Fmi: "progressi notevoli" nel sistema bancario Ue, ma redditività resta una sfida

La ripresa cicicla e la ristrutturazione dei modelli di business non bastano

Nel sistema bancario europeo sono stati fatti "progressi notevoli" negli ultimi anni e l'ottimismo su una ripresa ciclica nelle economie avanzate ha aiutato a spingere al rialzo i prezzi delle azioni delle banche Ue quotate. Tuttavia, serve fare di più per ridurre l'eccesso di banche nei Paesi con i problemi più grandi. E' quanto si legge nel Global Financial Stability Report (Gfsr), il rapporto redatto dal Fondo monetario internazionale nell'ambito dei lavori primaverili in corso a Washington.

In esso l'istituto guidato da Christine Lagarde chiarisce due punti: da un lato, "una ripresa ciclica, da sola, sarà probabilmente insufficiente per rilanciare la redditività delle banche che continuano a essere deboli"; dall'altro, "una semplice ristrutturazione dei modelli di business difficilmente porterà a una redditività sufficiente".

E' vero, riconosce il Fondo, che la reddività rappresenta una sfida in generale ma ciò "vale particolarmente per le banche nazionali, che sono esposte di più alle loro rispettive economie: quasi tre quarti di esse hanno registrato rendimenti deboli nel 2016", cosa in questo caso definita da un RoE inferiore all'8%.

Tra le sfide strutturali il Fondo ha individuato il cosiddetto overbanking, "che varia per natura e dimensione di Paese in Paese" e che è inteso come "un insieme di fattori strutturali che ha portato a un settore bancario eccessivamente ampio e che condiziona la redditività delle banche nel sistema". Fornendone qualche esempio (un sistema bancario con asset più grandi dell'economia di riferimento o la presenza di troppe banche con un focus regionale o con un mandato ristretto), il Fondo spiega che l'overbanking può limitare le opportunità di concessione del credito o portare a un numero di filiali alto in rapporto agli asset del sistema bancario; ciò aumenta i costi e riduce le efficienze operative.

L'istituto di Washington fa notare che a condizionare negativamente la redditività delle banche sono anche "venti contrati di sistema" che possono colpire gli istituti di credito più grandi d'Europa. Quei gruppi "trovano difficile stare al passo con i rivali e in alcuni casi ciò è dovuto a problemi di redditività nei loro Paesi di origine". Il Fondo conclude dicendo che fino a quando non sarà risolto, il problema dato da una combinazione di "profitti deboli, scarso accesso ai capitali privati e il peso notevole di debito cattivo frenerà la ripresa e potrebbe riaccendere rischi di tipo sistemico".

Altri Servizi
Da sinista, l'administrator di UNDP, Achim Steiner, e l'a.d. di Eni, Claudio Descalzi

Eni e il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) coopereranno per migliorare l'accessibilità a un'energia sostenibile in Africa e per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. La partnership è la prima di questo genere tra lo UNDP e una compagnia energetica globale.

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

Trump incontrerà Rosenstein giovedì. Dimissioni, licenziamento o tutto fermo fino alle elezioni?

Il vicesegretario alla Giustizia ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca nel voto del 2016. Dopo voci contrastanti su dimissioni e licenziamento, la notizia dell'incontro
AP

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock