Fmi, Lagarde: criptovalute danno benefici ma non tutte sopravviveranno

Il d.g. dell'istituto di Washington le paragona alla mania dei tulipani del 17esimo secolo. Consiglia ai regolatori di essere "vigili".
Shutterstock

I "cripto-asset" come Bitcoin, la valuta digitale con la maggiore capitalizzazione, non rappresentano al momento una minaccia immediata per il sistema finanziario. Ne è convinta Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo monetario internazionale. In un documento preparato mentre a Washington iniziano gli Spring Meetings del Fondo, l'ex ministro francese delle Finanze ha scritto che "stando alla nostra analisi preliminare, data la loro portata ancora contenuta e i loro legami limitati al resto del sistema finanziario, i cripto-asset non rappresentano un pericolo immediato".

Detto questo, ha scritto Lagarde, "i regolatori dovrebbero restare vigili: i cripto-asset hanno il potenziale di ingrandire i rischi di un trading fatto con un alto livello di leverage e di aumentare la trasmissione degli shock economici nel caso in cui [i cripto-asset stessi] dovessero diventare più integrati nei prodotti finanziari tradizionali".

L'ex ministro francese delle Finanze ha aggiunto che "banche e altre istituzioni finanziarie dovranno affrontare varie sfide per quanto riguarda i loro modelli di business nel caso in cui ci dovesse essere un grande allontanamento da valute emesse dai governi verso i cripto-asset".

Inoltre, "per i regolatori potrebbe essere più difficile garantire la stabilità di un sistema finanziario più decentralizzato". In questo scenario, Lagarde ipotizza che "le banche centrali potrebbero avere maggiori problemi nell'agire come prestatore di ultima istanza in caso di una crisi".

Secondo Lagarde, "prima che i cripto-asset possano trasformare l'attività finanziaria in un modo significativo e duraturo, devono guardagnarsi la fiducia e il supporto di consumatori e autorità. Un passo iniziale importante sarà il raggiungimento di un consensus nella comunità regolatoria globale sul ruolo che i cripto-asset dovrebbero giocare. Siccome i cripto-asset non conoscono confini, la cooperazione internazionale sarà essenziale".

L'Fmi da lei guidato si offre di fornire consigli e di fungere da forum per le discussioni. "Dobbiamo mantenerci aggiornati sugli sviluppi rapidi dei mercati e delle tecnologie. Dobbiamo agire rapidamente per chiudere divari di conoscenza che impediscono un monitoraggio efficace dei cripto-asset", ha aggiunto Lagarde. Secondo lei, ci dovrebbe essere un'analisi del rischio sistemico associato a tali asset e risposte "tempestive" cos" come misure per proteggere consumatori, investitori e l'integrità dei mercati.

"La rotazione frastornante dei cripto-asset come Bitcoin porta a fare paragoni con la mania dei tulipani che ha travolto l'Olanda nel 17esimo secolo e la recente bolla dot-com" scrive Lagarde che aggiunge: "Con oltre 1.600 cripto-asset in circolazione, sembra inevitabile che molti non sopravviveranno al processo di distruzione creativa".

Lagarde è tornata quindi a rivolgersi alla classe dirigente e ai legislatori consigliando di "tenere una mentalità aperta e lavorare per un framework regolatorio equilibrato che minimizza i rischi e che allo stesso tempo permette al processo creativo di dare frutti". L'idea è che "così come poche delle tecnologie emerse dall'era dot-com hanno trasformato le nostre vite, i cripto-asset che sopravviveranno potranno avere un impatto significativo su come risparmiamo, investiamo e paghiamo le bollette". Inoltre ha invitato i legislatori a"distinguere tra minacce reali e paure inutili".

L'ex ministro francese delle Finanze si è concentrata sui "benefici potenziali" dati dai cripto-asset: "permettono transazioni finanziarie rapide e poco costose offrendo allo stesso tempo alcuni dei vantaggi del contante"; la tecnologia sottostante "potrebbe aiutare i mercati finanziari a funzionare in modo più efficiente" e le aziende a conservare documenti confidenziali; nelle economie in via di sviluppo, tutto ciò potrebbe "aiutare a proteggere i diritti sulla proprietà, ad aumentare la fiducia nei mercati e a promuovere gli investimenti".

Tutto ciò porta Lagarde a dire che "se i cripto-asset emessi privatamente restano rischiosi e instabili, potrebbe esserci una domanda di forme digitali di moneta fornite dalle banche centrali". Inoltre, "contratti smart" potrebbero eliminare il bisogno di alcuni intermediari.

Secondo il d.g. del Fondo, "la rivoluzione fintech non eliminerà il bisogno di intermediari di fiducia come i broker e le banche. C'è tuttavia la speranza che applicazioni decentralizzate alimentate da cripto-asset portino a una diversificazione del panorama finanziario, a un migliore equilibrio tra fornitori di servizi centralizzati e decentralizzati e a un ecosistema finanziario che sia più efficiente e potenzialmente più robusto nel resistere alle minacce".

Lagarde ha concluso la sua analisi dicendo che "comprendere i rischi che i cripto-asset potrebbero porre alla stabilità finanziaria è vitale se vogliamo distinguere tra minacce reali e paure inutili".

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta al dato sull'inflazione

Occhi puntati anche sulle dispute commerciali
iStock

Pfizer parla con Trump, rinvia il rincaro dei farmaci

Passo indietro, in attesa del piano del presidente Usa

Pfizer ha deciso di rinviare il rincaro di decine di farmaci, dopo le critiche ricevute dal presidente statunitense, Donald Trump. Il colosso farmaceutico ha annunciato "il ritorno ai prezzi precedenti al primo luglio per dare al presidente l'opportunità di lavorare al suo piano" per ridurre i prezzi dei farmaci; la decisione è stata presa dopo un colloquio tra l'amministratore delegato, Ian Read, e il presidente.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.

AP

Il progetto della premier britannica Theresa May di mantenere una stretta relazione economica con l'Unione Europea dopo la Brexit "ucciderà probabilmente" la possibilità di chiudere un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti. Lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un'intervista al tabloid britannico Sun che sta facendo discutere da ore. Poi, il passo indietro non appena arrivato a Chequers, la residenza di campagna del primo ministro del Regno Unito, che si trova a Ellesborough.

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Vertice Nato, Trump chiede agli alleati un nuovo obiettivo: il 4% del Pil alla difesa

Gli alleati faticano ad avvicinarsi al 2%, come promesso nel 2014 (entro 10 anni)
Ap

Vertice Nato,Trump chiede nuovo obiettivo: 4% Pil alla difesa Lo ha riferito il presidente bulgaro New York, 11 lug - Il presidente statunitense, Donald Trump, ha formalmente chiesto agli alleati della Nato di alzare al 4% la percentuale del Pil da dedicare alle spese per la difesa, nonostante la maggior parte degli alleati sia ancora lontana dall'obiettivo del 2%, fissato nel 2014 per il 2024. A renderlo noto è stato il presidente bulgaro, Rumen Radev.