Football e commozioni cerebrali, nuove ombre sulla Nfl

Inchiesta del New York Times: incompleto lo studio della commissione della lega. Un tentativo di minimizzare i rischi per la salute dei giocatori?
Il quarterback Steve Young, in una partita del 1997 Ap

La Nfl non avrebbe incluso molti casi di commozione cerebrale nei suo studi sui traumi alla testa per minimizzare i rischi per la salute dei giocatori. Il New York Times è tornato ad attaccare la lega professionistica di football americano, accusata di aver tentato, negli anni, di coprire i pericoli corsi dai giocatori.

La National Football League formò una commissione per condurre uno studio, pubblicato a partire dall'ottobre 2003 in 13 articoli sottoposti a revisione paritaria, che avrebbe dovuto includere tutte le commozioni cerebrali riportate dai dottori delle franchigie tra il 1996 e il 2001, ma oltre cento commozioni diagnosticate furono escluse dalla ricerca, secondo i documenti ottenuti dal New York Times. Per esempio, non furono inclusi i traumi subiti da quarterback di primo piano come Steve Young e Troy Aikman e nemmeno tutte quelle riguardanti i Dallas Cowboys. Secondo il Times, oltre il 10% dei traumi sarebbe rimasto escluso e altri furono più gravi di quanto descritto negli articoli: questo significa che la commissione calcolò la percentuale di commozioni cerebrali e scrisse le proprie conclusioni usando dati incompleti e facendole apparire meno frequenti del reale.

Quando il Times ha chiesto spiegazioni alla Nfl sui dati mancanti, i dirigenti della lega hanno dichiarato che "i club non erano obbligati, ma fortemente incoraggiati, a presentare i dati e non tutti l'hanno fatto" e che quindi non ci fu alcun tentativo di alterare i dati. La scoperta di questi dati mancanti, ha scritto il New York Times, solleva nuove domande sulla validità dello studio della commissione, presentato come prova scientifica del fatto che i traumi alla testa non provocano danni ai giocatori nel lungo periodo.

LO STUDIO

Nonostante l'intenzione di essere "indipendente" e "meticoloso", come promesso dal presidente della commissione, il dottor Elliott Pellman, lo studio fu condotto da dottori, neurochirurghi e allenatori che, in gran parte, avevano rapporti di lavoro con le franchigie della Nfl: quindi, presero delle decisioni sulla salute dei giocatori, poi le giudicarono. I ricercatori, in ognuno dei primi sette articoli, affermarono che i loro rapporti d'affari non avrebbero compromesso lo studio. La commissione affermò di aver analizzato tutte le commozioni cerebrali diagnosticate dagli staff medici delle squadre dal 1996 al 2001, 887 in tutto, enfatizzando poi la completezza e l'accuratezza dei dati. "Era inteso che qualsiasi giocatore con un sintomo riconoscibile di un trauma alla testa, non importa quanto marginale - si leggeva in uno degli articoli - dovesse essere incluso nello studio". Nei documenti riservati inviati per le revisioni, la commissione scrisse che "tutti i team della Nfl hanno partecipato" e che "tutti i giocatori hanno preso parte a questo studio".

I dati, però, ha scritto il Times, contraddicono le affermazioni della Nfl. La maggior parte delle squadre non segnalò tutti gli infortuni dei giocatori e, in tutto, almeno il 10% delle commozioni non fu preso in considerazione, tra cui le due subite da Wayne Chrebet, receiver dei Jets; il dottor Pellman, che guidò la ricerca e fu il primo firmatario di ogni articolo, era il medico dei Jets. Pellman, secondo molti non qualificato per guidare la commissione, in quanto reumatologo, era anche il medico personale di Paul Tagliabue, all'epoca a capo della Nfl. 

La commissione fu formata nel 1994, dopo una serie di ritiri anticipati di giocatori di alto profilo a causa delle commozioni cerebrali subite, e ha negato ripetutamente, negli anni, il legame tra il football e le malattie neurologiche, attaccando gli scienziati che hanno sostenuto il contrario. La commissione fu smantellata nel 2009 e la Nfl si affidò a ricercatori come il dottor Richard Ellenbogen, a capo del dipartimento di chirurgia neurologica all'Università di Washington, che criticò la commissione: "Non puoi avere la Nfl che si occupa di questi studi. Devi prendere persone che non ci devono nulla" disse a Outside the Lines, programma di Espn.


L'ENCEFALOPATIA TRAUMATICA CRONICA

Da quegli anni, non è mai scemato il dibattito sugli effetti a lungo termine delle commozioni cerebrali, in particolare sull'encefalopatia traumatica cronica (Cte), una malattia neurodegenerativa comune tra gli atleti di alcuni sport, provocata da colpi violenti ricevuti alla testa. I ricercatori, però, possono diagnosticare la Cte solo esaminando il cervello di giocatori morti: un grosso limite che ha rallentato gli sforzi per comprendere chi sia a rischio. Un nuovo studio, a cui stanno prendendo parte circa 50 ricercatori di diverse università e centri statunitensi, è considerato tra i più ambiziosi nello studio sui danni al cervello in ambito sportivo, e vorrebbe sviluppare il modo per individuare la malattia nelle persone viventi, necessario per prevenirla.

L'impossibilità, per i medici, di diagnosticare la Cte nei pazienti in vita è stata al centro del dibattito su un accordo in tribunale sulle lesioni cerebrali, con la Nfl che ha accettato di versare fino a 5 milioni di dollari a ciascuna delle famiglie degli ex giocatori morti tra il 2006 e l'aprile 2015 per la Cte; in tutto, la Nfl ha accettato di versare 765 milioni di dollari a oltre 4.500 ex giocatori (o alle loro famiglie).

Recentemente, per la prima volta, un alto dirigente della Nfl ha riconosciuto i legami tra il football e le malattie neurologiche, come la Cte. Jeff Miller, vicepresidente della Nfl per la salute e la sicurezza, ha testimoniato di fronte a una commissione della Camera dei rappresentanti: alla domanda sull'esistenza di questi legami, ha detto: "La risposta a questa domanda è sì, senza dubbio".

Altri Servizi

Il Plaza Hotel a New York è in vendita (anche Trump ne fu proprietario)

Il proprietario indiano ha arruolato un agente per cercare acquirenti di un immobile che ha ospitato Marilyn Monroe e i Beatles
bigstockphoto

La saga legata all'acquisto di uno dei più celebri alberghi di New York City sta forse per finire. Il proprietario indiano del Plaza Hotel ha arruolato un agente per vendere l'immobile, che si trova all'angolo tra la Fifth Avenue e la 59esima strada e che si affaccia su Central Park. Potrebbe essere una delle cessioni più costose di sempre con un valore stimato di oltre 500 milioni di dollari. Secondo il Wall Street Journal la conglomerata indiana Sahara Group, che vanta il controllo della maggioranza del hotel, ha reclutato JLL Hotels and Hospitality Group per trovare un compratore. Il gruppo comprò nel 2012 un quota di maggioranza nell'immobile valutandolo 575 milioni.

Wall Street, Dow e S&P verso un secondo giorno di rialzi

Ieri chiusura mista, per il Nasdaq terza chiusura in rosso consecutiva
AP

Wall Street, Dow e S&P verso un secondo giorno di rialzi

Ieri chiusura mista, per il Nasdaq terza chiusura in rosso consecutiva
AP

Trump, gli Usa restano in Afghanistan ma non dà dettagli sul numero dei militari che invierà

Il presidente presenta la nuova strategia: prevede di lavorare per obiettivi, insieme agli alleati e chiedendo un maggior contributo al Pakistan e all'india. "Non siamo più esportatori di democrazia ma killer di terroristi"
AP

Donald Trump è salito sul palco della base militare di Fort Myer, in Virginia, ammettendo di aver fatto un errore di valutazione: "Avevo promesso di uscire dalla guerra in Afghanistan, avevo seguito il mio istinto. Ma è diverso quando sei presidente, quando sei seduto dietro alla scrivania dell’ufficio ovale. Adesso ho deciso una strategia" per continuare una guerra che deve finire non "in una data stabilita, dando un numero, ma quando saranno raggiunti degli obiettivi", ha continuato il presidente americano iniziando a spiegare quale sarà la nuova strategia degli Stati Uniti in Afghanistan e nel Sud dell'Asia.

Ford vuole conquistare la Cina con auto totalmente elettriche

Il gruppo Usa tratta per la creazione di una joint venture con la cinese Anhui Zotye Automobile

Ford Motor vuole lanciare auto totalmente elettriche in Cina. Per centrare l'obiettivo il produttore di auto di Detroit (Michigan) ha siglato un Memorandum of Understanding con Anhui Zotye Automobile, il principale produttore cinese di veicoli elettrici a zero emissioni.

George e Amal Clooney donano 1 milione di dollari per lotta all'odio

La risposta della celebre coppia alle violenze di Charlottesville. Mossa simile a quella di James Murdoch e JPM

Si allunga l'elenco di persone o aziende che hanno deciso di fare donazioni a favore di gruppi che lottano contro l'odio e l'intolleranza negli Stati Uniti.

Passi avanti sulla riforma fiscale

La squadra di governo di Trump e i leader al Congresso hanno trovato un accordo su come finanziare i tagli alle aliquote. La partita è però ancora aperta
Ap

L'amministrazione Trump sta facendo passi avanti per mettere a punto una riforma fiscale il cui iter, stando a quanto detto ieri dal segretario al Tesoro Steven Mnuchin, dovrebbe iniziare il mese prossimo.

Nafta: finito il primo round di negoziati, si continua a settembre

L'amministrazione Trump vuole che le auto abbiano un maggiore contenuto Usa
iStock

Gli Stati Uniti, il Canada e il Messico hanno finito ieri il primo round di negoziati per un aggiornamento del North American Free Trade Agreement (Nafta), l'accordo di libero scambio tra le tre nazioni; queste hanno spiegato di avere fatto "dettagliate presentazioni concettuali" riguardanti le loro posizioni e che stanno lavorando a un "risultato ambizioso" attraverso un'agenda fitta di discussioni pensate per concludersi entro l'anno prossimo. Il secondo round è previsto a Città del Messico dal primo al 5 settembre prossimi; il terzo si verificherà sempre a settembre in Canada e a ottobre i negoziati torneranno in Usa.

Trump, nuova strategia in Afghanistan per battere i terroristi

L'annuncio sarà dato in diretta tv. Il Pentagono ha già ricevuto l'approvazione per l'invio di altri 3.900 soldati

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha preso una decisione sulla nuova strategia da adottare in Afghanistan e la presenterà questa sera (alle 21, le 3 di domattina mattina in Italia) in un discorso in diretta televisiva dalla base militare di Fort Myer, a sud-ovest di Washington. Il nuovo piano, probabilmente, darà il via libera all'invio di migliaia di altri soldati statunitensi nel Paese invaso nel 2001.

Post 'firmato'. La moglie del segretario al Tesoro travolta dalle polemiche

Il governo però fa sapere: Steven Mnuchin rimborsa i viaggi fatti in due

Louise Linton, la moglie del segretario del Tesoro americano Steven Mnuchin, è al centro di una polemica scatenata da una foto che ha pubblicato su Instagram. Lo scatto di Linton, un'attrice scozzese che ha sposato l'ex executive di Goldman Sachs lo scorso giugno, ritrae lei e il marito mentre scendono da un aereo di stato di ritorno dal Kentucky (dove il ministro si era recato per promuovere, insieme al leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell, le riforme fiscali che l'amministrazione Trump vorrebbe realizzare). Peccato che nella didascalia alla foto la 36enne si sia preoccupata di citare con tanto di hashtag tutti i marchi di ciò che indossava, da Hermès a Valentino passanto per Tom Ford, per un look del valore di circa 14.000 dollari (la parte da leone la gioca la borsa, visto che una Birkin di Hermès ne costa 12.000).