Fmi, Lagarde: criptovalute danno benefici ma non tutte sopravviveranno

Il d.g. dell'istituto di Washington le paragona alla mania dei tulipani del 17esimo secolo. Consiglia ai regolatori di essere "vigili".
Shutterstock

I "cripto-asset" come Bitcoin, la valuta digitale con la maggiore capitalizzazione, non rappresentano al momento una minaccia immediata per il sistema finanziario. Ne è convinta Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo monetario internazionale. In un documento preparato mentre a Washington iniziano gli Spring Meetings del Fondo, l'ex ministro francese delle Finanze ha scritto che "stando alla nostra analisi preliminare, data la loro portata ancora contenuta e i loro legami limitati al resto del sistema finanziario, i cripto-asset non rappresentano un pericolo immediato".

Detto questo, ha scritto Lagarde, "i regolatori dovrebbero restare vigili: i cripto-asset hanno il potenziale di ingrandire i rischi di un trading fatto con un alto livello di leverage e di aumentare la trasmissione degli shock economici nel caso in cui [i cripto-asset stessi] dovessero diventare più integrati nei prodotti finanziari tradizionali".

L'ex ministro francese delle Finanze ha aggiunto che "banche e altre istituzioni finanziarie dovranno affrontare varie sfide per quanto riguarda i loro modelli di business nel caso in cui ci dovesse essere un grande allontanamento da valute emesse dai governi verso i cripto-asset".

Inoltre, "per i regolatori potrebbe essere più difficile garantire la stabilità di un sistema finanziario più decentralizzato". In questo scenario, Lagarde ipotizza che "le banche centrali potrebbero avere maggiori problemi nell'agire come prestatore di ultima istanza in caso di una crisi".

Secondo Lagarde, "prima che i cripto-asset possano trasformare l'attività finanziaria in un modo significativo e duraturo, devono guardagnarsi la fiducia e il supporto di consumatori e autorità. Un passo iniziale importante sarà il raggiungimento di un consensus nella comunità regolatoria globale sul ruolo che i cripto-asset dovrebbero giocare. Siccome i cripto-asset non conoscono confini, la cooperazione internazionale sarà essenziale".

L'Fmi da lei guidato si offre di fornire consigli e di fungere da forum per le discussioni. "Dobbiamo mantenerci aggiornati sugli sviluppi rapidi dei mercati e delle tecnologie. Dobbiamo agire rapidamente per chiudere divari di conoscenza che impediscono un monitoraggio efficace dei cripto-asset", ha aggiunto Lagarde. Secondo lei, ci dovrebbe essere un'analisi del rischio sistemico associato a tali asset e risposte "tempestive" cos" come misure per proteggere consumatori, investitori e l'integrità dei mercati.

"La rotazione frastornante dei cripto-asset come Bitcoin porta a fare paragoni con la mania dei tulipani che ha travolto l'Olanda nel 17esimo secolo e la recente bolla dot-com" scrive Lagarde che aggiunge: "Con oltre 1.600 cripto-asset in circolazione, sembra inevitabile che molti non sopravviveranno al processo di distruzione creativa".

Lagarde è tornata quindi a rivolgersi alla classe dirigente e ai legislatori consigliando di "tenere una mentalità aperta e lavorare per un framework regolatorio equilibrato che minimizza i rischi e che allo stesso tempo permette al processo creativo di dare frutti". L'idea è che "così come poche delle tecnologie emerse dall'era dot-com hanno trasformato le nostre vite, i cripto-asset che sopravviveranno potranno avere un impatto significativo su come risparmiamo, investiamo e paghiamo le bollette". Inoltre ha invitato i legislatori a"distinguere tra minacce reali e paure inutili".

L'ex ministro francese delle Finanze si è concentrata sui "benefici potenziali" dati dai cripto-asset: "permettono transazioni finanziarie rapide e poco costose offrendo allo stesso tempo alcuni dei vantaggi del contante"; la tecnologia sottostante "potrebbe aiutare i mercati finanziari a funzionare in modo più efficiente" e le aziende a conservare documenti confidenziali; nelle economie in via di sviluppo, tutto ciò potrebbe "aiutare a proteggere i diritti sulla proprietà, ad aumentare la fiducia nei mercati e a promuovere gli investimenti".

Tutto ciò porta Lagarde a dire che "se i cripto-asset emessi privatamente restano rischiosi e instabili, potrebbe esserci una domanda di forme digitali di moneta fornite dalle banche centrali". Inoltre, "contratti smart" potrebbero eliminare il bisogno di alcuni intermediari.

Secondo il d.g. del Fondo, "la rivoluzione fintech non eliminerà il bisogno di intermediari di fiducia come i broker e le banche. C'è tuttavia la speranza che applicazioni decentralizzate alimentate da cripto-asset portino a una diversificazione del panorama finanziario, a un migliore equilibrio tra fornitori di servizi centralizzati e decentralizzati e a un ecosistema finanziario che sia più efficiente e potenzialmente più robusto nel resistere alle minacce".

Lagarde ha concluso la sua analisi dicendo che "comprendere i rischi che i cripto-asset potrebbero porre alla stabilità finanziaria è vitale se vogliamo distinguere tra minacce reali e paure inutili".

Altri Servizi

Mueller: nessuna collusione con la Russia. Trump esulta

Prove insufficienti per dimostrare il contrario ma il procuratore speciale non esclude che il presidente abbia ostacolato il corso della giustizia. E' il segretario alla Giustizia a determinare che non ha commesso alcun crimine

Tra la campagna di Donald Trump e la Russia non c'è stata collusione. E' questa la conclusione a cui è giunto Robert Mueller, il procuratore speciale che venerdì 22 marzo aveva concluso dopo 22 mesi la sua inchiesta sul cosiddetto Russiagate. Se lui non si è sentito di escludere che Trump abbia ostacolato il corso della giustizia, è stato il segretario della Giustizia ad avere deciso che su questo il 45esimo presidente non si è macchiato di alcun crimine. E così la Casa Bianca ha subito festeggiato sostenendo che il leader Usa è stato "totalmente" assolto. 

Wall Street corre con i tech guidati da Apple

Incertezze sui negoziati Usa-Cina. Si digeriscono i segnali misti giunti dalla Fed
iStock

Fca: Elkann aperto a un merger (FT)

Il produttore italo-americano di auto avrebbe avuto contatti non solo con la francese Peugeot ma anche con gruppi cinesi e coreani
Fca

Il presidente di Fiat Chrysler Automobiles, John Elkann, sarebbe disposto a riaprire il capitolo dei merger. L'erede della famiglia Agnelli, azionista principale del produttore italo-americano di auto, vorrebbe diluire la partecipazione di Exor, la cassaforte di famiglia, in Fca se il gruppo unirà le forze con un'azienda rivale. E' il Financial Times a scriverlo, due giorni dopo indiscrezioni del Wall Street Journal secondo cui all'inizio del 2019 il francese PSA Group, che controlla il marchio Peugeot, aveva contatto Fca per un merger che avrebbe creato un gruppo da 45 miliardi di di dollari; stando al Wsj, proprio gli Agnelli sarebbero stati contrari.

Shutterstock

A febbraio, il deficit di bilancio negli Stati Uniti ha raggiunto un record superando quello di sette anni fa. E' il risultato di un aumento delle spese federali e di un calo delle entrate garantite dalle tasse versate da persone e aziende. Ciò riflette la politica fiscale espansiva voluta dall'amministrazione Trump, che prima del Natale 2017 approvò la maggiore riforma fiscale (con taglio delle aliquote) dagli anni '80.

Apple punta sui servizi con video, notizie e carta di credito

Oprah Winfrey, Steven Spielberg, J.J. Abrams e Jennifer Aniston tra le personalità reclutate per produrre contenuti orginali

Quasi tre mesi dopo avere annunciato un raro taglio delle stime sui ricavi, colpa della debolezza del suo iPhone, Apple punta sui servizi. Dal Steve Jobs Theatre a Cupertino, in California, il Ceo Tim Cook ha lanciato un nuovo servizio di notizie, un nuovo sistema di pagamento con carta di credito, un servizio di abbonamento per videogiochi, una app per l'Apple TV e TV+, il tanto atteso servizio di video in streaming su abbonamento. Con contenuti originali, il colosso tech sfida Netflix, Amazon ma anche Walt Disney.

Levi Strauss torna in borsa e fa il botto

Per un giorno il Nyse fa uno strappo alla regola e consente l'uso dei jeans ai trader che popolano il floor del Nyse

Ritorno in borsa con il botto per Levi Strauss. Il titolo del produttore di jeans -  già quotato nel 1971 e poi delistato nel 1984 - ha iniziato gli scambi a 22,22 dollari, in rialzo del 30,7% sul prezzo di collocamento fissato il giorno precedente a 17 dollari. Già quello era stato un segnale della forte domanda degli investitori, visto che la forchetta precedentemente indicata era pari a 14-16 dollari. La sua prima giornata di scambi è finita in aumento di quasi il 32% a 22,41 dollari.

Russiagate: il rapporto di Mueller resta (almeno per ora) top secret

Trump stranamente silenzioso. I suoi supporter pronti a festeggiare l'assenza di nuove incriminazioni. I Dem premono per la pubblicazione del documento
Da sinistra, Robert Mueller e Adam Schiff AP

Non prima di domenica. Il contenuto del rapporto consegnato venerdì 22 marzo da Robert Mueller al segretario alla Giustizia resterà top secret almeno per un altro giorno.

Enron: dopo la truffa, l'ex Ceo lascia il carcere e ci riprova

Secondo fonti del Wall Street Journal, Jeffrey Skilling sta discutendo con ex colleghi una nuova impresa nel settore energetico
AP

Dopo oltre 12 anni di carcere, l'uomo al centro di uno dei più grandi scandali della storia aziendale americana intende tornare a mettere piede nel settore in cui è diventato simbolo di una bancarotta fraudolenta: quello energetico. L'ex Ceo di Enron, Jeffrey Skilling, ha lasciato la prigione dopo essere stato incriminato nel 2006 per frode, cospirazione e insider trading. E' sotto la sua guida che Enron è fallita nel giro di pochi mesi nel 2001 a causa di pratiche contabili tutt'altro che lecite che hanno messo fine alla società di revisione Arthur Andersen.