Forte (Agenzia Ice NY): l'agroalimentare italiano protagonista in Usa

Nei primi 4 mesi del 2015, +18,5% le esportazioni italiane nella prima economia al mondo. Francia superata nel vino. Siamo primi fornitori anche di olio, pasta e formaggi
Agenzia ICE New York

I primi quattro mesi del 2018 fanno ben sperare per le esportazioni italiane negli Stati Uniti, terzo Paese per destinazione dopo la Germania e la Francia (che ne assorbono rispettivamente il 13,4% e il 10,9% contro l'8,3% degli Usa). E quest'anno, diversamente dal 2016 e 2017, tutti i settori "stanno andando bene". Se il trend continuerà, l'Italia si confermerà anche quest'anno come "la nazione che cresce di più nell'export verso l'America" di un Donald Trump le cui politiche commerciali sono guardate con "preoccupazione". E' Maurizio Forte, direttore Agenzia ICE New York e Coordinamento Usa, a fotografare (con ottimismo) la situazione attuale e le prospettive future, specialmente per l'agroalimentare italiano che registra una crescita "al di sopra della media" (+18,5% a 1,68 miliardi di dollari circa tra gennaio e aprile contro un +10,4% dello stesso periodo del 2017, quando nell'intero anno il valore delle importazioni di prodotti agroalimentari e di bevande italiani in Usa ha superato i 4,8 miliardi).

"Il commercio estero non è una gara", ha spiegato Forte in una intervista ad America24, "ma se si cresce più degli altri, male non fa". Nei primi quattro mesi del 2018 "solo l'India ha fatto meglio di noi nella vendita di alcuni prodotti".

Stando a Forte, nell'agroalimentare "non ci sono grandissime novità o grandissimi cambiamenti nei numeri ma è perché stiamo parlando di un settore che ha già raggiunto i massimi livelli a cui possiamo aspirare". L'obiettivo è dunque quello di amplificare e consolidare la nostra presenza "perché quando sei primo, devi mantenere quella posizione. Di più non puoi fare".

E come si resta primi in Usa? Stando a Forte, serve un mix di iniziative su cui l'Agenzia ICE punta da tempo. Si va dalle campagna di comunicazione pensate per il pubblico americano, come quella dal claim "Extraordinary Italian Taste" e quella per promuovere il nostro vino avente lo slogan "Italian Wine – Taste the Passion". Ci sono poi gli accordi con grandi catene di distribuzione, come la quindicina che ora vanta 3.400 aziende italiane presenti a scaffale e a cui si aggiungono 600 nuovi promotori. D'altra parte serve "informare il consumatore della qualità [dei prodotti Made in Italy] e cercare di fare trovare sempre di più prodotti italiani autentici per aumentare la possibilità di scelta" e dunque la quota di mercato. E siccome "dal punto di vista legale non abbiamo molte armi" per combattere prodotti che 'suonano' come italiani ma che tali non sono, "l'unica [arma] che possiamo usare è quella dell'informazione e della conoscenza".

Nella ricetta dell'Agenzia Ice per promuovere l'export agroalimentare italiano in Usa - dove il "food è uno dei pilastri più importanti" - ci sono anche fiere come il Summer Fancy Food Show, la più grande del Nord America dedicata al cibo e "il punto di riferimento per la promozione del Made in Italy". L'edizione del 2018 è in calendario dal 30 giugno al 2 luglio prossimi al Javis Center di New York City. Organizzato da Universal Marketing e la Specialty Food Association con l'aiuto dell'Agenzia Ice, l'evento vede nell'Italia "la presenza internazionale più grande: il 12% del totale degli espositori è italiano; prima di noi ci stanno solo gli americani", ha spiegato Forte secondo cui la nostra è una presenza "molto forte non solo quantitativa ma anche qualitativa". Per Forte, la qualità degli espositori è cresciuta, c'è una presenza maggiore di aziende medio grandi e quelle nuove più piccole sono "ben attrezzate" e altre "portano con sé novità nei prodotti tradizionali in termini non solo di packaging ma anche di modalità di consumo".

Con 300 aziende, il Padiglione Italia brandizzato dalla ormai nota bandiera tricolore morsicata dall'alto, è il più grande. Grazie alla collaborazione "consolidata" con Fiera Milano, Verona e Parma, il nostro Paese si presenterà quest'anno al River Padillion, la novità di questa edizione del Fancy Food. Là, dove verranno installate nove postazioni di cucine a vista, "una quarantina di aziende italiane si darà il cambio per promuovere i loro prodotti in azione". E i buyer, gli influencer e la stampa potranno osservare e gustare il Made in Italy che va in scena, anche in una serata (quella del primo luglio) dedicata all'Italia e aperta ai fornitori.

Nell'agroalimentare, ha continuato Forte, l'Italia è il primo fornitore in Usa di olio, pasta e formaggi. "La buona notizia è che se lo scorso anno la Francia era primo fornitore di vino con l'Italia seconda, quest'anno (con una quota di mercato salita al 32,6% nei primi quattro mesi del 2018, ndr) siamo di nuovo primi staccando la Francia. Speriamo di mantenere questa positizione".

A seconda dei prodotti, il nostro Paese se la gioca con varie nazioni. Nel vino, divide con la Francia una quota di mercato di oltre il 60% di cui il 32% è tricolore. Nell'olio di oliva, ha continuato Forte, "siamo saldamente" davanti alla Spagna. Nel formaggio "ci possiamo considerare leader con una quota del 27% davanti alla Francia che ne ha una del 13%". Anche nella pasta stacchiamo di gran lunga il principale competitor, che in questo caso è il Canada, con quote rispettivamente del 36% e del 15%. Con la Francia siamo invece "più vicini" nelle acque minerali.

Per il momento, ha aggiunto Forte, il quadro tracciato non è ancora minacciato dalla politica protezionistica di Trump. "Per ora, le misure adottate dagli Usa colpiscono poco, il 2% dell'export italiano" ma "la preoccupazione maggiore sta nel rischio di una escalation" perché "si sa sempre dove le guerre commerciali iniziano, ma non dove finiscono". E siccome l'Italia esporta "un po' di tutto, prima o poi [quelle misure] beccano qualcosa di tuo". Per Forte, il "rischio maggiore sta nel clima negativo, di sfiducia e di attesa che si viene a creare". La speranza "è che non si vada oltre, perché nessuno se lo può permettere".

Altri Servizi

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento

Due settimane prima del suo insediamento alla Casa Bianca, il presidente Donald Trump ha avuto accesso a informazioni segrete dell'intelligence che provavano il coinvolgimento in prima persona di Vladimir Putin nelle ingerenze russe nelle scorse elezioni presidenziali. Lo scrive il New York Times, secondo cui dai documenti emergeva che il presidente russo "ordinò personalmente gli attacchi informatici per influenzare le elezioni americane". Trump si sarebbe "convinto con riluttanza", vedendo i documenti il 6 gennaio dello scorso anno, due settimane prima del giuramento, secondo le fonti presenti all'incontro alla Trump Tower tra l'allora presidente eletto e l'intelligence. Tra le prove mostrate a Trump, c'erano messaggi e e-mail di funzionari dell'intelligence militare russa. Inoltre, c'erano anche informazioni ottenute da una fonte top-secret vicina a Putin, da cui emergeva il piano del Cremlino per influenzare le elezioni.

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

"Così tante persone ai più alti livelli dell'intelligence hanno amato la mia performance alla conferenza stampa di Helsinki. Putin e io abbiamo discusso di molti argomenti importanti durante il nostro incontro. Siamo andati molto d'accordo e questo ha veramente dato fastidio a molti 'haters' che volevano vedere un incontro di pugilato. Grandi risultati arriveranno!". Questo il primo tweet di giornata del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornato a commentare il bilaterale con il presidente russo, Vladimir Putin, e la controversa conferenza stampa.

Obama celebra Mandela: "Viviamo in tempi strani e incerti. Attenzione all'uomo forte"

L'ex presidente Usa a Johannesburg per i 100 anni dalla nascita del leader per la lotta contro l'apartheid. "La stampa libera sotto attacco"
AP

"Viviamo in tempi strani e incerti. Ogni giorno ci sono titoli preoccupanti". Lo ha detto l'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, parlando alla sedicesima conferenza annuale in ricordo di Nelson Mandela, a 100 anni dalla nascita del Nobel per la Pace e presidente sudafricano. Obama ha poi guardato al passato, rimarcando "le notevoli trasformazioni" avvenute negli ultimi cento anni. "Anche in democrazie come gli Stati Uniti, la segregazione razziale e la sistemica discriminazione erano legge in quasi la metà del Paese e la norma nell'altra metà" ha ricordato Obama, durante l'evento organizzato a Johannesburg.

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Sanzioni all'Iran, gli Usa non concederanno esenzioni alle società europee

Washington respinge la richiesta di Regno Unito, Francia e Germania. "Faremo una pressione finanziaria senza precedenti sul regime iraniano"

Gli Stati Uniti hanno respinto l'appello di Regno Unito, Francia e Germania, che chiedevano ampie esenzioni alle aziende europee per fare affari con l'Iran, e andranno avanti con la loro volontà di imporre sanzioni per esercitare pressioni economiche "senza precedenti" sul regime di Teheran. Lo hanno detto funzionari statunitensi ed europei a Nbc News.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.