icann, di cui parla il Financial Times, è ora sottoposta a un mese di commenti pubblici.

Apple voleva comprare Tesla nel 2013

Lo sostiene un analista di Roth Capital Partners, secondo cui il produttore dell'iPhone avrebbe pagato di più del valore attuale del titolo del produttore di auto elettriche. Accordo saltato perché Musk non voleva farsi da parte

Urban Outfitters lancia servizio per affittare capi di abbigliamento

Si chiama Nuuly. Per 88 dollari al mese, un cliente riceve sei articoli a sua scelta.

Wall Street, l'attenzione resta su Huawei e i rapporti Usa-Cina

Il segretario al Commercio Wilbur Ross ha annunciato una sospensione dei provvedimenti restrittivi su Huawei di 90 giorni, in modo da dare la possibilità agli operatori di cercare soluzioni alternative
AP

Wall Street, si guarda ai rapporti Usa-Cina

Google ha deciso di vietare a Huawei l'aggiornamento di Android
AP

Operazioni sospette di Trump e Kushner, Deutsche Bank ignorò l'allerta antiriciclaggio

Il New York Times: i vertici della banca ignorarono le segnalazioni dei dipendenti nel 2016-2017
AP

Venezuela, Usa al lavoro per tenere fuori Russia e Cuba

Ue e Gruppo di Lima, intanto, lavorano a un negoziato tra Maduro e l'opposizione
AP