Fmi: la ripresa dell'Eurozona si rafforza, Italia avanti con le riforme

Secondo l'istituto di Washington il contesto politico "favorevole" rappresenta un'opportunità per rendere ancora più salda l'integrazione tra i Paesi membri. Bce promossa. Scoraggiante la compliance del Patto di stabilità

"Anche se restano debolezze strutturali con radici profonde", la ripresa dell'Eurozona "si sta rafforzando" e ciò - insieme a un contesto politico "favorevole" - rappresenta un'opportunità per rendere ancora più salda l'integrazione tra i Paesi membri. Ma anche se gli sforzi fino ad ora fatti stanno dando frutti, "molto resta da fare sia a livello nazionale sia generale".

Lo sostiene lo staff del Fondo monetario internazionale, che lancia messaggi non solo a Bruxelles ma anche ai singoli Paesi e alla Banca centrale europa. Lo ha fatto al completamento della missione nell'Eurozona, dove ci sono state consultazioni in vista della pubblicazione dell'Articolo IV, il rapporto con cui il Fondo fotografa annualmente l'economia di un Paese membro. Nel documento diffuso oggi - ossia quattro giorni dopo la pubblicazione di quello relativo all'Italia, di cui sono state alzate le stime di crescita per quest'anno all'1,3% dallo 0,8% - gli esperti dell'istituto di Washington ribadiscono l'importanza di riforme ulteriori anche nel nostro Paese, "sia nel mercato del lavoro sia in quelli dei prodotti, al fine di mantenere la crescita della produttività sopra gli aumenti dei salari". E come indicato nel commento di fine missione in Italia, anche nell'occasione odierna il Fondo ripete come sia importante per i Paesi con alto debito e scarso spazio di manovra fiscale puntare su un consolidamento graduale in un modo tale che favorisca la crescita. L'idea generale è "approfittare della ripresa [generalizzata] e della politica monetaria accomodante" ancora in vigore. Anche perché quando il sostegno della Bce verrà meno, "alcuni dei Paesi altamente indebitati (come il nostro, ndr) potrebbero ritrovarsi a fare i conti con spread sovrani in rialzo".

Gli esperti dell'istituto guidato da Christine Lagarde sottolineano come i progessi dell'economia dell'Eurozona siano dovuti alla domanda interna e dalla ripresa del credito, conseguenza di anni di riparazione dei bilanci, di politiche accomodanti e di un rafforzamento delle istituzioni. Secondo loro "ci dovrebbe essere un impegno rinnovato a completare l'unione bancaria, a portare avanti l'unione dei mercati dei capitali e a creare una capacità fiscale unica". Perché mosse simili "darebbero benefici di vasta portata per gli Stati membri aumentando la resilienza dell'unione monetaria". In particolare, il Fondo risulta favorevole alla creazione di una garanzia comune dei depositi bancari: "faciliterebbe l'attività transnazionale e rappresenterebbe un progresso notevole verso una unione bancaria vera".

Il Fondo mette in discussione la "promessa di salari più alti come conseguenza dell'integrazione" visto che è in stallo la convergenza dei redditi reali nei 12 Paesi che originariamente hanno adottato l'euro. Ci sono poi differenze tra Paesi dell'Eurozona in termini di competitività: si sono ingrandite negli anni dell'adozione dell'euro e tali sono rimaste. Per ridurle "serve una crescita della produttività più veloce nei Paesi in ritardo".

Il Fondo loda la Bce, che "giustamente" si è impegnata a "tenere i tassi bassi per un periodo di tempo esteso, ben oltre l'orizzonte degli acquisti di asset". Secondo l'istituto di Washington, "nessun cambiamento alle guidance dovrebbe essere fatto" fino a quando la performance dell'inflazione non si è rafforzata e l'outlook ad essa associato sia migliorato decisamente. Per il Fondo, l'inflazione "avrà tanta strada da fare" prima di raggiungere l'obiettivo di crescita della Bce inferiore ma vicino al 2% annuo. Anche per questo le nazioni come la Germania in cui la crescita è a pieno regime "dovranno accettare un'inflazione sopra il 2% per un periodo prolungato".

Nella Brexit, il Fondo vede sfide ma anche opportunità come quella di avanzare l'unione dei mercati dei capitali. "Se un Paese membro lascia la Ue, gli altri devono unirsi ancora di più", aggiunge il Fondo. L'istituto, infine, bacchetta la compliance del Patto di stabilità: "non è stata incoraggiante" motivo per cui bisognerebbe semplificare e rafforzare le regole.

Altri Servizi

Amministrazione Trump contro Fmi: vuole che riforma fiscale fallisca

L'istituto di Washington aspetta dettagli sulla legislazione ma avverte: non aumenti il deficit. Le probabilità che un taglio alle tasse si finanzi da solo è bassa
AP

Washington - L'amministrazione Trump ha apertamente attaccato il Fondo monetario internazionale, accusandolo di volere un fallimento della riforma fiscale che il presidente americano vorrebbe portare a casa entro fine anno; per lui, sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca dal 20 gennaio scorso.

G7: Mustier (Unicredit) a incontro centrato su cybersicurezza finanziaria

Dialogo tra settore pubblico e privato per capire le sfide e definire le soluzioni. Non è emerso un senso di urgenza nonostante i casi in Usa contro Equifax, Sec e Deloitte

Washington - Jean Pierre Mustier, Ceo di Unicredit, ha partecipato nel pomeriggio americano del 12 ottobre a una riunione del G7 che si è occupata anche di cybersicurezza nel settore finanziario. L'amministratore delegato è stato uno dei rappresentanti del settore privato, uno per nazione, che sono stati invitati a partecipare all'incontro organizzato a Washington a margine dei lavori autunnali del Fondo monetario internazionale.

G20: Schaeuble con Padoan, vietato compiacersi

Alla riunione di Washington, non si è discusso di commercio nonostante i negoziati sul Nafta e quelli legati alla Brexit

L'ultimo G20 presieduto dalla Germania ha ignorato il tema del commercio nonostante i negoziati in corso sul Nafta e sulla Brexit. Dalla riunione dei ministri delle Finanze e dei governatori delle bance centrali delle principali economie al mondo è invece stato lanciato un messaggio che ricalca esattamente quello del Fondo monetario internazionale: è vietato compiacersi di fronte a una ripresa dell'economia globale forte e generalizzata come non succedeva da un decennio.

Cottarelli (Fmi): riduzione Npl in Italia procede a "velocità adeguata"

Intervista all'uscente direttore esecutivo per il nostro Paese al Fondo, che si schiera dalla parte delle autorità italiane e contro la Bce. "Positiva" la ripresa dell'economia

I non-perfoming loan (Npl) delle banche italiane si stanno riducendo a una “velocità adeguata” che non giustifica l'urgenza sollevata dalla Banca centrale europea e dallo stesso Fondo monetario internazionale, che comunque riconosce i progressi fatti nel nostro Paese dove si aspetta per quest'anno una riduzione di Npl pari a 65 miliardi di euro inclusi i circa 18 miliardi da Unicredit, 26 miliardi da Mps dopo la sua ricapitalizzazione e altri da banche più piccole. Ne è convinto Carlo Cottarelli, direttore esecutivo per l’Italia al Fmi, che in un'intervista ad America24 ha detto che intende sollevare la questione in occasione della prossima visita a Washington di Daniele Nouy, presidente del Single Supervisory Mechanism, l’organo di supervisione bancaria della Bce.

Bank of America: utile sale e batte le stime, ma fatturato delude con il trading

Nel terzo trimestre Bank of America ha visto salire l'utile netto del 13%, mentre il fatturato è salito dell'1%, battendo le stime degli analisti, nonostante le difficoltà delle attività di trading.
AP

Nel terzo trimestre Bank of America ha visto salire l'utile netto del 13%, mentre il fatturato è salito dell'1%, battendo le stime degli analisti, nonostante le difficoltà delle attività di trading. 

Wall Street, occhi su trimestrali e Fmi

Attesi i conti di Wells Fargo e Bank of America
AP

Nbc: Trump vorrebbe decuplicare l'arsenale nucleare; il presidente nega

Dopo quell'incontro, Tillerson lo avrebbe definito un "imbecille". Il presidente vorrebbe che gli Stati Uniti, che hanno 4.000 testate nucleari, tornassero ad averne 32.000, come negli anni '60

Il presidente Donald Trump avrebbe detto di voler quasi decuplicare la quantità di armi nucleari a disposizione degli Stati Uniti. Lo sostiene la Nbc, che ha rivelato in esclusiva il presunto contenuto di un incontro con i vertici militari e politici avvenuto la scorsa estate, grazie a tre fonti, presenti al vertice.

Fendi

Perché in Italia esistono ancora così tanti monumenti di epoca fascista? A chiederselo è il New Yorker, in un articolo dal titolo secco e provocatorio firmato da Ruth Ben-Ghiat, docente di storia e studi italiani presso la New York University. Mentre in Usa continua il dibattito sui monumenti sudisti e sulle statue di Cristoforo Colombo, nel suo pezzo Ben-Ghiat esprime tutto il suo stupore non solo per il fatto che questi monumenti siano rimasti ma soprattutto perché sono ancora oggi ben visibili.

Gli Usa lasciano l'Unesco: non piace la politica "a favore della Palestina"

Washington lamenta un sentimento anti-israeliano dell'agenzia delle Nazioni Unite, a cui aveva già tagliato i fondi nel 2011

Gli Stati Uniti lasceranno l'Unesco alla fine del 2018, dopo aver ripetutamente criticato le risoluzioni dell'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di educazione, scienza e cultura, che Washington considera contro Israele. Gli Stati Uniti avevano smesso di finanziare l'Unesco dopo la sua decisione di includere la Palestina come membro nel 2011, pur decidendo di mantenere il proprio ufficio nel quartier generale di Parigi per cercare di continuare ad avere un peso politico sulle decisioni.

Google al lavoro per riportare servizi internet e cellulari a Porto Rico

La Federal Communication Commission, l'autorità americana delle telecomunicazioni, ha approvato la richiesta di Alphabet per fornire servizi di telefonia cellulare di emergenza nelle zone colpite da Maria.
AP

Google va in aiuto di Porto Rico, l'isola devastata dall'uragano Maria. La Federal Communication Commission, l'autorità americana delle telecomunicazioni, ha approvato la richiesta di Alphabet per fornire servizi di telefonia cellulare di emergenza nelle zone colpite per ovviare al fatto che l'83% della popolazione è attualmente senza servizio.