Fmi, Lagarde: criptovalute danno benefici ma non tutte sopravviveranno

Il d.g. dell'istituto di Washington le paragona alla mania dei tulipani del 17esimo secolo. Consiglia ai regolatori di essere "vigili".
Shutterstock

I "cripto-asset" come Bitcoin, la valuta digitale con la maggiore capitalizzazione, non rappresentano al momento una minaccia immediata per il sistema finanziario. Ne è convinta Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo monetario internazionale. In un documento preparato mentre a Washington iniziano gli Spring Meetings del Fondo, l'ex ministro francese delle Finanze ha scritto che "stando alla nostra analisi preliminare, data la loro portata ancora contenuta e i loro legami limitati al resto del sistema finanziario, i cripto-asset non rappresentano un pericolo immediato".

Detto questo, ha scritto Lagarde, "i regolatori dovrebbero restare vigili: i cripto-asset hanno il potenziale di ingrandire i rischi di un trading fatto con un alto livello di leverage e di aumentare la trasmissione degli shock economici nel caso in cui [i cripto-asset stessi] dovessero diventare più integrati nei prodotti finanziari tradizionali".

L'ex ministro francese delle Finanze ha aggiunto che "banche e altre istituzioni finanziarie dovranno affrontare varie sfide per quanto riguarda i loro modelli di business nel caso in cui ci dovesse essere un grande allontanamento da valute emesse dai governi verso i cripto-asset".

Inoltre, "per i regolatori potrebbe essere più difficile garantire la stabilità di un sistema finanziario più decentralizzato". In questo scenario, Lagarde ipotizza che "le banche centrali potrebbero avere maggiori problemi nell'agire come prestatore di ultima istanza in caso di una crisi".

Secondo Lagarde, "prima che i cripto-asset possano trasformare l'attività finanziaria in un modo significativo e duraturo, devono guardagnarsi la fiducia e il supporto di consumatori e autorità. Un passo iniziale importante sarà il raggiungimento di un consensus nella comunità regolatoria globale sul ruolo che i cripto-asset dovrebbero giocare. Siccome i cripto-asset non conoscono confini, la cooperazione internazionale sarà essenziale".

L'Fmi da lei guidato si offre di fornire consigli e di fungere da forum per le discussioni. "Dobbiamo mantenerci aggiornati sugli sviluppi rapidi dei mercati e delle tecnologie. Dobbiamo agire rapidamente per chiudere divari di conoscenza che impediscono un monitoraggio efficace dei cripto-asset", ha aggiunto Lagarde. Secondo lei, ci dovrebbe essere un'analisi del rischio sistemico associato a tali asset e risposte "tempestive" cos" come misure per proteggere consumatori, investitori e l'integrità dei mercati.

"La rotazione frastornante dei cripto-asset come Bitcoin porta a fare paragoni con la mania dei tulipani che ha travolto l'Olanda nel 17esimo secolo e la recente bolla dot-com" scrive Lagarde che aggiunge: "Con oltre 1.600 cripto-asset in circolazione, sembra inevitabile che molti non sopravviveranno al processo di distruzione creativa".

Lagarde è tornata quindi a rivolgersi alla classe dirigente e ai legislatori consigliando di "tenere una mentalità aperta e lavorare per un framework regolatorio equilibrato che minimizza i rischi e che allo stesso tempo permette al processo creativo di dare frutti". L'idea è che "così come poche delle tecnologie emerse dall'era dot-com hanno trasformato le nostre vite, i cripto-asset che sopravviveranno potranno avere un impatto significativo su come risparmiamo, investiamo e paghiamo le bollette". Inoltre ha invitato i legislatori a"distinguere tra minacce reali e paure inutili".

L'ex ministro francese delle Finanze si è concentrata sui "benefici potenziali" dati dai cripto-asset: "permettono transazioni finanziarie rapide e poco costose offrendo allo stesso tempo alcuni dei vantaggi del contante"; la tecnologia sottostante "potrebbe aiutare i mercati finanziari a funzionare in modo più efficiente" e le aziende a conservare documenti confidenziali; nelle economie in via di sviluppo, tutto ciò potrebbe "aiutare a proteggere i diritti sulla proprietà, ad aumentare la fiducia nei mercati e a promuovere gli investimenti".

Tutto ciò porta Lagarde a dire che "se i cripto-asset emessi privatamente restano rischiosi e instabili, potrebbe esserci una domanda di forme digitali di moneta fornite dalle banche centrali". Inoltre, "contratti smart" potrebbero eliminare il bisogno di alcuni intermediari.

Secondo il d.g. del Fondo, "la rivoluzione fintech non eliminerà il bisogno di intermediari di fiducia come i broker e le banche. C'è tuttavia la speranza che applicazioni decentralizzate alimentate da cripto-asset portino a una diversificazione del panorama finanziario, a un migliore equilibrio tra fornitori di servizi centralizzati e decentralizzati e a un ecosistema finanziario che sia più efficiente e potenzialmente più robusto nel resistere alle minacce".

Lagarde ha concluso la sua analisi dicendo che "comprendere i rischi che i cripto-asset potrebbero porre alla stabilità finanziaria è vitale se vogliamo distinguere tra minacce reali e paure inutili".

Altri Servizi

L'esodo dalla Casa Bianca di Trump

Dopo un numero di addii record nel primo anno di presidenza, l'ultimo ad andarsene è Ryan Zinke, ministro degli Interni

Continua l'esodo dalla Casa Bianca di Donald Trump. A passo record. Negli ultimi 40 anni mai così tante persone hanno lasciato, più o meno forzatamente, il loro incarico nel primo anno in carica di un presidente. E gli addii non sono ancora finiti mentre Trump sta per iniziare il suo terzo anno in carica.

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Michael Cohen, ex avvocato, amico e faccendiere del presidente statunitense, Donald Trump, è stato condannato a tre anni di carcere per una serie di reati, alcuni dei quali legati al suo lavoro per Trump, tra cui quello di aver violato la legge sui finanziamenti elettorali. Violazione compiuta comprando il silenzio di due donne che sostengono di aver avuto rapporti sessuali con il presidente.

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Palm Springs - Effetto Urus su Automobili Lamborghini. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese si prepara a chiudere un altro anno record (l'ottavo di fila) in termini di vendite e di crescita grazie anche al contributo del suo primo 'Super Utility Vehicle', il Suv consegnato a partire dalla scorsa estate in Europa e a ottobre in Nord America (dove costa a partire da 200mila dollari).

Wall Street, ottimismo sul dialogo Usa-Cina

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Dati: oggi in programma l'indice dei prezzi al consumo e le scorte di petrolio
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.