Fmi: "progressi notevoli" nel sistema bancario Ue, ma redditività resta una sfida

La ripresa cicicla e la ristrutturazione dei modelli di business non bastano

Nel sistema bancario europeo sono stati fatti "progressi notevoli" negli ultimi anni e l'ottimismo su una ripresa ciclica nelle economie avanzate ha aiutato a spingere al rialzo i prezzi delle azioni delle banche Ue quotate. Tuttavia, serve fare di più per ridurre l'eccesso di banche nei Paesi con i problemi più grandi. E' quanto si legge nel Global Financial Stability Report (Gfsr), il rapporto redatto dal Fondo monetario internazionale nell'ambito dei lavori primaverili in corso a Washington.

In esso l'istituto guidato da Christine Lagarde chiarisce due punti: da un lato, "una ripresa ciclica, da sola, sarà probabilmente insufficiente per rilanciare la redditività delle banche che continuano a essere deboli"; dall'altro, "una semplice ristrutturazione dei modelli di business difficilmente porterà a una redditività sufficiente".

E' vero, riconosce il Fondo, che la reddività rappresenta una sfida in generale ma ciò "vale particolarmente per le banche nazionali, che sono esposte di più alle loro rispettive economie: quasi tre quarti di esse hanno registrato rendimenti deboli nel 2016", cosa in questo caso definita da un RoE inferiore all'8%.

Tra le sfide strutturali il Fondo ha individuato il cosiddetto overbanking, "che varia per natura e dimensione di Paese in Paese" e che è inteso come "un insieme di fattori strutturali che ha portato a un settore bancario eccessivamente ampio e che condiziona la redditività delle banche nel sistema". Fornendone qualche esempio (un sistema bancario con asset più grandi dell'economia di riferimento o la presenza di troppe banche con un focus regionale o con un mandato ristretto), il Fondo spiega che l'overbanking può limitare le opportunità di concessione del credito o portare a un numero di filiali alto in rapporto agli asset del sistema bancario; ciò aumenta i costi e riduce le efficienze operative.

L'istituto di Washington fa notare che a condizionare negativamente la redditività delle banche sono anche "venti contrati di sistema" che possono colpire gli istituti di credito più grandi d'Europa. Quei gruppi "trovano difficile stare al passo con i rivali e in alcuni casi ciò è dovuto a problemi di redditività nei loro Paesi di origine". Il Fondo conclude dicendo che fino a quando non sarà risolto, il problema dato da una combinazione di "profitti deboli, scarso accesso ai capitali privati e il peso notevole di debito cattivo frenerà la ripresa e potrebbe riaccendere rischi di tipo sistemico".

Altri Servizi

Il design italiano sbarca in Usa con "Material Immaterial". Focus su creatività e investimenti

Gli Stati Uniti hanno dimostrato grande interesse a investire in nuove proposte nel settore dell’architettura. In questo campo, l'Italia è da sempre fucina di idee e progetti all’avanguardia.
America24

Celebrare la sinergia tra il mondo del design italiano e gli Stati Uniti: questo l'obiettivo dell’evento "Material Immaterial", organizzato dal periodico italiano di design "Interni" in collaborazione con il Consolato generale d'Italia a New York. Perché se gli Stati Uniti hanno dimostrato grande interesse a investire in nuove proposte nel settore dell’architettura, è anche vero che, in questo campo, l'Italia è da sempre fucina di idee e progetti all’avanguardia.

Riparare l’iPhone da sé? Apple è contraria

Il gruppo sta lottando contro una proposta di legge che obbligherebbe i produttori di dispositivi elettronici a rilasciare informazioni utili per la riparazione

Apple non vuole che i suoi consumatori possano essere liberi di aggiustare autonomamente i propri iPhone. Il gruppo tecnologico, così come aziende del calibro di J&J, Toyota e Verizon, stanno unendo le forze in attività di lobby per ostacolare una proposta di legge che le forzerebbe a rendere disponibili le informazioni utili per riparare dispositivi elettronici per conto proprio o con l’aiuto di parti terze.

Accordo Trump-Riad: Arabia Saudita comprerà armi Usa per 110 miliardi

L'obiettivo è più ambizioso: arrivare alla cifra record di 350 miliardi di dollari in dieci anni. La firma è avvenuta nel corso di una imponente cerimonia nel palazzo reale di Riad.
AP

Il presidente americano Donald Trump e il re dell'Arabia Saudita Salman hanno firmato un accordo in base al quale Riad comprerà armi e sistemi di difesa dagli Usa per 110 miliardi di dollari. L'obiettivo è più ambizioso: arrivare alla cifra record di 350 miliardi di dollari in dieci anni. La firma è avvenuta nel corso di una imponente cerimonia nel palazzo reale di Riad.

Russiagate: i repubblicani si allontanano da Trump

Nonostante non lo facciano ancora in modo esplicito si vedono i primi segnali di tensione. Al centro del malessere il tentativo del presidente di influenzare l'inchiesta sulla Russia

Trump, Opec e Fed: la settimana economica in arrivo

I principali appuntamenti di questa settimana
AP

Trump parla ai Paesi musulmani: uniamoci contro l'estremismo islamico

Il presidente americano dall'Arabia saudita pronuncia un discorso di speranza e di collaborazione tra gli Stati Uniti e il mondo islamico. Ma chiede maggiore azione per combattere l'estremismo e attacca l'Iran
AP

Trump dall'Arabia saudita parla ai musulmani: uniamoci contro il terrorismo

Oggi terrà un discorso sulla religione e sullo sradicamento dello Stato islamico. Ma soprattutto cercherà di dare una nuova immagine a 1,6 miliardi di musulmani, dopo gli attacchi e i commenti razzisti dei mesi scorsi

Il Washington Post apre un nuovo fronte sul Russiagate: un consigliere di Trump è persona di interesse nelle indagini

Non è dato sapere di chi si tratti, ma le indicazioni raccolte dal quotidiano sembrano portare a Jared Kushner, marito di Ivanka Trump, genero del presidente e uno dei suoi più stretti collaboratori.
AP

L'ex direttore dell'Fbi, licenziato da Trump, testimonierà in Congresso sul Russiagate

"Comey merita l'opportunità di raccontare la sua versione dei fatti, e il popolo americano merita l'opportunità di ascoltarla", ha detto la commissione Servizi. Non è ancora stata fissata alcuna data per l'audizione.

Discorsi brevi e tanti complimenti: i consigli del NyTimes ai capi di Stato per gestire Trump

In occasione del suo primo viaggio all'estero da inquilino della Casa Bianca, le delegazioni straniere si interrogano su come evitare l'incidente diplomatico,
Ap