Fmi: investimenti aziendali Usa non sono cresciuti grazie a riforma fiscale di Trump

Secondo l'istituto di Washington, il merito non va al taglio delle aliquote ma alla domanda interna e alle vendite a loro volta in rialzo
Shutterstock

Se le aziende americane hanno comprato più macchinari, sviluppato software e creato nuova proprietà intellettuale sin dalla fine del 2017, quando è stata approvata la riforma fiscale voluta dal presidente americano Donald Trump, il merito non va al calo delle aliquote aziendali al 21% dal 35%.

Lo sostiene il Fondo monetario internazionale. Osservando che è vero che un calo del peso fiscale abbassa il costo dei capitali, teoricamente incoraggiando gli investimenti aziendali, l'istituto di Washington crede che dietro al trend positivo ci sia una spiegazione "più semplice: gli investimenti aziendali sono saliti perché la domanda interna agli Usa e le vendite sono a loro volta cresciute".

In uno studio descritto in un blog post, l'Fmi sottolinea anche che "la capacità delle aziende di imporre prezzi superiori a quelli di produzione ha limitato l'impatto dei tagli delle aliquote fiscali sulle decisioni di investimento aziendale".

Stando allo ricerca, "praticamente tutta la crescita degli investimenti aziendali dal 2017 può essere spiegata dalle aspettative del settore privato sulla domanda futura di prodotti". La tesi è che un taglio delle tasse al giorno d'oggi ha un impatto minore rispetto agli ultimi decenni per via del cambiamento del panorama aziendale americano. Quando i gruppi hanno più potere di mercato, sostiene l'Fmi, la loro sensibilità a cambiamenti fiscali vantaggiosi diminuisce.

La conclusione del Fondo è che "una domanda più forte sin dall'approvazione del Tax Cuts and Jobs Act è stata il principale driver delle decisioni aziendali in merito agli investimenti, non la riduzione del costo dei capitali derivante dal taglio delle aliquote aziendali per sé". Il Fondo sostiene che "la classe dirigente può sostenere ulteriormente gli investimenti aziendali riducendo l'incertezza della politica economica, il che significa anche risolvere le tensioni commerciali".

Altri Servizi

L'occupazione dà slancio a Wall Street, indici vicini ai record

Grazie ai rialzi di venerdì, la settimana si è chiusa con leggeri ribassi solo di Dow e Nasdaq; lo S&P 500 distante lo 0,3% dal suo primato. L'attenzione resta sui negoziati Usa-Cina, su cui sono arrivati segnali contrastanti
AP

Grazie a un rapporto sull'occupazione che ha ampiamente superato le attese degli analisti, gli indici a Wall Street hanno chiuso in forte rialzo la seduta di venerdì 6 dicembre. Il Dow Jones Industrial Average ha guadagnato 337,27 punti, l'1,2%, salendo a 28.015,06; si è trattato della migliore performance dell'indice dal 4 ottobre, quando guadagnò l'1,4%. Lo S&P 500 ha chiuso in rialzo dello 0,9% a 3.145,91, registrando la migliore giornata dal 15 ottobre; il Nasdaq, infine, ha guadagnato l'1% a 8.656,53 punti.

La Corea del Nord ribadisce il 'no' alla denuclearizzazione, Trump: "L'avete promessa"

Nuove tensioni tra Washington e Pyongyang. Trump e Kim tornati alla guerra di parole di due anni fa. E la Nordcorea prepara un "regalo di Natale"
Ap

La Corea del Nord ha ribadito, tramite l'ambasciatore alle Nazioni Unite, che la denuclearizzazione "già non fa più parte del tavolo dei negoziati" con gli Stati Uniti. Secondo Kim Song, il dialogo cercato da Washington è un "trucco per guadagnare tempo" in vista delle elezioni presidenziali del 2020. "Non abbiamo bisogno di lunghi negoziati con gli Stati Uniti" ha detto.

Pelosi: "Procediamo con gli articoli di impeachment per Trump"

La speaker della Camera chiede alla commissione Giustizia di redigere le accuse. Trump: "Impeachment? Fatelo in fretta, così poi torniamo al lavoro"
Ap

La speaker Nancy Pelosi ha annunciato che la Camera statunitense comincerà a redigere gli articoli per l'impeachment di Donald Trump, in un discorso durato meno di sei minuti in cui ha dichiarato che è ormai chiaro, dopo due mesi di indagini, che il presidente ha violato il suo giuramento, facendo pressioni su una potenza straniera per ricevere aiuto per le elezioni del 2020. "La nostra democrazia è in gioco. Il presidente non ci lascia altra scelta che agire, perché sta cercando di manipolare, ancora una volta, le elezioni a suo vantaggio".

Trump: "Dem antipatriottici". Oggi il rapporto sulle indagini per l'impeachment

I democratici vogliono un voto alla Camera entro Natale; in questo caso, a gennaio partirebbe il processo in Senato
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha definito i democratici "molto antipatriottici" perché vogliono metterlo in stato d'accusa, mentre la commissione Intelligence della Camera si prepara a rendere noto il proprio rapporto sulle prove e le testimonianze raccolte nel corso delle ultime settimane; in base a questo rapporto, la commissione Giustizia deciderà se e quali articoli di impeachment redigere e far votare alla Camera. In settimana, la commissione darà il via alle proprie audizioni e ha invitato Trump a partecipare.

Impeachment, chi sono i senatori repubblicani che potrebbero votare per la rimozione di Trump

Un ristretto gruppo di membri del Gop potrebbe prendere in considerazione un voto contro il presidente, il cui destino in Senato appare comunque blindato

L'impresa è forse oltre i limiti dell'impossibile: convincere un numero sufficiente di senatori repubblicani per condannare e rimuovere dalla Casa Bianca il presidente Donald Trump. Con l'impeachment ormai all'orizzonte (il voto alla Camera sulla messa in stato d'accusa dovrebbe arrivare prima di Natale), il partito democratico è al lavoro anche per comprendere quante possibilità ci siano di arrivare poi alla condanna durante il 'processo' in Senato.

Audizione per l'impeachment di Trump, tre costituzionalisti su quattro a favore

Quattro esperti chiamati a testimoniare davanti alla commissione Giustizia della Camera, che deciderà se procedere con la messa in stato d'accusa del presidente Usa
Ap

In base a prove e testimonianze, il presidente statunitense Donald Trump ha commesso reati passibili di impeachment. Lo ha detto Noah Feldman, professore di Harvard, primo dei quattro costituzionalisti chiamati a testimoniare davanti alla commissione Giustizia della Camera, che deve decidere sull'impeachment di Trump. 

Trump: "Forse meglio aspettare le elezioni prima di un accordo con la Cina"

Il presidente Usa: "Non ho una scadenza, mi piace l'idea di attendere"

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha dichiarato che potrebbe essere meglio aspettare che si svolgano le elezioni del 2020 prima di firmare un accordo commerciale con la Cina. "In un certo modo, mi piace l'idea di aspettare fin dopo le elezioni per un accordo con la Cina, ma loro vogliono farlo ora; vedremo. Non ho una scadenza" ha dichiarato Trump, che ha parlato da Londra, dove si trova per il vertice della Nato.

Wall Street, attenzione sempre rivolta ai rapporti Usa-Cina

Tra i dati attesi oggi, le nuove richieste dei sussidi di disoccupazione
AP

Ripartono i negoziati di pace tra Stati Uniti e talebani

L'inviato del presidente Trump in Qatar per incontrare i ribelli; tre mesi fa, la Casa Bianca aveva bloccato le trattative dopo un attentato
U.S. Department of Defense

Gli Stati Uniti e i talebani hanno riaperto i negoziati di pace in Qatar, tre mesi dopo la decisione del presidente Donald Trump di fermarli, in seguito a un attentato compiuto dai ribelli in Afghanistan in cui è morto anche un soldato statunitense.

Usa 2020, primarie Dem: si ritira la senatrice Kamala Harris

Dopo un inizio promettente, era finita nell'anonimato. "Non abbiamo i soldi per andare avanti" ha spiegato ai suoi sostenitori

La senatrice Kamala Harris ha annunciato il ritiro della sua candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi. Nelle ore precedenti, era stata annunciata la cancellazione di un evento di raccolta fondi a New York.