Fontana, Calzolari, Clemente: le gallerie di Chelsea puntano sugli artisti italiani

Nell’arco di una settimana aprono tre grandi mostre

L’arte italiana conquista Chelsea, il regno delle gallerie newyorkesi. Nell’arco di una settimana, nel giro di pochi isolati, aprono al pubblico tre importanti mostre dedicate a Pier Paolo Calzolari, Lucio Fontana e Francesco Clemente.

Conosciuto come uno dei più originali, e quotati, interpreti dell’Arte Povera, Calzolari ha avuto il potere di abbattere il muro tra Marianne Boesky e Pace. In occasione del suo ritorno negli Stati Uniti, dopo 20 anni di assenza, le due gallerie, vicine di casa sulla 25esima strada, hanno creato un passaggio interno tra gli spazi. La mostra, una retrospettiva che comprende molte delle opere più significative della carriera di Calzolari, è un inno all’idea dell’arte come luogo di trasformazione, realizzata attraverso l’utilizzo di materiali effimeri e piccoli dispositivi elettrici, tra cui si innescano poetici processi di deterioramento.

Ad appena una strada di distanza, sulla 24esima, in una delle sedi dell’impero di Gagosian, è il trionfo di Lucio Fontana. Il curatore Germano Celant, in collaborazione con una delle ‘directors’ della galleria, Valentina Castellani, ha ricostruito per la mostra newyorkese sei degli “ambienti spaziali”, dove il visitatore si trova immerso in un delirante incontro tra architettura, pittura e scultura. Palesando tutta la visionarietà che ha animato la ricerca di Fontana, Gagosian presenta un’esposizione dal carattere museale, che racconta in maniera spettacolare e approfondita come il fondatore dello ‘spazialismo’ sia riuscito a superare la dimensione fisica dell’oggetto artistico.

A completare il quadro dei grandi nomi dell’arte italiana a Chelsea, ci pensa Francesco Clemente, che sabato 5 maggio inaugura una mostra di nuovi lavori alla galleria Mary Boone. Pittore di origini napoletane, Clemente è tra i protagonisti del movimento della Transavanguardia, che negli Ottanta ha contribuito al ritorno alla pittura dopo un decennio dominato dall’arte concettuale. A New York l’artista presenterà una serie di dipinti ispirati alle diverse parti del mondo in cui è vissuto, dall’India al Brasile, per i quali ha utilizzato materiali e iconografie caratteristici delle diverse culture.

Altri Servizi

Papa Francesco alle compagnie petrolifere: "Il mondo deve convertirsi all'energia pulita"

Incontro in Vaticano con i manager di alcuni colossi del settore, tra cui la statunitense Exxon, spesso criticata dagli ambientalisti. Il pontefice: "Rispettate l'accordo di Parigi"

Il mondo deve convertirsi all'energia pulita. È l'appello lanciato da papa Francesco in Vaticano, alla fine di una conferenza di due giorni a cui hanno partecipato i manager dei principali gruppi petroliferi. "La civiltà richiede energia, ma l'uso di energia non deve distruggere la civiltà", è stato il suo messaggio, sottolineando la necessità di rispettare l'ambiente e le condizioni di vita delle persone.

Wall Street teme tensioni commerciali al G-7

Oggi e domani il summit in Canada
iStock
AP

Le due più grandi comunità ebraiche al mondo sono profondamente divise. Tra gli ebrei americani e gli israeliani c'è un divario, specialmente in relazione al presidente americano Donald Trump. E' quanto emerso da un sondaggio dell'American Jewish Committee (AJC).

La Cina tende la mano agli Usa, il Messico annuncia dazi

Pechino pronta ad aumentare gli acquisti di prodotti agricoli ed energetici americani a patto che Trump non imponga tariffe. La nazione dell'America centrale reagisce ai dazi fatti scattare da Washington su acciaio e alluminio
AP

Mentre la Cina ha teso la mano agli Usa, il Messico ha preso contromisure contro la prima economia al mondo.

Trump conclude il G-7: "Voglio un commercio senza dazi, senza barriere, senza sussidi"

Il presidente Usa ha parlato di summit di "enorme successo", ribadendo che gli altri "hanno approfittato di noi per decenni, ma quei giorni sono finiti". Poi ribadisce: "Meglio tornare al G-8, con la Russia". "Ora vado in missione di pace" da Kim
Ap

"Abbiamo concluso un G-7 davvero di enorme successo" e le discussioni sul commercio sono state "estremamente produttive". Queste le parole del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, a conclusione del (suo) summit del G-7 in Canada, che lascia in anticipo per la sua "missione di pace" a Singapore, dove il 12 giugno incontrerà il leader nordcoreano Kim Jong Un: "un'occasione irripetibile, credo che andrà molto bene". "Le nazioni del G-7 sono unite da valori e convinzioni condivisi, siamo uniti nel grande sforzo di creare un mondo più giusto, pacifico e prospero".

Morto suicida lo chef superstar Anthony Bourdain

Era a Strasburgo, in Francia, per la prossima puntata del suo programma tv; aveva 61 anni

Anthony Bourdain, chef statunitense conosciuto in tutto il mondo anche per i suoi libri e i programmi televisivi che lo hanno visto protagonista, è morto oggi; aveva 61 anni. Secondo la Cnn, si sarebbe suicidato.

Dalla Puglia al Diamond district di New York. L'arte del gioiello secondo Sara Greco

La designer 35enne racconta la sua avventura professionale
Sara Greco

Dalla Puglia al Diamond district a Manhattan. Sara Greco, 35enne designer di gioielli ha scelto New York per concretizzare una passione coltivata sin da adolescente nei laboratori di provincia intorno a Lecce, da dove viene. Con una velocità tipica della città che non dorme mai, Greco si è adattata all'arte americana del gioiello per promuovere il suo motto: “Arte Sensibile. Perfezione Irregolare”.

Trump e Kim a Singapore per il summit, cautela dagli Usa

Il presidente americano cerca di contenere le aspettative dell'incontro che potrebbe essere più simbolico che altro

Prima Kim Jong Un. Poi Donald Trump. Nel giro di qualche ora, il presidente nordcoreano e quello americano sono arrivati a Singapore per un summit potenzialmente storico. Sarà il primo incontro tra un leader nordcoreano e un presidente americano in carica, il primo tra  due leader di due nazioni che sono nemiche da quasi settanta anni.

AT&T e Time Warner: la decisione sulle nozze condizionerà l'M&A

L'annuncio di un giudice federale atteso il 12 giugno intorno alle 22 italiane. Ricadute per la sfida di Comcast a Disney e l'acquisto di Aetna da parte di CVS

E' iniziato il conto alla rovescia per la decisione di un giudice federale sulle nozze da 85,4 miliardi di dollari tra AT&T e Time Warner. Da quella decisione, attesa martedì 12 giugno, dipenderanno accordi di fusione e acquisizione che sono destinati a rivoluzione il settore delle tlc e quello dei media. 

La Casa Bianca contro Trudeau

Kudlow: il premier canadese ha "tradito" Trump. Navarro: "ha pugnalato alle spalle il nostro presidente". Usa e Canada sull'orlo di una guerra commerciale