Fmi: mercati emergenti rischiano fuga di capitali non vista dal 2008

Si tratta di uno scenario avverso ipotizzato dall'istituto di Washington. Probabilità che si verifichi al 5%

Il Fondo monetario internazionale ha messo in guardia: i Paesi emergenti dovrebbero essere in grado di affrontare le recente turbolenze osservate nei mercati finanziari ma in uno scenario avverso rischiano di subire una fuga di capitali a un passo non visto dalla crisi del 2008 e a livelli più alti di quelli del quarto trimestre del 2011, durante il picco della crisi del debito sovrano europeo. C'è il 5% di probabilità di un simile scenario.

E' quanto emerge dal Global Financial Stability Report, redatto nell'ambito degli Annual Meetings in corso a Bali, Indonesia. Esclusa la Cina, la fuga dei capitali potrebbe essere di 100 miliardi di dollari o più nell'arco di quattro trimestri.

Stando allo scenario avverso, i deflussi di capitali potrebbero raggiungere lo 0,6% del Pil. Si tratterebbe di un ammontare "comparabile ai deflussi visti durante la crisi finanziaria globale" di 10 anni fa, recita il rapporto elaborato due volte l'anno.

Un tale scenario "avrebbe probabilmente un impatto severo sulla performance economica dei mercati emergenti, specialmente sulle aziende e i Paesi che dipendono da finanziamenti esteri". Stando all'Fmi, "la fuga di capitali in questo scenario sarebbe molto più alto, per esempio, del quarto trimestre del 2011".

Un tale scenario, ha concluso l'Fmi, è evitabile ma le vulnerabilità restano alte. Oltre il 45% dei Paesi a basso reddito erano ad alto rischio di vedere o di avere già il loro debito sotto stress. Cinque anni fa erano solo il 25%.

La normalizzazione graduale della politica monetaria della Federal Reserve ha conseguenze sugli emergenti. "In Usa i tassi sono saliti, i rendimenti dei Treasury hanno corso portandosi sopra il 3% nel caso del decennale, il dollaro si è apprezzato. Ci aspettiamo", ha spiegato Tobias Adrian, direttore del dipartimento Monetario e dei mercati dei capitali del Fondo, "che le strette continueranno mettendo ulteriori pressioni al rialzo i tassi e il dollaro portando a condizioni finanziarie più stringenti negli emergenti con un conseguente deflusso di capitali".

Altri Servizi

Wall Street, restano le tensioni commerciali Usa-Cina

Dati: in programma la fiducia dei consumatori dell'Università del Michigan
AP

Stormy Daniels rinuncia all'ultima causa contro l'ex legale di Trump

La pornostar aveva accusato Micheal Cohen di collusione con il legale che la rappresentava all’epoca dell’accordo da 130mila dollari per il silenzio sui rapporti con il tycooon
Ap

La pornostar Stormy Daniels ha raggiunto un accordo con l'ex legale di Donald Trump, Michael Cohen, ritirando l'ultima delle tre cause avviate dal suo ex legale Michael Avenatti, nell'ambito della presunta relazione avuta nel 2006 con l'attuale presidente degli Stati Uniti. Lo riporta la Cnn che cita i documenti del tribunale.

Bezos vince la battaglia per il dominio ".amazon", America Latina sconfitta

Lo scontro era iniziato nel 2012. La decisione è stata presa dall'Icann, visto che la società di Seattle e i governi non hanno trovato un accordo
AP

Tesla: il ritorno all'utile? Per analisti, è come scalare il Kilimangiaro

Wedbush, a dicembre tra il più ottimista, taglia l'obiettivo di prezzo sotto la media di Wall Street. Il titolo sotto i 200 dollari, prima volta da oltre due anni. Situazione da "codice rosso"
AP

L’Italia dell’High Tech protagonista alla Collision Conference a Toronto

Matteo Picariello, direttore Ice Canada: portiamo 19 aziende, prima presenza in assoluto

Wall Street, si guarda ai rapporti Usa-Cina

Google ha deciso di vietare a Huawei l'aggiornamento di Android
AP

Operazioni sospette di Trump e Kushner, Deutsche Bank ignorò l'allerta antiriciclaggio

Il New York Times: i vertici della banca ignorarono le segnalazioni dei dipendenti nel 2016-2017
AP

Venezuela, Usa al lavoro per tenere fuori Russia e Cuba

Ue e Gruppo di Lima, intanto, lavorano a un negoziato tra Maduro e l'opposizione
AP

Trump vuole graziare dei militari condannati o accusati di crimini di guerra

Lo sostiene il New York Times, secondo cui il presidente vorrebbe i documenti pronti per il Memorial Day (27 maggio)
US Departement of Defence