Fmi: la ripresa dell'Eurozona si rafforza, Italia avanti con le riforme

Secondo l'istituto di Washington il contesto politico "favorevole" rappresenta un'opportunità per rendere ancora più salda l'integrazione tra i Paesi membri. Bce promossa. Scoraggiante la compliance del Patto di stabilità

"Anche se restano debolezze strutturali con radici profonde", la ripresa dell'Eurozona "si sta rafforzando" e ciò - insieme a un contesto politico "favorevole" - rappresenta un'opportunità per rendere ancora più salda l'integrazione tra i Paesi membri. Ma anche se gli sforzi fino ad ora fatti stanno dando frutti, "molto resta da fare sia a livello nazionale sia generale".

Lo sostiene lo staff del Fondo monetario internazionale, che lancia messaggi non solo a Bruxelles ma anche ai singoli Paesi e alla Banca centrale europa. Lo ha fatto al completamento della missione nell'Eurozona, dove ci sono state consultazioni in vista della pubblicazione dell'Articolo IV, il rapporto con cui il Fondo fotografa annualmente l'economia di un Paese membro. Nel documento diffuso oggi - ossia quattro giorni dopo la pubblicazione di quello relativo all'Italia, di cui sono state alzate le stime di crescita per quest'anno all'1,3% dallo 0,8% - gli esperti dell'istituto di Washington ribadiscono l'importanza di riforme ulteriori anche nel nostro Paese, "sia nel mercato del lavoro sia in quelli dei prodotti, al fine di mantenere la crescita della produttività sopra gli aumenti dei salari". E come indicato nel commento di fine missione in Italia, anche nell'occasione odierna il Fondo ripete come sia importante per i Paesi con alto debito e scarso spazio di manovra fiscale puntare su un consolidamento graduale in un modo tale che favorisca la crescita. L'idea generale è "approfittare della ripresa [generalizzata] e della politica monetaria accomodante" ancora in vigore. Anche perché quando il sostegno della Bce verrà meno, "alcuni dei Paesi altamente indebitati (come il nostro, ndr) potrebbero ritrovarsi a fare i conti con spread sovrani in rialzo".

Gli esperti dell'istituto guidato da Christine Lagarde sottolineano come i progessi dell'economia dell'Eurozona siano dovuti alla domanda interna e dalla ripresa del credito, conseguenza di anni di riparazione dei bilanci, di politiche accomodanti e di un rafforzamento delle istituzioni. Secondo loro "ci dovrebbe essere un impegno rinnovato a completare l'unione bancaria, a portare avanti l'unione dei mercati dei capitali e a creare una capacità fiscale unica". Perché mosse simili "darebbero benefici di vasta portata per gli Stati membri aumentando la resilienza dell'unione monetaria". In particolare, il Fondo risulta favorevole alla creazione di una garanzia comune dei depositi bancari: "faciliterebbe l'attività transnazionale e rappresenterebbe un progresso notevole verso una unione bancaria vera".

Il Fondo mette in discussione la "promessa di salari più alti come conseguenza dell'integrazione" visto che è in stallo la convergenza dei redditi reali nei 12 Paesi che originariamente hanno adottato l'euro. Ci sono poi differenze tra Paesi dell'Eurozona in termini di competitività: si sono ingrandite negli anni dell'adozione dell'euro e tali sono rimaste. Per ridurle "serve una crescita della produttività più veloce nei Paesi in ritardo".

Il Fondo loda la Bce, che "giustamente" si è impegnata a "tenere i tassi bassi per un periodo di tempo esteso, ben oltre l'orizzonte degli acquisti di asset". Secondo l'istituto di Washington, "nessun cambiamento alle guidance dovrebbe essere fatto" fino a quando la performance dell'inflazione non si è rafforzata e l'outlook ad essa associato sia migliorato decisamente. Per il Fondo, l'inflazione "avrà tanta strada da fare" prima di raggiungere l'obiettivo di crescita della Bce inferiore ma vicino al 2% annuo. Anche per questo le nazioni come la Germania in cui la crescita è a pieno regime "dovranno accettare un'inflazione sopra il 2% per un periodo prolungato".

Nella Brexit, il Fondo vede sfide ma anche opportunità come quella di avanzare l'unione dei mercati dei capitali. "Se un Paese membro lascia la Ue, gli altri devono unirsi ancora di più", aggiunge il Fondo. L'istituto, infine, bacchetta la compliance del Patto di stabilità: "non è stata incoraggiante" motivo per cui bisognerebbe semplificare e rafforzare le regole.

Altri Servizi

Lo chef Mario Batali accusato di molestie sessuali

Si prende una pausa dai suoi ristoranti e da Eataly USA. Abc gli toglie la conduzione di "The Chew". Food Network ha sospeso il rilancio della trasmissione "Molto Mario"
America24

Dopo Hollywood, la Silicon Valley e Capitol Hill anche il mondo della ristorazione è stato colpito dallo scandalo di molestie sessuali. Quattro donne hanno accusato Mario Batali, uno degli chef più celebri di New York; famoso per i suoi capelli rossi e le Crocs arancioni ai piedi, è il cuoco che ha cucinato l'ultima cena di stato alla Casa Bianca dell'era Obama, quella che aveva come ospite d'onore l'ex presidente del consiglio Matteo Renzi. Ed è uno dei soci di minoranza di Eataly USA, la mecca americana del cibo Made in Italy. Al di fuori degli Stati Uniti, il nome del 51enne Batali non è associato a quello della controllante Eataly, gruppo italiano fondato da Oscar Farinetti (che ne è l'azionista di maggioranza). Il cuoco non ha mai ricoperto alcun ruolo operativo nella galassia Eataly.

Diplomatica Usa contro Tillerson: "Mi dimetto e le suggerisco di fare lo stesso"

Elizabeth Shackelford: "Il nostro lavoro sminuito, lei non è un leader". Trump preferisce i militari ai diplomatici: al Pentagono la guida dei rapporti esteri, Tillerson criticato e messo ai margini
AP

Ha rassegnato le dimissioni e ha suggerito il segretario di Stato, Rex Tillerson, a seguire il suo esempio: Elizabeth Shackelford, apprezzata diplomatica e "astro nascente del dipartimento di Stato" (secondo la Cnn) ha inviato una lettera molto critica al suo capo, in cui ha scritto che, sotto la sua guida, l'influenza del dipartimento è notevolmente diminuita e il morale dello staff è crollato, anche per "la dolorosa mancanza di rispetto" mostrata dall'amministrazione Trump.

Visa: una email anonima al Ceo porta al licenziamento di un top manager rubacuòri

Avrebbe scritto una email giudicata inopportuna a una dipendente di più basso livello

L'obiettivo di Trump e del Gop: convincere l'America che la riforma fiscale è pensata per la classe media

Così non è. Tra i principali beneficiari ci sono grandi aziende e milionari come il presidente. Mentre il provvedimento sta per essere approvato, torna il rischio di uno shutdown
AP

Putin ringrazia Trump: con aiuto Cia, sventati attacchi a San Pietroburgo

Seconda telefonata in quattro giorni tra i due leader
AP

Trump è il presidente Usa meno apprezzato dopo un anno di mandato

Sempre più elettori vogliono che il Congresso torni a essere controllato dai democratici. Lui si prepara a una campagna elettorale in giro per la nazione
AP

Repubblicani accusati di architettare uno scandalo email a danno di Mueller

Sostengono che il procuratore speciale abbia ottenuto illecitamente documenti scambiati dal transition team di Trump; vogliono gettare cattiva luce sull'inchiesta Russiagate
AP

Trump presenta lunedì strategia sicurezza nazionale. Cina sarà accusata di aggressione economica

Secondo varie fonti informate sul dossier, Trump proporrà una posizione molto più dura nei confronti della Cina rispetto a quanto fatto dalle precedenti amministrazioni.
White House

Gm al momento della verità nel processo (ennesimo) sullo scandalo dei difetti all'accensione

Il 18 dicembre al tribunale fallimentare di Manhattan si apre il processo che stabilirà se il colosso automobilistico possa o meno evitare di pagare fino a un miliardo di dollari in azioni.
iStock

Ok dei repubblicani al testo unificato della riforma fiscale. Il plauso di Trump: rispettiamo promesse

L'approvazione finale potrebbe arrivare già mercoledì. L'aliquota per le imprese dal 35 al 21%
AP