Football e commozioni cerebrali, nuove ombre sulla Nfl

Inchiesta del New York Times: incompleto lo studio della commissione della lega. Un tentativo di minimizzare i rischi per la salute dei giocatori?
Il quarterback Steve Young, in una partita del 1997 Ap

La Nfl non avrebbe incluso molti casi di commozione cerebrale nei suo studi sui traumi alla testa per minimizzare i rischi per la salute dei giocatori. Il New York Times è tornato ad attaccare la lega professionistica di football americano, accusata di aver tentato, negli anni, di coprire i pericoli corsi dai giocatori.

La National Football League formò una commissione per condurre uno studio, pubblicato a partire dall'ottobre 2003 in 13 articoli sottoposti a revisione paritaria, che avrebbe dovuto includere tutte le commozioni cerebrali riportate dai dottori delle franchigie tra il 1996 e il 2001, ma oltre cento commozioni diagnosticate furono escluse dalla ricerca, secondo i documenti ottenuti dal New York Times. Per esempio, non furono inclusi i traumi subiti da quarterback di primo piano come Steve Young e Troy Aikman e nemmeno tutte quelle riguardanti i Dallas Cowboys. Secondo il Times, oltre il 10% dei traumi sarebbe rimasto escluso e altri furono più gravi di quanto descritto negli articoli: questo significa che la commissione calcolò la percentuale di commozioni cerebrali e scrisse le proprie conclusioni usando dati incompleti e facendole apparire meno frequenti del reale.

Quando il Times ha chiesto spiegazioni alla Nfl sui dati mancanti, i dirigenti della lega hanno dichiarato che "i club non erano obbligati, ma fortemente incoraggiati, a presentare i dati e non tutti l'hanno fatto" e che quindi non ci fu alcun tentativo di alterare i dati. La scoperta di questi dati mancanti, ha scritto il New York Times, solleva nuove domande sulla validità dello studio della commissione, presentato come prova scientifica del fatto che i traumi alla testa non provocano danni ai giocatori nel lungo periodo.

LO STUDIO

Nonostante l'intenzione di essere "indipendente" e "meticoloso", come promesso dal presidente della commissione, il dottor Elliott Pellman, lo studio fu condotto da dottori, neurochirurghi e allenatori che, in gran parte, avevano rapporti di lavoro con le franchigie della Nfl: quindi, presero delle decisioni sulla salute dei giocatori, poi le giudicarono. I ricercatori, in ognuno dei primi sette articoli, affermarono che i loro rapporti d'affari non avrebbero compromesso lo studio. La commissione affermò di aver analizzato tutte le commozioni cerebrali diagnosticate dagli staff medici delle squadre dal 1996 al 2001, 887 in tutto, enfatizzando poi la completezza e l'accuratezza dei dati. "Era inteso che qualsiasi giocatore con un sintomo riconoscibile di un trauma alla testa, non importa quanto marginale - si leggeva in uno degli articoli - dovesse essere incluso nello studio". Nei documenti riservati inviati per le revisioni, la commissione scrisse che "tutti i team della Nfl hanno partecipato" e che "tutti i giocatori hanno preso parte a questo studio".

I dati, però, ha scritto il Times, contraddicono le affermazioni della Nfl. La maggior parte delle squadre non segnalò tutti gli infortuni dei giocatori e, in tutto, almeno il 10% delle commozioni non fu preso in considerazione, tra cui le due subite da Wayne Chrebet, receiver dei Jets; il dottor Pellman, che guidò la ricerca e fu il primo firmatario di ogni articolo, era il medico dei Jets. Pellman, secondo molti non qualificato per guidare la commissione, in quanto reumatologo, era anche il medico personale di Paul Tagliabue, all'epoca a capo della Nfl. 

La commissione fu formata nel 1994, dopo una serie di ritiri anticipati di giocatori di alto profilo a causa delle commozioni cerebrali subite, e ha negato ripetutamente, negli anni, il legame tra il football e le malattie neurologiche, attaccando gli scienziati che hanno sostenuto il contrario. La commissione fu smantellata nel 2009 e la Nfl si affidò a ricercatori come il dottor Richard Ellenbogen, a capo del dipartimento di chirurgia neurologica all'Università di Washington, che criticò la commissione: "Non puoi avere la Nfl che si occupa di questi studi. Devi prendere persone che non ci devono nulla" disse a Outside the Lines, programma di Espn.


L'ENCEFALOPATIA TRAUMATICA CRONICA

Da quegli anni, non è mai scemato il dibattito sugli effetti a lungo termine delle commozioni cerebrali, in particolare sull'encefalopatia traumatica cronica (Cte), una malattia neurodegenerativa comune tra gli atleti di alcuni sport, provocata da colpi violenti ricevuti alla testa. I ricercatori, però, possono diagnosticare la Cte solo esaminando il cervello di giocatori morti: un grosso limite che ha rallentato gli sforzi per comprendere chi sia a rischio. Un nuovo studio, a cui stanno prendendo parte circa 50 ricercatori di diverse università e centri statunitensi, è considerato tra i più ambiziosi nello studio sui danni al cervello in ambito sportivo, e vorrebbe sviluppare il modo per individuare la malattia nelle persone viventi, necessario per prevenirla.

L'impossibilità, per i medici, di diagnosticare la Cte nei pazienti in vita è stata al centro del dibattito su un accordo in tribunale sulle lesioni cerebrali, con la Nfl che ha accettato di versare fino a 5 milioni di dollari a ciascuna delle famiglie degli ex giocatori morti tra il 2006 e l'aprile 2015 per la Cte; in tutto, la Nfl ha accettato di versare 765 milioni di dollari a oltre 4.500 ex giocatori (o alle loro famiglie).

Recentemente, per la prima volta, un alto dirigente della Nfl ha riconosciuto i legami tra il football e le malattie neurologiche, come la Cte. Jeff Miller, vicepresidente della Nfl per la salute e la sicurezza, ha testimoniato di fronte a una commissione della Camera dei rappresentanti: alla domanda sull'esistenza di questi legami, ha detto: "La risposta a questa domanda è sì, senza dubbio".

Altri Servizi

Amico di Trump inietta capitali in Weinstein Company

Il miliardario Tom Barrack tratta per comprare tutta o parte della società di produzione travolta dagli scandali sessuali del suo co-fondatore, silurato dal club degli Oscar
AP

The Weinstein Company, la società di produzione cinematografica travolta dagli scandali sessuali riguardanti il suo cofondatore Harvey Weinstein, ha raggiunto un accordo preliminare per una immediata iniezione di capitali. A concerderli è Colony Capital, società di investimento di Tom Barrack (amico di lunga data del presidente americano Donald Trump). A comunicarlo è stata l'azienda stessa, che ha iniziato un periodo di negoziati che potrebbe portare Colony Capital a comprare tutto o parte del gruppo che - tra gli altri - ha prodotto film come "Lion" e che ha distribuito "The Hateful Eight" di Quentin Tarantino.

Ibm chiude il 22esimo trimestre con ricavi in calo

Bene le attività legate ai cosiddetti "imperativi strategici" tra cui il cloud. Conti sopra le stime degli analisti

E' da oltre cinque anni di fila che International Business Machines (Ibm) registra ricavi in calo su base annuale ma il gruppo - da tempo impegnato in una trasformazione con un focus sui servizi tecnologici e non più sull'hardware soltanto - è ottimista tanto da avere confermato le stime per il 2017. La conferma è arrivata con i conti del terzo trimestre del 2017, pubblicati dopo la chiusura di Wall Street e che hanno battuto le stime degli analisti: gli utili netti sono stati di 2,7 miliardi di dollari, in flessione del 4% su base annuale. Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione si sono attestati a quota 3,30 dollari, meglio dei 3,29 dollari per azione previsti dal mercato.

Il caffè migliore? Per illy arriva da Honduras

Consegnato a New York l'annuale Ernesto Illy International Coffee Award, giunto alla seconda edizione

Dopo una serie di degustazioni alle Nazioni Unite fatte da una giuria indipendente di esperti internazionali, illycaffè ha premiato i chicchi di caffè coltivati da José Abelardo Diaz Enamorado dell'Honduras. Sono loro ad essere stati giudicati come “Best of the Best” tra i migliori raccolti della stagione 2016/2017. Per questo al coltivatore è stato consegnato il 2017 Ernesto Illy International Coffee Award, un riconoscimento annuale voluto dal gruppo triestino e giunto alla sua seconda edizione.

Wall Street attende il Beige Book

Alle 14 (le 20 in Italia), la Fed pubblica il documento sulle condizioni dell'economia
AP

La Nfl ignora Trump, il presidente: "Manca di rispetto per il nostro Paese"

La lega ha deciso di permettere le proteste durante l'inno, nonostante le critiche e le pressioni della Casa Bianca
AP

"La Nfl ha deciso di non obbligare i giocatori a stare in piedi durante l'esecuzione del nostro inno nazionale. Una totale mancanza di rispetto per il nostro grande Paese!". Non si è fatta attendere, su Twitter, la risposta del presidente statunitense, Donald Trump, alla decisione della lega professionistica di football americano.

Bannon va in guerra contro l'establishment repubblicano e predice: "Trump trionferà nel 2020"

Per l'ex stratega della Casa Bianca, il presidente "vincerà con 400 voti elettorali". "Faremo la guerra a tutti i repubblicani in carica, tranne Cruz"
AP

Donald Trump vincerà le elezioni del 2020 con "400 voti elettorali". La previsione è dell'ex stratega del presidente degli Stati Uniti, Stephen Bannon, che ha parlato al Values Voter Summit, un evento organizzato dai conservatori sociali a Washington. Si è trattato di una risposta a un articolo di Vanity Fair, secondo cui Bannon avrebbe detto in una conversazione privata che il presidente avrebbe solo "il 30%" di possibilità di finire il primo mandato. Per conquistare la Casa Bianca, servono 270 dei 538 voti elettorali (o 'grandi elettori') e, alle ultime elezioni, Trump ne ha ottenuti 304. Un altro ex componente della squadra di Trump, Sebastian Gorka, si è spinto oltre: gli otto anni di Trump saranno seguiti da "otto anni sotto il presidente [Mike] Pence", l'attuale vicepresidente.

Nel giro di meno di 12 ore un secondo giudice federale si è pronunciato contro la terza versione del cosiddetto 'travel ban' voluto da Donald Trump. A uno delle Hawaii, se ne è aggiunto uno del Maryland. Diversamente dalla decisione del primo, arrivata ieri ossia il giorno precedente l'entrata in vigore prevista del provvedimento, quella del secondo è meno completa ma rappresenta comunque un colpo duro e diretto per il presidente americano.

Wall Street, altra giornata di record

Il DJIA ha messo a segno il 50esimo massimo del 2017
AP

Mnuchin avverte: azionario Usa rischia sell-off senza riforma fiscale

Il segretario al Tesoro sembra certo che il provvedimento verrà approvato entro fine 2017. Intanto il Dow Jones macina nuovi record oltre i 23mila punti, grazie alle trimestrali societarie

Il segretario americano al Tesoro ha avvertito: se una riforma fiscale non si farà, l'azionario americano rischia un sell-off. "Non ci sono dubbi che il rally del mercato azionario sia dovuto alle aspettative ragionevolmente alte che si arrivi a un taglio delle aliquote e a una riforma fiscale", ha detto Steven Mnuchin. Parlando in un podcast di "Politico Money", il ministro ha spiegato di aspettarsi la continuazione del rally a Wall Street nel caso in cui sia trovato un accordo al Congresso per approvare una riforma che l'amministrazione Trump vorrebbe portare a casa entro il 2017. Tuttavia, "non ho dubbi che se non lo troviamo, ci sarà un cambio di rotta significativo rispetto ai guadagni" messi a segno dall'azionario Usa, che continua a inanellare un record dopo l'altro. Di questo il Commander in chief si è vantato più di 20 volte su Twitter.

Un giudice delle Hawaii blocca l'ultimo travel ban di Trump

Questa volta sostiene che si tratti di discriminazione sulla nazionalità e non sulla religione. Dovrebbe entrare in vigore dal 18 ottobre
AP

L'ultimo travel ban firmato da Donald Trump, che entrerà in vigore stasera a mezzanotte americana, è stato bloccato da un giudice delle Hawaii. Secondo il giudice, Derrick Watson, che a marzo aveva già bloccato il secondo muslim ban di Trump, questa volta il provvedimento crea una discriminazione sulla base della nazionalità e non più religiosa. Questa volta infatti, tra gli otto Paesi inclusi nel divieto di ingresso, solo sei sono a maggioranza musulmana.