Fmi: lancia allarme, aziende Usa vulnerabili a espansione fiscale targata Trump

Si tratta di uno scenario avverso: in gioco asset per 4mila mld $
AP

Gli stimoli fiscali promessi da Donald Trump potrebbero non essere necessariamente positivi per le aziende americane. Se è vero che un taglio delle aliquote potrebbe portare a un aumento degli investimenti e delle assunzioni, sostenendo di conseguenza la crescita, c'è anche uno scenario in cui i piani della nuova amministrazione Usa risultano economicamente "non produttivi". In gioco ci sono asset per 4.000 miliardi di dollari. A ipotizzarlo è il Fondo monetario internazionale, che sottolinea come "i bilanci delle aziende private Usa siano solidi a livello aggregato" ma "il flusso di cassa ha rallentato recentemente e i profitti si sono allontanati dai picchi".

Nella sua analisi biannuale chiamata Global Financial Stability Report, il Fondo è chiaro: se i piani di Trump porteranno a deficit in rialzo (come previsto dall'istituto di Washington) e a un'inflazione in aumento, la Federal Reserve sarà costretta a una stretta monetaria più rapida del previsto. Ciò potrebbe portare a un apprezzamento del dollaro e ad un incremento di 130-230 miliardi di dollari del debito a rischio per le aziende più deboli dei mercati emergenti. A risentirne sarebbe anche la Corporate America, "che tende a preferire finanziamenti a debito con 7.800 miliardi di dollari di debiti e altri oneri creati dal 2010".

Nella conferenza a commento del Gfsr, Tobias Adrian - neo direttore del dipartimento Monetario e dei mercati dei capitali del Fondo - ha precisato che "il settore aziendale Usa è in salute" ma che ci sono gruppi a rischio. Per il Fondo, le aziende americane sono "vulnerabili" a condizioni di prestito più stringenti che potrebbero venire a crearsi proprio nel caso di uno scenario avverso dato dalla politica fiscale di Trump. In pratica, un aumento repentino dei tassi di interesse a fronte di una crescita "tiepida" degli utili, "potrebbe compromettere ulteriormente la capacità delle aziende di finanziare il proprio debito".

D'altra parte, precisa il Fondo, "gli utili sono scesi a meno di sei volte le spese sugli interessi, un multiplo che si trova vicino al livello più debole dallo scoppio della crisi finanziaria globale". Nell'ambito dello scenario avverso, "gli asset combinati dei gruppi che si ritroverebbero colpiti raggiungerebbe quasi i 4.000 miliardi di dollari". A rendere particolarmente cauto l'Fmi è un segno comune di stress: "il numero di aziende con un interest coverage ratio molto basso (misura della capacità degli utili attuali a coprire le spese sugli interessi, ndr) è già molto alto. Attualmente i gruppi che rappresentano il 10% degli asset aziendali sembrano incapaci di onorare le spese sugli interessi con i propri profitti".

Il Fondo aggiunge che sono le aziende energetiche ad avere subito un forte aumento dei problemi con cui si ritrovano a fare i conti, frutto in parte della volatilità dei prezzi del petrolio negli ultimi due anno. "Ma la proporzione di aziende in difficoltà si è allargata ad altri settori come quello immobiliare e delle utility. Insieme, queste tre industrie rappresentano a oggi circa la metà delle aziende che fanno fatica a onorare i propri obblighi sul debito e a fare i conti con costi di finanziamento in aumento".

Altri Servizi

La Fed segnala un rialzo dei tassi "presto"

Una stretta a giugno è possibile. Entro fine anno inizierà la riduzione del suo bilancio gonfiato durante gli anni della crisi dall'acquisto di Treasury e bond ipotecari
AP

La Federal Reserve si prepara a stringere la cinghia. Di nuovo. Dopo il rialzo dei tassi annunciato lo scorso marzo, la banca centrale americana potrebbe aumentare il costo del denaro nella sua riunione del 13 e 14 giugno. Ed entro la fine dell'anno, dovrebbe iniziare a ridurre le dimensioni del suo bilancio arrivato a valere 4.500 miliardi di dollari sulla scia degli acquisti di Treasury e bond ipotecari fatti nel corso dell'ultima crisi economica per sostenere la ripresa della prima economia al mondo.

Fca: caso emissioni, non siamo come Volkswagen

I legali del gruppo in un tribunale di San Francisco per contenziosi con privati riguardanti gli stessi veicoli presi di mira dal dipartimento di Giustizia. C'è soluzione rapida per risolvere la disputa. Ok a modifiche forse tra qualche settimana
Fca

Fiat Chrysler Automobiles non deve essere confrontata con Volkswagen perché i casi sulle emissioni diesel riguardanti i due gruppi sono decisamente diverso. E' questo il messaggio che i legali del gruppo guidato da Sergio Marchionne hanno lanciato da una stanza di un tribunale di San Francisco, dove si sono presentati nell'ambito di dispute iniziate da consumatori alla luce del presunto uso illecito di software nei motori diesel a tre litri di circa 104.000 vetture tra Jeep Grand Cherokee e Ram 1500.

Presunta talpa di WikiLeaks, i genitori: teorie cospirazioniste false

Madre e padre di Seth Rich: "Basta politicizzare il suo omicidio". Fox News ha fatto marcia indietro, ritirando il suo articolo

"Siamo i genitori di Seth Rich. Basta politicizzare l'omicidio di nostro figlio". Questo il titolo della lettera aperta pubblicata dal Washington Post, scritta dai genitori dell'attivista democratico, ucciso lo scorso luglio, di notte, con due colpi di pistola a pochi metri da casa sua, a Washington.

Trump duro con gli alleati Nato: mettete i soldi per la difesa

Il presidente Usa ha ripetuto che 23 membri dell'Alleanza non rispettano gli impegni: "È ingiusto nei confronti dei contribuenti statunitensi". Nessun riferimento all'Articolo 5 sulla "difesa collettiva"

Ieri, il suo entourage lo aveva annunciato: "Aspettatevi un Trump veramente duro con gli alleati". E il presidente degli Stati Uniti, all'inaugurazione del memoriale in ricordo degli attentati dell'11 Settembre, nel nuovo quartier generale della Nato, a Bruxelles, è stato "diretto": "Ventitré dei 28 Paesi ancora non pagano quello che dovrebbero pagare per la propria difesa. Questo non è giusto per il popolo e i contribuenti degli Stato Uniti e molti di questi Paesi ci devono un sacco di soldi. Gli Stati Uniti hanno speso in questi anni più di quanto hanno speso gli altri messi insieme". L'impegno non rispettato dagli alleati è quello del 2% del Pil da dedicare alla difesa, punto su cui Trump continua a insistere, facendo però propaganda, visto che nessun Paese "deve" dei soldi agli Stati Uniti o alla Nato, come invece vuol far credere.

Prosegue l'ottimismo a Wall Street

Ieri, chiusura record per lo S&P. Oggi giornata di trimestrali
AP

Obama cerca di offuscare il viaggio di Trump in Europa

Oggi l'ex presidente sarà in Germania invitato da Angela Merkel. E Trump non regge il confronto con i sorrisi e l'accoglienza dei leader. Papa Francesco in prima fila
AP

Donald Trump a Bruxelles, Barack Obama a Berlino: il presidente in carica ed il suo predecessore sono in questi giorni entrambi impegnati in Europa, e oggi incontreranno due dei maggiori leader del vecchio continente - il presidente francese Emmanuel Macron per Trump, e la cancelliera tedesca Angela Merkel per Obama.

L'ira di Londra: dagli Usa fuga di notizie su attacco a Manchester

Frustrazione da parte dell'intelligence britannica, che condivide informazioni top secret con i colleghi americani. Come ha fatto il NY Times ha ottenere certe foto del luogo della tragedia?
AP

Frustazione. Rabbia. Irritazione. Sono questi i sentimenti che l'intelligence britannica prova nei confronti di quella americana, senza troppi giri di parole accusata di avere permesso una fuga di notizie sulle indagini in corso riguardanti l'attacco terroristico avvenuto a Manchester lunedì 22 maggio al concerto della cantante americana Ariana Grande, amata tra le adolescenti. Mentre teme che un altro attacco sia "imminente" - motivo per cui ha alzato a "critico" il livello di allerta - il Regno Unito ha segnalato agli Stati Uniti la propria delusione rischiando di inasprire i legami tra i due alleati.

Apple: dall’iPhone al glucometro senza ago?

Il Ceo Cook visto testare un dispositivo connesso all’Apple Watch. Il target di riferimento: non solo diabetici ma chi vuole essere in salute
iStock

Apple sta forse pensando a mettere piede nel settore della sanità. Il produttore dell’iPhone sembra stia lavorando allo sviluppo di un apparecchio in grado di monitorare i livelli di zucchero nel sangue. L’amministratore delegato Tim Cook è stato avvistato nel quartiere generale del gruppo a Cupertino, California, mentre testava il prototipo di un dispositivo connesso all’Apple Watch e in grado di tenere traccia delle variazioni della glicemia nel sangue a seconda di fattori quali cibo ed esercizio fisico.

Riparare l’iPhone da sé? Apple è contraria

Il gruppo sta lottando contro una proposta di legge che obbligherebbe i produttori di dispositivi elettronici a rilasciare informazioni utili per la riparazione

Apple non vuole che i suoi consumatori possano essere liberi di aggiustare autonomamente i propri iPhone. Il gruppo tecnologico, così come aziende del calibro di J&J, Toyota e Verizon, stanno unendo le forze in attività di lobby per ostacolare una proposta di legge che le forzerebbe a rendere disponibili le informazioni utili per riparare dispositivi elettronici per conto proprio o con l’aiuto di parti terze.

Trump, Opec e Fed: la settimana economica in arrivo

I principali appuntamenti di questa settimana
AP

Nella settimana in arrivo gli investitori guarderanno con la massima attenzione tre eventi: il viaggio del presidente americano in Medio Oriente e in Europa, le minute della Fed di mercoledì e infine l'incontro di giovedì a Vienna tra i Paesi Opec.