Forte (Agenzia Ice NY): l'agroalimentare italiano protagonista in Usa

Nei primi 4 mesi del 2015, +18,5% le esportazioni italiane nella prima economia al mondo. Francia superata nel vino. Siamo primi fornitori anche di olio, pasta e formaggi
Agenzia ICE New York

I primi quattro mesi del 2018 fanno ben sperare per le esportazioni italiane negli Stati Uniti, terzo Paese per destinazione dopo la Germania e la Francia (che ne assorbono rispettivamente il 13,4% e il 10,9% contro l'8,3% degli Usa). E quest'anno, diversamente dal 2016 e 2017, tutti i settori "stanno andando bene". Se il trend continuerà, l'Italia si confermerà anche quest'anno come "la nazione che cresce di più nell'export verso l'America" di un Donald Trump le cui politiche commerciali sono guardate con "preoccupazione". E' Maurizio Forte, direttore Agenzia ICE New York e Coordinamento Usa, a fotografare (con ottimismo) la situazione attuale e le prospettive future, specialmente per l'agroalimentare italiano che registra una crescita "al di sopra della media" (+18,5% a 1,68 miliardi di dollari circa tra gennaio e aprile contro un +10,4% dello stesso periodo del 2017, quando nell'intero anno il valore delle importazioni di prodotti agroalimentari e di bevande italiani in Usa ha superato i 4,8 miliardi).

"Il commercio estero non è una gara", ha spiegato Forte in una intervista ad America24, "ma se si cresce più degli altri, male non fa". Nei primi quattro mesi del 2018 "solo l'India ha fatto meglio di noi nella vendita di alcuni prodotti".

Stando a Forte, nell'agroalimentare "non ci sono grandissime novità o grandissimi cambiamenti nei numeri ma è perché stiamo parlando di un settore che ha già raggiunto i massimi livelli a cui possiamo aspirare". L'obiettivo è dunque quello di amplificare e consolidare la nostra presenza "perché quando sei primo, devi mantenere quella posizione. Di più non puoi fare".

E come si resta primi in Usa? Stando a Forte, serve un mix di iniziative su cui l'Agenzia ICE punta da tempo. Si va dalle campagna di comunicazione pensate per il pubblico americano, come quella dal claim "Extraordinary Italian Taste" e quella per promuovere il nostro vino avente lo slogan "Italian Wine – Taste the Passion". Ci sono poi gli accordi con grandi catene di distribuzione, come la quindicina che ora vanta 3.400 aziende italiane presenti a scaffale e a cui si aggiungono 600 nuovi promotori. D'altra parte serve "informare il consumatore della qualità [dei prodotti Made in Italy] e cercare di fare trovare sempre di più prodotti italiani autentici per aumentare la possibilità di scelta" e dunque la quota di mercato. E siccome "dal punto di vista legale non abbiamo molte armi" per combattere prodotti che 'suonano' come italiani ma che tali non sono, "l'unica [arma] che possiamo usare è quella dell'informazione e della conoscenza".

Nella ricetta dell'Agenzia Ice per promuovere l'export agroalimentare italiano in Usa - dove il "food è uno dei pilastri più importanti" - ci sono anche fiere come il Summer Fancy Food Show, la più grande del Nord America dedicata al cibo e "il punto di riferimento per la promozione del Made in Italy". L'edizione del 2018 è in calendario dal 30 giugno al 2 luglio prossimi al Javis Center di New York City. Organizzato da Universal Marketing e la Specialty Food Association con l'aiuto dell'Agenzia Ice, l'evento vede nell'Italia "la presenza internazionale più grande: il 12% del totale degli espositori è italiano; prima di noi ci stanno solo gli americani", ha spiegato Forte secondo cui la nostra è una presenza "molto forte non solo quantitativa ma anche qualitativa". Per Forte, la qualità degli espositori è cresciuta, c'è una presenza maggiore di aziende medio grandi e quelle nuove più piccole sono "ben attrezzate" e altre "portano con sé novità nei prodotti tradizionali in termini non solo di packaging ma anche di modalità di consumo".

Con 300 aziende, il Padiglione Italia brandizzato dalla ormai nota bandiera tricolore morsicata dall'alto, è il più grande. Grazie alla collaborazione "consolidata" con Fiera Milano, Verona e Parma, il nostro Paese si presenterà quest'anno al River Padillion, la novità di questa edizione del Fancy Food. Là, dove verranno installate nove postazioni di cucine a vista, "una quarantina di aziende italiane si darà il cambio per promuovere i loro prodotti in azione". E i buyer, gli influencer e la stampa potranno osservare e gustare il Made in Italy che va in scena, anche in una serata (quella del primo luglio) dedicata all'Italia e aperta ai fornitori.

Nell'agroalimentare, ha continuato Forte, l'Italia è il primo fornitore in Usa di olio, pasta e formaggi. "La buona notizia è che se lo scorso anno la Francia era primo fornitore di vino con l'Italia seconda, quest'anno (con una quota di mercato salita al 32,6% nei primi quattro mesi del 2018, ndr) siamo di nuovo primi staccando la Francia. Speriamo di mantenere questa positizione".

A seconda dei prodotti, il nostro Paese se la gioca con varie nazioni. Nel vino, divide con la Francia una quota di mercato di oltre il 60% di cui il 32% è tricolore. Nell'olio di oliva, ha continuato Forte, "siamo saldamente" davanti alla Spagna. Nel formaggio "ci possiamo considerare leader con una quota del 27% davanti alla Francia che ne ha una del 13%". Anche nella pasta stacchiamo di gran lunga il principale competitor, che in questo caso è il Canada, con quote rispettivamente del 36% e del 15%. Con la Francia siamo invece "più vicini" nelle acque minerali.

Per il momento, ha aggiunto Forte, il quadro tracciato non è ancora minacciato dalla politica protezionistica di Trump. "Per ora, le misure adottate dagli Usa colpiscono poco, il 2% dell'export italiano" ma "la preoccupazione maggiore sta nel rischio di una escalation" perché "si sa sempre dove le guerre commerciali iniziano, ma non dove finiscono". E siccome l'Italia esporta "un po' di tutto, prima o poi [quelle misure] beccano qualcosa di tuo". Per Forte, il "rischio maggiore sta nel clima negativo, di sfiducia e di attesa che si viene a creare". La speranza "è che non si vada oltre, perché nessuno se lo può permettere".

Altri Servizi

Wall Street, pesa la volatilità del petrolio

Attesa per il dato sull'inflazione
iStock

Elezioni Usa, vittoria democratica più netta a una settimana dal voto

Il conteggio va avanti ed è sempre più favorevole ai democratici. Il Congresso diviso, però, sarà un'arma in più per il presidente Trump
Ap

Non è stata un'onda blu, ma a una settimana dalle elezioni di metà mandato negli Stati Uniti (qui il pezzo sui risultati parziali; questo il commento, il giorno dopo), i contorni del risultato dei democratici si fanno più nitidi, mentre si continuano a contare i voti ed emergono i vincitori.

Amazon

Dopo le indiscrezioni, sono arrivate le conferme. Amazon ha scelto di dividere tra due città il suo secondo quartier generale. Dopo quello di Seattle (nello Stato di Washington) il colosso americano del commercio elettronico investirà 5 miliardi di dollari creando oltre 50mila posti di lavoro tra New York City (a Long Island City, la località del Queens separata da Manhattan dall'East River) e Arlington (Virginia).

Elezioni di Midterm, in Florida si ricontano i voti

Ancora in bilico le sfide per le nomine del governatore e al Senato

A oltre quattro giorni dalla chiusura dei seggi in Florida e dopo le accuse reciproche di frode tra democratici e repubblicani è stato ordinato un riconteggio dei voti. La decisione è stata presa dal segretario di stato della Florida, Ken Detzner, quando nel Sunshine State l’assegnazione della poltrona da senatore e la carica di governatore sono ancora in ballo con margini davvero ristretti tra i vari candidati.

California, sale a 25 il bilancio dei morti oltre 250mila persone evacuate

Quasi 7000 le abitazioni distrutte mentre i roghi continuano a minacciare l'area di Malibù

È salito a 25 il bilancio dei morti in California a causa degli incendi che da giorni stanno mettendo in ginocchio il "Golden State". Il tutto mentre le fiamme continuano a minacciare l’area intorno alla capitale dello stato, Sacramento. Come riporta Bbc, ai nove morti degli scori giorni si sono aggiunte altre 14 persone i cui corpi sono stati trovati a Paradise, cittadina nel nord dello Stato, mentre altre due persone sono state trovate senza vita nell’area di Malibù.

"Presidential Medal of Freedom", Trump nomina Elvis, Babe Ruth e Antonin Scalia

Si tratta della più alta onorificenza civile che un presidente Usa può assegnare. Assieme a loro anche altre quattro personalità

Il prossimo 16 novembre Donald Trump conferirà a sette persone la "Presidential Medal Freedom" la più alta onorificenza civile che un presidente degli Stati Uniti può assegnare a un cittadino americano. Tra le sette personalità che verranno insignite quest’anno ci sono quattro assegnazioni postume: il Re del Rock’n Roll Elvis Presley, il campione di baseball e icona dello sport americano, Babe Ruth, conosciuto come "The Great Bambino", il celebre giudice della Corte Suprema, Antonin Scalia, scomparso due anni fa, e Miriam Adelson, moglie del miliardario Sheldon, finanziatori del partito repubblicano.

Levi's vuole riportare i suoi jeans in borsa

Ipo attesa all'inizio del 2019. Il gruppo punta a una valutazione di 5 miliardi di dollari

Il produttore dei primi blue jeans sta per sbarcare in borsa. Levi Strauss & Co (Levi's) punta a raccogliere tra i 600 miliardi di dollari e gli 800 miliardi attraverso una Ipo che valuterebbe l'azienda fino a 5 miliardi di dollari. Lo riferisce Cnbc citando alcune fonti secondo cui la quotazione è prevista nel primo trimestre del 2019.

Afghanistan, anno record per bombe lanciate dagli Usa

Tra gennaio e settembre, lanciati 5.213 ordigni; superato il record di 5.101 del 2010. Con Tump, cambiate le regole d'ingaggio

Gli Stati Uniti non hanno mai lanciato così tante bombe sull'Afghanistan com nel 2018. È quanto emerge dai dati resi noti dallo U.S. Air Forces Central Command, ripresi da Forbes. Diciassette anni dopo la presa di Kabul da parte delle forze statunitensi e alleate, metà dell'Afghanistan è sotto il controllo dei talebani e la guerra è ancora lontana da una conclusione, con 14.000 soldati statunitensi ancora nel Paese.

Dopo Parigi Trump tornerà in Usa, improbabile che sia a conferenza su Libia

Il premier Conte, a fine luglio, aveva incassato dal presidente Usa il ricnoscimento della leadership dell'Italia nella stabilizzazione della nazione africana
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sabato e domenica prossimi sarà a Parigi per partecipare alle celebrazioni del centesimo anniversario dell'armistizio che ha messo fine alla Prima guerra mondiale. Già domenica il leader Usa rientrerà negli Stati Uniti, proprio alla vigilia della conferenza internazionale sulla Libia di Palermo, a cui dunque non dovrebbe partecipare.