Forte (Agenzia Ice NY): l'agroalimentare italiano protagonista in Usa

Nei primi 4 mesi del 2015, +18,5% le esportazioni italiane nella prima economia al mondo. Francia superata nel vino. Siamo primi fornitori anche di olio, pasta e formaggi
Agenzia ICE New York

I primi quattro mesi del 2018 fanno ben sperare per le esportazioni italiane negli Stati Uniti, terzo Paese per destinazione dopo la Germania e la Francia (che ne assorbono rispettivamente il 13,4% e il 10,9% contro l'8,3% degli Usa). E quest'anno, diversamente dal 2016 e 2017, tutti i settori "stanno andando bene". Se il trend continuerà, l'Italia si confermerà anche quest'anno come "la nazione che cresce di più nell'export verso l'America" di un Donald Trump le cui politiche commerciali sono guardate con "preoccupazione". E' Maurizio Forte, direttore Agenzia ICE New York e Coordinamento Usa, a fotografare (con ottimismo) la situazione attuale e le prospettive future, specialmente per l'agroalimentare italiano che registra una crescita "al di sopra della media" (+18,5% a 1,68 miliardi di dollari circa tra gennaio e aprile contro un +10,4% dello stesso periodo del 2017, quando nell'intero anno il valore delle importazioni di prodotti agroalimentari e di bevande italiani in Usa ha superato i 4,8 miliardi).

"Il commercio estero non è una gara", ha spiegato Forte in una intervista ad America24, "ma se si cresce più degli altri, male non fa". Nei primi quattro mesi del 2018 "solo l'India ha fatto meglio di noi nella vendita di alcuni prodotti".

Stando a Forte, nell'agroalimentare "non ci sono grandissime novità o grandissimi cambiamenti nei numeri ma è perché stiamo parlando di un settore che ha già raggiunto i massimi livelli a cui possiamo aspirare". L'obiettivo è dunque quello di amplificare e consolidare la nostra presenza "perché quando sei primo, devi mantenere quella posizione. Di più non puoi fare".

E come si resta primi in Usa? Stando a Forte, serve un mix di iniziative su cui l'Agenzia ICE punta da tempo. Si va dalle campagna di comunicazione pensate per il pubblico americano, come quella dal claim "Extraordinary Italian Taste" e quella per promuovere il nostro vino avente lo slogan "Italian Wine – Taste the Passion". Ci sono poi gli accordi con grandi catene di distribuzione, come la quindicina che ora vanta 3.400 aziende italiane presenti a scaffale e a cui si aggiungono 600 nuovi promotori. D'altra parte serve "informare il consumatore della qualità [dei prodotti Made in Italy] e cercare di fare trovare sempre di più prodotti italiani autentici per aumentare la possibilità di scelta" e dunque la quota di mercato. E siccome "dal punto di vista legale non abbiamo molte armi" per combattere prodotti che 'suonano' come italiani ma che tali non sono, "l'unica [arma] che possiamo usare è quella dell'informazione e della conoscenza".

Nella ricetta dell'Agenzia Ice per promuovere l'export agroalimentare italiano in Usa - dove il "food è uno dei pilastri più importanti" - ci sono anche fiere come il Summer Fancy Food Show, la più grande del Nord America dedicata al cibo e "il punto di riferimento per la promozione del Made in Italy". L'edizione del 2018 è in calendario dal 30 giugno al 2 luglio prossimi al Javis Center di New York City. Organizzato da Universal Marketing e la Specialty Food Association con l'aiuto dell'Agenzia Ice, l'evento vede nell'Italia "la presenza internazionale più grande: il 12% del totale degli espositori è italiano; prima di noi ci stanno solo gli americani", ha spiegato Forte secondo cui la nostra è una presenza "molto forte non solo quantitativa ma anche qualitativa". Per Forte, la qualità degli espositori è cresciuta, c'è una presenza maggiore di aziende medio grandi e quelle nuove più piccole sono "ben attrezzate" e altre "portano con sé novità nei prodotti tradizionali in termini non solo di packaging ma anche di modalità di consumo".

Con 300 aziende, il Padiglione Italia brandizzato dalla ormai nota bandiera tricolore morsicata dall'alto, è il più grande. Grazie alla collaborazione "consolidata" con Fiera Milano, Verona e Parma, il nostro Paese si presenterà quest'anno al River Padillion, la novità di questa edizione del Fancy Food. Là, dove verranno installate nove postazioni di cucine a vista, "una quarantina di aziende italiane si darà il cambio per promuovere i loro prodotti in azione". E i buyer, gli influencer e la stampa potranno osservare e gustare il Made in Italy che va in scena, anche in una serata (quella del primo luglio) dedicata all'Italia e aperta ai fornitori.

Nell'agroalimentare, ha continuato Forte, l'Italia è il primo fornitore in Usa di olio, pasta e formaggi. "La buona notizia è che se lo scorso anno la Francia era primo fornitore di vino con l'Italia seconda, quest'anno (con una quota di mercato salita al 32,6% nei primi quattro mesi del 2018, ndr) siamo di nuovo primi staccando la Francia. Speriamo di mantenere questa positizione".

A seconda dei prodotti, il nostro Paese se la gioca con varie nazioni. Nel vino, divide con la Francia una quota di mercato di oltre il 60% di cui il 32% è tricolore. Nell'olio di oliva, ha continuato Forte, "siamo saldamente" davanti alla Spagna. Nel formaggio "ci possiamo considerare leader con una quota del 27% davanti alla Francia che ne ha una del 13%". Anche nella pasta stacchiamo di gran lunga il principale competitor, che in questo caso è il Canada, con quote rispettivamente del 36% e del 15%. Con la Francia siamo invece "più vicini" nelle acque minerali.

Per il momento, ha aggiunto Forte, il quadro tracciato non è ancora minacciato dalla politica protezionistica di Trump. "Per ora, le misure adottate dagli Usa colpiscono poco, il 2% dell'export italiano" ma "la preoccupazione maggiore sta nel rischio di una escalation" perché "si sa sempre dove le guerre commerciali iniziano, ma non dove finiscono". E siccome l'Italia esporta "un po' di tutto, prima o poi [quelle misure] beccano qualcosa di tuo". Per Forte, il "rischio maggiore sta nel clima negativo, di sfiducia e di attesa che si viene a creare". La speranza "è che non si vada oltre, perché nessuno se lo può permettere".

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Gli Usa celebrano Martin Luther King (e Pence lo paragona a Trump)

Oggi è il giorno festivo dedicato al leader della lotta per i diritti civili, premio Nobel per la Pace, ucciso nel 1968

Nel 1965, le marce da Selma a Montgomery, in Alabama, furono un momento fondamentale della rivolta per i diritti civili negli Stati Uniti; diritti per cui, secondo associazioni e comunità afroamericane, è ancora necessario combattere. Per questo, ancora oggi è fondamentale celebrare Martin Luther King, il leader della lotta per l'uguaglianza razziale, premiato nel 1964, a soli 35 anni, con il Nobel per la Pace, e ucciso il 4 aprile 1968 a Memphis con un colpo di fucile alla testa.