Fmi: nove banche faticheranno con redditività, anche Unicredit

Adrian: il rischio è che "non siano in grado di generare abbastanza capitali in futuro nel caso siano colpiti da shock"
Unicredit

Il Fondo monetario internazionale calcola che "le banche che rappresentano asset per 17.000 miliardi di dollari, o circa un terzo di quelle importanti a livello di sistema, potrebbero continuare a generare rendimenti non sostenibili, anche nel 2019".

Da una sua analisi di 30 istituti di credito che hanno oltre 47.000 miliardi di dollari di asset e oltre un terzo degli asset e dei prestiti globali, l'istituto di Washington individua per quell'anno nove banche che rischiano di registrare profitti non soddisfacenti. Da una tabella del Global Financial Stability Report (Gfsr) si vede che si tratta dell'americana Citigroup, dell'italiana Unicredit, della francese Société Générale, della tedesca Deutsche Bank, delle britanniche Barclays e Standard Chartered e delle giapponesi Mitsubishi UFJ Financial Group, Mizuho Financial Group e Sumitomo Mitsui Financial Group.

Il Fondo cita stime secondo cui il return on equity sarà inferiore all'8% per ognuna di queste aziende nel 2019. In ricerche passate l'Fmi aveva detto che il cost of equity - il rendimento minimo che gli azionisti si aspettano dalla loro partecipazione - è di almeno l'8%. L'idea è che gli istituti di credito devono registrare un dato superiore a quel valore percentuale per restare redditizi nel tempo.

Tobias Adrian - direttore del dipartimento Monetario e dei mercati dei capitali del Fondo - ha spiegato in conferenza e senza fare nomi che per le istituzioni la cui redditività rappresenta una sfida, "le autorità di supervisione devono aiutare affinché i loro modelli di business siano ristrutturati e possano essere redditizie" nel lungo termine. Il rischio è che gli istituti di credito non redditizi "non siano in grado di generare abbastanza capitali in futuro nel caso siano colpiti da shock". Secondo lui "non essere redditizi potrebbe diventare un rischio alla stabilità finanziaria".

In generale, Adrian ha detto che le banche importanti a livello di sistema sono "forti" e che il sistema finanziario mondiale si sta rafforzando anche se cinque vulnerabilità lo preoccupano. Nel Gfsr tuttavia si spiega che quelle Usa "hanno raggiunto livelli in linea con o superiori a un conservativo cost of equity dell'8% e vanno verso il raggiungimento dei target stabiliti dal management" in termini di rendimenti. Il quadro europeo è invece "misto". Stando al Fondo "Senza uno sforzo coordinato nel ridurre i Npl e nel migliorare i modelli di business, le preoccupazioni per la stabilità finanziaria potrebbero riaccendersi nell'Eurozona".

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

Alcoa si aspetta un deficit nel 2018 di alluminio, su cui l'amministrazione Trump ha imposto dazi. Il gruppo ieri ha fornito una indicazione della conseguente domanda attesa in aumento con la pubblicazione della sua trimestrale.

Amazon: oltre 100 milioni di persone pagano per Prime, oltre le stime

Lo ha svelato il Ceo Bezos nella lettera ai soci. 2017 anno record in termini di vendite di hardware del gruppo come le casse Echo e i tablet Kindle
Amazon

Per la prima volta, il Ceo di Amazon ha fornito un'indicazione numerica del numero di persone che pagano per godere del servizio Prime, che negli Stati Uniti costa 99 dollari l'anno e prevede consegne gratuite illimitate entro due giorni da un ordine oltre a - tra le altre cose - accesso a musica e video.

Dopo avere archiviato l'ultimo trimestre del 2017 in perdita, il primo in rosso in un quarto di secolo, America Express è tornata a generare utili.

La conferma di Pompeo a segretario di Stato Usa a rischio in Senato

Al direttore della Cia servirà il voto di almeno un democratico. La sua visita in Corea del Nord un ulteriore ostacolo verso il voto
Ap

La conferma del direttore della Cia, Mike Pompeo, come nuovo segretario di Stato non è scontata, al Senato statunitense. Nessun democratico ha finora dichiarato di sostenerlo e, con il repubblicano Rand Paul contrario e il collega John McCain tornato in Arizona per portare avanti la sua difficile battaglia contro il cancro, al Grand Old Party servirebbe il voto di un democratico, nel caso gli altri 49 repubblicani in Senato si schierassero con l'uomo scelto dal presidente Donald Trump per prendere il posto di Rex Tillerson.

Trump e Abe uniti sulla Corea del Nord ma non sul commercio

Il presidente americano lascia i dazi su acciaio e alluminio giapponesi e resta contrario alla Tpp, a meno che non gli sia proposto un accordo "che non posso rifiutare". Lui preferisce intese bilaterali
AP

Uniti in favore della denuclearizzazione della Corea del Nord. Divisi, ma in modo apparentemente amichevole, sul commercio. E' terminato così il summit in Florida tra il presidente americano Donald Trump e il premier giapponese Shinzo Abe.

Fmi: Gaspar, ecco come l'Italia deve gestire entrate e spesa pubblica

Ridurre cuneo fiscale e sgravi, alzare l'Iva, riformare il catasto, contenere la spesa pensionistica e migliorare l'efficienza di quella sanitaria

Mentre l'Italia è alle prese con la formazione del prossimo governo, da Washington arrivano suggerimenti su come gestire al meglio i conti pubblici e fare imboccare al debito una strada esclusivamente in discesa. E' il Fondo monetario internazionale a fornire quella che negli Stati Uniti chiamano 'to-do list', la lista delle cose da fare. Ad averla descritta è Vitor Gaspar, direttore del dipartimento degli Affari fiscali dell'istituto guidato da Christine Lagarde.

Le aziende Usa alle Fed: i dazi di Trump preoccupano

Balzo notevole dei prezzi dell'acciaio. Per alcuni le tariffe "stanno uccidendo" aziende e posti di lavoro

Saranno anche "in generale ottimiste" sull'outlook americano, ma le aziende americane sembrano temere l'effetto negativo dato dai dazi che l'amministrazione Trump ha introdotto (su pannelli solari, lavatrici, acciaio e alluminio) o che si prepara a fare scattare su una vasta gamma di prodotti Made in China. E' quanto emerge dal Beige Book della Federal Reserve, in base al quale l'economia statunitense ha continuato a espandersi a un passo tra il "modesto" e il "moderato" tra marzo e l'inizio di aprile.

Trump non ha una strategia in Siria. E il Congresso è diviso su come agire

Lascia aperta la possibilità di un nuovo attacco, ma in realtà i generali sono molto preoccupati per l'assenza di un disegno nella regione
AP

Il presidente americano Donald Trump ha commentato i bombardamenti contro il regime di Bashar al Assad come una "missione compiuta". Nonostante questo ha lasciato aperta la possibilità di nuovi attacchi nelle prossime settimane, se Damasco dovesse continuare a usare armi chimiche.

Fmi lancia allarme: debito globale oltre il record del 2009, Cina fa da capofila

Nelle economie avanzate è ai massimi dalla Seconda guerra mondiale. In quelle emergenti è al top degli anni '80